La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Ing. Danilo Monarca Roma, 24 settembre 2010 Le malattie professionali Vice Presidente Associazione Italiana di Ingegneria Agraria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Ing. Danilo Monarca Roma, 24 settembre 2010 Le malattie professionali Vice Presidente Associazione Italiana di Ingegneria Agraria."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Ing. Danilo Monarca Roma, 24 settembre 2010 Le malattie professionali Vice Presidente Associazione Italiana di Ingegneria Agraria

2 IL PROBLEMA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI Notevole incremento delle denunce di malattie professionali (dal 2005 al ,3 %) Probabile emersione del fenomeno e maggiore sensibilità 2009: anno record per le malattie professionali Totale denunce nel 2009: (valore più alto degli ultimi 15 anni)

3 Agricoltura: comparto in cui le malattie professionali sono maggiormente cresciute Segnalazioni all'INAIL più che raddoppiate in un anno: da del 2008 a del 2009 (+113,4%) e triplicate nell'ultimo quinquennio Impennata per le malattie dell'apparato muscolo-scheletrico (tendiniti, affezioni dei dischi intervertebrali, sindrome del tunnel carpale, ecc.) dovute a sovraccarico biomeccanico: quasi 18mila casi denunciati (+36% rispetto al 2008, raddoppiate dal 2005) Questo boom complessivo è dovuto a serie di fattori diversi che, da alcuni anni ormai, stanno contribuendo all'emersione di quelle che gli esperti definiscono malattie nascoste MALATTIE PROFESSIONALI IN AGRICOLTURA

4 Malattie dellapparato muscolo-scheletrico: denunce nel 2009, pari al 71% dellintero fenomeno (erano il 47% di tutte le denunce nel 2005) Ipoacusia da rumore: +175% nellultimo quinquennio Malattie respiratorie e cutanee: +36% nellultimo quinquennio (fonte: INAIL)

5 MALATTIE PROFESSIONALI IN AGRICOLTURA MALATTIE PROFESSIONALI DENUNCIATE IN AGRICOLTURA PER SESSO E CLASSE D'ETÀ - ANNO MANIFESTAZIONE 2009 (fonte: INAIL)

6 Best model 30 (1923) I FATTORI DI RISCHIO

7 RUMORE - D.LGS. 81/08: VALORI LIMITE Valori inferiori di azione: L EX,8h = 80 dB(A)p peak = 112 Pa (135 dBC) Valori superiori di azione: L EX,8h = 85 dB(A)p peak = 140 Pa (137 dBC) Valori limite di esposizione: L EX,8h = 87 dB(A)p peak = 200 Pa (140 dBC)

8 RUMORE IN AGRICOLTURA (Monarca et al.) MacchineL eq dB(A) Trattore a ruote (interno cabina)76,0 – 83,0 Trattore a ruote (senza cabina)88,0 – 98,0 Trattore cingolati94,0 – 103,0 Mietitrebbiatrici (interno cabina)82,0 – 87,0 Mietitrebbiatrici (senza cabina)92,4 Motoseghe99,0 – 108,0 Motopompe> 90,0

9 VIBRAZIONI: LIMITI E VALORI DI AZIONE Valori limiteValori limite: da non superare Valori di azioneValori di azione: se superati comportano specifici obblighi Valori normalizzati a un periodo di riferimento di 8 ore (come TLV- TWA)H.A.V. Valore limite di esposizione giornaliero: 5 m/s 2 Valore di azione giornaliero: 2,5 m/s 2W.B.V. Valore limite di esposizione giornaliero: 1,0 m/s 2 Valore di azione giornaliero: 0,5 m/s 2

10 VIBRAZIONI MOTOSEGHE

11 SHAKERS PER LA RACCOLTA DELLE OLIVE

12 HAV Strumenti per rilevare gli effetti delle vibrazioni Vibrometria laser Misura della velocità della mano (Deboli et al., 2009) 13 Hz 31 Hz 40 Hz

13 MICROCLIMA

14 SHOCK TERMICI

15 RISCHIO CHIMICO Qualità della distribuzione sul bersaglio Riduzione delle perdite di pesticidi e miglioramento del deposito in vigna Buone pratiche nella fase di preparazione e distribuzione dei prodotti fitosanitari Valutazione dei rischi in funzione di: Tipo di trattamento Macchine e attrezzi Tossicità dei pesticidi Condizioni ambientali DPI e dispositivi di protezione

16 I TRATTAMENTI NELLE SERRE

17 APPLICAZIONI DELLAUTOMAZIONE E DELLA ROBOTICA (Piccarolo et al., TORINO)

18 GAS DI SCARICO

19 POLVERI 1° Racc. semovente 2° Racc. trainata 3° Andanatrice 4° Racc. semovente 5° Racc. semovente TLV-TWA = 3 mg/m 3

20 POLVERI TOTALI E RESPIRABILI

21 POLVERI DI LEGNO % di casi riconosciuti Italia (fonte: INAIL) WORK-RELATED TUMORS

22 ASPETTI ERGONOMICI Posture Lavoro ripetitivo Movimentazione manuale

23 Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (previsioni degli esperti sui rischi fisici emergenti relativi alla sicurezza e salute sul lavoro)

24 DISORDINI MUSCOLO-SCHELETRICI IE=10 IE=6,1 IE=0,8 IE=0,12 Modello OCRA accettabilità: IE < 0,75; area di attenzione: IE=0,75÷4 Nuovi Rischi = Nuovi Approcci Nuovi Rischi = Nuovi Approcci

25 Ingegneria agraria in Italia Una rilevante task force: 20 Università Molti altri istituti di ricerca Sicurezza e Salute del Lavoro in Agricoltura: Università e Centri di Ricerca in Italia

26 CONSIDERAZIONI La ricerca del settore ingegneristico Aumento esponenziale delle linee di ricerca Confronto con il mondo produttivo e le nuove normative Alta interdisciplinarietà e relazioni con altri settori (Medicina del lavoro, Psicologia, ecc.) AGRICOLTURA – presenza di numerosi fattori di rischio per la sicurezza e la salute Necessità di una strategia per la riduzione dei livelli di rischio

27 PROSPETTIVE FUTURE Ricerca e sviluppo di aspetti ergonomici (WMSDs, benessere, stress lavoro correlato in agricoltura, microclima) Passaggio dalla valutazione del rischio alla progettazione della sicurezza Introduzione in agricoltura di modelli di sistemi di gestione integrata (qualità, sicurezza lavoro, ambiente) Realizzazione di una rete tra Enti di ricerca, Istituzioni e mondo della produzione Ricerca e sviluppo di aspetti ergonomici (WMSDs, benessere, stress lavoro correlato in agricoltura, microclima) Passaggio dalla valutazione del rischio alla progettazione della sicurezza Introduzione in agricoltura di modelli di sistemi di gestione integrata (qualità, sicurezza lavoro, ambiente) Realizzazione di una rete tra Enti di ricerca, Istituzioni e mondo della produzione

28 Via De Lellis s.n.c Viterbo Tel , Fax , - GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Prof. Ing. Danilo Monarca Roma, 24 settembre 2010 Le malattie professionali Vice Presidente Associazione Italiana di Ingegneria Agraria."

Presentazioni simili


Annunci Google