La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trust a tutela di soggetti deboli Carlo Regis Dottore Commercialista 15 Aprile 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trust a tutela di soggetti deboli Carlo Regis Dottore Commercialista 15 Aprile 2008."— Transcript della presentazione:

1 Trust a tutela di soggetti deboli Carlo Regis Dottore Commercialista 15 Aprile 2008

2 STRUTTURA DEL TRUST Disponente TRUST Trustee Beneficiari Guardiano

3 SOGGETTI DEBOLI soggetti incapaci di agire, totalmente o parzialmente soggetti che non sono in grado di curare da soli i propri interessi soggetti privi in tutto o in parte di autonomia nellespletamento delle funzioni della vita quotidiana tutti i soggetti che per specifiche ragioni possono aver bisogno di particolare tutela

4 FORME DI TUTELA interdizione (art. 414 c.c.) inabilitazione (art. 415 c.c.) amministrazione di sostegno (L. 6/2004) trust

5 INTERDIZIONE chi: maggiore di età o minore emancipato condizione: abituale infermità di mente che causa lincapacità di provvedere ai propri interessi scopo: assicurare adeguata protezione al soggetto forma: sentenza di interdizione pubblicità: apposito registro e annotazione a margine dellatto di nascita tutore: persona più idonea allincarico (art. 408 c.c.) interdetto: la sentenza può stabilire che alcuni atti di ordinaria amministrazione possano essere compiuti senza lintervento ovvero con lassistenza del tutore

6 INTERDIZIONE TRIBUNALE Giudice Interdetto Tutore ATTI DI AMMINISTRAZIONE OrdinariaStraordinaria

7 INABILITAZIONE chi: maggiore di età condizione: infermità di mente non grave, prodigalità, abuso di alcool o stupefacenti, incapacità parziale di provvedere ai propri interessi scopo: evitare gravi pregiudizi economici per sé o per la propria famiglia forma: sentenza di inabilitazione pubblicità: apposito registro e annotazione a margine dellatto di nascita curatore: persona più idonea allincarico inabilitato: la sentenza può stabilire che alcuni atti eccedenti lordinaria amministrazione possano essere compiuti senza lassistenza del curatore

8 INABILITAZIONE TRIBUNALE Giudice Inabilitato Curatore ATTI DI AMMINISTRAZIONE OrdinariaStraordinaria

9 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO chi: persona con infermità o menomazione fisica/psichica condizione: impossibilità, anche solo parziale o temporanea, di provvedere ai propri interessi scopo: assicurare la cura della persona e la conservazione/amministrazione del suo patrimonio forma: decreto di nomina dellamministratore pubblicità: annotazione a margine dellatto di nascita amministratore: scelto con esclusivo riguardo alla cura ed agli interessi della persona del beneficiario, può essere designato dallo stesso interessato beneficiario: conserva la capacità di agire per gli atti che non richiedono lintervento dellamministratore (sempre per le esigenze della propria vita quotidiana)

10 Segue: Amministrazione di sostegno Il decreto di nomina dellamministratore di sostegno deve contenere, tra laltro, lindicazione: degli atti che lamministratore ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario degli atti che il beneficiario può compiere solo con lassistenza dellamministratore di sostegno Possono essere annullati gli atti compiuti: dallamministratore in eccesso rispetto alloggetto dellincarico o ai poteri conferitigli dal giudice dal beneficiario in violazione di quanto indicato nel decreto che istituisce lamministrazione Lazione per lannullamento si prescrive in 5 anni dal momento in cui cessa lamministrazione di sostegno

11 AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO TRIBUNALE Giudice Beneficiario Amministratore ATTI DI AMMINISTRAZIONE OrdinariaStraordinaria

12 A.S.: possibili criticità In relazione ad aspetti pratici e/o di carattere personale, lamministrazione di sostegno può presentare dei limiti sotto i seguenti profili: affidamento dei terzi e sicurezza dei traffici: difficoltà nella percezione dei limiti a contrarre necessità di precisa individuazione dei poteri dellamministratore ed eventuali integrazioni al mutare delle condizioni del beneficiario tutela della salute della persona ed anche dei suoi interessi culturali (oltre a finalità di protezione della persona e del suo patrimonio)

13 TRUST flessibilità adattabilità alle situazioni più disparate valida alternativa ad altre forme di tutela possibilità di prevedere in anticipo eventi e comportamenti futuri minore impatto emotivo sul soggetto debole

14 Trust e soggetti deboli: un esempio Informazioni generali ed attori: Società Spa: impresa industriale, 300 dipendenti Caio: 65 anni, membro CdA, vedovo, due figlie Tizia: moglie di Caio, deceduta senza testamento Sempronia: 28 anni, a.d. Società Spa, nubile Mevia: 31 anni, membro CdA, nubile, alcoolista Il patrimonio: oggi: beni caduti in successione alla morte di Tizia (titoli e quote societarie) domani: beni che cadranno in successione alla morte di Caio (titoli, quote societarie e immobili)

15 Segue … La situazione: la quota ereditaria di Mevia (molto ingente) è liquidata in denaro con pagamento in rate mensili Mevia è estromessa dal CdA i rapporti personali tra le figlie sono pessimi Lobiettivo: tutelare il patrimonio di Mevia nel suo interesse creare le migliori condizioni per il suo recupero permettere a Sempronia di gestire la società non peggiorare i già difficili rapporti tra le figlie impostare la successione in caso di morte di Caio

16 Segue … Il problema: per ragioni morali ed affettive, Caio ritiene che il ricorso allA.S. peggiorerebbe la situazione Altre informazioni: Caio detiene la partecipazione di maggioranza il patrimonio di Caio è prevalentemente costituito da titoli e quote societarie (e da pochi immobili) Caio percepisce un lauto compenso quale membro del CdA (non in trust) la politica della Società Spa è quella di non distribuire dividendi (ma di reinvestire)

17 PERCHÉ SCEGLIERE IL TRUST la quota societaria di Caio è intestata al trustee e la gestione della Società Spa resta in famiglia Caio è il solo beneficiario del trust finché in vita Caio potrà nominare ulteriori beneficiari (intende comunque nominare le figlie, ma potrà valutare il mutamento della situazione nel tempo) Caio si riserva il diritto di indicare le quote di spettanza dei beneficiari al termine del trust con testamento (eventualmente oltre la legittima) essendo Caio lunico beneficiario attuale del trust le figlie sapranno del trust solo alla sua morte la cessazione anticipata del trust potrà essere richiesta dalle figlie solo dopo la sua morte e solo se daccordo

18 Segue … qualora Caio chiedesse lA.S. per Mevia, alla morte di Caio ci sarà comunque il trust e quindi lA.S. potrà delegare lamministrazione al trustee (sotto il controllo del giudice tutelare) qualora Sempronia chiedesse lA.S. per Mevia, alla morte di Caio sia Sempronia sia leventuale marito/compagno di Mevia non acquisiranno alcun controllo sul patrimonio di Mevia (comunque segregato) qualora Mevia dovesse guarire, i suoi diritti successori sarebbero garantiti ed a tale fine è previsto (in capo al trustee, sentito il guardiano) un potere di anticipazione della quota

19 Segue … latto di trust prevede che se una delle figlie impugna il trust dopo la morte del padre, costei perde la posizione di beneficiaria (e quindi i suoi diritti restano circoscritti alla legittima) latto di trust prevede inoltre che se ad impugnare il trust è Mevia, ancora in stato di dipendenza da alcool, potrà intervenire lA.S. (teoricamente richiedibile dal P.M. su istanza del trustee) per evitare la percezione diretta, a mani di Mevia, della fortuna ereditaria

20 STUTTURA DEL TRUST legge di Jersey, Isole del Canale durata: oltre la speranza di vita di Caio, ma è prevista la cessazione anticipata in caso di morte dellultimo tra i beneficiari rimasti in vita guardiano: è il professionista storico di Caio (è anche già previsto il successore) in caso di controversie tra i soggetti del trust, è prevista una procedura di conciliazione (ed il nome del conciliatore è già indicato) il trustee ha il potere di anticipazione dei beni in trust solo dopo la morte di Caio, sentito il parere del guardiano

21 Segue … le rendite sono tenute a disposizione di Caio e sono previsti meccanismi specifici in caso di vendita delle partecipazioni o di parte di esse il trustee deve verificare i bisogni dei beneficiari e provvedere in tal senso (clausola pensata prevalentemente per Caio), se del caso anche vendendo i beni in trust per acquisire le liquidità necessarie latto è in forma di scrittura privata autenticata

22 TRUST Trustee: trust company Caio Guardiano (professionista di fiducia di Caio) Conciliatore (già individuato) Caio

23 CONCLUSIONI Il trust (abbinato alleventuale amministrazione di sostegno) consente così a Caio: di monitorare il futuro delle figlie di provvedere al meglio in caso di sua morte di rispettare le norme in tema di successione necessaria di salvaguardare linteresse della figlia debole e malata (segregando il suo patrimonio affinché sia impiegato solo nel suo esclusivo interesse) di proteggere il passaggio generazionale nella proprietà e nella gestione della Società Spa


Scaricare ppt "Trust a tutela di soggetti deboli Carlo Regis Dottore Commercialista 15 Aprile 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google