La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

27/03/2017 I Progetti Generatori di Entrate (PGE) nei fondi strutturali 2007-2013: meccanismi applicativi e calcolo della partecipazione comunitaria Ordine.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "27/03/2017 I Progetti Generatori di Entrate (PGE) nei fondi strutturali 2007-2013: meccanismi applicativi e calcolo della partecipazione comunitaria Ordine."— Transcript della presentazione:

1 27/03/2017 I Progetti Generatori di Entrate (PGE) nei fondi strutturali : meccanismi applicativi e calcolo della partecipazione comunitaria Ordine dei Commercialisti e Ragionieri di Torino Giornata Formativa Torino, 15 ottobre 2009 Raffaele Colaizzo ECOTER – AT POR FESR Piemonte ( )

2 Riferimenti regolamentari e tecnici dei PGE
Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell’11 luglio 2006 recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il regolamento (CE) n /1999. Commissione Europea – Direzione Generale Politiche Regionali (2008), Informativa presentata al COCOF. Note guida in merito all’articolo 55 del regolamento del consiglio (CE) n. 1083/2006: progetti generatori di entrate. Versione definitiva del 18 giugno 2008, Bruxelles. Commissione Europea - Direzione Generale Politica Regionale (2006), Nuovo periodo di programmazione Documenti di lavoro metodologici. Documento di lavoro n. 4. Orientamenti metodologici per la realizzazione delle analisi costi-benefici, n. 8/2006, Bruxelles. European Commission - Directorate General Regional Policy (2008), Guide to cost-benefit analysis of investment projects. Structural funds, Cohesion fund and Instrument for pre-accession, Brussels. Regolamento (CE) n. 1341/2008 del Consiglio del 18 dicembre 2008 che modifica il Regolamento (CE) n. 1083/2006 sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, per quanto riguarda alcuni progetti generatori di entrate.

3 I progetti generatori di entrate (art. 55.1)
1. Ai fini del presente regola- mento, per progetto generatore di entrate si intende qualsiasi operazione che comporti un investimento in infrastrutture il cui utilizzo sia soggetto a tariffe direttamente a carico degli utenti o qualsiasi operazione che comporti la vendita o la locazione di terreni o immobili o qualsiasi altra for- nitura di servizi contro pagamento. Nell’analisi dei PGE vanno considerate le entrate definite come flussi di cassa positivi direttamente pagati dagli utenti per i beni/servizi forniti dal progetto. Non vanno invece considerati gli altri flussi di cassa positivi, ossia contributi privati o pubblici e/o introiti finanziari che non derivano da tariffe, pedaggi, etc.

4 Il principio del deficit di finanziamento (art. 55.2)
I proventi netti (PNA) sono dati dalla somma di entrate e valore residuo, meno i costi operativi. Quando i proventi netti sono negativi, il principio del deficit di finanziamento (DF) non si applica ma va condotta una accurata analisi di sostenibilità finanziaria. Il periodo di riferimento è il numero di anni della vita economica del progetto, ossia il suo orizzonte temporale. Il principio del deficit di finanziamento non si applica quando non è possibile stimare ex ante le entrate. In questi casi si applica l’articolo 2. La spesa ammissibile [SAA] per i progetti generatori di entrate non supera il valore attuale del costo di investimento [CIA] diminuito del valore attuale dei proventi netti [PNA] derivanti dall'investimento nell‘arco di un periodo di riferimento specifico per quanto riguarda: (a) gli investimenti in infrastrutture; o (b) altri progetti per i quali sia possibile stimare obiettivamente ex ante le entrate. Max SAA = CIA – PNA = DF

5 L’imputazione pro rata (art. 55.2)
[...] Qualora il costo d'investi- mento non sia integralmente ammissibile al cofinanziamento, le entrate nette vengono imputate con calcolo pro rata alla parte ammissibile e a quella non ammis- sibile del costo d'investimento. Il costo di investimento (CIA) può divergere dal costo ammissibile al finanziamento (CAA) per varie ragioni: alcune voci di spesa possono non essere ammissibili, o parte della spesa può essere già stata sostenuta. P = CAA / CIA SAA = DF * P

6 I tre passi chiave per calcolare la partecipazione dei fondi
1. Calcolare il deficit di finanziamento Max SAA = CIA – PNA = DF 2. Calcolare la spesa ammissibile attualizzata SAA = DF * P 3. Calcolare la partecipazione dei fondi (PA_UE) sulla base del tasso di cofinanziamento (TC_UE) PA_UE = SAA * TC_UE

7 Periodo di riferimento (anni)
Il periodo di riferimento (art. 55.2) [...] Nel calcolo, l'autorità di gestione tiene conto del periodo di riferimento ade- guato alla categoria di investimento in questione, della categoria del progetto [...] Il periodo di riferimento per l’analisi dei PGE è definito dalle Note Guida, per varie categorie di infrastrutture: Settori di intervento Periodo di riferimento (anni) Ferrovie 30 Strade 25 Risorse idriche Energia Telecomunicazioni 15 Industria 10 Altri servizi

8 I tre “caveat” del 55.2 [...] Nel calcolo, l'autorità di gestione tiene conto [...] della redditività normalmente attesa per la categoria di investimento in questione, dell'applicazione del principio «chi inquina paga» e, se del caso, di considerazioni di equità legate alla prosperità relativa dello Stato membro interessato. Tenere conto della “redditività normalmente attesa” serve alle AdG per scegliere lo schema di finanziamento e la combinazione più adeguata tra sovvenzioni e prestiti Per il principio “chi inquina paga”, i costi esterni generati dai progetti devono essere il più possibile pagati da chi inquina Il livello delle tariffe deve permettere un equo accesso ai servizi e quindi devono essere proporzionate alla capacità di spesa degli utenti

9 Le detrazioni (art. 55.3) Se non ci sono strumenti (modelli, dati estrapolabili, politiche chiaramente espresse o prevedibili, ecc.) per stimare realisticamente gli elementi chiave delle entrate, ossia tariffe e domanda, si applica l’articolo Le Note Guida citano come progetti tipici: del 55.2, i trasporti e il trattamento rifiuti del 55.3, i centri di innovazione, dove è la stessa offerta a generare la domanda 3. Qualora sia obiettivamente impossibile valutare le entrate in anticipo, le entrate generate nei cinque anni successivi al comple- tamento di un'operazione sono detratte dalla spesa dichiarata alla Commissione. La detrazione è effettuata dall'autorità di certifica- zione non più tardi della chiusura parziale o finale del programma operativo. La domanda di paga- mento del saldo finale è corretta di conseguenza.

10 Il meccanismo delle detrazioni

11 Le restituzioni (art. 55.4) 4. Qualora, al più tardi tre anni dopo la chiusura del programma operativo, si accerti che un'opera- zione ha generato entrate non contemplate nei paragrafi 2 e 3, queste ultime sono restituite al bilancio generale dell'Unione europea in proporzione alla parte- cipazione dei Fondi. Per i progetti 55.2, le restituzioni riguardano le entrate non contemplate ex ante nel calcolo del deficit di finanziamento (ad esempio per nuove fonti di entrate o modifiche nelle tariffe). C’è una tolleranza del 10% per quanto riguarda la variazione del deficit di finanziamento Per i progetti 55.3, le restituzioni avvengono quando si verifica che non tutte le entrate sono state precedentemente detratte.

12 Applicabilità dell’articolo 55 ed esigenza di un sistema di monitoraggio dei PGE
Il Reg. 1341/2008, considerate “varie difficoltà per l'applicazione [...] dell'art. 55, fra cui un onere amministrativo sproporzionato, in particolare per quanto riguarda le operazioni cofinanziate dal FSE e le piccole operazioni finanziate dal FESR o dal Fondo di coesione”, stabilisce che “l'art. 55.5, del Reg. (CE) n. 1083/2006 è sostituito dal seguente: «5. I paragrafi da 1 a 4 del presente articolo si applicano soltanto alle operazioni cofinanziate dal FESR o dal FC il cui costo complessivo è superiore a 1 milione di euro». L’attuazione dell’articolo 55 richiede l’istituzione di un sistema di verifica delle entrate da parte delle autorità di gestione o dei beneficiari. Le procedure per istituire questo sistema sono determinate dalle stesse autorità di gestione. Il monitoraggio dovrebbe estendersi per i tre anni successivi alla chiusura finale del programma operativo.

13 L’analisi di un progetto generatore di entrate

14 Le regole generali dell’analisi
Per progetto si intende una operazione costituita da una serie di lavori, attività o servizi diretta ad eseguire un compito indivisibile caratterizzato da una precisa natura economica e da obiettivi chiari. Il progetto deve dunque essere chiaramente identificato come una unità di analisi autonoma. Il progetto deve dunque costituire una unità funzionale: deve cioè essere in grado di offrire beni o servizi al termine della sua realizzazione. Ad esempio, nel caso di un’infrastruttura l’analisi non può essere applicata a stralci, ma semmai a lotti funzionali. Si potranno quindi valutare separatamente i lotti funzionali che compongono l’opera e l’intervento nel suo complesso.

15 Le regole generali dell’analisi (2)
L’analisi viene condotta dal punto di vista dell’ente gestore dell’infrastruttura. Quando sono presenti forme di partenariato pubblico-privato, può succedere che il proprietario dell’infrastruttura non sia l’operatore. In questi casi va effettuata una analisi consolidata per determinare il deficit di finanziamento. L’analisi va effettuata applicando un metodo incrementale, considerando quindi le differenze in termini di costi e rientri tra lo scenario fondato sulla realizzazione del progetto (situazione con intervento) ed uno scenario alternativo che non prevede tale realizzazione (situazione senza intervento). Vanno considerati i flussi di cassa, ossia l’importo effettivo delle somme liquide versate o ricevute dal progetto. L’analisi è condotta a prezzi costanti, tenendo conto se necessario di possibili variazioni relative dei prezzi e delle tariffe.

16 L’analisi della domanda
La ricostruzione della domanda attesa è uno dei passaggi più delicati e complessi dell’analisi dei PGE. Essa riguarda i diversi servizi che l’investimento permette di offrire e va espressa attraverso unità di misura appropriate, che permettano, data una tariffa, di individuare i rientri finanziari. Una analisi realistica della domanda (che deve essere strettamente associata all’offerta generata dal progetto) andrebbe condotta applicando strumenti quali l’applicazione di modelli (ad esempio nei trasporti); l’estrapolazione di dati statistici o relativi a trasformazioni attese nell’uso del territorio (ad esempio per prevedere i fabbisogni di servizi della popolazione); indagini di mercato ed opinioni di esperti; analisi ex post di casi analoghi di investimento pubblico, etc. Il rapporto fra domanda realizzata ed offerta potenziale è il tasso di utilizzazione.

17 Costi di investimento e costi ammissibili
Vanno considerati i costi totali di investimento, riferiti ad un intervento unitario oppure ad un lotto funzionale di un’opera di maggiori dimensioni. Nel caso in cui siano già state effettuate, in passato, opere relative all’intervento considerato, i costi sostenuti per realizzare queste opere vanno considerati nell’analisi del deficit di finanziamento, perché contribuiscono a determinare la funzionalità dell’investimento. Essi vanno attualizzati all’anno zero ad un tasso del 5%. Vanno considerati come costi gli esborsi effettivi sostenuti, quindi l’IVA e gli imprevisti vanno trattati di conseguenza. I costi ammissibili possono divergere dal costo di investimento per l’inammissibilità di alcune voci di spesa o anche perché parte del costo di investimento è già stato finanziato.

18 Costi di esercizio e manutenzione
Il flusso delle uscite di cassa, da sottrarre alle entrate lorde per determinare il flusso delle entrate nette, è costituito dai costi di esercizio del progetto (personale, energia, utenze varie, materiali di consumo) più i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché altri costi assimilabili a questi ultimi, relativi ad esempio al rinnovamento di apparecchiature e impianti con vita utile più breve di quella del progetto. In coerenza con quanto si è detto in precedenza, non vanno inclusi nell’analisi dei PGE né i costi finanziari (quali interessi e rimborsi di mutui, che non sono generati dal funzionamento del progetto in sé, ma dal suo finanziamento) né gli ammortamenti e la costituzione di riserve (che rappresentano costi contabili ma non vere e proprie uscite di cassa).

19 Entrate La quantificazione delle entrate lorde nel periodo di riferimento del Progetto deriva dalla domanda attesa per i servizi prodotti dall’infrastruttura e dalle tariffe, queste ultime determinate a prezzi costanti. Nella quantificazione delle entrate lorde non vanno considerati trasferimenti e contributi concessi da strutture pubbliche per la gestione dell’infrastruttura, né eventuali interessi o dividendi derivanti dall’investimento di surplus di cassa, perché queste entrate non sono generate dal progetto in sé.

20 Il valore residuo Il valore residuo è il valore economico dell’opera alla fine della sua vita utile; esso va considerato una componente positiva dell’analisi di redditività finanziaria dei PGE ed inserito nell’ultimo anno dell’analisi. Il valore residuo andrebbe calcolato come il valore attuale dei flussi di cassa netti previsti durante gli anni di vita economica che superano il periodo di riferimento. Secondo la Guida MEF 2003, un’ipotesi ragionevole è che il valore residuo, alla conclusione della vita utile dell’investimento, sia un valore molto ridotto, con la possibile eccezione di quei casi in cui la vita utile effettiva del progetto sia considerevolmente più lunga della vita utile standard considerata nell’analisi finanziaria.


Scaricare ppt "27/03/2017 I Progetti Generatori di Entrate (PGE) nei fondi strutturali 2007-2013: meccanismi applicativi e calcolo della partecipazione comunitaria Ordine."

Presentazioni simili


Annunci Google