La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La formazione dei rilevatori per il Progetto CCM Ictus Cerebrale febbraio 2012 Cosenza, 9 ottobre 2010 GRUPPO DI LAVORO: M.F.Cappa, M.Mantovani, S.Casarotti,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La formazione dei rilevatori per il Progetto CCM Ictus Cerebrale febbraio 2012 Cosenza, 9 ottobre 2010 GRUPPO DI LAVORO: M.F.Cappa, M.Mantovani, S.Casarotti,"— Transcript della presentazione:

1 La formazione dei rilevatori per il Progetto CCM Ictus Cerebrale febbraio 2012 Cosenza, 9 ottobre 2010 GRUPPO DI LAVORO: M.F.Cappa, M.Mantovani, S.Casarotti, M.Faenza. Nuovo Ospedale S.Agostino-Estense Modena

2 Trunk Control Test F. Cappa M. Mantovani

3 TRUNK CONTROL TEST La capacità di controllo del tronco dopo ictus è una importante caratteristica prognostica correlata al livello delleventuale recupero. TCT: Valuta la menomazione e correla fortemente con altre valutazioni di impairment maggiormente dettagliate. F. Cappa M. Mantovani

4 TRUNK CONTROL TEST Nella valutazione dopo stroke: valido: i singoli item del TCT descrivono una variabile omogenea; affidabile; sensibile: buona sensibilità ai cambiamenti in fase acuta e subacuta. equilibrio da seduto probabile effetto soffitto a 3 mesi; lintero test ha un effetto soffitto in pazienti cronici. semplice: la somministrazione richiede meno di 5 minuti, facilmente somministrabile in reparto, non richiede training specifico, è facilmente comunicabile. F. Cappa M. Mantovani

5 TRUNK CONTROL TEST

6 Esecuzione del test: il paziente giace supino sul letto: girarsi sul lato debole, girarsi sul lato forte, sedersi dalla posizione supina, mantenere la posizione seduta per almeno 30 secondi (piedi sollevati dal pavimento). Il punteggio deve riferirsi alla prestazione eseguita durante la somministrazione del test! F. Cappa M. Mantovani

7 TRUNK CONTROL TEST Punteggio: 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma, per esempio tirando le lenzuola, aggrappandosi alle sponde, o usando gli arti superiori per equilibrarsi quando seduto ; 25: capace di completare il movimento normalmente. Per lequilibrio da seduto, il punteggio è 12 se il paziente necessita di toccare qualsiasi cosa per rimanere diritto, e 0 se è incapace di stare seduto (in qualunque modo) per 30 secondi. Punteggio totale = somma dei punteggi ottenuti nei singoli item. F. Cappa M. Mantovani

8 TRUNK CONTROL TEST Item in ordine crescente di difficoltà: equilibrio da seduto, girarsi da supino verso il lato debole, girarsi da supino verso il lato forte, sedersi dalla posizione supina. Ordine di difficoltà invariato alla dimissione, suggerendo la stabilità intrinseca della scala. F. Cappa M. Mantovani

9 TRUNK CONTROL TEST Ha valore prognostico: un punteggio 50 a 6 settimane dallictus è predittivo del recupero del cammino a 18 settimane. F. Cappa M. Mantovani In pazienti anziani (78±6 anni) non ha valore prognostico per il recupero della deambulazione: il recupero dopo allettamento per eventi acuti sembrerebbe maggiormente e significativamente associato alle funzioni cognitive.

10 TRUNK CONTROL TEST TCT tot allingresso è predittivo dei seguenti parametri alla dimissione: velocità di cammino e distanza percorsa; simmetria del centro di gravità durante il cammino; equilibrio (Berg Balance Scale); abilità funzionale (FIM). È inoltre significativamente correlato alla durata della degenza. F. Cappa M. Mantovani

11 TRUNK CONTROL TEST Limiti: scarsa utilità nella pianificazione del trattamento riabilitativo: non considera la qualità della performance; probabile scarsa sensibilità ai cambiamenti minori; non considera i fenomeni associati (quali spasticità, disturbi di sensibilità, aprassia). F. Cappa M. Mantovani

12 ESEMPIO N. 1 Paziente autonomo con compensi TRUNK CONTROL TEST

13 GIRARSI SUL LATO DEBOLE 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

14 GIRARSI SUL LATO FORTE 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

15 SEDERSI DALLA POSIZIONE SUPINA 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

16 SEDERE IN POSIZIONE DI EQUILIBRIO SUL BORDO DEL LETTO 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

17 ESEMPIO N. 2 Paziente autonomo senza compensi TRUNK CONTROL TEST

18 GIRARSI SUL LATO DEBOLE 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

19 GIRARSI SUL LATO FORTE 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

20 SEDERSI DALLA POSIZIONE SUPINA 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

21 SEDERE IN POSIZIONE DI EQUILIBRIO SUL BORDO DEL LETTO 0: incapace di eseguire il movimento senza assistenza; 12: capace di eseguire il movimento, ma con caratteristiche non nella norma; 25: capace di completare il movimento normalmente.

22 (C.Collin, D.Wade. Assessing motor impairment after stroke: a pilot reliability study. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 1990;53: ) (C.Collin, D.Wade. Assessing motor impairment after stroke: a pilot reliability study. J Neurol Neurosurg Psychiatry. 1990;53: ) (Franchignoni FP. Trunk Control Test a san early predictor of stroke rehabilitation outcome. Stroke. 1997;28: ) (Franchignoni FP. Trunk Control Test a san early predictor of stroke rehabilitation outcome. Stroke. 1997;28: ) (Duarte E. Trunk Control Test as a functional predictor in stroke patients. J Rehabil Med. 2002;34: ) (Duarte E. Trunk Control Test as a functional predictor in stroke patients. J Rehabil Med. 2002;34: ) (Sebastia E. Cross-validation of a model of predicting functional status and length of stay in patients with stroke. J Rehabil Med. 2006;38:204-6.) (Sebastia E. Cross-validation of a model of predicting functional status and length of stay in patients with stroke. J Rehabil Med. 2006;38:204-6.) (Verheyden G. Trunk performance after stroke and the relationship with balance, gait and functional ability. Clin Rehabil. 2006;20: ) (Verheyden G. Trunk performance after stroke and the relationship with balance, gait and functional ability. Clin Rehabil. 2006;20: ) (Masiero S. Predictive factors for ambulation in stroke patients in the rehabilitation setting: a multivariate analysis. Clin Neurol Neurosurg. 2007;109:763-9.) (Masiero S. Predictive factors for ambulation in stroke patients in the rehabilitation setting: a multivariate analysis. Clin Neurol Neurosurg. 2007;109:763-9.) (Farriols C. Functional decline after prolonged bed rest following acute illness in elderly patients: in Trunk Control Test a predictor of recovering ambulation? Arch Gerontol Geriatr ) (Farriols C. Functional decline after prolonged bed rest following acute illness in elderly patients: in Trunk Control Test a predictor of recovering ambulation? Arch Gerontol Geriatr )

23


Scaricare ppt "La formazione dei rilevatori per il Progetto CCM Ictus Cerebrale febbraio 2012 Cosenza, 9 ottobre 2010 GRUPPO DI LAVORO: M.F.Cappa, M.Mantovani, S.Casarotti,"

Presentazioni simili


Annunci Google