La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meccanica quantistica Corso di Complementi di Fisica Moderna prof. M. Casalboni prof. A. Sgarlata dott. G. Casini dott. F. De Matteis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meccanica quantistica Corso di Complementi di Fisica Moderna prof. M. Casalboni prof. A. Sgarlata dott. G. Casini dott. F. De Matteis."— Transcript della presentazione:

1 Meccanica quantistica Corso di Complementi di Fisica Moderna prof. M. Casalboni prof. A. Sgarlata dott. G. Casini dott. F. De Matteis

2 Gli esperimenti condotti da Lenard sulleffetto fotoelettrico e da Compton sullo scattering, avevano portato alla luce levidenza di una doppia natura onda-particella della luce Louis de Broglie nella sua tesi di dottorato avanzò lipotesi che la stessa dualità onda-particella potesse applicarsi ugualmente bene anche a particelle materiali. Così come un fotone ha unonda associata che governa la sua propagazione, così una particella materiale ( ad esempio un elettrone) ha unonda associata che governa il suo moto.

3 Lunghezza donda di de Broglie E = h p = h/ = h/p m =1 kg v=10 m/s m =9.1x kg K=100 eV Energia Impulso

4 Per osservare fenomeni della natura ondulatoria (diffrazione) di particelle materiali occorre un sistema di fenditure di dimensioni paragonabili alla lunghezza donda Reticolo cristallino Diffrazione di elettroni dal filamento F, accelerati dal potenziale V vengono diffratti dal reticolo di nickel C Davisson&Gelmer USA Thomson GB

5 Diffrazione alla Bragg d=0.91 Å Å Å

6 Natura corpuscolare e natura ondulatoria Quando si tratta di studiare le proprietà di emissione o assorbimento vengono evidenziati gli aspetti corpuscolari mentre quelli ondulatori si evidenziano nel comportamento di propagazione Tali aspetti sono più difficili da osservare quanto più la lunghezza donda diviene piccola = h/p Per questo si dice che le proprietà quantistiche scompaiono nel limite di h0. Limite classico Ciò non toglie che si è ottenuta la diffrazione anche di oggetti pesanti quanto un fascio atomico (He ad esempio) Raggi X interagiscono (debolmente) con gli elettroni degli atomi e vengono diffratti con più difficoltà (specie dagli elementi a basso numero atomico). Gli elettroni interagiscono anche con i nuclei ma anche essi elettromagneticamente e quindi relativamente debolmente. I neutroni per interazione forte con i nuclei e quindi si prestano bene anche con elementi leggeri (materia biologica ricca di H)

7 Dualismo onda corpuscolo Bisogna considerare un modello corpuscolare in alcune situazioni, come nelleffetto Compton e un modello ondulatorio in altre, come per la diffrazione dei raggi X. E lo stesso vale per la materia. Il rapporto carica-massa ed i processi di ionizzazione indicano la natura corpuscolare, la diffrazione elettronica quello ondulatorio. I due modelli coesistono ma occorre applicare luno o laltro nelle varie circostanze Principio di complementarietà di Bohr Il modello corpuscolare e ondulatorio sono complementari: se una misura mostra la natura donda della radiazione o della materia, allora è impossibile contemporaneamente mostrare il carattere corpuscolare, e viceversa. I due modelli si inquadrano e combinano in un quadro interpretativo probabilistico

8 Dualismo onda corpuscolo I~ E 2 valore medio su di un periodo del campo I=Nh numero medio di fotoni che attraversano unarea unitaria perpendicolare alla direzione di propagazione per unità di tempo E 2 ~N numero medio di fotoni per unità di volume Il numero medio di fotoni che attraversano unarea unitaria diminuisce allaumentare della distanza dalla sorgente

9 Dualismo onda corpuscolo 2 = probabilità di trovare una particella materiale nellunità di volume in un dato luogo ad un dato istante

10 Principio di indeterminazione Lindeterminazione della misura della posizione è inversamente proporzionale a quella sul suo impulso Non è un problema di accuratezza delle misure ma intrinseco. Se cerchiamo di misurare un valore con crescente precisione laltro perde di determinatezza. Ci sono coppie di grandezze fisiche che sono legate da una relazione di indeterminazione di Heisenberg. Et p x x L

11 Principio di indeterminazione E ancora la costante h a separare il campo di applicazione delle teorie classiche da quelle quantistiche. Se portiamo h0 cade il principio di indeterminazione Se non possiamo determinare simultaneamente posizione e impulso non possiamo prevedere levoluzione del sistema con esattezza. Possiamo solo dare la probabilità di un risultato di una misura

12 5 postulati della Meccanica Quantistica. Non possono essere provati o dedotti. Sono ipotesi valide nella misura in cui non violano le leggi della natura (esperimenti) ASSIOMI Postulato 1 La funzione donda Ψ(x, y, z, t) descrive levoluzione temporale e spaziale di una particella quanto- meccanica. Postulato 2 Il prodotto Ψ*(x, t) Ψ(x, t) è la funzione densità di probabilità di una particella quanto-meccanica. Ψ*(x, t) Ψ(x, t) dx è la probabilità di trovare la particella nellintervallo tra x e x + dx. Postulato 3 La funzione Ψ(x, t) e la sua derivata ( / x) Ψ(x, t) sono continue in un mezzo isotropo. Inoltre deve essere finita e a singolo valore su tutto lo spazio. Postulato 4 Gli operatori sostituiscono le variabili dinamiche ed agiscono sulla funzione donda Ψ(x, t) (posizione, momento, o energia). Postulato 5 Il valore di aspettazione, ξ, di una qualunque variabile dinamica ξ, è calcolato a partire dalla funzione donda

13 5 postulati della Meccanica Quantistica. Non possono essere provati o dedotti. Sono ipotesi valide nella misura in cui non violano le leggi della natura (esperimenti) ASSIOMI Postulato 1 Postulato 2 Postulato 3 Postulato 4 Postulato 5 Variabili dinamiche in meccanica classica Operatori quanto- meccanici

14 4 requisiti per una derivazione non-formale dellequazione donda. Considerazioni di plausibilità Requisito 1 Consistente con la relazione di de Broglie. Requisito 2 Consistente con lespressione dellenergia (non-relativistica) Requisito 3 Lineare in Ψ(x, t). In questo modo possiamo spiegare i fenomeni di interferenza. Requisito 4 Nel caso particolare di potenziale V= cost (particella libera) la soluzione deve essere unonda sinusoidale viaggiante con frequenza e lunghezza donda costante (e quindi anche impulso ed energia costanti) = h/p

15 4 requisiti per una derivazione non-formale dellequazione donda. Considerazioni di plausibilità Requisito 1 Consistente con la relazione di de Broglie. Requisito 2 Consistente con lespressione dellenergia (non-relativistica) Requisito 3 Lineare in Ψ(x, t). Termini alla prima potenza della funzione e delle sue derivate Requisito 4 p= h/ =ħk

16 Equazione di Schroedinger Soluzione stazionaria

17 Equazione di Schroedinger Equazione di Schroedinger indipendente dal tempo Soluzioni stazionarie Ci saranno diverse soluzioni per diversi valori di E Ci saranno diverse soluzioni n per diversi valori di E n n autofunzione E n autovalore

18 Interpretazione di Born della funzione donda Il moto di una particella segue le leggi della probabilità, ma la probabilità stessa si propaga in accordo con la legge di causalità. (Max Born) In conseguenza del fatto che soddisfa unequazione alle derivate prime nella variabile tempo, si ha che la dipendenza spaziale di ad un certo istante iniziale è sufficiente a determinare completamente la sua dipendenza ad ogni tempo successivo Daltro canto non è possibile determinare con precisione la dipendenza spaziale della funzione donda allistante iniziale da una serie di misure della densità di probabilità perché quello che si ha è solo la somma dei quadrati della parte reale e quella immaginaria

19 Letture consigliate sui principi della Meccanica Quantistica Robert Eisberg Robert Resnick QUANTUM PHYSICS of Atoms, Molecules, Solids, Nuclei, and Particles Second Edition John Wiley & Sons Richard P. Feynman QED. La strana teoria della luce e della materia Adelphi (1989) Anton Zeilinger, Il velo di Einstein. Il nuovo mondo della fisica quantistica G. Einaudi ed. (2005) Richard P. Feynman La fisica di Feynman Vol3 Zanichelli (2001) Robert Oerter La teoria del quasi tutto. Il modello standard, il trionfo non celebrato della fisica moderna Codice edizioni, Torino (2006)


Scaricare ppt "Meccanica quantistica Corso di Complementi di Fisica Moderna prof. M. Casalboni prof. A. Sgarlata dott. G. Casini dott. F. De Matteis."

Presentazioni simili


Annunci Google