La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDI DIMPATTO AMBIENTALE Introduzione agli studi dImpatto e organizzazione della Struttura di Valutazione Paolo Giuntarelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDI DIMPATTO AMBIENTALE Introduzione agli studi dImpatto e organizzazione della Struttura di Valutazione Paolo Giuntarelli."— Transcript della presentazione:

1 METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDI DIMPATTO AMBIENTALE Introduzione agli studi dImpatto e organizzazione della Struttura di Valutazione Paolo Giuntarelli Università degli Studi di Teramo

2 Premessa Il termine Valutazione dImpatto Ambientale può essere inteso in molti modi differenti In senso letterale rappresenta un Giudizio dato da soggetto qualificato Nella pratica una procedura amministrativa attraverso la quale la società valuta gli effetti di opere

3 Premessa Il SIA è un elaborato tecnico attraverso cui è possibile prevedere (stimare) gli effetti futuri di un intervento. Le finalità di un SIA sono quelle alla base delle procedure dimpatto ambientale richieste dalle direttive nazionali ed europee:

4 considerare gli effetti di un progetto sullambiente significa proteggere la salute umana, contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità di riproduzione dell ecosistema in quanto risorsa essenziale di vita... (Direttiva 85/337/CEE)

5 ....siano considerati gli obiettivi di proteggere la salute e di migliorare la qualità della vita umana, al fine di contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita, provvedere al mantenimento della varietà delle specie e conservare la capacità dell ecosistema in quanto risorsa essenziale di vita, di garantire luso plurimo delle risorse e lo sviluppo sostenibile ( D.P.R. 12 aprile 1996, art. 2)

6 Premessa In questo contesto gli Enti preposti dalla società devono garantire: la protezione della salute umana contribuire con un migliore ambiente alla qualità della vita provvedere al mantenimento della varietà delle specie conservare la capacità di riproduzione dellecosistema in quanto risorsa essenziale di vita garantire luso plurimo delle risorse e lo sviluppo sostenibile

7 Il termine Impatto Ambientale non deve essere inteso unicamente come inquinamento ma come: alterazione dello stato attuale (positiva o negativa) delle componenti ambientali dei sistemi ambientali prodotti da interventi di origine diversa

8 Tali alterazioni riguardano variazioni dei cicli bidirezionali: di materia di energia di servizi e di beni che avvengono in un sistema UOMO-AMBIENTE

9 Campo di applicazione La VIA è uno strumento a supporto di una decisione che si applica per molte opere che vengono progettate e che possono avere degli impatti sullambiente e sulla popolazione

10 Studio dimpatto Ambientale Il SIA si struttura attraverso: Descrizione del progetto Descrizione delle principali alternative Descrizione delle principali componenti Descrizione dei possibili effetti Descrizione delle misure previste di mitigazione

11 Studio dimpatto Ambientale Lidentificazione degli Impatti significativi Gli impatti significativi sono quelli che originata dal progetto si ripercuotono nellarea vasta e ristretta I punti significativi di uno studio possono essere elencati in apposite check-list

12 Studio dimpatto Ambientale I principali requisiti che devono essere individuati perché esista un impatto sono: Esistenza di una sorgente dimpatto; Che la sorgente dimpatto sia attiva; Che sinneschi un processo di trasferimento che può dar luogo anche ad effetti sinergici Lesistenza di bersagli sensibili

13 Studio dimpatto Ambientale I metodi di stima degli impatti Individuare le linee di impatto potenzialmente significative; Prevederne levoluzione Quantificarne gli effetti attesi Visto che gli impatti variano con il tempo devono essere effettuati in tutte le fasi di realizzazione

14

15 La Valutazione Gli esperti valutatori sono chiamati quindi svolgere la propria autonoma valutazione tecnico scientifica dei progetti attraverso un comportamento attivo in quanto questo: è parte del loro patrimonio culturare (genetico) ha come finalità la protezione delluomo e dellambiente La VIA è il luogo democratico nel quale si possono dibattere pareri scientifici

16 La Valutazione La valutazione del SIA non può essere: esclusivamente un parere amministrativo un parere politico un mero confronto di limiti e di tabelle

17 Il luogo della valutazione Allinterno della propria Regione per progetti: –In ambito Nazionale –In ambito Regionale –In ambito Provinciale –In ambito Comunale Progetti che coinvolgono Regioni o Stati diversi

18 Gli strumenti della Valutazione In tutti i settori dellorganizzazione sociale gli strumenti di valutazione preventiva sono diventati punti cardine per affrontare situazioni diverse. Nel settore privato la conoscenza di questi sistemi è molto diffusa è il loro impiego è imprescindibile nella valutazione degli investimenti, delle strategie di sviluppo, nella ricerca...

19 Gli strumenti della Valutazione Nel pubblico questa conoscenza è molto più frammentaria e gli strumenti e le risorse meno disponibili. Inoltre molte di queste valutazioni si effettuano in condizione di urgenza, sulla base di progetti di massima. Per chi effettua la valutazione sorge quindi un dilemma: da un lato la professionalità e che rifiuta dintervenire in condizioni improprie, dallaltra la convinzione che si debba contribuire per la tutela dellambiente in quanto il poco e limperfetto sono meglio del niente.

20 Gli strumenti della Valutazione Una possibile soluzione è quella di impiegare i mezzi e le informazioni disponibili (spesso maggiori di quanto ci si attenda) al meglio, per individuare i punti critici del progetto in valutazione e su questi effettuare una serie di approfondimenti che porteranno ad accettare il progetto richiedendo modifiche del progetto, ponendo prescrizioni operative e pianificando i controlli futuri.

21 Gli strumenti della Valutazione Lanalisi per punti critici si rifà alla fase di scoping degli studi dimpatto, ovvero ad una indagine preliminare volta a definire a grandi linee lo studio attraverso: lindividuazione degli ambiti di ricerca, le priorità tra le variabili da sottoporre ad indagine i criteri di valutazione da adottare.

22 Gli strumenti della Valutazione La scheda preliminare di valutazione del SIA Il sopralluogo Il monitoraggio ad hoc (eventuale) La raccolta dei dati e la loro organizzazione Lutilizzo degli strumenti modellistici La relazione tecnico/scientifica La partecipazione ai gruppi di lavoro e alle conferenze

23 Gli attori Le competenze necessarie per la stesura di un SIA sono poste in differenti sfere di attività: –Sfera dei fenomeni fisici (chimica,fisica,idrologia....) –Sfera dei fenomeni della vita (scienze delluomo e della natura) –Sfera dei fenomeni gestionali ( economia, geografia, urbanistica) –Sfera dei fenomeni sociali (sociologia, gestione dei beni culturali e paesaggistici)

24 Gli attori 4 sfere dattività = 4 punti di vista diversi non tutte le valutazioni necessitano del massimo approfondimento ma tutte di un gruppo di lavoro spesso se manca la competenza specifica questa deve essere sostituita da un esperto in altre discipline purchè sia in grado di svolgere il ruolo dellAnalista Ambientale

25 Il generalista Il collegamento attivo tra i vari esperti deve essere fatto da un esperto particolare: il generalista che deve essere esperto dei problemi metodologici dinterfaccia perché il suo ruolo principale è quello di suscitare sinergie utilizzando sia il pensiero gerarchico sia quello analogico

26 Il generalista Non deve essere un dispotico coordinatore e neppure il depositario di una improbabile ed impossibile cultura totalizzante ma ha un ruolo strategico come in una squadra di volley deve essere lalzatore,....colui che tesse una trama..... distribuendo accortamente i palloni

27 Il generalista In uno Studio dImpatto deve essere colui che a volte è laddetto allassemblaggio dei documenti, a volte lo specialista di settore, dovendo comunque sempre mantenere il suo ruolo di stimolatore delle reazioni dinterfaccia. Deve anche essere colui che è capace di comprendere gli umori e le esigenze del mondo fuori dalla Agenzia.

28 La formazione del generalista Caratteristica di una simile figura è che può provenire da competenze diverse perché....alla base di ogni generalista deve esserci un valido specialista capace di una visione intersettoriale consapevole

29 La formazione del generalista La sua formazione deve partire da una propensione, già sviluppata nella sua attività settoriale, ad allargare in maniera sistematica la propria sfera di conoscenza, inserendo la cultura specialistica in un quadro più ampio mantenendo contestualmente la capacità di riconsiderare la propria specializzazione originaria con occhio nuovo.


Scaricare ppt "METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DEGLI STUDI DIMPATTO AMBIENTALE Introduzione agli studi dImpatto e organizzazione della Struttura di Valutazione Paolo Giuntarelli."

Presentazioni simili


Annunci Google