La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tecnologie Chirurgiche Innovative (Prof. Francesco Rulli, Dipartimento di Chirurgia) Risk Assessment in Minimally.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tecnologie Chirurgiche Innovative (Prof. Francesco Rulli, Dipartimento di Chirurgia) Risk Assessment in Minimally."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tecnologie Chirurgiche Innovative (Prof. Francesco Rulli, Dipartimento di Chirurgia) Risk Assessment in Minimally Invasive Surgery Francesco Rulli

2 Chirurgia mininvasiva gold standard per numerose procedure endoscopiche Immissione sul mercato di strumenti con sempre migliori ergonomie e sistemi di sicurezza Analisi dei rischi chirurgia mininvasiva conoscere ed evitare le possibili complicazioni derivanti da uno specifico strumento o metodo per fornire un servizio più efficiente per ridurre i costi per evitare contenziosi in sede legale

3 MECCANISMI DI DIFESA RISCHI IN SALA OPERATORIA EVENTI AVVERSI Esperienza Controlli/protocolli Organizzazione Design della strumentazione MODELLO DI REASON

4 Rischi derivanti dallerrore umano: percezione visiva e tattile Non è possibile sostituire la visione stereoscopica. Con lesercizio ripetuto il chirurgo impara a servirsi della visione 2D visione tunnel:visione tunnel: concentrare la vista su un punto per lungo tempo può portare il cervello a non elaborare correttamente le informazioni circostanti

5 Rischi derivanti dallerrore umano: percezione visiva e tattile E utile avere informazioni, anche ridondanti, dalla vista e dal tatto Perdita parziale o totale di percezione tattile Interposizione degli strumenti tra il tessuto e le mani

6 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Tecnica di accesso chiusa: Ago di Veress Ago di Veress Introduzione alla cieca del primo trocar Introduzione alla cieca del primo trocar

7 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Tecnica di accesso aperta: Hasson Trocar ottici Hasson Trocar ottici

8 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Lesioni vascolari maggiori: Aorta Aorta Arteria iliaca comune Arteria iliaca comune Vena cava Vena cava Arteria mesenterica inferiore Arteria mesenterica inferiore Arteria lombare Arteria lombare Lesioni vascolari minori: Vasi epigastrici Vasi epigastrici Vasi omentali Vasi omentali Vasi mesenterici Vasi mesenterici Altri vasi di minor portata Altri vasi di minor portata DANNO VASCOLARE

9 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Lesioni viscerali: Ileo Ileo Digiuno Digiuno Stomaco Stomaco Colon Colon Tratto urinario Tratto urinario

10 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Problemi causati dallinsufflazione Sistema cardiovascolare: precarico ed postcarico; precarico ed postcarico; pulsazione e pressione; pulsazione e pressione; attivazione del sistema renina- angiotensina-aldosteroneattivazione del sistema renina- angiotensina-aldosterone rilascio di vasopressinarilascio di vasopressina rilascio di adrenalinarilascio di adrenalina Derivanti dallutilizzo di anidride carbonica: ipercapnia ipercapnia acidosi respiratoria acidosi respiratoria

11 Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro Problemi causati dallinsufflazione pressione intraddominale pressione intraddominale pressione intratoracica pressione intratoracica compliance toracopolmonare compliance toracopolmonare resistenza delle vie aeree resistenza delle vie aeree spazio morto problemi nellequilibrio ventilazione/perfusione

12 Problemi causati dallinsufflazione perfusione renale e tasso di filtrazione glomerulare perfusione renale e tasso di filtrazione glomerulare perfusione splancnica (per compressione dei vasi mesenterici) perfusione splancnica (per compressione dei vasi mesenterici) perfusione portale aumento degli enzimi epatici perfusione portale aumento degli enzimi epatici Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

13 Problemi causati dallinsufflazione Tecniche gasless compressione dei tessuti ischemie dolore compressione dei tessuti ischemie dolore assenza di exsufflazione intossicazione da CO (remoto) assenza di exsufflazione intossicazione da CO (remoto) Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

14 Embolia gassosa lesione diretta di un vaso con ago di Veress o col primo trocar lesione diretta di un vaso con ago di Veress o col primo trocar lesione intraoperativa di un organo parenchimatoso (fegato) lesione intraoperativa di un organo parenchimatoso (fegato) eccessiva P intraddominale (>20 mmHg) con gas poco solubile (He, N 2 O) eccessiva P intraddominale (>20 mmHg) con gas poco solubile (He, N 2 O ) Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

15 enfisemi subcutanei pneumotorace pneumomediastino pneumopericardio Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

16 Aumenti eccessivi di pressione Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

17 Contaminazioni del paziente e/o dellambiente operatorio Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

18 Rischi relativi alla chiusura degli accessi Un gran numero di lesioni vascolari parietali può rimanere asintomatico durante la procedura a causa della compressione del trocar Incisioni > 8 mm rischio di ernie incisionali La maggiore incidenza di tali lesioni si riscontra a livello periombelicale, a causa della sottigliezza della parete addominale Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

19 Rischio di metastasi nel sito di accesso Rischi derivanti dallaccesso e creazione della camera di lavoro

20 Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia

21 Isolamento

22 contatto tra lelettrodo attivo e un elemento conduttivo adiacente ad un tessuto elettrodo attivato elemento metallico (ottica) trocar metallico trocar isolante parete ansa Accoppiamento diretto Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia

23 correnti monopolari elettrodo di ritorno ritorno della corrente al generatore regioni a bassa impedenza effetti avversi in siti lontani Correnti di dispersione Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia

24 Correnti di dispersione Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia

25 Correnti di dispersione superficie esterna del paziente + parte metallica del tavolo operatorio Correnti di dispersione ustioni cutanee

26 Accoppiamento capacitivo Formazione di effetti capacitivi tra parti metalliche e isolate dello strumento correnti indotte nella parete Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia parte attiva + strato isolante + trocar metallico =condensatore trocar isolato correnti indotte attraverso il tessuto più vicino

27 Rischi derivanti dallutilizzo dellelettrochirurgia Rischi in chirurgia bipolare Rischi molto più contenuti rispetto alle correnti monopolari Ustioni pericolose nella prossimità della punta dello strumento se: applicazione continuativa applicazione continuativa prossimità di strutture sensibili prossimità di strutture sensibili

28 Rischi derivanti dallutilizzo degli ultrasuoni Danni derivanti dal calore dipendono dal tempo di attivazione Intorno a 5 secondi la temperatura è di 80°C, intorno ai 10 secondi può raggiungere 200°C. Si osservano lesioni fino a 21 mm di distanza dallo strumento

29 Rischi derivanti dallutilizzo degli ultrasuoni

30 Rischi per loperatore: lergonomia degli strumenti per chirurgia laparoscopica Vari report in letteratura illustrano problemi muscolo-scheletrici relativi al design degli strumenti per chirurgia laparoscopica discomfort della mano e delle estremità discomfort della mano e delle estremità paresi della mano paresi della mano neuropatie temporanee da compressione delle dita neuropatie temporanee da compressione delle dita

31 Conclusioni esistono sempre rischi legati alla procedura in sé, alla strumentazione, alla mancata osservanza dei criteri base di sicurezza elettrica, alla disattenzione ed alla mancata osservazione e pianificazione della sala operatoria precedentemente allintervento Tre approcci: design appropriato della dotazione tecnologica design appropriato della dotazione tecnologica miglioramento di training e crediting miglioramento di training e crediting utilizzo di protocolli e linee guida utilizzo di protocolli e linee guida

32 LA SFORTUNA NON ESISTE… … E SOLO SCARSA ATTENZIONE AI PARTICOLARI. (Winston Churchill)


Scaricare ppt "Università degli Studi di Roma Tor Vergata Tecnologie Chirurgiche Innovative (Prof. Francesco Rulli, Dipartimento di Chirurgia) Risk Assessment in Minimally."

Presentazioni simili


Annunci Google