La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Utrecht Network Staff training workshop: Electronic access and Information Literacy Practices, Information ethics and plagiarsm Reykjavik 17-21 ottobre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Utrecht Network Staff training workshop: Electronic access and Information Literacy Practices, Information ethics and plagiarsm Reykjavik 17-21 ottobre."— Transcript della presentazione:

1 Utrecht Network Staff training workshop: Electronic access and Information Literacy Practices, Information ethics and plagiarsm Reykjavik ottobre 2011

2 Cosa racconteremo? Contesto, metodo e principali contenuti del Workshop Cosa ci ha più colpito e interessato Quali spunti per azioni concrete future?

3 Premessa e contesto L Utrecht network organizza diverse iniziative di formazione,di scambio di esperienze e buone pratiche tra gli studenti, i docenti e il personale delle università associate. Questo però è stato il primo seminario interamente rivolto al personale delle biblioteche! Era anche il centenario della fondazione dellUniversità dellIslanda ( ).Utrecht networkiniziative di formazione centenario L8 marzo 2011 ho partecipato assieme a una collega dellUniversità di Bergen (Norvegia) a Reykjavik ad un incontro preliminare di organizzazione del workshop

4 Il workshop Questo è stato linizio ludico il 17 ottobre sera con il primo incontro dei partecipanti che avevano portato cibi e bevande tipici dei propri paesi

5 Prima giornata La prima giornata del programma è stata dedicata alle presentazioni dei colleghi islandesi (la Biblioteca Nazionale e Universitaria; illustrazione della loro base dati sui periodici, Timaris.is; il Progetto islandese di archivio del Web; Gegnir, che è il consorzio del catalogo unico delle biblioteche islandesi; Hvar.is,portale nazionale daccesso agli e-journals e BD e il loro DB delle collezioni digitali dei manoscritti e delle antiche mappe Handrit.is)programmaTimaris.isarchivio del WebGegnirHvar.isHandrit.is

6 prima giornata A fine giornata un simpatico professore ci ha accompagnato in un interessante tour del Campus universitario mostrandoci i gioielli di famiglia!

7 Seconda giornata La seconda giornata si è svolta presso la scuola deducazione e durante la mattinata si son svolte le presentazioni dei poster dei partecipanti sulle azioni e i programmi dinformation literacy presso le rispettive università:scuola deducazione Cristina Nicolae, Graz University Library Efi Emmanouilidou, Aristotle University of Thessaloniki Hilde Wedvich, University of Bergen Library Iveta Gudakovska, Library of the University of Latvia Katalin Bikádi, Eötvös Loránd University, Budapest Mirjam Kotar, University of Ljubljana Triin Kaasik, Academic Library of Tallinn University Veronika Pereckova, Academic Library CU, Slovakia

8 Seconda giornata Nel pomeriggio oltre alla presentazione delle colleghe ungheresi sulla digitalizzazione del loro catalogo storico abbiamo assistito ad un interessante presentazione sul Writing Center, attivo presso la School of educationWriting CenterSchool of education

9 Terza giornata La terza giornata abbiamo ascoltato la presentazione della direttrice del dipartimento di Library and Information Science dellUniversità dIslanda, Agusta Palsdottir, e quindi il mio intervento suddiviso in tre parti: cosa è stato fatto allinterno delle attività del Progetto Formazione utenti allUniversità di Bologna il resoconto di unindagine a livello nazionale su IL e biblioteche universitarie che è stata condotta dal Gdl del progetto la scorsa estate e sulla quale uscirà un articolo nellultimo numero del 2011 del Bollettino AIBultimo numero del 2011 alcune riflessioni sui vantaggi dintegrare lapproccio quantitativo con quello qualitativo quando si analizzano i servizi bibliotecari Infine la collega estone Signe Bachmann e Triin Kaasik di Tallin ci hanno illustrato le loro esperienze di IL e e-learning Il pomeriggio è stato dedicato ai gruppi di lavoro sulle tematiche del seminario

10 Ultimo giorno Lultima giornata è stata dedicata alle tematiche dellutilizzo etico dellinformazione sulle quali si sono incentrate le tre presentazioni della Professoressa Agusta Palsdottir, del collega Vincas Gringas di Vilnius e Roy Lammel dellUniversità di Leipzig. In conclusione della giornata e del seminario cè stato un lavoro collettivo organizzato per gruppi sulle tematiche legate agli sviluppi della professione e sulle possibilità di cooperazione future dei partecipanti. Trovate tutte le presentazioni al seguente linkseguente link

11 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? I colleghi che han partecipato al seminario provenivano dai seguenti paesi: Islanda, Norvegia, Italia, Grecia, Lettonia, Estonia, Lituania, Ungheria, Slovenia, Slovacchia, Austria, Germania La realtà che è parsa più avanzata è sicuramente quella norvegese (Università di Bergen); In questa università lattività di formazione degli utenti è centrale nellofferta dei servizi bibliotecari ed è inserita nel Piano Strategico delluniversità Piano Strategico Secondo anche quanto riferisce Laura Ballestra nel suo recente libro Information literacy in biblioteca lesperienza di Bergen è particolarmente significativa perché collega lesperienza sul campo dei bibliotecari ad una solida base teorica relativa al modo dinterpretare le competenze informative e il ruolo delle biblioteche nel processo dapprendimento.

12 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Tutta lattività di formazione viene portata avanti con grande coerenza e sistematicità. Infine è dato molto rilievo al nesso tra informazioni e documenti e i diversi ambiti disciplinari sono considerati essenziali nella definizione dei diversi micro-universi informativi I bibliotecari di Bergen tra i due possibili ruoli del bibliotecario (identifier, cioè colui che identifica, o aiuta a identificare le risorse, e counselor, colui che supporta lapprendimento orientando al problem solving) puntano decisamente sul secondo Inoltre per loro è sempre ben chiara la distinzione di ruoli tra il docente della materia, (academic supervisor) che è la figura di riferimento per il percorso di ricerca vero e proprio, e il bibliotecario che interviene lavorando su ciò che viene definito come scrittura per pensare, agendo sulla fase iniziale della ricerca per determinare i termini da utilizzare e organizzare funzionalmente e logicamente il percorso (attraverso il brainstorming).

13 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Infine è da segnalare il loro interessante tutorial interattivo che mette in stretta relazione le competenze necessarie per la ricerca bibliografica con quelle necessarie per la scrittura della tesi e/o dei vari papers: Cerca&Scrivi. Cerca&Scrivi Infatti nel percorso universitario norvegese i lavori scritti sono il normale strumento attraverso cui vengono valutati gli studenti nel corso dei loro studi

14 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Tutti gli altri paesi, compresa lIslanda sembrano essere ad un livello di sviluppo dei servizi di user education molto simile e condividono problematiche ampiamente comparabili e così riassumibili: In nessuna realtà i corsi sono accreditati in maniera estensiva; il modello più diffuso è quello che vede un mix di corsi accreditati e obbligatori, accanto a corsi accreditati ma opzionali e infine corsi offerti dalle biblioteche (opzionali e senza crediti) I corsi sono quasi sempre differenziati in base alle diverse tipologie di utenti: matricole, laureandi della triennale, laureandi della specialistica, dottorandi, staff, ecc. Anche i modelli di somministrazione dei corsi differiscono tra quelli integrati allinterno di una disciplina (embedded) e quelli proposti dalle biblioteche in autonomia

15 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Non sempre la user education copre tutta la gamma di tematiche proprie dellInformation Literacy; più spesso ci si ferma a livello di library istruction, ossia corsi sullutilizzo della biblioteca e illustrazione delle modalità dinterrogazione dei cataloghi e delle banche dati; mentre spesso restano esclusi altri argomenti come la selezione e la valutazione della qualità dei risultati recuperati, il loro riutilizzo eticamente e legalmente corretto, gli stili citazionali, i principali metodi di valutazione della qualità della ricerca, sw di gestione bibliografica, ecc. Altro aspetto che ha trovato una larga condivisione è la necessità e opportunità che lIL venga inclusa nei documenti strategici (a livello nazionale, nelle università, nelle facoltà, ecc.) nei criteri di valutazione e certificazione della qualità e nei principi che definiscono leccellenza educativa

16 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Tutti hanno concordato e insistito molto sulla necessità e sullimportanza di creare e/o rafforzare alleanze strategiche tra tutti i protagonisti dei processi di studio e apprendimento (docenti e decisori politici) che possono avere uninfluenza determinante nel sostenere la necessità di attivare un piano formativo sulle competenze informative Tutti concordano anche sulla necessità di trovare dei metodi efficaci di verifica dellapprendimento e della ricaduta effettiva della formazione sulle abilità di ricerca degli studenti e sulla loro capacità di muoversi autonomamente nello studio e nella ricerca; in altri termini siamo ancora alla ricerca di una verificabilità dei benefici dei corsi di IL ai fini dellapprendimento! Tutti convergono sullopportunità di sviluppare pratiche di condivisione relativamente ai contenuti dei corsi IL, alle metodologie didattiche e ai materiali didattici utilizzati Altro suggerimento condiviso: lopportunità di valutare le competenze informative degli studenti allinizio del loro percorso universitario per poter offrire corsi più mirati

17 Quali punti di contatto tra tante realtà diverse? Necessità di promuovere le competenze informative tra pubblici differenti Necessità di corsi di formazione per formatori! I bibliotecari non hanno competenze pedagogiche…

18 Iniziative formative non a catalogo: Il programma Staff Training nellAteneo di Bologna come opportunità di sviluppo professionale 10/01/ :00Aula Romei, via delle Belle Arti 42

19 Alina Renditiso Coordinatrice Biblioteche Area Sociale Area ASDD Tel


Scaricare ppt "Utrecht Network Staff training workshop: Electronic access and Information Literacy Practices, Information ethics and plagiarsm Reykjavik 17-21 ottobre."

Presentazioni simili


Annunci Google