La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gli oppioidi Papaver somniferum incisione delle capsule non ancora mature fuoriuscita di lattice essiccazione OPPIO Oppioidi = tutte le sostanze stupefacenti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gli oppioidi Papaver somniferum incisione delle capsule non ancora mature fuoriuscita di lattice essiccazione OPPIO Oppioidi = tutte le sostanze stupefacenti."— Transcript della presentazione:

1 Gli oppioidi Papaver somniferum incisione delle capsule non ancora mature fuoriuscita di lattice essiccazione OPPIO Oppioidi = tutte le sostanze stupefacenti dotate di azioni farmacologiche comparabili a quelle della morfina

2 OPPIOIDI ENDOGENI (endorfine, encefaline, dinorfine): modulazione del sistema di controllo del dolore e del sistema limbico (+ temperatura corporea, funzione respiratoria, diuresi, assunzione di cibo, del bere, dellattività sessuale e dei processi mnestici); OPPIOIDI ESOGENI: ALCALOIDI NATURALI dellOPPIO (morfina, codeina, papaverina, noscapina, etc.); DERIVATI SEMI-SINTETICI della MORFINA (es. eroina); FARMACI COMPLETAMENTE SINTETICI (metadone, petidina, fentanil, etc.).

3 AGONISTI PURI (attivazione dei recettori): morfina, codeina, eroina, petidina, metadone (molto usato nella terapia di mantenimento), ossimorfone, idromorfone, propossifene (simile al metadone, orale), fentanil (chirurgia), sufentanil, alfentanil, LAAM (levo-alfa-acetil-metadolo: orale, mantenimento per lunga durata); ANTAGONISTI PURI (inibizione dei recettori: neutralizzano gli effetti degli agonisti e ne occupano i recettori): naloxone (non analgesico, rapido per le overdose; breve durata e via parenterale), naltrexone (orale, lungo ma assunzione quotidiana per mantenimento); AGONISTI-ANTAGONISTI ad AZIONE MISTA a seconda delle dosi e degli specifici recettori (limitata analgesia, limitato abuso): nalbufina, butorfanolo, pentazocina, buprenorfina, dezocina.

4 Cenni storici Ipnoinducente e analgesico (sumeri, egizi e greci – Galeno, Odissea, Eneide, Demetra e Morfeo), sostituto alcolico (Islam) e uso ricreativo (India e Cina) : laudano (rara dipendenza) 1805: viene isolato per la prima volta lalcaloide fondamentale delloppio, la morfina rivoluzione industriale: sciroppi, cordiali, polveri (insonnia, ansia, mal di testa) – Byron, Keats. Collins, Dickens, Baudleaire, Coleridge, De Quincey: Le confessioni di un mangiatore doppio 1853: Wood inventa la siringa ipodermica Seconda metà dellottocento: panacea di tutti i mali (es. alcolismo), anche sociali, venduta senza ricetta - Wagner, Bismarck, Maupassant, Charcot: moda intellettuale e raffinata

5 Malattia del soldato (guerra di secessione americana e conflitto franco-prussiano) 1898: la Bayer commercializza leroina (heroisch = eroico): Contro tutti i dolori, sedativa della tosse, per la cura dei tossicomani (assunta per bocca e per la tosse) 1912: I Opium Convention internazionale; 1914: Harrison Narcotic Act: dalle donne delle classi medie ai giovani maschi delle classi inferiori 1973: primo decesso ufficiale. Il consumo di eroina è ormai un fenomeno di ampie proporzioni : in Italia la diffusione è molto ampia e lopinione pubblica ne è coinvolta: si aprono comunità terapeutiche e si ricorre alla produzione di metadone Dalla seconda metà degli anni 80: progressiva diminuzione a favore di altre sostanze (cocaina, droghe sintetiche)

6 Le statistiche italiane Utenti trattati dal Ser.T. distribuiti per consumo primario di sostanze nel 2002: Percentuali dal 1991 al 2002:

7 Modalità di assunzione delleroina FUMO: effetti intensi se in grande quantità (Vietman). Meno rischiosa per HIV e HCV INALAZIONE: primo contatto; grandi quantità (ma inferiori al fumo); basso rischio di HIV, HCV e dipendenza (tratto naso-faringeo e gastrointestinale) INIEZIONE INTRAMUSCOLARE: comune tra i neofiti, più economico INIEZIONE ENDOVENOSA: dosi dimezzate: grande diffusione. Raggiunge rapidamente il circolo sanguigno e il cervello; rapida anche la dipendenza.

8 Effetti farmacologici della morfina ANALGESIA: riduzione dellintensità del dolore e del disagio soggettivo; EUFORIA: stato di contentezza, benessere e assenza di preoccupazioni per attivazione del sistema libico; SEDAZIONE e ANSIOLISI: con leggera sonnolenza, obnubilamento mentale, perdita di concentrazione, apatia, tranquillità; DEPRESSIONE RESPIRATORIA: alta concentrazione di anidride carbonica, letale a sovradosaggio; SOPPRESSIONE DELLA TOSSE: più efficace la codeina (orale, meno analgesico); MIOSI; NAUSEA e VOMITO: zona chemiocettrice del vomito nel midollo allungato; SINTOMI GASTRO-INTESTINALI: stitichezza

9 Tolleranza = responsività progressivamente decrescente a un farmaco (metabolica, da adattamento cellulare, situazionale): Disposizionale (risposta fisiologica); Dosi assunte; Frequenza nella somministrazione Tolleranza crociata verso tutti gli altri oppiacei, ma non verso i sedativi ipnotici.

10 Overdose = assunzione superiore alla capacità di tolleranza depressione respiratoria anossia cerebrale coma: Dose abituale dopo astinenza; Percentuale di sostanza attiva; Associazione con alcool e psicofarmaci; Volontaria

11 La tossicodipendenza secondo lO.M.S. DIPENDENZA = uno stato di dipendenza psichica o fisica o psicofisica che si sviluppa in una persona che periodicamente o continuamente assume una data droga. DIPENDENZA FISICA = gravi sintomi di astinenza (loppiaceo è assunto per attenuarne o evitarne i sintomi) dopo la brusca interruzione dallassunzione cronica (3 settimane) per sovraregolazione adattativa (effetti opposti: es. morfina – sovreccitazione, abbassamento del tono dellumore, ipersensibilità al dolore) DIPENDENZA PSICHICA = incapacità di funzionare emozionalmente senza consumarne SINTOMI e SEGNI DI ASTINENZA (non letali): 1) ansia, dolorabilità, craving e ricerca; 2) irrequietezza motoria e nellumore, lacrimazione, sudorazione, sbadigli, insonnia, sensibilità al dolore; 3) dolori ossei e muscolari, vampate, nausea, vomito, diarrea, crampi, febbricola CRISI DI ASTINENZA?

12 Le fasi della tossicomania Prime somministrazioni: a)nausea, vomito, sudorazione ma flash; b)sonnolenza; c) energia e vivacità intellettuale (senso di autocontrollo e di luna di miele). Dopo poche settimane: tolleranza, senso di essere dominato, trascuratezza verso ogni altro interesse (dalligiene allalimentazione), timore di doversi identificare con il tossico, manipolazione dei servizi (conseguenze negative a livello legale, familiare, sociale, lavorativo, astinenziale, …); Fase successiva: ambivalenza (Vorrei smettere ma non ce la faccio), astensioni e fallimenti. Può durare anni. Il consumatore svolge sempre un ruolo attivo, prende decisioni fra le possibili alternative sulla scorta di sentimenti e credenze, significati, aspettative, contesti.

13 Il trattamento multimodale integrato nei servizi pubblici Dalla cultura drug free alla politica di riduzione del danno: modificare gli stili di consumo più pericolosi (rischi di overdose e di infezioni, di devianza sociale) – es. programmi di scambio di siringhe sterili, anche per coloro che continuano a consumare eroina. Percorso terapeutico individuale e flessibile (bisogni, risorse, caratteristiche individuali – patologie correlate, polidipendenza, funzionamento psicosociale, strutture disponibili, etc.): negoziazione e lavoro sulla motivazione

14 Interventi integrati in équipe: - farmacologico: a) disintossicazione: procedimenti mediante i quali un soggetto è portato fuori dalla dipendenza fisica (es. metadone, benzodiazepine per linsonnia, antiemetici per la nausea, analgesici e antinfiammatori, …) – individuazione della dose, poi progressivamente ridotta. Importante ridurre al minimo il dolore e preparare il soggetto al lungo percorso (naltrexone); b) terapia di mantenimento con sostanze sostitutive: sostituzione della sostanza illegale con metadone o analoghi (lunga emivita ed efficace contro il craving in favore di occupazioni lavorative e relazionali alternative) c) prevenzione di ricadute mediante antagonisti (es. naltrexone): affiancato al sostegno per alto abbandono

15 - Sanitario: Rischio di morte maggiore del 20-30% rispetto alla restante popolazione: overdose, incidenti, lesioni, infezioni, complicanze mediche. CONSEGUENZE DIRETTE: - CONSUMO REGOLARE: secchezza delle fauci e del naso (perforazione del setto nasale), rallentamento dellattività gastro- intestinale, stitichezza, vene sclerotizzate, segni di punture, frequenti disfunzioni sessuali (dellerezione, della funzione riproduttiva, della regolarità mestruale); - ASSUNZIONE RECENTE: sonnolenza, prurito, arrossamento degli occhi, miosi CONSEGUENZE INDIRETTE: - bruciature di sigarette; - HIV, AIDS, Epatite B ed Epatite C (riduzione del danno per la siringa, ma non per i rapporti sessuali a rischio)

16 - psicoterapeutico: presente soprattutto nella fase iniziale, per laccoglienza, la definizione del progetto terapeutico e linizio del trattamento. Psicoterapie individuali, di gruppo (connotazione risocializzante), familiari; psicodramma; interventi di problem solving e di social skill training. Orientamenti: psicoanalitico, cognitivo-comportamentale, strategico, sistemico-familiare, narrativistico - interventi di servizio sociale: assistenza domiciliare, vitto, alloggio, sussidio, assistenza per problemi di alloggio e lavorativi - socio-riabilitativo: comunità terapeutiche residenziali e semi- residenziali con terapie di gruppo a finalità di risocializzazione: prospettiva evolutiva a tempo spesso indeterminato, che ha come punto di arrivo un soggetto adulto, maggiormente in grado di fronteggiare gli stati di disagio e gli eventi delle vita quotidiana senza lausilio della droga, capace di estrinsecare le sue potenzialità, di trovare una collocazione lavorativa, di instaurare e mantenere dei legami affettivi, di sperimentare stati di benessere psicologico (Cagossi, 1988)…

17 Distacco dallambiente consueto e adesione a uno stile di vita diverso: ristrutturare lidentità del consumatore attraverso un sistema di norme, attività e significati che solleciti forme di auto- rappresentazione nuove rispetto alla precedente identità deviante in termini di azioni, sentimenti, emozioni e atteggiamenti. Eterogeneità (per gerarchie, di specializzazione degli operatori, etc.), anche nella valutazione Comunità implicitamente terapeutiche: modello di vita alternativo, solidale e di condivisione. Chiuso, gerarchico, regolamentato rigidamente, ha come operatori ex-tossicodipendenti e prevede un percorso lungo (24-36 mesi). Il consumatore è visto come immaturo e lobiettivo è sostituire linfantilismo a unetica del lavoro (specchio di gruppo) ricompensata con avanzamenti nella scala gerarchica: Comunità di accoglienza (es. Gruppo Abele): dimensioni limitate, persone emarginate, centrate sul rapporto operatore-ospite; Comunità di vita (es. San Patrignano): dimensioni medio-grosse, dallispirazione di un leader carismatico, centrate sul lavoro, sullacquisizione di capacità e competenze tecniche.

18 Legame che perdura: - protezione (divieto di uscire, forte differenza di status, controllo rigido dei bisogni primari, sistema rigido di premi e punizioni, sfere della vita separate – dormire, lavorare, divertirsi, etc.) - ex-tossico Comunità esplicitamente terapeutiche: le più diffuse. Condotte da professionisti che progettano percorsi individualizzati e coinvolgono le famiglie; sono comunità finalizzate al reinserimento (12-18 mesi al massimo a cui seguono periodici rientri). Regole: non consumare droghe, non rubare, non esercitare violenza. Obiettivo: responsabilizzazione verso lautonomia e lindipendenza. Il consumatore è visto come attivo e responsabile delle proprie scelte e quindi autore del proprio recupero. Identità realmente alternativa.


Scaricare ppt "Gli oppioidi Papaver somniferum incisione delle capsule non ancora mature fuoriuscita di lattice essiccazione OPPIO Oppioidi = tutte le sostanze stupefacenti."

Presentazioni simili


Annunci Google