La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cocaina e le amfetamine Estrazione dalle foglie di un arbusto sempreverde (erytroxylacea) che si coltiva prevalentemente nellAmerica centro-meridionale:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cocaina e le amfetamine Estrazione dalle foglie di un arbusto sempreverde (erytroxylacea) che si coltiva prevalentemente nellAmerica centro-meridionale:"— Transcript della presentazione:

1 La cocaina e le amfetamine Estrazione dalle foglie di un arbusto sempreverde (erytroxylacea) che si coltiva prevalentemente nellAmerica centro-meridionale: macinate e spremute trattamenti chimici: sale cloridrato tagliato per aumentarne il volume (con zucchero, talco, caffeina, efedrina, …): neve una dose (20-30 milligrammi: 25% di cocaina): azione sulle catecolamine (dopamina, noradrenalina e serotonina)

2 Cenni storici 1859: il fisiologo Paolo Mantegazza pubblica a MI un saggio dal titolo Sulle virtù igieniche della coca e degli alimenti nervosi in genere: diffusione nel mondo medico; 1859: il chimico tedesco Albert Niemann ottiene cocaina pura; Intorno al 1880 le applicazioni mediche della cocaina diventano di moda come cura di quasi tutti i mali, soprattutto dellalcolismo, della morfina e della depressione (Minnesota), entra nella farmacopea degli USA. Freud lo impiega per i dolori allarto fantasma di un paziente; 1886: Sul New York Medical Journal appare un articolo che mette in guardia il mondo medico verso I rischi; 1890: Freud pubblica Uber Coca in cui si esaltano le virtù della cocaina come anestetico 1891: discredito della cocaina tra i medici per la dipendenza e la tossicità emersa a seguito delluso in sede chirurgica. Freud cede infine per non compromettere il suo prestigio professionale ma continua a farne uso personale per contrastare timidezza, melanconia e inibizione;

3 Nonostante una legislazione penale repressiva, la cocaina diventa popolare tra gli intellettuali (Stevenson, Conan Doyle, Joyce, DAnnunzio, Proust, etc.) e, diluito nel vino, diventa ingrediente di elisir, tonici e bevande ricostituenti (Coca Cola); Negli anni 20 diventa sinonimo di uno stile di vita trasgressivo e sentimentale, dissipato e intensamente estetico; Negli anni 40 le amfetamine prendono il posto della cocaina: più economiche e maneggevoli, non venivano considerate tossiche, avevano pressoché gli stessi effetti e non erano bandite dalla legge: durante la guerra vengono distribuite tra i soldati tedeschi e inglesi; Luso ne mette in luce i rischi e anche le amfetamine vengono bandite, ma vengono ancora largamente usate tra gli atleti di resistenza e nelle terapie anoressizzanti; Negli anni 70 torna di moda la cocaina nel movimento di controcultura giovanile delle generazione del dissenso; Negli anni 80 e 90 rimane il valore della trasgressione ma come complemento di sballo delle feste, eccitante e di aiuto nelle prestazioni.

4 Percentuali di abuso primario dal 1991 al 2002: Percentuali di abuso secondario dal 1991 al 2002:

5 Modalità di assunzione della cocaina INALATORIA: pasta dalla macinazione spremitura delle foglie + reagenti chimici: 60-80% di cocaina. Fumata prevalentemente in Sudamerica Crack: E cocaina più concentrata: fumo, inalazione con cannuccia riscaldata, vaporizzata a bassa temperatura. E la preparazione più utilizzata (raggiunge il cervello in pochi secondi attraverso i polmoni) Cocaina free-base, sottoforma di cristalli che vengono frantumati e fumati in pipe di vetro NASALE: una riga di cocaina cloridata fornisce milligrammi di sostanza ORALE: foglie di coca, Cocaina-HCl ENDOVENOSA: cocaina-HCl

6 Effetti farmacologici della cocaina A seconda del tipo di assunzione: - leffetto psico-attivo rimane lo stesso; - la rapidità e lintensità variano: il crack è rapido e intenso (chi lo consuma ricerca il rush); il consumo tradizionale per via intranasale è finalizzato al campo relazionale (disinibizione, socievolezza, rendimento intellettuale); - gli effetti durano per circa unora, dopo di che, per risentirli, è necessario assumerne ancora.

7 Tre fasi: Euforia: piacere, orgasmo, velocissimo e di brevissima durata (pochi secondi) Il pasto nudo (W. Borroughs): Hai mai tirato cocaina lungo la linea? Ti colpisce proprio nel cervello e ti attiva una serie di connessioni di mero piacere. Il godimento dato dalla morfina è più viscerale: dopo un buco ti ascolti. Ma la neve è la vera scossa elettrica che ti attraversa il cervello senza un corpo e senza altre sensazioni di sorta. Un cervello caricato di cocaina è come un biliardino elettrico pieno di luci variopinte… Le voglie appagate con la cocaina sono una serie di vite vissute che ti scivolano tra le dita, un piacere estremo Eccitazione: energia, lucidità e produttività intellettuale, accelerazione emotiva, senso di sicurezza, benessere fisico, scomparsa di dolori, stanchezza, sonno e appetito; può durare da minuti a ore in relazione alle modalità di assunzione, quantità e purezza Disforia: irrequietezza, agitazione e depressione bramosia da cocaina

8 Tolleranza : i confronti con la morfina Metabolica: il fegato degrada la cocaina sempre più efficientemente (adattamento difensivo); Cellulare: i siti neuronali riducono la propria sensibilità alla sostanza leuforia diminuisce e si precipita nellesperienza contraria: umore triste, senso di perdita, irritabilità, astenia fisica, rallentamento fisico e intellettuale. Ciò che rimane è la memoria dello stato precedente craving; Condizionata: i segnali ambientali che accompagnano la somministrazione di cocaina diventano stimoli condizionati che evocano una risposta compensatoria (anche negli animali): Overdose; Condizionamento o conferma di identità (ruoli, comportamenti, riconoscimenti che generano identità: euforia, sicurezza, efficienza, vitalità intellettuale, resistenza fisica, vigore sessuale, pieno benessere, eliminazione di stanchezza, fame, sonno)? Inversa (per riduzione o assenza nel fegato dellenzima che metabolizza la cocaina)

9 Crisi di astinenza: I fase: depressione e insonna allo scemare delleffetto euforizzante; II fase: anedonia, disforia e distacco dalla realtà; III fase: estinzione del bisogno, punteggiata da ricadute anche a lunga distanza (luoghi, persone, memoria, …).

10 Dimensioni psicologiche doppio rinforzo (positivo e negativo) riorganizzazione emotiva e cognitiva della rappresentazione di sé e degli schemi che orientano lidentità personale e il senso di auto- efficacia: il significato simbolico attribuito agli stati mentali e ai comportamenti connessi agli effetti della cocaina è funzionale al valore sociale performativo e consente la conferma del proprio valore il valore aggiunto in un sistema già integrato diviene centrale a seguito di esperienze ricche di significati emotivi e biograficamente rilevanti (prestazione fisica, intellettuale, interpersonale): lidentità futura dipende dalla conferma o dallapprovazione sociale legata alla performance; evasione dallinquietudine, dalla routine, dalla prevedibilità + soglia ottimale di stimolazione; auto-terapia di sentimenti di incertezza, scarsa fiducia nelle proprie capacità, bassa autostima, anche grazie allinserimento in un gruppo emancipato, che ne migliora limmagine di sé (col rischio di sintomi maniacali e/o di maggiori problemi in astinenza)

11 Un comportamento aggressivo, intenzionale e focalizzato, può essere causato da unintossicazione di cocaina? Unintossicazione da cocaina (o da amfetamine) può accentuare la tendenza a dare uninterpretazione minacciosa di una situazione. Lo stato di fondo è la paura, non laggressività. La cocaina può disinibire o accentuare sentimenti e cognizioni evocati dal tipo di identità situazionale e relazionale che una persona attribuisce a se stessa: cè chi prende cocaina per fare una rapina, chi per essere allaltezza di una prestazione sessuale, chi per rendersi socialmente brillante, chi per superare un esame, …

12 Le amfetamine Mahuang = pianta del deserto indicata da antiche prescrizioni cinesi come efficace contro lasma si isola lefedrina, lalcaloide principale, attraverso un procedimento complesso e dispendioso ricerca di un prodotto di sintesi amfetamine Il loro effetto è quasi indistinguibile da quello della cocania.

13 Uso terapico delle amfetamine: trattamento dellenuresi e dellincontinenza (effetto contrattile sullo sfintere della vescica); trattamento dellobesità (inibiscono la fame) - in caso di abuso: assuefazione, ipertensione, disturbi del sonno, palpitazioni, bocca secca, abbassamento del tono dellumore. Terapia per uninsufficiente ossigenazione e nutrizione dei tessuti: aumenta la contrattilità del miocardio e le resistenza vascolare periferica; Terapia dellipotensione (alza la pressione sanguigna); Trattamento dellaritmia cardiaca e dellinsufficienza cardiaca congestizia; Procedure chirurgiche (per il contenimento delle emorragie a naso, gola e laringe); Decongestione nasale (es. rinite allergica); Trattamento di reazioni allergiche (es. pruriti, orticarie); Terapia della narcolessia (ipersonnia e attacchi di sonno improvvisi) Terapia di ADD-H - in caso di abuso: insonnia, anoressia, dolori addominali, arresto della crescita.

14 Uso consueto: elevato stato di vigilanza, soppressione della stanchezza, del sonno e della fame, sensazione di maggior benessere fisico, euforia ed estroversione: sport, diete, prestazioni estreme, tono dellumore, prestazioni sessuali. Pericolo di (dalle 36 alle 72 ore): aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna ipertensione e diminuzione del numero di piastrine (problemi di coagulazione); iperpnea e disidratazione della gola; alterazione prolungata del ritmo sonno-veglia con deprivazione prolungata di sonno; ipertermia, vampate, pruriti;

15 inibizione delle funzioni intestinali: difficoltà di minzione amenorrea e disturbi del desiderio sessuale, impotenza e disturbi eiaculatori; stereotipia ipercinetica contrazioni, crampi e dolori diffusi inappetenza, restrizione dello stomaco anoressia, ulcera gastro-intestinale, spasmi del piloro; irritabilità, illusioni, allucinazioni e ideazioni paranoiche (anche dopo leliminazione della sostanza nellorganismo), stato confusionale, logorrea alternanza tra condizione semi-letargica e agitazione rapida tolleranza e dipendenza (doppio rinforzo methedrina in vena o inalazione di metamfetamina cloridrato a base libera – ICE, speed, crystal); diagnosi schizofreniche (zoopsie; no offuscamento della coscienza, disordini di pensiero, atimia e perdita di contatto sociale; peggioramento con barbiturici e benzodiazepine)

16 Il trattamento psicologico di cocaina e amfetamine Problemi: Dipendenza anche da altre sostanze; Non esistono antagonisti specifici (antidepressivi e anti- psicotici ma bisogna attendere almeno 10 gg perché cominci a fare effetto); Immagine e comportamenti socialmente apprezzati; Problemi affettivi, relazionali e di comportamenti devianti (maggior autocontrollo nel consumo, remissione dei sintomi indesiderati, minor controllo sociale). Viene raccolta lesperienza soggettiva (risposte psicobiologiche, modalità di assunzione, effetti positivi e negativi, quadro biografico-relazionale, sistema normativo e valoriale) obiettivo = metamorfosi radicale (stile di vita), auto-monitoraggio e strategie per situazioni ad alto rischio, gruppi di auto-aiuto a modello AA o con un supervisore, terapia familiare: BASSI RISULTATI


Scaricare ppt "La cocaina e le amfetamine Estrazione dalle foglie di un arbusto sempreverde (erytroxylacea) che si coltiva prevalentemente nellAmerica centro-meridionale:"

Presentazioni simili


Annunci Google