La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Palmas Marianna matricola 545976. UN APPROCCIO SPERIMENTALE- LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Eric Lacourse,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Palmas Marianna matricola 545976. UN APPROCCIO SPERIMENTALE- LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Eric Lacourse,"— Transcript della presentazione:

1 Palmas Marianna matricola

2 UN APPROCCIO SPERIMENTALE- LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Eric Lacourse, Sylvana Cotè, Daniel S. Nagin, Frank Vitaro, Mara Brendgen and Richard E. Tremblay Eric Lacourse, Sylvana Cotè, Daniel S. Nagin, Frank Vitaro, Mara Brendgen and Richard E. Tremblay Carnegie-Mellon University and University of Montreal Carnegie-Mellon University and University of Montreal

3 QUADRO GENERALE SULLE TEORIE CHE SI OCCUPANO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Gottfredson e Hirschi: Teoria dellautocontrollo Gottfredson e Hirschi: Teoria dellautocontrollo Moffitt: 2 gruppi di individui antisociali Moffitt: 2 gruppi di individui antisociali Loeber e coll.: 3 distinti tracciati di comportamento antisociale Loeber e coll.: 3 distinti tracciati di comportamento antisociale

4 FATTORI CHE CONDUCONO A DIFFERENTI TRAIETTORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Assunzione di base: differenti fattori causali potrebbero portare a differenti traiettorie di comportamento antisociale Assunzione di base: differenti fattori causali potrebbero portare a differenti traiettorie di comportamento antisociale Gottfredson e Hirschi: incapacità dei genitori di promuovere lautocontrollo nei loro figli Gottfredson e Hirschi: incapacità dei genitori di promuovere lautocontrollo nei loro figli Moffitt: deficit neurologici presenti dalla nascita Moffitt: deficit neurologici presenti dalla nascita Ruolo delleducazione: Ruolo delleducazione: Patterson e coll.: educazione insufficiente Patterson e coll.: educazione insufficiente Hawskins e Weis: ambiente familiare negativo Hawskins e Weis: ambiente familiare negativo

5 I precedenti modelli implicano che gli interventi che punterebbero a fattori causali come le pratiche parentali, i deficit cognitivi dei bambini o le loro abilità sociali hanno la potenzialità di modificare le traiettorie di sviluppo del comportamento antisociale I precedenti modelli implicano che gli interventi che punterebbero a fattori causali come le pratiche parentali, i deficit cognitivi dei bambini o le loro abilità sociali hanno la potenzialità di modificare le traiettorie di sviluppo del comportamento antisociale

6 OBIETTIVI GENERALI DEL PRESENTE STUDIO Esaminare le ipotetiche tassonomie di sviluppo del comportamento antisociale e i loro fattori causali Esaminare le ipotetiche tassonomie di sviluppo del comportamento antisociale e i loro fattori causali Identificazione di gruppi di ragazzi che seguono, durante ladolescenza, distinte traiettorie di sviluppo per 3 tipi di comportamento antisociale: Identificazione di gruppi di ragazzi che seguono, durante ladolescenza, distinte traiettorie di sviluppo per 3 tipi di comportamento antisociale: Aggressione fisica Aggressione fisica Vandalismo Vandalismo Furto Furto Valutare limpatto di un programma sperimentale di prevenzione delle traiettorie di sviluppo del comportamento antisociale Valutare limpatto di un programma sperimentale di prevenzione delle traiettorie di sviluppo del comportamento antisociale

7 5 IPOTESI PRIMO OBIETTIVO PRIMO OBIETTIVO E stato valutato se: Il numero (H1) e la forma (H2) delle traiettorie sono conformi con le predizioni delle teorie dello sviluppo Il numero (H1) e la forma (H2) delle traiettorie sono conformi con le predizioni delle teorie dello sviluppo I bambini disturbanti (H3) allentrata a scuola hanno maggiori rischi di mostrare un alto livello di traiettorie antisociali durante ladolescenza I bambini disturbanti (H3) allentrata a scuola hanno maggiori rischi di mostrare un alto livello di traiettorie antisociali durante ladolescenza

8 5 IPOTESI SECONDO E TERZO OBIETTIVO SECONDO E TERZO OBIETTIVO E stato valutato se: Labilità (H4) di sorveglianza dei genitori e le abilità sociali-cognitive dei bambini hanno un impatto sulle traiettorie di sviluppo dellaggressione fisica, del vandalismo e del furto Labilità (H4) di sorveglianza dei genitori e le abilità sociali-cognitive dei bambini hanno un impatto sulle traiettorie di sviluppo dellaggressione fisica, del vandalismo e del furto Lintervento (H5) ha un impatto a lungo termine e perciò ostacola il riemergere di un comportamento antisociale Lintervento (H5) ha un impatto a lungo termine e perciò ostacola il riemergere di un comportamento antisociale

9 CAMPIONE I soggetti sono parte di uno studio longitudinale che iniziò nel Sono stati reclutati tutti ragazzi di sesso maschile, provenienti da classi della scuola materna di 53 scuole di basse aree socioeconomiche di Montreal, Canada. In tutto 909 ragazzi hanno risposto a un questionario sul comportamento antisociale quando avevano tra gli 11 e i 17 anni detà I soggetti sono parte di uno studio longitudinale che iniziò nel Sono stati reclutati tutti ragazzi di sesso maschile, provenienti da classi della scuola materna di 53 scuole di basse aree socioeconomiche di Montreal, Canada. In tutto 909 ragazzi hanno risposto a un questionario sul comportamento antisociale quando avevano tra gli 11 e i 17 anni detà Le insegnanti hanno valutato il comportamento dei bambini alla fine della scuola materna quando essi avevano intorno ai 6 anni detà Le insegnanti hanno valutato il comportamento dei bambini alla fine della scuola materna quando essi avevano intorno ai 6 anni detà

10 E stata usata la Scala disturbante del Questionario sul comportamento sociale; E stata usata la Scala disturbante del Questionario sul comportamento sociale; Essa include 13 items che misurano liperattività, laggressione e i comportamenti ostili; Essa include 13 items che misurano liperattività, laggressione e i comportamenti ostili; I ragazzi che hanno ricevuto punteggi al di sopra del 70° percentile nella scuola materna sono stati classificati (259) come disturbanti e considerati a rischio per comportamenti antisociali durante ladolescenza I ragazzi che hanno ricevuto punteggi al di sopra del 70° percentile nella scuola materna sono stati classificati (259) come disturbanti e considerati a rischio per comportamenti antisociali durante ladolescenza

11 Questi 259 ragazzi sono stati assegnati casualmente a uno di questi 3 gruppi: Questi 259 ragazzi sono stati assegnati casualmente a uno di questi 3 gruppi: Gruppo dintervento (IN); Gruppo dintervento (IN); Gruppo di controllo (CO); Gruppo di controllo (CO); Gruppo contattato per la sensibilizzazione (SC) Gruppo contattato per la sensibilizzazione (SC) Le analisi rivelano che i ragazzi del gruppo SC e del gruppo CO non differiscono su alcune variabili misurate ed è stato deciso perciò di riunirli in un unico gruppo per incrementare la potenza statistica Le analisi rivelano che i ragazzi del gruppo SC e del gruppo CO non differiscono su alcune variabili misurate ed è stato deciso perciò di riunirli in un unico gruppo per incrementare la potenza statistica

12 RISULTATI 2 o 3 percorsi/vie di sviluppo del comportamento antisociale durante ladolescenza; 2 o 3 percorsi/vie di sviluppo del comportamento antisociale durante ladolescenza; Piccolo gruppo di soggetti mostra un alto livello di comportamento antisociale durante ladolescenza e possono essere considerati casi cronici; Piccolo gruppo di soggetti mostra un alto livello di comportamento antisociale durante ladolescenza e possono essere considerati casi cronici; Le traiettorie di sviluppo per il vandalismo e il furto appaiono differenti da quella dellaggressione fisica; Le traiettorie di sviluppo per il vandalismo e il furto appaiono differenti da quella dellaggressione fisica; In sostanza, ci sono più ragazzi che presentano un alto livello di vandalismo e di furto piuttosto che di aggressione fisica In sostanza, ci sono più ragazzi che presentano un alto livello di vandalismo e di furto piuttosto che di aggressione fisica

13 PROGRAMMA PREVENTIVO: È stato realizzato in un periodo di 2 anni, nel periodo di età tra i 7 e i 9 anni È stato realizzato in un periodo di 2 anni, nel periodo di età tra i 7 e i 9 anni 2 obiettivi principali: 1) Addestramento delle abilità sociali dei bambini 2) Miglioramento delle abilità dei genitori

14 PROGRAMMA PREVENTIVO 1)Ci si aspetta che i bambini diventino meno disturbanti se imparano comportamenti sociali alternativi e molto più appropriati attraverso laddestramento di abilità sociali Laddestramento delle abilità sociali e di problem solving è stata condotta a scuola, in piccoli gruppi, da 4 professionisti Le sessioni sono bisettimanali e durano ciascuna 45 minuti

15 PROGRAMMA PREVENTIVO 2) Le stesse 4 figure professionali hanno anche condotto le sessioni di addestramento dei genitori nelle case dei ragazzi Le sessioni dei bambini sono su un videotape mentre quelle dei genitori su un audiotape Le sessioni dei bambini sono su un videotape mentre quelle dei genitori su un audiotape

16 Simili risultati non solo supportano i modelli teorici che suggeriscono che il comportamento disturbante durante la prima infanzia è un importante antecedente del comportamento antisociale durante ladolescenza, essi rinforzano anche lidea che la prevenzione del comportamento antisociale nelladolescenza dovrebbe iniziare durante la prima infanzia; Simili risultati non solo supportano i modelli teorici che suggeriscono che il comportamento disturbante durante la prima infanzia è un importante antecedente del comportamento antisociale durante ladolescenza, essi rinforzano anche lidea che la prevenzione del comportamento antisociale nelladolescenza dovrebbe iniziare durante la prima infanzia; Le analisi, inoltre, indicano che i ragazzi ad alto rischio che hanno partecipato allintervento preventivo sono passati da traiettorie di alto livello a traiettorie di basso livello. Le analisi, inoltre, indicano che i ragazzi ad alto rischio che hanno partecipato allintervento preventivo sono passati da traiettorie di alto livello a traiettorie di basso livello.

17 Perciò un intervento preventivo che mira alladdestramento dei genitori e delle abilità sociali dei bambini può avere un impatto differente sullaggressione fisica, sul vandalismo e sul furto Perciò un intervento preventivo che mira alladdestramento dei genitori e delle abilità sociali dei bambini può avere un impatto differente sullaggressione fisica, sul vandalismo e sul furto I risultati confermano che i bambini disturbanti durante la scuola materna sono ad alto rischio per comportamenti antisociali durante ladolescenza I risultati confermano che i bambini disturbanti durante la scuola materna sono ad alto rischio per comportamenti antisociali durante ladolescenza

18 ARTICOLI ESAMINATI DA MARIANNA PALMAS: LO SVILUPPO DELLAGGRESSIONE FISICA DALLINFANZIA ALLA PRE-ADOLESCENZA di Sylvana Cotè, Tracy Vaillancourt, John C. Le Blanc, Daniel S. Nagin e Richard E. Tremblay UN APPROCCIO SPERIMENTALE-LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE di Eric Lacourse, Sylvana Cotè, Daniel S. Nagin, Frank Vitaro, Mara Brendgen and Richard E. Tremblay UN APPROCCIO SPERIMENTALE-LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE di Eric Lacourse, Sylvana Cotè, Daniel S. Nagin, Frank Vitaro, Mara Brendgen and Richard E. Tremblay


Scaricare ppt "Palmas Marianna matricola 545976. UN APPROCCIO SPERIMENTALE- LONGITUDINALE PER VERIFICARE LE TEORIE DI SVILUPPO DEL COMPORTAMENTO ANTISOCIALE Eric Lacourse,"

Presentazioni simili


Annunci Google