La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alessia Tenuta 96369 Economia della crescita1 Riflessioni su … THE GROWTH OF NATIONS Gregory Mankiw (1995) Corso di Laurea Specialistica Economia Applicata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alessia Tenuta 96369 Economia della crescita1 Riflessioni su … THE GROWTH OF NATIONS Gregory Mankiw (1995) Corso di Laurea Specialistica Economia Applicata."— Transcript della presentazione:

1 Alessia Tenuta Economia della crescita1 Riflessioni su … THE GROWTH OF NATIONS Gregory Mankiw (1995) Corso di Laurea Specialistica Economia Applicata

2 Alessia Tenuta Economia della crescita2 Introduzione I redditi dei paesi più ricchi del mondo sono oltre 10 volte più alti dei redditi dei paesi più poveri Differenze nei redditi che si riflettono inevitabilmente nella qualità della vita U.S.A.-Giappone - Germania Vs India - Indonesia- Nigeria

3 Alessia Tenuta Economia della crescita3 U.S.A.-Giappone - Germania Come possono mantenere questi alti livelli di vita? India - Indonesia- Nigeria Come possono unirsi al gruppo?

4 Alessia Tenuta Economia della crescita4 Mankiw in questarticolo desidera… Valutare cosa si conosce sullEconomia della Crescita Presentare in maniera persuasiva i suoi punti di vista sulla crescita delle nazioni

5 Alessia Tenuta Economia della crescita5 Teoria Neoclassica Modello Neoclassico di Accumulazione del capitale SOLOW Y= F(K,AL) Dove Y, loutput K, il capitale L, il lavoro A, una misura del livello della tecnologia AL, la forza lavoro misurata in efficienza

6 Alessia Tenuta Economia della crescita6 Teoria Neoclassica La funzione di produzione: y= f(k) dove y=Y/AL k=K/AL f(k)=F(K,1) Mette in relazione loutput per unità di lavoro efficiente con lammontare di capitale per unità di lavoro efficiente Hp rendimenti di scala costanti

7 Alessia Tenuta Economia della crescita7 Teoria Neoclassica k, si sviluppa secondo la relazione = sf(k) – (n+g+δ)k Dove s,il tasso di risparmio n,il tasso di crescita della popolazione g, il tasso di crescita della tecnologia δ,il tasso di deprezzamento del capitale Sono esogene

8 Alessia Tenuta Economia della crescita8 Teoria Neoclassica Steady state? =0 oppure sf(k*) =(n+g+δ)k* Nel livello di stato stazionario y*=f(k*) è costante

9 Alessia Tenuta Economia della crescita9 5 importanti previsioni Nel lungo periodo, leconomia si avvicina allo stato stazionario, che è indipendente dalle condizioni iniziali Il livello di stato stazionario dipende dal tasso di risparmio e della crescita della popolazione(alto tasso di risparmio, alto livello di steady state di prodotto pro capite;alto tasso di crescita della popolazione,basso livello si steady state di prodotto pro capite

10 Alessia Tenuta Economia della crescita10 5 importanti previsioni Il tasso di crescita del reddito pro-capite dipende solo dal tasso del progresso tecnologico,non dipende dal tasso di risparmio e dal tasso di crescita della popolazione Nello stato stazionario,lo stock di capitale cresce allo stesso tasso del reddito, quindi il rapporto capitale/reddito è costante. Nello stato stazionario, il prodotto marginale del capitale è costante, mentre il prodotto marginale del lavoro cresce al tasso del progresso tecnologico.

11 Alessia Tenuta Economia della crescita11 La semplicità del modello neoclassico, insieme alla capacità di fornire delle ragionevoli previsioni, ha permesso di occupare un posto importante fra gli strumenti della macroeconomia

12 Alessia Tenuta Economia della crescita12 Obiezioni al modello Nello stato stazionario del modello neoclassico,tutta la crescita è dovuta alla tecnologia, che però è considerata esogena. Da questa critica muovono anche le motivazioni a favore della recente teoria di crescita endogena

13 Alessia Tenuta Economia della crescita13 Obiezioni al modello Lo scopo da perseguire non è spiegare l esistenza della crescita economica, ma piuttosto la variazione della crescita economica che osserviamo fra i diversi paesi e nel tempo. Usare il modello neoclassico per spiegare la variazione internazionale nella crescita, richiede lassunzione che i differenti paesi abbiano la stessa funzione di produzione.

14 Alessia Tenuta Economia della crescita14 Obiezioni al modello Per alcuni studiosi ciò è inammissibile: Paesi poveri, con la pala Paesi ricchi, con i bulldozers Per Mankiw: Questa obiezione non è convincente

15 Alessia Tenuta Economia della crescita15 3 problemi per il modello neoclassico Limportanza delle differenze internazionali Il tasso di convergenza I tassi di rendimento

16 Alessia Tenuta Economia della crescita16 Limportanza delle differenze internazionali Dalle stime standard α =1/3 Il modello neoclassico non prevede le grandi differenze nei redditi osservati nel mondo reale Prevede dunque una variazione nei redditi inferiore a quella osservata fra i paesi

17 Alessia Tenuta Economia della crescita17 Il tasso di convergenza Convergenza:tendenza delle economie povere a crescere più rapidamente delle economie ricche Convergenza condizionata:ogni economia converge verso il proprio stato stazionario, determinato dai propri tassi di risparmio e di crescita della popolazione. Il mod.neoclassico prevede un tasso di convergenza più veloce rispetto alle stime ottenute in molti studi

18 Alessia Tenuta Economia della crescita18 I tassi di rendimento Il modello neoclassico prevede variazioni maggiori nei tassi di rendimento rispetto a quelli empiricamente plausibili

19 Alessia Tenuta Economia della crescita19 Un nuovo concetto di capitale TRADIZIONALMENTE… Capitale: inteso come tangibile includendo lo stock di attrezzature e strutture Rendimento del capitale: profitto ricevuto dal proprietario delle attrezzature OGGI…un nuovo concetto di capitale Il rendimento è una frazione più grande di reddito nazionale

20 Alessia Tenuta Economia della crescita20 Il ruolo chiave della quota di capitale dy*/y*=[α/(1- α)][ds/s-d(n+g+δ)/ (n+g+δ)] λ=(1-α)/(n+g+δ) dR/R=-[(1-α)/ασ)]dy/y α gioca un ruolo fondamentale in tutti e tre i problemi

21 Alessia Tenuta Economia della crescita21 Il ruolo chiave della quota di capitale α=1/3 (di solito) Supp. α =2/3 E quindi α/1-α =2 Se (n +g+δ)=0.06 λ = 0.02 che è pari al tasso di convergenza stimato empiricamente

22 Alessia Tenuta Economia della crescita22 Il ruolo chiave della quota di capitale Rendimenti del capitale Se α =2/3, anche i differenziali nei rendimenti diventano incontestabili

23 Alessia Tenuta Economia della crescita23 PERCHE SI DOVREBBE RITENERE CHE LA QUOTA DI CAPITALE è ATTUALMENTE COSì ALTA?

24 Alessia Tenuta Economia della crescita24 Capitale con esternalità Una parte dei benefici derivanti dallaccumulazione di capitale potrebbe non derivare solo dai proprietari del capitale, ma da altro.

25 Alessia Tenuta Economia della crescita25 Capitale con esternalità Supponiamo che ogni impresa individuale, i, in uneconomia, abbia la seguente funzione di produzione: y i =θk a i dove θ è un parametro dellimpresa, preso come dato inoltre,a causa delle esternalità sul capitale, la tecnologia disponibile per ogni impresa è determinata dal livello medio di capitale θ-k b

26 Alessia Tenuta Economia della crescita26 la funzione di produzione dellintera economia è y = k a+b il parametro a misura il ruolo del capitale nella funzione di produzione di ogni impresa e determina la frazione del reddito pagato ai proprietari del capitale

27 Alessia Tenuta Economia della crescita27 il ruolo del capitale nella funzione di produzione dellintera economia è misurato da (a+b) α=(a+b) per aumentare la quota di capitale da 1/3 a 2/3, lesternalità (misurata da b) dovrà essere pari ai benefici diretti(misurati da a). E importante che le esternalità siano limitate geograficamente per spiegare le differenze tra i paesi. Es.beni pubblici

28 Alessia Tenuta Economia della crescita28 Capitale umano Un altro modo per aumentare α consiste nel considerare il capitale un concetto più ampio di quello suggerito dai conti sul reddito nazionale. Infatti, questi includono solo il capitale fisico, inteso come fabbriche e attrezzature. Una delle più importanti forme di accumulazione di capitale è lacquisizione di abilità

29 Alessia Tenuta Economia della crescita29 Il capitale umano include sia listruzione che la formazione professionale Se si applicano i conti nazionali al modello neoclassico si sottostima la quota di capitale Per individuare la vera quota di capitale si potrebbe considerare: il salario minimo il rendimento dellistruzione

30 Alessia Tenuta Economia della crescita30 Aggiungendo queste ulteriori componenti (stimate pari a 1/2 del reddito nazionale) la quota di capitale raggiungerebbe il valore di 0.8 Includendo il capitale umano, sorge però un nuovo problema:infatti, i conti sul reddito nazionale non includono le spese in capitale umano come investimenti, bensì come consumi.

31 Alessia Tenuta Economia della crescita31 Molte differenze negli standard di vita possono essere spiegate dalle differenze nellaccumulazione di capitale sia fisico che umano Quindi valori maggiori della quota di capitale possono essere ottenuti senza includere le esternalità, che comunque possono esistere, ma α sarà ancora più alto.

32 Alessia Tenuta Economia della crescita32 TEORIE DI CRESCITA ENDOGENA Stabilendo che α deve essere più alto del valore tradizionalmente assunto, scompare il problema più grave del modello. Inoltre, il modello neoclassico suppone g, il tasso del progresso tecnologico, esogeno. Negli studi più recenti, si è cercato di sviluppare modelli di crescita persistente evitando lassunzione del progresso tecnologico esogeno

33 Alessia Tenuta Economia della crescita33 IL MODELLO BASE Consideriamo la funzione di produzione Y=AK Rendimenti costanti Se raddoppiamo lammontare di capitale, raddoppiamo lammontare di output

34 Alessia Tenuta Economia della crescita34 sY = +δk, quindi =sY -δk questa equazione, insieme a Y=AK, implica: /Y= /K= sA-δ finché sA>δ il reddito crescerà sempre, anche senza lassunzione del progresso tecnologico esogeno

35 Alessia Tenuta Economia della crescita35 Nel modello neoclassico, leconomia si avvicina allo stato stazionario e la crescita è indipendente dal tasso di risparmio. Vs Nel modello di crescita endogena, il risparmio conduce sempre alla crescita

36 Alessia Tenuta Economia della crescita36 Problema: Come interpretare K nella funzione di produzione Y=AK?

37 Alessia Tenuta Economia della crescita37 Il modo migliore di interpretare il modello di crescita endogena è considerare la conoscenza come una forma di capitale La conoscenza è diversa dal capitale umano La conoscenza può essere paragonata alla qualità dei testi di una società, il capitale umano può essere visto come il tempo impiegato per leggerli. Conoscenza: fonte di crescita persistente

38 Alessia Tenuta Economia della crescita38 Considerare la funzione di produzione Y=AK, non rende giustizia alla letteratura sulla crescita endogena che ha mosso 2 importanti passi in avanti

39 Alessia Tenuta Economia della crescita39 1. sviluppare modelli con più di un settore di produzione;un settore che produce beni e servizi e un altro che produce innovazioni nella tecnologia 2. sviluppare modelli che incorporano le decisioni microeconomiche dietro il processo di studio

40 Alessia Tenuta Economia della crescita40 Un esempio di crescita endogena Leconomia prevede due settori: imprese manifatturiere ricerca universitaria le imprese manifatturiere producono B/S usati per il consumo e laccumulazione di capitale le università producono un fattore di produzione chiamato Conoscenza, usato in entrambi i settori. Questa economia presenta rendimenti di scala costanti

41 Alessia Tenuta Economia della crescita41 La funzione di produzione per le imprese: Y=F[K,(1-u)HL] La funzione di produzione per le università: =g(u)H Lequazione di accumulazione del capitale: =sY –δk; dove u è la frazione di forza lavoro nelle università,H è lo stock di conoscenza e g>0.

42 Alessia Tenuta Economia della crescita42 Come nel modello Y=AK, questo modello può generare crescita perpetua senza lassunzione di variazioni esogene nella funzione di produzione. Se u costante, H cresce al tasso g, e il modello è esattamente quello analizzato da Solow nel A differenza del modello Y=AK, questo può spiegare la convergenza condizionata.

43 Alessia Tenuta Economia della crescita43 Riflettendo ancora sulla ricerca... Sebbene la conoscenza sia un bene pubblico, la maggior parte della ricerca è effettuata dalle imprese per motivi di profitto La ricerca è remunerativa perchè le innovazioni conferiscono alle imprese una posizione temporanea di monopolio Le altre imprese costruiscono su quelle innovazioni le prossime innovazioni

44 Alessia Tenuta Economia della crescita44 Teoria di competizione monopolistica e teoria della crescita

45 Alessia Tenuta Economia della crescita45 TEORIA DI CRESCITA ENDOGENA Il valore della teoria di crescita endogena è duplice: 1.aiuta a spiegare lesistenza del progresso tecnologico mondiale, che il modello neoclassico prende come dato 2.offre una descrizione più realistica di ricerca e sviluppo

46 Alessia Tenuta Economia della crescita46 La conoscenza, a differenza del capitale, viaggia nel mondo più velocemente. Tutti i paesi potenzialmente hanno accesso allo stesso insieme di conoscenze, ma cambia il vantaggio che essi riescono a trarre da questa conoscenza investendo in capitale fisico e umano. Il problema risiede nellincapacità di inserire nei dati variabili non quantificabili, appunto come la conoscenza.

47 Alessia Tenuta Economia della crescita47 STUDI EMPIRICI : ALCUNE SCOPERTE Tipicamente, in un paper sulla crescita economica, si sceglie un campione di paesi e si decide per una regressione cross-section. Sul lato sinistro:il tasso di crescita medio di ogni paese nel lungo periodo Sul lato destro:un insieme di variabili che si ritiene possa influenzare il tasso di crescita

48 Alessia Tenuta Economia della crescita48 Sebbene è impossibile riassumere la vasta letteratura, possiamo presentare alcuni risultati: 1. un basso livello iniziale di reddito è associato a un conseguente tasso di crescita (le altre variabili costanti) 2. la quota di output attribuita agli investimenti è positivamente correlata con la crescita 3. le varie misure di capitale umano, sono positivamente correlate con la crescita

49 Alessia Tenuta Economia della crescita49 4.la crescita della popolazione è negativamente correlata con la crescita dei redditi pro-capite 5.linstabilità politica è negativamente correlata con la crescita 6.i paesi con mercati meno sviluppati, tendono ad avere tassi di crescita più bassi 7.i paesi con i mercati finanziari più sviluppati tendono ad avere tassi di crescita più alti

50 Alessia Tenuta Economia della crescita50 Tre problemi incidono sullintera letteratura: 1.Simultaneità 2.Multicollinearità 3.Gradi di libertà

51 Alessia Tenuta Economia della crescita51 SIMULTANEITÀ Le variabili sul lato destro, non sono esogene, ma sono congiuntamente determinate con il tasso di crescita Ad es:investimenti e crescita : alti investimenti causano alta crescita e viceversa, una terza variabile potrebbe determinare alti investimenti e alta crescita

52 Alessia Tenuta Economia della crescita52 MULTICOLLINEARITÀ Le variabili sul lato destro presentano una forte correlazione In alcuni casi la Multicollinearità presenta problemi più gravi della Simultaneità, ma gli effetti sono meno ovvi

53 Alessia Tenuta Economia della crescita53 GRADI di LIBERTÀ Uno scopo dei lavori empirici sulleconomia della crescita, è stabilire le condizioni associate ad una crescita rapida La chiave per la crescita è un alto tasso di investimento in attrezzatura? La stabilità politica? Bassa inflazione?

54 Alessia Tenuta Economia della crescita54 TASSO DI CONVERGENZA Partendo dallequazione di accumulazione del capitale dk/dt= sf(k)- (n+g+δ)k Espansione di Taylor: dk/dt = [sf(k*)- (n+g+δ)](k-k*)

55 Alessia Tenuta Economia della crescita55 derivando s dalla condizione di stato stazionario: s = (n+g+δ)k*/ f(k*), risulta: dk/dt= [f(k*)k*/f(k*)-1] (n+g+δ)(k-k*) se f(k*)k*/f(k*)= α e λ=(1- α) (n+g+δ), dk/dt = - λ(k-k*)

56 Alessia Tenuta Economia della crescita56 Mostriamo come il reddito converge al suo livello di stato stazionario allo stesso tasso del capitale: dato y=f(k) dy/dt = f(k*)dk/dt y-y* =f(k*)(k-k*) quindi, dy/dt = - λ(y-y*) Questo risultato non dipende da una specifica forma funzionale della funzione di produzione


Scaricare ppt "Alessia Tenuta 96369 Economia della crescita1 Riflessioni su … THE GROWTH OF NATIONS Gregory Mankiw (1995) Corso di Laurea Specialistica Economia Applicata."

Presentazioni simili


Annunci Google