La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La sperimentazione degli algoritmi Nadi Serretti, Anna Maria Loi e altri operatori dei Dipartimenti della Prevenzione regionetoscana Firenze, 28 ottobre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La sperimentazione degli algoritmi Nadi Serretti, Anna Maria Loi e altri operatori dei Dipartimenti della Prevenzione regionetoscana Firenze, 28 ottobre."— Transcript della presentazione:

1 1 La sperimentazione degli algoritmi Nadi Serretti, Anna Maria Loi e altri operatori dei Dipartimenti della Prevenzione regionetoscana Firenze, 28 ottobre 2003 MODIFICATO

2 2 Il Diagramma di flusso della Valutazione del Rischio Le linee guida

3 3 Progetto della Regione Toscana in collaborazione con le Parti Sociali Applicazione sperimentale degli Algoritmi per la valutazione del rischio da agenti chimici pericolosi, in coerenza con le Linee Guida del Coordinamento Tecnico delle Regioni e delle Province Autonome.

4 4 OBIETTIVI GENERALI la promozione di buone pratiche di igiene industriale la revisione di profili di esposizione e di rischi in comparti/mansioni/lavorazioni conosciute la effettuazione di indagini in settori meno conosciuti ed in particolare nelle aziende artigiane 1. Facilitare lapplicazione del D.Lgs. 25/02 attraverso:

5 5 2. Promuovere la creazione e/o limplementazione di banche dati per gli agenti chimici pericolosi presenti nelle attività di comparto/ lavorazione/ mansione OBIETTIVI GENERALI

6 6 OBIETTIVI SPECIFICI 1. Verificare la validità di strumenti di valutazione approfondita del rischio tossicologico senza luso dei VL e denominati per convenzione ALGORITMI, utilizzando prioritariamente quelli proposti dalle Regioni

7 7 2. Verificare laffidabilità di tali strumenti mettendo a confronto i risultati ottenuti con le valutazioni di Igiene industriale effettuate attraverso le misure delle esposizioni sia da parte aziendale che da parte degli organismi pubblici (Laboratori di Sanità Pubblica) OBIETTIVI SPECIFICI

8 8 LE AZIONI PREVISTE 1.Indicazione dei comparti/lavorazioni/mansioni di interesse 2.Quantificazione del campione e significatività rappresentativa per il territorio 3.Costituzione di Gruppi di lavoro ad hoc nellambito (a) della Regione, (b) di ciascuna Area Vasta e (c) dei singoli Dipartimenti della Prevenzione che aderiscono al progetto 4.Programmazione delle attività pubbliche dei Servizi di PISLL e dei LSP e contestuale programmazione delle attività degli operatori privati

9 9 Comparti individuati

10 10

11 11

12 12 Criteri di scelta delle PMI 25 per ogni comparto Fino a 50 dipendenti In regola con le principali misure di prevenzione

13 13 LE AZIONI PREVISTE 5.Elaborazione e interpretazione dei risultati secondo criteri condivisi al fine di: validare lAlgoritmo delle Regioni implementare / costituire banche dati effettuare valutazioni di carattere epidemiologico in collaborazione con il CSPO 6.Sviluppo di opportuni software utili alle azioni ed elaborazioni precedenti.

14 14 Il metodo Individuazione di USL Capofila per comparto e referenti privati (gruppi di lavoro) Raccolta documentazione Sopralluogo e scelta della strategia Applicazione algoritmo in tutte le realtà individuate Misure di esposizione in 5/25 aziende

15 15 Gli strumenti Condivisione con le parti sociali Formazione congiunta Attuazione programmata e congiunta dellintervento Verifica e confronto dei risultati

16 16 1.Rispetto alla validazione dellAlgoritmo: corrispondenza dei risultati ottenuti attraverso luso dellAlgoritmo con quelli ottenuti attraverso le misure di Igiene industriale corrispondenza dei risultati ottenuti tra i diversi operatori pubblici e privati coinvolti nella sperimentazione I RISULTATI PREVISTI

17 17 2.Rispetto alle ricadute in termini più generali di prevenzione: maggiore consapevolezza da parte dei partecipanti sul valore e significato delle procedure di valutazione e gestione del rischio chimico aumentata domanda di informazione e formazione degli addetti pubblici e privati, quale indicatore di una crescita culturale partecipazione attiva ai processi di valutazione e gestione del rischio chimico da parte dei lavoratori I RISULTATI PREVISTI

18 18 I RISULTATI PREVISTI maggiore coinvolgimento e responsabilizzazione dei medici competenti maggiore attenzione alla comunicazione del rischio sia allinterno delle singole imprese che allesterno, nel contesto territoriale coinvolto migliore definizione dei cicli lavorativi, dei livelli di rischio e delle bonifiche necessarie nei vari comparti analizzati sostanziale risparmio o migliore utilizzo di risorse in economia di scala, sia da parte pubblica che da parte privata

19 19 Tempi di realizzazione Formazione: entro giugno 2004 Prima relazione: fine 2004 Relazione finale: fine 2005

20 20


Scaricare ppt "1 La sperimentazione degli algoritmi Nadi Serretti, Anna Maria Loi e altri operatori dei Dipartimenti della Prevenzione regionetoscana Firenze, 28 ottobre."

Presentazioni simili


Annunci Google