La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Analisi comparata per le classi II e V primaria I e III secondaria con Emilia Romagna, Nord est e Italia Claudio Massa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Analisi comparata per le classi II e V primaria I e III secondaria con Emilia Romagna, Nord est e Italia Claudio Massa."— Transcript della presentazione:

1 Analisi comparata per le classi II e V primaria I e III secondaria con Emilia Romagna, Nord est e Italia Claudio Massa

2 Claudio Massa - EMMA Dal sito dellINVALSI cliccare su Servizio Nazionale di Valutazione Nella pagina così aperta, cliccare in fianco a sinistra su Restituzione dei dati alle scuole Nella nuova pagina, ancora su Restituzione dati alle scuole (accesso riservato). Inserire il codice meccanografico e la password della scuola nelle caselle.

3 Claudio Massa - EMMA Istituto scolastico: RMIC80300B Denominazione: GIUSEPPE MAZZINI Download dei grafici relativi a RMIC80300B Download guida alla lettura dei grafici ownload dei grafici relativi a RMIC80300B ownload guida alla lettura dei grafici Restituzione dati livello II primaria: Restituzione dati livello V primaria: Restituzione dati livello I secondaria: seleziona Livello V primaria - scegli codice classe: Livello V primaria - scegli codice classe: Livello V primaria - scegli codice classe:

4 Claudio Massa - EMMA Restituzione dei Risultati relativi all'Istituzione Scolastica: RMIC80300B Classe: Livello: V Esporta Esporta (in caso di avviso di allerta Office, cliccare SI) PUNTEGGI V PRIMARIA Limite InfItalianoLimite SupLimite InfMatematicaLimite Sup ,4--50,4- RMIC80300B-59,5--52,3- Lazio64,867,770,757,961,464,9 CENTRO66,167,869,459,961,763,5 ITALIA66,166,667,160,761,261,8

5 Claudio Massa - EMMA Globale per Nazionalità per Regolarità (del percorso) per Sesso per Dettaglio Risposte

6 6Claudio Massa - EMMA

7 Livello percentuale L1= molto basso 10% L2= basso 25% L3= medio basso 50% L4= medio alto 75% L5= alto 90% L6= molto alto100% 7Claudio Massa - EMMA

8 8

9 9 A coloro che hanno la responsabilità del governo del sistema educativo (decisori politici, amministratori e autorità scolastiche ai vari livelli) Ai dirigenti scolastici e agli organismi dindirizzo della singola scuola Agli insegnanti nella loro attività in classe

10 Claudio Massa - EMMA INDICE Prima parte 1.La posizione della scuola per livello scolare rispetto alla media nazionale, dellarea geografica e della regione di appartenenza 2.La distribuzione degli alunni della scuola nei livelli di prestazione definiti sulla base del campione nazionale 3.Significatività delle differenze e composizione della popolazione scolastica della scuola 4.Prime ipotesi di interpretazione

11 Claudio Massa - EMMA INDICE Seconda parte 1.I risultati delle classi 2.Confronto tra valutazione esterna (prove INVALSI) e valutazione interna in Italiano e in Matematica 3.I risultati delle prove INVALSI per sottogruppi della popolazione scolastica 4.I risultati delle prove di Italiano e Matematica per sezione e/o ambito di contenuto 5.Punti di debolezza e punti di forza

12 Esempio di lettura Claudio Massa - EMMA

13 I grafici seguenti permettono di confrontare gli esiti della scuola al termine della.s con le realtà territoriali più prossime. Le diapositive mostrano i risultati complessivi della prova INVALSI per le classi II e V della scuola primaria e I e III della scuola secondaria, raffrontate con le medie del Nord est e dellItalia. Per la scuola analizzata si notano: per II primaria, I e III secondaria valori nettamente superiori a quelli delle aree di confronto, che si attestano rispettivamente al 12%, 10% e 16% al di sopra della media nazionale, per la V primaria un calo del rendimento nella prova di italiano che risulta pari al limite inferiore della media del Nord est e superiore alla media nazionale solo del 2%. In matematica invece si conferma leggermente superiore alla media del Nord est e alla media nazionale del 5%. 13Claudio Massa - EMMA

14 14 I S V P II P III S Claudio Massa - EMMA

15 15 II P V P I S III S Claudio Massa - EMMA

16 Analisi dei risultati delle classi II s. primaria Analisi dei risultati delle classi V s. primaria Analisi dei risultati delle classi I s. secondaria Analisi dei risultati delle classi III s. secondaria (Prova nazionale dellEsame di Stato) 16 Conclusioni: lesame dei diagrammi precedenti mostra che la scuola, al termine della.s , ha conseguito risultati significativamente superiori a quelli delle altre scuole rispetto allarea geografica del Nord est e ancor più rispetto alla media dellItalia Indice delle analisi per classe Claudio Massa - EMMA

17 Analisi dei risultati per la classe II primaria 17Claudio Massa - EMMA

18 18Claudio Massa - EMMA

19 19Claudio Massa - EMMA

20 20 Confrontando la variabilità dei risultati con la media italiana, le classi II della scuola in esame risultano omogenee tra loro e eterogenee allinterno, rispetto alla prova di italiano. Claudio Massa - EMMA

21 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di MATEMATICA per la classe II primaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di matematica, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media dellIc16 (media tra le due classi seconde) e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di matematica, confrontando la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di matematica tra le due classi seconde (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. 21Claudio Massa - EMMA

22 22Claudio Massa - EMMA

23 23Claudio Massa - EMMA

24 24 Confrontandole con la media italiana le classi II risultano omogenee tra loro e eterogenee allinterno, rispetto alla prova di matematica. Claudio Massa - EMMA

25 Analisi dei risultati per la classe V primaria 25Claudio Massa - EMMA

26 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di ITALIANO per la classe V primaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di italiano, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media della scuola (media tra le due classi seconde) e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di italiano, confrontandoli la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di italiano tra le due classi quinte (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. 26Claudio Massa - EMMA

27 27Claudio Massa - EMMA

28 28Claudio Massa - EMMA

29 29 Confrontando la variabilità dei risultati di italiano con la media dellItalia, le classi V della scuola risultano tra loro meno omogenee della media nazionale e meno eterogenee al loro interno. Claudio Massa - EMMA

30 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di MATEMATICA per la classe V primaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di italiano, Emerge la prevalenza del Livello 4 = medio alto (75% di risposte corrette), al di sopra della media nazionale, che compensa in parte la scarsità di risultati nei livelli 3 e 6. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di matematica, confrontando la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di matematica tra le due classi quinte (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. 30Claudio Massa - EMMA

31 31Claudio Massa - EMMA

32 32Claudio Massa - EMMA

33 33 Confrontandole con la media italiana, rispetto alla prova di matematica, le classi V della scuola non risultano omogenee tra loro, mentre appaiono eterogenee al loro interno. Claudio Massa - EMMA

34 34 Analisi dei risultati per la classe I secondaria Claudio Massa - EMMA

35 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di ITALIANO per la classe I secondaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di italiano, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media della scuola e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di italiano, confrontandoli con la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di italiano tra le due classi seconde (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. 35Claudio Massa - EMMA

36 36Claudio Massa - EMMA

37 37Claudio Massa - EMMA

38 38 Confrontando la variabilità dei risultati di italiano con la media dellItalia, le classi I secondaria della scuola risultano tra loro omogenee, più della media nazionale, un po meno eterogenee al loro interno. Claudio Massa - EMMA

39 39 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di MATEMATICA per la classe I secondaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di matematica, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media della scuola e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di italiano, confrontandoli con la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di italiano tra le due classi seconde (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. Claudio Massa - EMMA

40 40Claudio Massa - EMMA

41 41Claudio Massa - EMMA

42 42 Confrontando la variabilità dei risultati matematica con la media dellItalia, le classi I secondaria della scuola risultano tra loro omogenee, più della media nazionale, un po meno eterogenee al loro interno, confermando il risultato già emerso nella prova di italiano. Claudio Massa - EMMA

43 43 Analisi dei risultati per la classe III secondaria (Esame di Stato) Claudio Massa - EMMA

44 44 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di ITALIANO per la classe III della scuola secondaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di italiano, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media della scuola e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di italiano, confrontandoli con la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di italiano tra le classi di terza media (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. Claudio Massa - EMMA

45 45Claudio Massa - EMMA

46 46Claudio Massa - EMMA

47 47 Confrontando la variabilità dei risultati di italiano con la media dellItalia, le classi III media della scuola risultano tra loro più omogenee della media nazionale, ma più eterogenee al loro interno, Claudio Massa - EMMA

48 48 Le diapositive seguenti rappresentano lanalisi dei risultati della prova di MATEMATICA per la classe III della scuola secondaria. La prima illustra il risultato complessivo della prova di matematica, mostrando la distribuzione degli alunni nei diversi livelli in confronto con la media della scuola e la media dellItalia, rappresentata con la linea continua. La seconda sposta lattenzione dai risultati complessivi nella prova agli esiti di ciascun item allinterno della prova di italiano, confrontandoli con la media della scuola (linea nera) e la media dellItalia (linea rossa posizionata sullo 0). La terza mostra la variabilità dei risultati della prova di matematica tra le classi di terza media (verde) rispetto allItalia (blu) e la variabilità dei risultati allinterno delle classi. Claudio Massa - EMMA

49 49Claudio Massa - EMMA

50 50Claudio Massa - EMMA

51 51 Confrontando la variabilità dei risultati di matematica con la media dellItalia, le classi III media della scuola risultano tra loro più omogenee della media nazionale, ma più eterogenee al loro interno. Claudio Massa - EMMA

52 52 Come possiamo utilizzare i risultati per programmare la nostra attività? Analizziamo un caso concreto: Dati e previsioni - Problemi di stima

53 Claudio Massa - EMMA Un esempio: Stime e calcoli di ordini di grandezza - Problemi alla Fermi Spesso gli studenti credono che i problemi abbiano una risposta esatta e che sia ricavabile in un solo modo. Le Fermi questions incoraggiano approcci diversi, sottolineano il processo piuttosto che il risultato, e promuovono strategie di risoluzione non convenzionali. (Sheila Talamo Univ. Louisiana)

54 Claudio Massa - EMMA Enrico Fermi era noto per la sua abilità nel dare stime a mente usando informazioni che apparentemente sembravano insufficienti per arrivare a una risposta quantitativa; egli inoltre amava sottoporre queste questioni ai propri studenti. Perciò molto spesso si parla di stime o problemi alla Fermi. Stime e calcoli di ordini di grandezza - Problemi alla Fermi

55 Claudio Massa - EMMA Il classico problema di Fermi, attribuito a Fermi stesso, è: Quanti accordatori di pianoforte ci sono a Chicago? Stime e calcoli di ordini di grandezza - Problemi alla Fermi

56 Claudio Massa - EMMA Soluzione: Se la popolazione di Chicago è di 4 milioni di persone e una famiglia media è composta da 4 persone, a Chicago ci sono circa di famiglie; supponiamo, inoltre, che un decimo di esse possieda un pianoforte. Quindi ci saranno circa pianoforti. Se ogni pianoforte è accordato ogni anno, ci saranno accordature lanno.

57 Claudio Massa - EMMA Supponiamo ancora che ogni accordatore riesca ad accordare 4 pianoforti al giorno. Lavorando per 5 giorni la settimana per 50 settimane lanno, ogni accordatore effettuerà mediamente 4x5x50 = accordature lanno. Dividendo si ottiene: ( accordature di pianoforte l'anno a Chicago) (1000 accordature di pianoforte l'anno per accordatore) = 100 accordatori di pianoforte a Chicago.

58 Claudio Massa - EMMA Alcuni problemi alla Fermi 1. Quante gocce d'acqua ci sono nel mare Tirreno? 2. Quanto sarebbe alta una pila di banconote da 100 Euro corrispondente al debito nazionale italiano? e quanto peserebbe? 3. Quanti fagioli entrano in una bottiglia da un litro? 4. Qual è l'area della superficie media di un corpo umano? 5. Quante palline da ping-pong occorrerebbero per riempire la vostra aula? 6. Quanto pesa l'aria contenuta nellaula? 7. Quanti elettroni ci sono nel corpo umano? 8. Quanto ci vorrebbe per andare a piedi da Cosenza a Roma? 9. Quanta acqua hai bevuto nel corso della tua vita? 10. Quanto pesano tutti gli esseri umani presenti in Europa?

59 Claudio Massa - EMMA

60 Claudio Massa - EMMA

61 Claudio Massa - EMMA


Scaricare ppt "Analisi comparata per le classi II e V primaria I e III secondaria con Emilia Romagna, Nord est e Italia Claudio Massa."

Presentazioni simili


Annunci Google