La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Piano di fattibilità di attuazione della riforma -

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Piano di fattibilità di attuazione della riforma -"— Transcript della presentazione:

1 Piano di fattibilità di attuazione della riforma -

2 Gli insegnamenti e le attività opzionali Gli insegnamenti e le attività opzionali Modalità attraverso cui rendere effettivo il diritto di scelta delle famiglie Modalità attraverso cui rendere effettivo il diritto di scelta delle famiglie La formazione delle équipes degli inss. La formazione delle équipes degli inss.

3 1.Ridefinire le linee di indirizzo generale del POF 2. Esplorare i bisogni o le istanze formative 3. Vagliare e commisurare detti bisogni rispetto alle competenze personali attese definite nel PECUP

4 4. Individuare gli insegnamenti e le attività che si ritiene rispondano a detti bisogni 5. Definire le modalità mediante cui rendere effettivo il diritto di scelta delle famiglie

5 Modelli a) Scelta strutturata b) Scelta libera c) Scelta mista

6 A)Lorario obbligatorio 11 insegnamenti 2 attività (convivenza civile e informatica).

7 Non viene operata alcuna quantificazione oraria rispetto ai diversi insegnamenti e attività, lasciando ampia facoltà di decidere alle scuole. Lunico vincolo riguarda il fatto che il docente, in possesso di specifica formazione, in costante rapporto con le famiglie e con il territorio, assicura nei primi tre anni della scuola primaria unattività di insegnamento agli alunni non inferiore alle 18 ore (D.lvo n.59/04 articolo 7, comma 6).

8 I LABORATORI - (Le indicazioni non stabiliscono una quantificazione oraria né non fissano una tipologia). Ciò significa che viene lasciata totale libertà alle scuole di decidere la quantità ed il tipo di laboratori.Per esempio:

9 attività informatiche; attività di lingue tra cui l'inglese; attività espressive, dal teatro alla musica, dalla pittura al modellaggio, ecc.; attività di progettazione: progetti di intervento ambientale o sociale, costruzione e decostruzione di oggetti, giardinaggio, ecc.; attività motorie e sportive; LARSA.

10 B) Lorario facoltativo opzionale passare attraverso un'analisi delle istanze formative dell'utenza e del territorio; dotarsi di criteri per decidere quali, tra le diverse attività e insegnamenti rispondenti ai bisogni dell'utenza, proporre prioritariamente e con quale monte ore;

11 - procedere ad una ricognizione delle risorse professionali strumentali presenti nella scuola e nel territorio; - infine, esprimere un proprio elenco o ventaglio di insegnamenti e attività che si intendono attivare per l'anno in corso.

12 6.Proporre alle famiglie, tramite il POF, il modello didattico organizzativo elaborato, per rendere effettivo il loro diritto di scelta

13 7. Definire le modalità mediante cui rendere effettivo il diritto di scelta degli alunni e delle famiglie della quota F/O. 8. Acquisire le opzioni da parte delle famiglie

14 Discipline di studio DisciplineSiglaAnnualeSettim.1^A/Ins.1^B/Ins. Italianoit Storiast GeografiaGeo MatematicaMat ScienzeSc TecnologiaTec MusicaMu Arte e Immagine Art Att. Sportive e motorie Mot Religione cattolica Rc Inglesel2 Totale2727

15 Educazioni1^A1^B alla cittadinanza stradale ambientale alla salute alimentare allaffettività 2727 Educazione alla convivenza civile

16 Laboratorio1^A1^B Attività informatiche Attività di lingue Attività espressive Attività di progettazione Attività motorie e sportive Attività recupero e sviluppo dellapprendimento Mensa00 Totale3030 Laboratori -

17 La gestione ( utilizzo dell'organico) a) Operazioni e criteri gestionali I criteri di assegnazione. Delibera del Consiglio di Circolo Il Consiglio Visto ……. Delibera del Collegio dei docenti Il Collegio Visto ……. Contrattazione con la RSU Contratto integrativo di istituto

18 b) Formare le équipes degli insegnanti - Assegnazione alle équipe pedagogiche. Individuazione dei docenti e assegnazione delle funzioni tutoriali

19 Equipe insegnanti in una classe per 30 ore - Insegnanti1^A1^BCont./ Labor. Funz. Tutor. CoordMensaTot. A)224 B)224 C)224 L22 S)2 30

20 L'assegnazione delle discipline. Articolazione oraria settimanale di insegnamento - OrarioLunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabato Classi1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B 8,30-9,30 ACACBL2BA ABCB 9,30-10,30 ACACBCBACABCB 10,30-11,30 ACABCCBACABCB 11,30-12,30 CBABCCBACABAC 12,30-13,30 CBBACBACBAAC Giorno libero ABC

21 Quadro orario discipline di studio e attività laboratoriali OrarioLunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabato 1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B1^A1^B 8,30-9,30 ITMAITRCL2IT L2IT MAIT 9,30-10,30 ITMALARSAGEOMAIT MAAI MAIT 10,30-11,30 STSCRCITSCST SCRC SCST 11,30-12,30 MAITGEOLARSATECGEO TECMUMOITMA 12,30-13,30 L.EsprAIMOMUL.EsprMOMUL.EsprMOMUAITEC

22 Linee di indirizzo generale GLI INSEGNAMENTI E LE ATTIVITA OPZIONALI – GLI INSEGNAMENTI E LE ATTIVITA OPZIONALI – 1. Gli insegnamenti e le attività opzionali, frutto del dialogo educativo e didattico con le famiglie, si realizzano in un tempo scuola unitario.

23 GLI INSEGNAMENTI E LE ATTIVITA OPZIONALI – 2. Le attività opzionali, come parte integrante del Piano dellofferta formativa della scuola, vengono organizzate dal Collegio dei docenti (scelta strutturata).

24 GLI INSEGNAMENTI E LE ATTIVITA OPZIONALI – 3. Il Collegio procederà alla ripartizione del monte ore annuo per gli insegnamenti e le attività.

25 GLI INSEGNAMENTI E LE ATTIVITA OPZIONALI – 4. Il POF sarà corredato da un piano, con specifici prospetti contenenti gli insegnamenti e le attività obbligatorie e opzionali concretamente organizzate per le diverse classi per..... ore settimanali.

26 MODALITA ATTRAVERSO CUI RENDERE EFFETTIVO IL DIRITTO DI SCELTA DELLE FAMIGLIE 5. I genitori potranno selezionare, attraverso il dialogo educativo e didattico con gli insegnanti, gli insegnamenti e le attività indicate dal Collegio per un totale di 99 ore in un apposito prospetto/scheda fornito dalla scuola.

27 MODALITA ATTRAVERSO CUI RENDERE EFFETTIVO IL DIRITTO DI SCELTA DELLE FAMIGLIE 6. Il Genitore dichiara che sulla base delle opportunità formative offerte dalla scuola, consapevole dei vincoli organizzativi esistenti che non permettono laccettazione piena di tutte le richieste, chiede che il proprio figlio possa frequentare le seguenti attività opzionali: (...).

28 Prospetto-scheda per i genitori per lesercizio del diritto di scelta degli insegnamenti e delle attività opzionali. A.S CLASSE Ai sensi del d. Lvo 59/04, il Collegio dei docenti del Circolo Didattico , sulla base dellanalisi dei bisogni formativi degli alunni organizza come parte integrante del POF gli insegnamenti e le attività opzionali di seguito indicati e su cui le famiglie degli alunni sono invitati ad esercitare il loro diritto di scelta. Detti insegnamenti e attività concorrono come gli altri insegnamenti al raggiungimento degli obiettivi essenziali previsti dalle Indicazioni Nazionali DISCIPLINE Sigl Ore annualiOre settimanali1^A/Ins. 1^B/Ins. ITALIANO It STORIASt GEOGRAFIAGe MATEMATICA Ma SCIENZESc TECNOLOGIATec MUSICAMu ARTE E IMMAGINEAI AA. MOT.e SPORT.Mo REL. CATTOLICARc INGLESEL2 EDUCAZ. ALLA CONV. CIVILE Educazione alla cittadinanza Educazione stradale Educazione ambientale Educazione alla salute Educazione alimentare Educazione allaffettività INSEGNAM. ATTIVITA F/O Dopo linformazione, il dialogo e sulla base di una interazione educativa, Genitori e insegnanti decidono insieme gli insegnamenti e le attività opzionali per ciascun alunno, affinché possano essere soddisfatti interessi personali o possano essere colmate, laddove necessario, lacune dell' apprendimento scolastico. Si chiederà a ciascun genitore di sottoscrivere la scelta secondo il prospetto sottoindicato o latri che possono essere predisposti

29 MODALITA ATTRAVERSO CUI RENDERE EFFETTIVO IL DIRITTO DI SCELTA DELLE FAMIGLIE 7. In data incontro aperto a tutti i rappresentanti dei genitori di classe del circolo, per la presentazione del piano di massima degli insegnamenti e delle attività opzionali

30 Prospetto-scheda per i genitori per lesercizio del diritto di scelta degli insegnamenti e delle attività opzionali. A.S CLASSE I sottoscritti Genitori degli alunni della classe……… sulla base delle opportunità formative offerte dalla scuola, consapevole dei vincoli organizzativi esistenti che non permettono laccettazione piena di tutte le richieste, chiede che il proprio figlio possa, in ordine preferenziale frequentare le seguenti attività opzionali: N.AlunniF/O -1F/O - 2F/O - 3F/O -4Firma

31 IL MODELLO ORGANIZZATIVO 8. Al fine di garantire la continuità, si prevde un modello organizzativo che privilegia labbinamento (in parallelo o in verticale) di due o tre classi. 9. Limitatamente alla.s. 2004/05 il piano delle attività opzionali verrà verificato entro i primi 15 giorni dallinizio delle lezioni


Scaricare ppt "Piano di fattibilità di attuazione della riforma -"

Presentazioni simili


Annunci Google