La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COUNSELLING AZIENDALE Ambiti di intervento ed applicazioni UN PROGETTO Dr. Franca Minore Counsellor-consultant.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COUNSELLING AZIENDALE Ambiti di intervento ed applicazioni UN PROGETTO Dr. Franca Minore Counsellor-consultant."— Transcript della presentazione:

1 COUNSELLING AZIENDALE Ambiti di intervento ed applicazioni UN PROGETTO Dr. Franca Minore Counsellor-consultant

2 sommario 1. Panorama 1. Panorama 2. la cultura aziendale 2. la cultura aziendale 3. ambiti di intervento ed applicazioni - progetto 3. ambiti di intervento ed applicazioni - progetto -

3 1. panoramica Lattuale momento storico è caratterizzato da rapidi e profondi cambiamenti che investono tutta la società, incluso il mondo del lavoro, nel quale si assiste alla scomparsa di professioni consolidate e alla nascita di altre professionalità implicanti sempre nuove conoscenze e competenze. Nel panorama attuale, anche le professioni tradizionali sono soggette a trasformazioni e necessitano di nuove fisionomie ed aggiornamenti. Tanto le piccole che le grandi imprese, si trovano oggi ad affrontare due sfide V il progresso tecnologico V la globalizzazione del mercato il cui fronteggiamento richiede alle organizzazioni V sia di apportare nuove strategie e metodi dazione V sia di sviluppare le risorse umane presenti nellambito produttivo stesso

4 panoramica Strumenti ottimali per il raggiungimento degli obiettivi sopra esposti sono V la formazione (sia di base che in itinere) V la consulenza servizi strategici, in quanto solo attraverso di essi, le imprese hanno la possibilità di V crescere qualitativamente V differenziarsi dalla concorrenza

5 panoramica La sempre maggiore attenzione prestata dalle organizzazioni ai suddetti servizi consulenziali, rimanda al concetto - affermatosi con forza negli ultimi tempi - per cui la capacitàproduttiva di unazienda è direttamente proporzionale al V la capacità produttiva di unazienda è direttamente proporzionale al benessere delle risorse umane presenti al suo interno, benessere delle risorse umane presenti al suo interno, V benessere che deve essere curato e promosso per aumentare lefficienza e lutile economico del sistema stesso. lefficienza e lutile economico del sistema stesso. A tale scopo il counselling aziendale, già presente nelle realtà lavorative nord- europee ed americane, sta ora sempre più diffondendosi rapidamente anche in Italia.

6 panoramica Lo scopo perseguito Lo scopo perseguito da questa particolare relazione daiuto può essere così schematizzato: V favorire lo sviluppo psicoemotivo della persona in tempi brevi V agevolare le relazioni interpersonali V valorizzare le risorse umane nei contesti produttivi Lutilizzo del counselling, volto alla promozione del benessere e alla riduzione di eventuali stati di disagio nelle organizzazioni, promuove, conseguentemente V il miglioramento nella qualità del lavoro V laumento della produttività

7 2. la cultura aziendale La cultura aziendale può essere descritta come la somma dei valori, delle aspettative e delle esperienze che la somma dei valori, delle aspettative e delle esperienze che connotano le attività dei membri di unorganizzazione e, in quanto connotano le attività dei membri di unorganizzazione e, in quanto tale, differenzia unorganizzazione da unaltra (Hofstade). tale, differenzia unorganizzazione da unaltra (Hofstade). La performance negli affari è collegata e legata alle credenze interne al sistema, nonché ai comportamenti, alle relazioni e agli aspetti tecnici di quella impresa e questo insieme crea unidentità interna o cultura questo insieme crea unidentità interna o cultura

8 la cultura aziendale La cultura di unorganizzazione è influenzata da tre aspetti: V cultura della nazione (cultura script) lo schema atteso e accettato di pensieri, comportamenti e sentimenti che si lo schema atteso e accettato di pensieri, comportamenti e sentimenti che si mostrano in società mostrano in società V storia dellorganizzazione stessa e le sue modalità di inserimento nel contesto comunitario dappartenenza contesto comunitario dappartenenza V tecniche e procedure della specifica organizzazione

9 3. applicazioni del counselling - progetto Lutilizzo del counselling nel contesto aziendale è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi a miglioramento della qualità del lavoro a riduzione dellassenteismo a aumento produttività Lintervento è ampiamente articolato ed affronta diverse tematiche vaste ed eterogenee. In particolare la nostra offerta muove da due direttrici di base a A. counselling individuale a B. counselling interpersonale

10 3. applicazioni del counselling - progetto A. COUNSELLING INDIVIDUALE coniugato secondo 3 direttrici operative coniugato secondo 3 direttrici operative a DIFFICOLTA PERSONALI a DIFFICOLTA LAVORATIVE a DIFFICOLTA RELAZIONALI Larea intrapersonale è la cassa di risonanza dello svolgimento dei ruoli: pertanto il ruolo lavorativo non risente esclusivamente di fattori quali la preparazione tecnica, labilità, la destrezza, ecc (competenza A*) ma, al contempo e correlati agli aspetti citati, da fattori quali il sistema di valori personale (G) e del mondo motivazionale ed affettivo (B), per cui formazione tecnica e sviluppo umano corrono di pari passo. Analisi Transazionale - la struttura di personalità trova fondamento nei tre stati dellIo Adulto, Genitore, Bambino

11 3. applicazioni del counselling - progetto perché diavolo non riusciamo a concludere? Lalleanza operativa rappresenta il nutrimento prioritario in ogni compito condiviso. Lalleanza operativa sana è caratterizzata dalla passione per il lavoro e dalla soddisfazione di condividere con altri un compito per cui ciascuno avverte un significato personale oltre che una padronanza collettiva. Lenergia produttiva fluisce da ciascun partner dellalleanza e fa da supporto allorganizzazione. Nellottica del counselling la chiave risiede nellaiutare le persone a definire (o riscoprire) le proprie profonde motivazioni e talenti per applicarli nella professione.

12 3. applicazioni del counselling - progetto B. COUNSELLING INTERINDIVIDUALE coniugato secondo 4 direttrici operative coniugato secondo 4 direttrici operative 1. LAVORARE COME GRUPPO 2. ASSUNZIONE DI RESPONSABILTA 3. AFFRONTARE IL CONFLITTO 4. MOTIVAZIONE ED EMPOWERMENT

13 3. applicazioni del counselling - progetto La pianificazione delle mansioni, la fissazione degli obiettivi comuni e la valutazione delle prestazioni - in cui capi e collaboratori lavorano congiunti per strutturare le varie attribuzioni in grado di massimizzare le probabilità di realizzazione, produttività ed espressione di competenze - è uno dei modi in cui le organizzazioni possono energizzare la naturale capacità degli esseri umani di lavorare duro su compiti che hanno davvero voglia di svolgere. Non vi è dubbio che può attuarsi un reale sviluppo dellorganizzazione se non cè un intervento parallelo ed integrato su dimensioni individuali ed organizzative e che sia di estrema utilità una diagnosi tempestiva di partenza che evidenzi la presenza di certi sintomi e di una condizione di diempowerment.

14 3. applicazioni del counselling - progetto Di conseguenza, il lavoro di counselling (individuale ed interpersonale) è focalizzato al raggiungimento dei seguenti items a produzione di autoconsapevolezza a rinforzo (empowerment) della persona a potenziamento dellautostima a sviluppo della persona e delle sue dinamiche relazionali a sviluppo di meccanismi di comunicazione efficaci e funzionali al contesto contesto V adattando la strategia alle esigenze della specifica commitenza V mediante lespressione ed elaborazione del materiale cognitivo-emozionale nel setting e nella relazione che sviluppa dalla relazione cliente/counsellor. setting e nella relazione che sviluppa dalla relazione cliente/counsellor.

15 3a. Counselling individuale nellorganizzazione A. COUNSELLING INDIVIDUALE A1. DIFFICOLTA PERSONALI Rientrano in questa sezione: Rientrano in questa sezione: a questioni emotive soggettive, coniugali, relazionali a disturbi psicosomatici compromettenti lefficienza professionale a stati di timidezza, di angoscia, di fobia sociale a problemi connessi a disattamento o iperadattamento che tendono ad inficiare la performance e la qualità relazionale della persona, che tendono ad inficiare la performance e la qualità relazionale della persona, minandone efficienza e potenzialità produttiva. minandone efficienza e potenzialità produttiva.

16 3a. Counselling individuale nellorganizzazione A2. DIFFICOLTA LAVORATIVE Rientrano in questa sezione: Rientrano in questa sezione: a demotivazione a gestione dei tempo a stress a scarsa produttività a resistenza al cambiamento

17 3a. Counselling individuale nellorganizzazione 3a. Counselling individuale nellorganizzazione A3. DIFFICOLTA RELAZIONALI Rientrano in questa sezione: Rientrano in questa sezione: a difficoltà relazionali a conflittualità a modalità comunicative disadattive rispetto al contesto

18 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione B. COUNSELLING INTERPERSONALE B1. LAVORARE COME GRUPPO La motivazione e limpegno nellorganizzazione vengono sviluppati attraverso buone relazioni di lavoro ed un senso di appartenenza al gruppo e sviluppano autostima proprio in quanto i partners sentono di aver contribuito alla riuscita di un compito comune. La motivazione e limpegno nellorganizzazione vengono sviluppati attraverso buone relazioni di lavoro ed un senso di appartenenza al gruppo e sviluppano autostima proprio in quanto i partners sentono di aver contribuito alla riuscita di un compito comune. Il gruppo di lavoro è ununità organizzativa dinamica di individui interdipendenti che opera per raggiungere una finalità comune, suddiviso in due aree operative, a compiti a relazioni Nel gruppo si succedono fasi di vita a orientamento, conflitto, integrazione,interdipendenza

19 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: a concorrere per il gruppo top di progettazione a potenziamento abilità comunicazionali (esprimere e promuovere comunicazione efficace comunicazione efficace a lavorare insieme (cooperazione vs competizione)

20 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione B2. ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: a ruolo individuale nel contesto dellalleanza operativa a utilizzo delle proprio potere assertivo in relazione al gruppo a prendere liniziativa a responsabilità dellautorivelazione nel gruppo di lavoro a errore ed integrità (prevenire ripetersi dellerrore, trovare soluzioni)

21 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione B3. AFFRONTARE IL CONFLITTO Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: a

22 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione 3b. Counselling interpersonale nellorganizzazione B4. MOTIVAZIONE ED EMPOWERMENT Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: Dinamiche di lavoro proposte in questa sezione: a questioni

23 applicazioni del counselling - progetto IL CONTRATTO A. CONTATTO- RICHIESTA Lamministrazione ed il management dellazienda rappresentano lanello di comunicazione tra lorganizzazione e la società di counselling-consulting. Lamministrazione ed il management dellazienda rappresentano lanello di comunicazione tra lorganizzazione e la società di counselling-consulting. Dallinterno del sistema e in virtù di specifici ruoli e competenze, tali strutture sono in grado di intervenire, richiedendo una consulenza, nel caso qualcosa non funzioni adeguatamente rispetto alla cultura dellorganizzazione, che si tratti a di rapporti tra collaboratori o con dipendenti a della relazione fornitore-cliente esterno a della rete relazionale e comunicazionale del proprio teamwork

24 applicazioni del counselling - progetto B. FASE PRELIMINARE - COMMITMENT Dal momento del primo contatto-richiesta da parte dellorganizzazione, il counsellor-connsultant si pone lincarico di strutturare contatti preliminari e fasi di contratto. Tale rigida strutturazione del processo ha lo scopo di fornire alla società commitente una precisa pianificazione in termini di acosti a tempistica a spazi a modalità operative volte al raggiungimento dellobiettivo comune.

25 applicazioni del counselling - progetto C. PRIMO COLLOQUIO Vede protagonisti la commitenza dellorganizzazione ed il counsellor--consultant. Tale colloquio risulta indispensabile al raggiungimento dellobiettivo in quanto il cambiamento effettivo passa attraverso la collaborazione del management, il quale dispone delle informazioni diagnostiche da cui partire e conosce le finalità da perseguire in relazione al singolo o al team.

26 applicazioni del counselling - progetto D. BUSINESS CONTRACT E CONTRATTO DEFINITIVO 1. Viene stipulato il contratto amministrativo, vale a dire i tempi dellindagine conoscitiva. conoscitiva. Scopo: pervenire ad unipotesi diagnostica sul caso in analisi. Scopo: pervenire ad unipotesi diagnostica sul caso in analisi. 2. Definizione dellobiettivo di contratto sulla base dellipotesi diagnostica definitiva

27 applicazioni del counselling - progetto TIPI DI CONTRATTO TIPI DI CONTRATTO a CONTRATTO SOFT lobiettivo è di tipo cognitivo e si riferisce alla sola comprensione cognitiva cui lobiettivo è di tipo cognitivo e si riferisce alla sola comprensione cognitiva cui consegue la consapevolezza delle dinamiche disfunzionali in atto. consegue la consapevolezza delle dinamiche disfunzionali in atto. a CONTRATTO HARD lobiettivo è un cambiamento cognitivo-comportamentale verificabile lobiettivo è un cambiamento cognitivo-comportamentale verificabile a CONTRATTO SOCIALE lobiettivo riguarda una specifica area rispetto alla quali il singolo soggetto ed il lobiettivo riguarda una specifica area rispetto alla quali il singolo soggetto ed il counsellor si propongono un recupero ed energizzione delle risorse adulte counsellor si propongono un recupero ed energizzione delle risorse adulte (consapevolezza, responsabilità personale, empowerment potenzialità, (consapevolezza, responsabilità personale, empowerment potenzialità, efficienza, autostima, benessere, capacità relazionali e comunicative adattive…) efficienza, autostima, benessere, capacità relazionali e comunicative adattive…) aCONTRATTO A TRE MANI in cui si esplicita limpegno di una terza parte (es. quadri intermedi) in cui si esplicita limpegno di una terza parte (es. quadri intermedi)

28 applicazioni del counselling - progetto METODOLOGIA UTILIZZATA METODOLOGIA UTILIZZATA a Per interventi del genere sopra esposto si utilizzano colloqui individuali, nonché, se necessario, incontri di gruppo a sostegno del singolo. nonché, se necessario, incontri di gruppo a sostegno del singolo. a A seconda delle esigenze specifiche e degli accordi pattuiti in sede di definizione contrattuale, contrattuale, - i lavoratori sono inviati presso la nostra agenzia ci counselling - i lavoratori sono inviati presso la nostra agenzia ci counselling - gli incontri avvengono nellambito dellazienda stessa - gli incontri avvengono nellambito dellazienda stessa

29 applicazioni del counselling - progetto COUNSELLING INTERINDIVIDUALE COUNSELLING INTERINDIVIDUALE 1. DIFFICOLTA PERSONALI Rientrano in questa sezione: Rientrano in questa sezione:


Scaricare ppt "COUNSELLING AZIENDALE Ambiti di intervento ed applicazioni UN PROGETTO Dr. Franca Minore Counsellor-consultant."

Presentazioni simili


Annunci Google