La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CAPITOLO 2 I Modelli Economici: Trade-off e Scambio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CAPITOLO 2 I Modelli Economici: Trade-off e Scambio."— Transcript della presentazione:

1 CAPITOLO 2 I Modelli Economici: Trade-off e Scambio

2 2 Cosa impareremo in questa lezione: Perché i modelli? Le rappresentazioni semplificate della realtà giocano un ruolo fondamentale nelle scienze economiche. Tre modelli semplici ma importanti: La frontiera delle possibilità di produzione Il vantaggio comparato Il diagramma di flusso circolare La differenza tra economia positiva ed economia normativa. Quando gli economisti sono daccordo e perché a volte sono in disaccordo.

3 3 I modelli nelle scienze economiche Un modello è una rappresentazione semplificata di una situazione reale usato per capire meglio le situazioni reali stesse. Creare uneconomia semplificata ma reale Es.: Le sigarette nei campi di prigionia della II Guerra Mondiale usate per studiare la moneta Simulare uneconomia con un computer Es.: Modelli fiscali, modelli economia mondiale Lipotesi a parità delle altre condizioni implica che tutti gli altri fattori rilevanti restano invariati.

4 4 Trade-off: La Frontiera delle Possibilità di Produzione (FPP) La frontiera delle possibilità di produzione (FPP) illustra i trade-off affrontati da uneconomia che produce solo due beni. Mostra la quantità massima di un bene che può essere prodotta per ogni dato livello di produzione dellaltro. La FPP migliora la nostra comprensione dei trade-off considerando uneconomia semplificata che produce solo due beni e rappresentando questo trade-off graficamente.

5 5 Il Trade-off di Tom: La Frontiera delle Possibilità di Produzione

6 6 Costo-Opportunità Crescente

7 7 Crescita Economica La crescita economica implica uno spostamento verso lesterno della FPP poiché le possibilità di produzione sono aumentate.

8 8 Vantaggio Comparato e Benefici dello Scambio Es.: Tom e Hank

9 9 I Costi-Opportunità per Tom e Hank dei pesci e delle noci di cocco Costo- Opportunità di Tom Costo- Opportunità di Hank Un pesce 3/4 di noce di cocco 2 noci di cocco Una noce di cocco 4/3 di pesce1/2 di pesce

10 10 Specializzatevi e Commerciate! Entrambi i naufraghi stanno meglio quando ciascuno si specializza in ciò in cui è bravo e poi commerciano. E una buona idea che Tom catturi il pesce per entrambi, poiché il suo costo-opportunità del pesce in termini di noci di cocco non raccolte è solo 3/4 di noce di cocco, rispetto a 2 noci di cocco per Hank. Similmente, è una buona idea che Hank raccolga le noci di cocco per entrambi.

11 11 Perché i naufraghi beneficiano dallo scambio Sia Tom che Hank beneficiano dalla scambio: Il consumo di Tom di pesce aumenta di due, e il suo consumo di noci di cocco aumenta di uno. Il consumo di Hank di pesce aumenta di quattro, e il suo consumo di noci di cocco aumenta di due.

12 12 Vantaggio Comparato e Benefici dello Scambio Es.: Tom e Hank

13 13 Vantaggio Comparato vs. Assoluto Un individuo ha un vantaggio comparato nella produzione di un bene o servizio se il costo- opportunità per quellindividuo di produrre il bene è inferiore rispetto ad altri. Un individuo ha un vantaggio assoluto nella produzione di un bene o servizio se lui o lei può farlo meglio di altri. Avere un vantaggio assoluto non è la stessa cosa che avere un vantaggio comparato.

14 14 Tom vs. HankAssoluto vs. Comparato Tom ha un vantaggio assoluto in entrambe le attività: può produrre più output con un certo input (in questo caso, il suo tempo) rispetto ad Hank. Ma abbiamo appena visto che Tom può in realtà beneficiare da un accordo con Hank, perché è il vantaggio comparato, non assoluto, alla base del beneficio reciproco. Così Hank, nonostante il suo svantaggio assoluto, anche per le noci di cocco, ha un vantaggio comparato nella raccolta di noci di cocco. Allo stesso tempo Tom, che può sfruttare meglio il suo tempo prendendo i pesci, ha uno svantaggio comparato nella raccolta delle noci di cocco.

15 15 Vantaggio Comparato e Commercio Internazionale (Es.: Svizzera e Italia)

16 16 Vantaggio Comparato e Commercio Internazionale Come nellesempio di Tom e Hank, Svizzera e Italia possono entrambe raggiungere benefici reciproci dal commercio. Se la Svizzera si specializza nella produzione di burro ed esporta una parte del suo output in Italia, mentre lItalia si specializza nei cannoni ed esporta una parte del suo output in Svizzera, entrambi i Paesi possono consumare più di quanto avrebbero potuto se fossero restati autosufficienti (autarchici).

17 17 TRANELLO: Equivoci sul Vantaggio Comparato Un errore comune è confondere il vantaggio comparato con il vantaggio assoluto. Es.: U.S.A. vs. Japan negli anni 80 Giornalisti: U.S.A. potrebbero presto perdere tutti i loro vantaggi comparati Falso! Volevano dire vantaggi assoluti

18 18 Le transazioni: il diagramma di flusso circolare Lo scambio prende la forma del baratto quando le persone si scambiano direttamente beni o servizi che possiedono con quelli che desiderano. Il diagramma di flusso circolare è un modello che rappresenta le transazioni in un sistema economico come due flussi concentrici di direzione opposta.

19 19 Il diagramma di flusso circolare

20 20 Flussi circolari nelle attività economiche Un nucleo familiare è una persona o un gruppo di persone che condividono il proprio reddito. Una impresa è una organizzazione che produce beni o servizi per la vendita al pubblico. Le imprese vendono alle famiglie i beni e servizi che producono nei mercati dei beni e servizi. Le imprese comprano gli input per produrrei fattori della produzionenei mercati dei fattori.

21 21 Crescita dellEconomia U.S.A.:

22 22 Usare i Modelli Leconomia positiva è quella branca dellanalisi economica che descrive il modo in cui leconomia funziona realmente. Leconomia normativa fa prescrizioni circa il modo un cui leconomia dovrebbe funzionare. Una previsione è una semplice predizione del futuro.

23 23 Usare i Modelli Gli economisti possono rispondere correttamente a domande di natura positiva, ma non a domande di carattere normativo, che implicano giudizi di valore. Fa eccezione il caso in cui le politiche economiche deputate a raggiungere un certo obiettivo possano essere chiaramente ordinate in termini di efficienza. Provocazione: gli economisti usano modelli complessi non per dimostrare quanto sono intelligenti, ma perchénon sono abbastanza intelligenti per analizzare il mondo così comè.

24 24 Quando e perché gli economisti sono in disaccordo Gli economisti sono in disaccordo per due motivi: Possono essere in disaccordo su quale semplificazione fare in un modello (e quindi utilizzano modelli diversi per analizzare uno stesso fenomeno). Possono essere in disaccordo sui valori.

25 25 Fine del Capitolo 2


Scaricare ppt "CAPITOLO 2 I Modelli Economici: Trade-off e Scambio."

Presentazioni simili


Annunci Google