La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Modellistica e Simulazione A.A. 2007/2008 Presentazione del Software FARSITE (Fire Area Simulator) Presentazione del Software FARSITE (Fire Area.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Modellistica e Simulazione A.A. 2007/2008 Presentazione del Software FARSITE (Fire Area Simulator) Presentazione del Software FARSITE (Fire Area."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Modellistica e Simulazione A.A. 2007/2008 Presentazione del Software FARSITE (Fire Area Simulator) Presentazione del Software FARSITE (Fire Area Simulator) VIRNA PAVESI MATRICOLA

2 Il modello FIRESAT (Fire Area Simulator) simula la propagazione di un incendio entro una determinata zona. E necessario, per questo, definire le caratteristiche della vegetazione e topografiche dellarea entro la quale si intende eseguire la simulazione. Detengono rilevante importanza, quindi, gli INPUT del sistema che consistono principalmente in: Quota delle zone considerate; Inclinazione terreni; Giaciture; Tipi di combustibile nellambiente; Copertura vegetazionale; Importanti per lavvio del processo sono, inoltre, le informazioni riguardanti: Tempo (temperatura, umidità, precipitazioni); Vento (velocità, direzioni); Umidità combustibile;

3 I dati di OUTPUT interessati, scelti quindi attraverso opportune finestre di dialogo del simulatore, sono rappresentati da: TEMPI DI ARRIVO DELLE FIAMME; INTENSITA DI FIAMMA AL FRONTE; LUNGHEZZA DI FIAMMA; VELOCITA DI PROPAGAZIONE; CALORE PRODOTTO; INTENSITA DI REAZIONE; FUOCO DI CHIOMA; DIREZIONE DI CRESCITA; Il simulatore può rivelarsi di estrema importanza in casi di programmazione di attacchi di difesa ipotizzando la presenza di: posizione di barriere tagliafuoco, presenza di risorse terrestre e aeree.. Barriera Taglia-fuoco

4 Durante la simulazione vengono raffigurate le curve di livello nellarea considerata. Tali curve rappresentano la posizione del fronte nei vari istanti successivi. Per ogni punto di esse è possibile conoscere : VELOCITA DI PROPAGAZIONE INTENSITA DI FIAMMA AL FRONTE LUNGHEZZA DI FIAMMA CALORE PRODOTTO INTENSITA DI REAZIONE Una volta stabilito il punto o larea di innesco, il cammino del fuoco è visibile per fronti successivi per tutta la durata della simulazione. Figura 2 Figura 3: mappa della lunghezza di fiamma

5 I risultati finali di estensione del fuoco (rappresentati nella finestra di LANDSCAPE), derivano da accurate selezioni fatte in precedenza, attraverso le tabelle di dialogo del simulatore. Le dialog boxes permettono quindi di :dialog boxes -creare un territorio sul quale avviare la simulazione, specificandone la latitudine, le unità di misura (metri e gradi nel nostro caso), umidità, carburanti naturali.. -definire i tempi entro i quali studiare levoluzione; -specificare da quale punto si vuole far partire il caso dincendio; -aggiungere una barriera taglia-fuoco per delimitare le fiamme; A questo punto viene lanciata la simulazione. La figura 1 ci indica le curve di livello che mano a mano vengono rappresentate. Questultima finestra di rappresentazione del modello, puòfigura 1 essere modificata a seconda dellutilizzo. Può infatti essere convertita in 3D, per una migliore rappresentazione, si possono mettere in evidenza i particolari..e ovviamente possono essere modificati i parametri come ad esempio la velocità del vento in quella zona, umidità, accelerazione delle fiamme…

6 Curve di livello della propagazione del fronte di fuoco PER TORNARE SU

7 Le finestre di dialogo permettono di generare i file contenenti le peculiarità del territorio considerato. La finestra in basso a destra consente di stabilire la durata dellincendio.

8 Grazie a queste finestre, invece, si ha la possibilità di scegliere quali output interessano, di impostare parametri specifici del simulatore e la durata complessiva della simulazione. PER TORNARE SU

9 Figura 5: Pendii. In blu sono medi, in azzurro elevati. Figura 4: Elevazione. In giallo la quota più elevata Figura 6: curve di livelloRappresentazione in 3D della LANDSCAPE

10 Espansione dei fronti di fuoco senza barriera Propagazione limitata, dei fronti di fuoco, con la barriera

11 Schema a blocchi generale della simulazione di FARSITE:

12 FARSITE è disponibile gratuitamente su web al sito: Per concludere si può dire che FARSITE fornisce dettagliate mappe del comportamento del fuoco e dei suoi effetti (velocità di propagazione, area coperta dallincendio, intensità lineare del fronte di fuoco, ecc.) su differenti scale spaziali e temporali. La disponibilità di un simulatore di propagazione calibrato e validato nelle condizioni meteorologiche e vegetazionali delle aree considerate è un aspetto essenziale per la simulazione delleffetto di scenari climatici differenziati sul pericolo di propagazione degli incendi boschivi. Attraverso le simulazioni è così possibile studiare le strategie migliori per limitare, o evitare disastri ambientali che colpiscono boschi e foreste. Il software è di utilizzo relativamente semplice e comprensibile, ma è necessario avere tutte le informazioni riguardanti lambiente da considerare.


Scaricare ppt "Corso di Modellistica e Simulazione A.A. 2007/2008 Presentazione del Software FARSITE (Fire Area Simulator) Presentazione del Software FARSITE (Fire Area."

Presentazioni simili


Annunci Google