La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VISENTIN MICHELE. Definizione del processo di sinterizzazione E un trattamento termico di un compatto di polveri al di sotto del punto di fusione del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VISENTIN MICHELE. Definizione del processo di sinterizzazione E un trattamento termico di un compatto di polveri al di sotto del punto di fusione del."— Transcript della presentazione:

1 VISENTIN MICHELE

2 Definizione del processo di sinterizzazione E un trattamento termico di un compatto di polveri al di sotto del punto di fusione del componente principale Consiste essenzialmente nella rimozione della porosità tra le particelle della polvere di partenza, combinata con la crescita delle particelle, la formazione di robusti collegamenti ( colli ) tra di esse, e ad un ritiro dei componenti.

3 Studio termodinamico ed atomistico Forze motrici della sinterizzazione La sinterizzazione è un processo spontaneo che porta allabbassamento dellenergia libera del sistema Se il sistema non cambia composizione chimica e stato energia libera = energia delle superfici Sinterizzazione = minimizzazione delle superfici

4 Deve essere presente un meccanismo di trasporto della materia Deve esserci una sorgente di energia per attivare e sostenere questo trasporto di materia

5 Meccanismi di sinterizzazione Tipo di sinterizzazione Meccanismo di trasporto Forza motrice In presenza di fusoFlusso viscoso, diffusione Pressione capillare, tensione superficiale Allo stato solidoDiffusioneDifferente energia libera o potenziali chimici In presenza di vapore Evaporazione - Condensazione Differente pressione di vapore Con formazione di nuove fasi Flusso viscoso, soluzione - precipitazione Pressione capillare, tensione superficiale

6 Sinterizzazione in fase liquida ( LPS ) Nella prassi industriale è un processo comune perché la fase liquida permette di aumentare la velocità di densificazione Questo processo permette di lavorare a T inferiori a quelle che sarebbero servite ad esempio nella sinterizzazione allo stato solido La fase liquida si genera spontaneamente dalle impurità chimiche presenti o può essere indotta dallaggiunta di additivi

7 Wetting Il concetto di wetting può essere espresso e spiegato in termini di energie superficiali = 90° è un valore che costituisce il confine tra comportamento WETTING e NON WETTING °

8 La situazione verso cui si tende e che ci interessa è che il liquido abbia un comportamento wetting, cioè si sparga e bagni bene le particelle. Questo si ha quando : SV > SL + LV cos

9 Morfologia fase liquida

10 Il liquido può effettivamente aiutare la sinterizzazione solo se è in grado di penetrare e di bagnare almeno tutta la lunghezza degli spigoli delle particelle, cioè quando < 60° La microstruttura del materiale sinterizzato che si ottiene è costituita da grani di materiale cristallino immersi nella fase liquida

11 I requisiti necessari per una buona e completa sinterizzazione di un sistema ceramico sono : 1 - Alla T di sinterizzazione deve essere presente una quantità di liquido sufficiente per quelle condizioni di sinterizzazione 2 - Il liquido deve essere in grado di bagnare il solido così uniformemente da rendere minimi i contatti tra i granuli 3 - Il solido che costituisce il compatto di polvere deve essere parzialmente solubile nel liquido

12 Kingery ( 1959 ) ha descritto il processo di LPS 3 STEPS

13 I STEP ( riarrangiamento ) - Formazione del liquido - Il liquido tende ad unire insieme le particelle - Formazione di colli - La fase termina quando tutte le particelle sono a contatto tra di loro

14 II STEP ( soluzione - precipitazione ) - V / V = Kt V = Cambiamento di volume V = Volume originale K = Costante che dipende da viscosità e T - Le particelle più piccole vanno in soluzione nel liquido e si ha precipitazione su quelle più grosse - I colli tra i granuli a contatto vanno in soluzione e si ha precipitazione sui granuli non compressi - Gli angoli più acuti e le forme più convesse vanno in soluzione. Precipitazione su quelle convesse o 1/n o n=1/3

15 III STEP ( coalescenza ) - Quando si è raggiunta una crescita dei grani sufficiente per formare uno scheletro solido - La porosità da aperta diventa chiusa - Eliminazione della porosità chiusa

16 Stadi di sviluppo della porosità SINTERIZZAZIONE : I STEPCala il numero dei pori che tendono a crescere di dimensione II STEPLa porosità continua a crescere nelle dimensioni ed a diminuire nella quantità III STEPLenta eliminazione dei pori di dimensioni maggiori. Nella struttura finale si osservano solo piccoli pori allinterno dei grani 10% di porosità residua Additivi

17 La necessità di eliminare la porosità è legata al fatto che : < porosità > elasticità > resistenza meccanica > trasmissione ottica > conducibilità elettrica

18 La porosità chiusa contiene normalmente gas dellatmosfera di sinterizzazione oppure vapori della fase liquida

19 Componenti ceramici ai quali è richiesta alta resistenza meccanica e minima porosità, sono prodotti partendo da polveri aventi particelle di taglia inferiore a 1 micron e superfici maggiori di 5 m / g Anche la forma delle particelle ha una forte importanza nel processo LPS, in quanto influenza in modo determinante landamento delle forze capillari 2

20 Esempio Le porcellane sono dei sinterizzati in fase liquida Una comune porcellana è formata da 50 % caolino ( 45 % Al O e 55 % SiO ), 25 % Kf e 25 % SiO Sopra i 1200° si forma già una quantità di liquido sufficiente ad ottenere un buon sinterizzato 23 22

21 Esempio Attualmente ceramiche avanzate con composizioni basate su Si N Richiedono additivi come MgO, Y O, Al O, e ossidi di terre rare Opportuno ciclo tempo/T Deposizione di cristalli allungati di ß-Si N Alta resistenza alla fratturazione

22 Sinterizzazione allo stato solido Processo spontaneo la cui forza motrice è la minimizzazione delle superfici. Si ottiene sostituendo la polvere di partenza, formata da particelle slegate, con elevata energia superficiale solido-vapore ( ) con un solido organizzato, formato da cristalli ben collegati e con minor energia superficiale solido-solido SV Porosità 60-90% Porosità 40-60%Porosità 0-20%

23 Processo in cui sono riconosciute ancora tre fasi principali, anche se non hanno una chiara distinzione tra di loro

24 Fase iniziale - Riarrangiamento delle particelle - Formazione di colli - La densità relativa passa da 0.5 a 0.6

25 Fase intermedia - Cresce la taglia dei colli e di alcune particelle - La fase finisce quando la porosità diventa chiusa - La densità relativa raggiunge un valore di 0.9

26 Fase finale - Eliminazione della porosità chiusa - Crescita ulteriore dei granuli Si può seguire levoluzione microstrutturale con immagini al SEM a varie T e istanti t

27 Meccanismi di trasporto TRAGITTOSORGENTE 1Diffusione superficialeSuperficie 2Diffusione reticolareSuperficie 3VaporizzazioneSuperficie 4Diffusione al contattoContatto tra granuli 5Diffusione reticolareContatto tra granuli 6Diffusione reticolareDislocazione

28 La diffusione consiste nel movimento di atomi o vacanze lungo le superfici o lungo il contatto tra granuli o attraverso il reticolo

29 E stato inventato un modello che descrive il meccanismo di trasporto attraverso diffusione reticolare, dal contatto tra due granuli al collo Questo modello è valido solo per la fase iniziale del processo

30

31

32 Anche la distribuzione delle granulometrie nel compatto di polveri è determinante, se limpacchettamento delle particelle non è uniforme, risulterà molto difficile eliminare la porosità La non uniformità può derivare dalla fase di formatura E importante considerare anche le forme, infatti la densificazione aumenta, a parità di area superficiale, quando si hanno particelle con forma equiassiale Particelle che hanno tutte la stessa forma e la stessa taglia non sono assemblabili efficientemente. Formano compatti con grandi volumi di porosità Vi sarà una crescita dei granuli tale che il compatto subirà una buona densificazione, ma manterrà comunque unalta porosità

33 Crescita dei granuli La differenza di energia libera tra le due parti di un bordo grano, è la forza motrice che spinge il bordo verso il suo centro di curvatura Riducendo larea superficiale diminuisce lenergia del sistema che diventa più stabile

34 Le superfici del materiale in sinterizzazione non si trovano allo stesso μ, attività chimica ( a ) o pressioni parziali ( p ) μ superfici convesse > μ superfici piane > μ superfici concave

35 Il minimo energetico corrisponde ad un minimo delle superfici di contatto Geometricamente un poliedro di 6 lati piani rappresenta un policristallo a livello minimo di energia Lesame delle forme dei grani e delle curvature dei bordi permette di stabilire la direzione di movimento

36 Particelle con più di 6 lati hanno bordi che sono convessi se visti dal centro della particella Particelle con meno di 6 lati hanno bordi concavi I granuli cresceranno o si ritireranno a seconda del numero di lati, quelli con più di 6 lati cresceranno, quelli con meno si ritireranno I grani maggiori crescono a spese di quelli più piccoli

37 Movimento della porosità La porosità può rimanere attaccata al bordo grano in movimento ed essere trasportata. In questo caso le porosità si agglomerano e vengono eliminate rapidamente La porosità può venir inglobata dal grano la cui parete si muove troppo rapidamente. In questo caso i pori si muovono lentamente e sono difficilmente eliminabili

38 Si sfrutta la presenza di pori o di particelle di una fase diversa presente come impurità, per controllare la crescita dei granuli La presenza di inclusioni aumenta lenergia necessaria per il movimento del bordo e quindi inibisce la crescita. La curvatura del grano diventa energeticamente insufficiente, per continuare la crescita servirebbe unenergia di attivazione superiore

39 Per produrre ceramiche più dense si deve limitare la crescita dei granuli aggiungendo, per esempio, additivi come MgO in Al 2 O 3 che vincolano il bordo Gli additivi esercitano un controllo microstrutturale del prodotto. Le concentrazioni degli additivi devono essere molto basse e mai superiori ai limiti di solubilità

40 Esempio Perovskiti PLZT dopate con lantanidi Il controllo sulla crescita dei cristalli è esercitato dalla distorsione della cella cubica della perovskite. Di conseguenza vi è un cambiamento dellenergia di superficie e della microstruttura

41 Esempio Ferriti usate per misurare la permeabilità magnetica necessitano di grani piuttosto grossi, con bordi regolari e punti tripli. Mn 0.5 Zn 0.5 Fe 2 O 4 con aggiunta di 0.02 % in peso di Bi 2 O 3 allo scopo di promuovere la crescita dei granuli e quindi aumentare la permeabilità magnetica

42 A volte vi può essere una crescita esagerata dei granuli, i pori rimangono intrappolati allinterno delle particelle anziché essere eliminati

43 La crescita esagerata dei grani può essere evitata con laddizione di 0.25 % in peso di MgO Al 2 O 3 non ha pori intrappolati nei granuli ed è quindi quasi trasparente Tale Al 2 O 3 dopata è usata per lampadine per luci stradali ed ha Applicazioni in ortodonzia

44 Ossidi puri come BeO, Y 2 O 3, UO 2, ThO 2, ZrO 2 vengono dopate con ZrO 2 e sinterizzati allo stato solido Anche SiC con addizionati C o B viene densificato attraverso SSS a T di circa 2150° per almeno 30 minuti

45 Reactive Sintering Questa tecnica può essere distinta dalle convenzionali LPS o SSS, perché in questo caso le ceramiche aumentano in massa attraverso reazioni con gas o fasi liquide Il trasporto della materia avviene via vapore o soprattutto in fase liquida, Il liquido è presente durante il processo per dare la stessa forza motrice già descritta nel LPS Il liquido può cambiare composizione, sparire durante il processo oppure dopo che esso si è completato Se la fase liquida viene consumata dalle reazioni, il materiale Risultante può avere ottime proprietà alle alte T

46 Modi per ottenere la fase liquida 1. Selezionare una polvere di partenza o additivi che si combinino e reagiscano in modo da dare uno o più componenti intermedi liquidi, prima che si formino i componenti solidi finali 2. Usare polveri di partenza che possano formare allequilibrio una soluzione solida, ma che passi prima attraverso stati liquidi 3. Sinterizzare in fase liquida, raffreddare per produrre vetro tra i bordi grano, e poi trattare con il calore per far cristallizzare il vetro

47 Esempio Lobiettivo è sinterizzare il SiC a T inferiori a 2150° per ottenere un materiale con ottime proprietà ad alte T Si sfrutta leutettico presente tra Al 2 O 3 e Al 4 O 4 C nel sistema Al 2 O 3 – Al 4 C 3

48 Si formerà Al 2 OC che ha la stessa struttura di β -SiC, e può dare una quasi completa soluzione solida con SiC Il materiale finale non contiene vetro tra i bordi, viene completamente densificato dopo 10 minuti a 2000°

49 Bibliografia Lee, Rainforth Ceramic Microstructures David W. Richerson Modern Ceramic Engineering


Scaricare ppt "VISENTIN MICHELE. Definizione del processo di sinterizzazione E un trattamento termico di un compatto di polveri al di sotto del punto di fusione del."

Presentazioni simili


Annunci Google