La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COSTRUZIONI RURALI Corso di Laurea in PAAS Prof. Massimo Lazzari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COSTRUZIONI RURALI Corso di Laurea in PAAS Prof. Massimo Lazzari."— Transcript della presentazione:

1 COSTRUZIONI RURALI Corso di Laurea in PAAS Prof. Massimo Lazzari

2 Aspetti generali Lallevamento suinicolo ha come fine la produzione di suini: - leggeri ( kg) produzione da macelleria; - pesanti ( kg) produzione da salumificio. L obiettivo è quello di: svezzare il maggior numero di suinetti possibile per scrofa e per anno; ottimizzare il rapporto fra alimento consumato e carne prodotta (indice di trasformazione).

3 Tecniche di allevamento i suini possono venire allevati in strutture ad ambiente naturale (zone a clima temperato o caldo) o controllato. In quelle ad ambiente controllato possono essere più o meno vincolati durante le diverse fasi di crescita o di produzione. Lallevamento in strutture ad ambiente controllato consente di ottenere grandi prestazioni in termini di produttività della manodopera e di incremento di peso giornaliero, ma richiede, elevati investimenti di capitale e una particolare cura delle condizioni igienico-sanitarie.

4

5

6

7 suini «Art Tutte le aziende devono soddisfare almeno i seguenti requisiti: a) le superfici libere a disposizione di ciascun suinetto o suino all'ingrasso allevato in gruppo, escluse le scrofette dopo la fecondazione e le scrofe, devono corrispondere ad almeno: 1) 0,15 mq per i suini di peso vivo pari o inferiore a 10 kg; 2) 0,20 mq per i suini di peso vivo compreso tra 10 e 20 kg; 3) 0,30 mq per i suini di peso vivo compreso tra 20 e 30 kg; 4) 0,40 mq per i suini di peso vivo compreso tra 30 e 50 kg; 5) 0,55 mq per i suini di peso vivo compreso tra 50 e 85 kg; 6) 0,65 mq per i suini di peso vivo compreso tra 85 e 110 kg; 7) 1,00 mq per i suini di peso vivo superiore a 110 kg; b) le superfici libere totali a disposizione di ciascuna scrofetta dopo la fecondazione e di ciascuna scrofa qualora dette scrofette o scrofe siano allevate in gruppi, devono essere rispettivamente di almeno 1,64 mq e 2,25 mq. Se i suini in questione sono allevati in gruppi di: 1) meno di sei animali, le superfici libere disponibili devono essere aumentate del 10%; 2) 40 o più animali, le superfici libere disponibili possono essere ridotte del 10 %;

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18 Superficie occupata per capo

19 Requisiti minimi S=0.033 m 0.67

20 PAVIMENTAZIONI 1,30 m 2 per le scrofe; 0,95 m 2 per le scrofette dopo la fecondazione e per scrofe gravide Pavimentazione piena, continua (spazio riservato alle aperture di scarico < 15%) e conformi ai seguenti requisiti: Pavimentazione fessurata, per suini allevati in gruppo: – 11 mm per i lattonzoli; –14 mm per i suinetti; –18 mm per i suini allingrasso; –20 mm per scrofette fecondate e scrofe Larghezza minima del travetto : – 50 mm per lattonzoli e suinetti, – 80 mm per suini allingrasso ecc.

21

22

23

24

25

26 Dimensioni del piede

27

28

29

30

31

32

33 STABULAZIONE Scrofe: in posta singola solo per 4 settimane dopo la fecondazione Deroga: Se allevamenti < 10 scrofe è consentito all.to in box individuali ma… con possibilità per lanimale di girarsi facilmente! Negli altri periodi all.to in box multipli con i seguenti requisiti: - box con lati > m 2,80 Se all.to < 6 scrofe - box con lati > m 2,40 VIETATA la costruzione o la conversione di impianti con scrofe e scrofette tenute allattacco. A decorrere dal 01/01/2006 è VIETATO lutilizzo di ATTACCHI per scrofe e scrofette

34

35

36 A partire da 2 settimane di età, va prevista la disponibilità permanente di acqua fresca sufficiente Verri: Dimensione del box 6 m 2 (10 m 2 per laccoppiamento) Scrofe e scrofette: Settimana prima del parto uso lettiera se compatibile con sistema smaltimento liquami Nei posti parto con scrofa libera: protezioni per lattonzoli Lattonzoli: Porzione del pavimento per riposo piena o ricoperta da tappetino, paglia o altro materiale Lo svezzamento a 28 giorni a meno che la madre danneggi benessere del lattonzolo o di se stessa (21 gg).

37

38

39 Locali di stabulazione I locali di stabulazione vanno previsti in modo che: gli animali abbiano libero accesso ad una zona in cui coricarsi, pulita, confortevole dal punto di vista termico e che consenta a tutti di stare coricati distesi contemporaneamente. (S(m 2 )=0,047 x P 0.67 ) gli animali possano riposare ed alzarsi con movimenti normali vedere altri suini (nella settimana antecedente il parto e durante questo, le scrofe e le scrofette possono essere isolate).

40


Scaricare ppt "COSTRUZIONI RURALI Corso di Laurea in PAAS Prof. Massimo Lazzari."

Presentazioni simili


Annunci Google