La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Biotecnologie e scienza incerta Mariachiara Tallacchini

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Biotecnologie e scienza incerta Mariachiara Tallacchini"— Transcript della presentazione:

1 Biotecnologie e scienza incerta Mariachiara Tallacchini

2

3 Lincertezza della scienza (Brian Wynne)

4 EEA, Late lessons from early warnings, (Copenhagen 2001)

5 Il diritto della scienza incerta: RA e PP a)Valutazione del rischio Dichiarazione di Rio de Janeiro su ambiente e sviluppo, 1992, P.17: La valutazione di impatto ambientale verrà effettuata in relazione ad attività che possano avere significativi impatti negativi sullambiente b) Principio di precauzione Dichiarazione di Rio de Janeiro su ambiente e sviluppo, 1992, P.15: Qualora esista la minacciadi danni seri e irreversibili (allambiente), la mancanza di piena certezza scientifica non potrà essere invocata per posticipare misure efficaci di degrado ambientale c) Trattato di Maastricht, Art.130R, par.2, 1992: Le politiche comunitarie saranno basate (…) sul principio di precauzione e sui principi di prevenzione, di correzione allorigine dei possibili danni e sul principio del chi inquina paga

6

7 Direttiva 2001/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 marzo 2001, sull'emissione deliberata nell'ambiente di organismi geneticamente modificati e che abroga la direttiva 90/220/CEE del Consiglio 8) Nell'elaborazione della presente direttiva è stato tenuto conto del principio precauzionale e di esso va tenuto conto nell'attuazione della stessa. (9) Il rispetto dei principi etici riconosciuti in uno Stato membro è particolarmente importante. Gli Stati membri possono prendere in considerazione gli aspetti etici quando gli OGM siano deliberatamente emessi o immessi in commercio come tali o contenuti in prodotti. (10) Per un quadro legislativo completo e trasparente, è necessario garantire che il pubblico sia consultato dalla Commissione o dagli Stati membri durante l'elaborazione delle misure, e che sia informato delle misure adottate durante l'attuazione della presente direttiva.

8 I rischi non sono solo oggettivi I rischi devono essere socialmente decisi, accettati, condivisi

9 Scienza e fiducia dei cittadini

10 Democratizzare la scienza le nuove epistemologie pubbliche La scienza socialmente robusta (Helga Nowotny) Le epistemologie civiche (Sheila Jasanoff)

11 Estendere la consultazione con gli scienziati -Più estesa conoscenza dei problemi -Collegamento democratico tra società e comunità scientifica Rendere partecipi i cittadini -Mancanza di garanzie analoghe a quelle che hanno condotto allo Stato di diritto -Modalità più equa di ripartizione dei rischi -Modalità più equa di ripartizione dei benefici -Modalità di ri-costruzione della fiducia dei cittadini

12

13 Approfondire la democrazia in Europa Obiettivi 1.Democratizzare il sapere scientifico, in particolare nei settori sensibili della salute e della sicurezza: a)Maggiore accessibilità, non solo trasparenza tecnica b)Definire parametri scientifici di riferimento 2.Formalizzare le condizioni di partecipazione allelaborazione delle regole, per creare un diritto partecipativo della società civile: a)equità, autonomia, trasparenza, responsabilizzazione

14 Le applicazioni UK Food Standard Agency (2000) Gli xenotrapianti in Canada e Australia: il coinvolgimento del pubblico ( )

15 Food Standards Agency (FSA) La risposta britannica alla BSE

16 Food Standards Agency (FSA) I nuovi principi 1. Apertura e trasparenza Carattere di apertura teso a (ri)costruire la fiducia del pubblico Tutte le informazioni sono pubblicate su internet Consultazione continuata con gli stakeholder e il pubblico Diffusione di conoscenze che consentono ai cittadini di prendere decisioni informate 2. Benefici dellapertura Aumenta la credibilità Incoraggia la partecipazione al dibattito 3. Comunicazione di rischi e incertezze Decisione congiunta sui rischi accettabili

17 Xenotrapianti (innesti di tessuti e organi tra specie diverse): politiche democratiche dellincertezza in Canada e Australia

18 Canada: la scienza pubblicamente condivisa CANADIAN PUBLIC HEALTH ASSOCIATION (CPHA) (2001), Trapianti da animale-a-umano: il Canada deve andare avanti? Consultazione pubblica sugli xenotrapianti, Dicembre 2001, /index_e.htm Contatti via e telefono Riunioni cittadine (town meeting) in molte città del Canada Focus groups Cittadino-scienziato

19 Xenotransplatation Working Party, Linee-guida sugli xenotrapianti. Luglio 2002, Gli xenotrapianti comportano la restrizione di alcuni diritti umani fondamentali (recesso dal consenso informato, libertà personale, libertà procreativa): Il gruppo di lavoro ha stabilito che la comunità scientifica deve fornire garanzie di sicurezza adeguate a dimostrare che i cittadini non correrano rischi indebiti se qualche paziente deciderà di abbandonare la sperimentazione Australia: la scienza pubblicamente responsabile


Scaricare ppt "Biotecnologie e scienza incerta Mariachiara Tallacchini"

Presentazioni simili


Annunci Google