La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PATOLOGIE LIMITE O BORDERLINE Vengono a sfaldarsi irrimediabilmente le funzioni metacognitive e le capacità autointegrative del Sé. Permanenza dellinstabilità,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PATOLOGIE LIMITE O BORDERLINE Vengono a sfaldarsi irrimediabilmente le funzioni metacognitive e le capacità autointegrative del Sé. Permanenza dellinstabilità,"— Transcript della presentazione:

1 PATOLOGIE LIMITE O BORDERLINE Vengono a sfaldarsi irrimediabilmente le funzioni metacognitive e le capacità autointegrative del Sé. Permanenza dellinstabilità, imprevedibilità dei comportamenti e crolli regressivi frequenti. Sintomatologia varia: disturbi del sonno, dellalimentazione, dellacquisizione e controllo sfinteri, agitazione, chiusura, aggressività, ritardo del linguaggio e difficoltà scolastiche. Aggressività diffusa, crisi di collera con comportamenti impulsivi; mancanza di interessi, vuoto affettivo, depressione senza contenuto manifesto.

2 DUE CLUSTER DESCRITTIVI ( Bleiberg, Fonagy e Target, 1997) Cluster A: bambini carichi di vergogna e privi di amici, si ritirano in un mondo di fantasie bizzarre, tormentati da idee di riferimento, sospettosità e da un estremo disagio nelle situazioni sociali. La capacità di dar senso alle relazioni umane ed empatizzare è estremamente limitata. Impoveriti nella capacità di comunicare, ostacolata dalla stranezza delleloquio e dalla costrizione e inappropriatezza della loro vita affettiva. Categoria diagnostica corrispondente nel DSM- IV: disturbo schizoide, schizotipico e forme lievi di disturbo generalizzato dello sviluppo.

3 Cluster B: affetti intensi e drammatici e fame di relazioni sociali. Nel primo sviluppo si hanno tendenza ad aggrapparsi, vulnerabilità alle separazioni, iperattività e accessi di collera temperamentali. In età scolare possono mostrare disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD, diagnosi su asse I DSM-IV), disturbo della condotta, disturbo dansia di separazione o disturbo dellumore. Labilità emotiva: piccole contrarietà o frustrazioni scatenano intense tempeste affettive, emotività incontrollata e sproporzionata rispetto alla causa. Senso di Sé e degli altri caleidoscopico: questi bambini a momenti si sentono espansivi, uniti, in perfetto amore e armonia con un partner idealizzato; il momento successivo cadono in uno stato di amaro disappunto e rabbia, associato a disprezzo di sé e disperazione.

4 Egocentrismo: questi bambini hanno bisogno di essere costantemente al centro dellattenzione e rispondono con rabbia al rifiuto o allindifferenza. Oscillando tra idealizzazione e svalutazione, tentano di costringere gli altri con modi seduttivi e manipolatori a fornire loro ampi rifornimenti emotivi. Il cluster B è stato connesso alle prime manifestazioni di disturbi di personalità definiti come dramatic (Bleiberg, Fonagy e Target, 1997).

5 SINDROMI DA ALTERAZIONE GLOBALE DELLO SVILUPPO o DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Anomalie qualitative delle interazioni sociali e delle modalità di comunicazione, repertorio limitato e stereotipato di interessi e attività.

6 DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO Disturbo autistico Autismo infantile precoce, autismo di kanner Disturbo di Rett Disturbo di asperger Disturbo disintegrativo della fanciullezza

7 Autismo infantile precoce, autismo di Kanner Epidemiologia 2-5 casi su soggetti Più frequente nei maschi (4/5 :1) Caratteristiche cliniche Autismo Alterazioni del linguaggio Alterazioni delle funzioni cognitive Abnormità a carico delle funzioni motorie Alterazioni dellaffettività

8 Autismo infantile Eziologia: in passato si attribuiva lautismo a: Assenza di calore emotivo dei genitori (Meyers, Goldfarb, 1961) Interazione patologica con comunicazione povera (Goldfarb, Levi, Meyers, 1966) Rifiuti e separazioni precoci (Bettelheim, 1967) Atteggiamenti genitoiali sovrastimolanti o sottostimolanti (Tinbergen, Tinbergen, 1972)

9 Autismo infantile … I dati più recenti indicano Che ci sono fattori organici che interferiscono nello sviluppo del sistema nervoso centrale (Giovanardi, Rossi, 2001)

10 Autismo infantile Indicatori Non compare il sorriso al 3° mese Non compare la risposta di angoscia all8° Primi mesi di vita Bambini calmi, indifferenti, amanti della solitudine Non amano essere tenuti in braccio Non girano la testa per vedere la madre quando in braccio a q.cun altro Inerti

11 Autismo infantile Indicatori Dal secondo e terzo anno di vita Non si volta se chiamato, anche se udito buono Non guarda in faccia linterlocutore, ma fissa il vuoto Viva attenzione, ma con sguardo periferico Rifiuta il contatto con laltro Uso strumentale di parti del corpo dellaltro (mano) Non esprime ansia alla separazione Non esprime gioia al ricongiungimento

12 Autismo infantile Indicatori Rapporti difficili con gli altri bambini Indifferenza ai giochi di finzione o imitazione Uso degli oggetti (anche giocattoli) stereotipato e ripetitivo Bisogno di sicurezza, regolarità, fastidio/protesta violenta per i cambiamenti

13 Autismo infantile Linguaggio Difficoltà di comunicazione Non imita i gesti Suoni strani, grida, digrignare i denti, non i normali vocalizzi Ripetizione di frasi fuori dal contesto Ecolalia= ripetizione di frasi appena udite Neologismi = parole inesistenti Confusione nei pronomi io/tu Discorso in funzione NON comunicativa

14 Autismo infantile Funzioni cognitive Profilo disarmonico Presenza di ritardo mentale Meno efficiente nelle prestazioni che richiedono intelligenza sociale Più efficienti nelle prove che non richiedono il riferimento al contesto (es. Cubi)

15 Autismo infantile Funzioni motorie Stereotipie = movimenti ripetuti in modo sempre uguale Soprattutto le mani o le dita Movimenti dei tutto il corpo rotatori a trottola Camminare in punta di piedi Dondolarsi Fiutare oggetti e persone Condotte autolesionistiche (battere la testa contro il muro) mordersi

16 Autismo infantile Affettività Oscillazioni rapide del tono dellumore Apatia Agitazione motoria Crisi dansia acute legate a frustrazioni minime o minime modificazioni dellambiente Aggressività in certi casi

17 Autismo infantile precoce, autismo di Kanner compromissione dello sviluppo che si manifesta prima dei 3 anni, coinvolge le competenze nellinterazione sociale Inadeguata capacità di cogliere segnali socio- emozionali negli altri scarso uso di segnali sociali propri debole integrazione dei comportamenti sociali, emotivi e comunicativi mancanza di reciprocità socio-emozionale.

18 Autismo infantile precoce, autismo di Kanner Mancato uso sociale di qualsiasi capacità di linguaggio eventualmente presente Uso spesso compromesso di cadenza ed enfasi. Modelli di comportamento, attività ed interessi spesso come tendenza ad imporre rigidità e monotonia ad una grande varietà di aspetti della vita quotidiana. E comune un interesse specifico per elementi non funzionali degli oggetti, come odore o sensazione al tatto.

19 Autismo infantile precoce, autismo di Kanner Possono essere inoltre presenti disturbi del sonno e dellalimentazione, autolesionismo, paure e fobie di vario genere

20 Autismo infantile Deficit di funzionamento Teoria della mente e metarappresentazione Percezione e espressione delle emozioni Attenzione condivisa Orientamento sensoriale e la regolazione dellarousal Imitazione Gioco simbolico Comunicazione e linguaggio Attaccamento Comportamento intenzionale e finalistico

21 Autismo infantile Spostamento dellattenzione dalla figura di attaccamento allambiente fisico Luniverso mentale è rigidamente fissato sullambiente fisico e sulle sue regolarità, poiché è da tali regolarità che riescono a ricavare alcuni elementi minimi di stabilità, continuità e unitarietà nel senso di sé. Diventa più comprensibile il bisogno di questi bambini di costanza e uniformità nellambiente e le loro reazioni di panico di fronte a cambiamenti anche minimi dellambiente circostante

22 Autismo infantile: PROSPETTIVA RELAZIONALE Indicatori dei pattern evitanti: marcato evitamento della comunicazione verbale, del contatto fisico, dello sguardo diretto, mancanza di reazione allallontanamento o al ritorno della madre; il rapporto con gli oggetti è conservato in modo stereotipato e monotono dando lidea di una funzione estrema della esplorazione come distrattore. Indicatori dei pattern atipici: disorientamento e disorganizzazione intrisa di paura, indici di conflitto avvicinamento-allontanamento. Es. dondolamenti, camminare verso qualcuno e poi bloccarsi dondolando, la mano che si apre e chiude etc.

23 Disturbo di Rett Epidemiologia Presente solo in soggetti di sesso femminile Legata a unalterazione genetica Sviluppo normale fino a 5 mesi di vita Dopo il 6 mese: Riduzione della mobilità Ipotonia Arresto dello sviluppo psicomotorio (entro lanno) Entro il 3 anno Perdita delle capacità motorie Perdita del linguaggio (espressione/comprensione)

24 Disturbo di Rett Compaiono movimenti stereotipati delle mani (lavarle) Disturbi della coordinazione motoria Anomalie allencefalogramma crisi epilettiche Tendenza a ritirarsi Compare ritardo mentale

25 Disturbo di Asperger Il disturbo presenta: Compromissione qualitativa nellinterazione sociale Modalità di comportamento, interessi e attività ristretti e ripetitivi Prevalente nel sesso maschile Fattori genetici Evidente dopo il 2/3 anno di vita, al momento dellinserimento in contesti sociali

26 Disturbo di Asperger Mancano: Compromissione (ritardo o regressione) del linguaggio Compromissione delle funzioni cognitive : ai test di solito soggetti con punteggi molto elevati, al di sopra della norma Non suscettibile di remissione, ma consente nei casi meno gravi linserimento nel mondo, anche se problemi nei rapporti interpersonali (ridotte capacità empatiche)

27 Disturbo di Asperger Sono presenti Disturbi a livello dellinserimento sociale e dei rapporti interpersonali Mimica relazionale assente o molto scarsa No interesse per attività di gioco sociale Emotività congelata Interesse polarizzato su oggetti e attività di manipolazione Stereotipie motorie, rituali Problemi di deambulazione

28 Disturbo disintegrativo della fanciullezza sindrome di Heller Caratteristiche del disturbo: Disturbo raro Presente in soggetti di sesso maschile Caratterizzato da Sviluppo normale normale acquisizione del linguaggio, delle capacità comunicative verbali e non-verbali Seguito da regressione in diverse aree del funzionamento psicologico La sintomatologia inizia non prima dei 2 anni e non compare più dopo i 10

29 Disturbo disintegrativo della fanciullezza sindrome di Heller Evoluzione e caratteristiche: Grave regressione del linguaggio Regressione delle abilità comportamentali Compromissione dellinserimento sociale ormai acquisito Deterioramento delle funzioni cognitive fino al ritardo mentale Iperattività Stereotipie, iteratività dei movimenti Ritiro sociale Anomalie elettroencefalografiche

30 SINDROMI DA ALTERAZIONE GLOBALE DELLO SVILUPPO PSICOSI SIMBIOTICA: sembra rappresentare una delle modalità più estreme e meno integrate di resistenza angosciosa, con tutti gli indici di paura e lesasperazione dellambivalenza tipica di questo pattern il desiderio del genitore fino alleccitamento e gli intensi sentimenti di rabbia fino alla collera, si mescolano o si alternano nelle condotte quotidiane del bambino. Lo scompenso sembra derivare da un qualche evento (es. nascita fratellino, malattia della madre) elaborato come minaccia al rapporto reciprocamente e potentemente vincolante con la madre; si hanno nel bambino reazioni di allarme e panico con evidente angoscia e collera verso la madre, cui segue una condizione di totale dipendenza dalla madre e chiusura ansiosa verso la minacciosità del reale.

31 DISTURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO E DELLAPPRENDIMENTO Sono prova della profonda influenza che i legami affettivi primari possono esercitare sullo sviluppo e lefficace utilizzo delle funzioni linguistiche e cognitive in funzione dei livelli di sensibilità materna e dellefficacia del suo ruolo tutorale verso il bambino (Meins, 1997). Anche a partire dal riconoscimento di una vulnerabilità di fondo nel funzionamento neuropsicologico di tali bambini, occorre riflettere sulle possibili funzioni protettive, compensative e riparative che può esercitare una relativa sicurezza nel contesto relazionale di cui il bambino si nutre.

32 RICERCA DI PANZANINI (2000) In una popolazione di 25 bambini dislessici: Il 70% di soggetti ha pattern dattaccamento insicuro; Nella popolazione di controllo non dislessica il pattern insicuro risultava entro i valori normativi del 25%.

33 In conclusione…

34 NELLA PROSPETTIVA RELAZIONALE… I processi di apprendimento possono organizzarsi e svilupparsi in modo armonico solo allinterno di una relazione percepita come significativa, sicura e contenitiva. In contesti connotati da insicurezza, distanza affettiva o addirittura pericolo il deficit si inserisce in un circolo vizioso di progressivo aggravamento delle performance linguistiche o di apprendimento del bambino.

35 DINAMICA E MECCANISMI DI SCOMPENSO Guidano (1991) ogni persona è un esperimento unico della natura e quindi ha una modalità assolutamente peculiare di articolare sia la sua dimensione di significato personale che i processi di ri- ordinamento che si verificano. Lo sforzo del clinico (ma anche, per quello che lo compete, dellinsegnante) è approssimarsi, per formulazioni successive di ipotesi, alla realtà affettiva di quel bambino specifico nella relazione con quei genitori specifici, in quel particolare momento e contesto di vita.

36 UNA CORNICE CONCETTUALE FONDATA SULLA TEORIA DELLATTACCAMENTO IMPLICA CHE… Il livello di analisi sia diadico Venga tenuto in considerazione sia linterno che lesterno Se utilizzata con equilibrio e rigore può offrire indicazioni utili ad una equilibrata integrazione tra dati relativi al versante intrapsichico (modelli operativi interni e caratteristiche dellorganizzazione conoscitiva di sé e del mondo del bambino) e dati relativi alla qualità del suo contesto interpersonale (equilibri dei legami dattaccamento da cui emerge ed entro cui quel Sé mantiene i suoi contorni).

37 Ricordare che… Lo stile affettivo dei genitori (cioè la specifica modalità di ricerca della reciprocità affettiva, come conferma, mantenimento e articolazione nel tempo del proprio senso di sé) si esprime coerentemente su più fronti affettivi: la relazione con la propria famiglia dorigine e quindi con la propria storia La relazione affettiva col partner, quindi il tipo di reciprocità o collusione di coppia stabilita col coniuge La qualità del legame daccudimento-cura verso il figlio (ultimo fronte affettivo, in termini temporali).

38 LIVELLI DI COERENZA SISTEMICA I piani di interscambio affettivo si influenzano reciprocamente strutturandosi su elevati livelli di coerenza sistemica: Genitori di bambini con attaccamento insicuro: tendono a mostrare relazioni di tipo ansioso sia coi propri genitori sia col proprio coniuge, e viceversa; La relazione di accudimento verso il figlio può essere vista come espressione e come conferma rispetto agli altri piani affettivo- relazionali.

39 ESEMPIO: BAMBINO con STILE COMPULSIVAMENTE ACQUISCIENTE Regolazione del senso di Sé: per corrispondere alle aspettative dei genitori, il bambino lavora tacitamente per confermare e stabilizzare il sentimento di sé di una madre con organizzazione conoscitiva a contorni vaghi e sfumati, con le relative difficoltà di esposizione emotiva e necessità di conservare un involucro adeguato e presentabile nella relazione col partner e/o col genitore (esterno o interno) di cui drammaticamente teme e costantemente controlla il possibile giudizio.

40 DUNQUE… Le configurazioni comportamentali ed emotive, i programmi assolutamente unici per il mantenimento dello stato di relazione che il bambino costruisce e consolida nei confronti delle sue figure dattaccamento, devono risolversi in uno stato ottimale di regolazione affettiva per entrambi In questo senso, le diverse configurazioni dattaccamento rappresentano il meglio che quella particolare diade potesse sviluppare relativamente alle caratteristiche del sistema di accudimento di quel genitore specifico, del contesto ambientale in cui linterazione ha avuto luogo e delle caratteristiche biologiche e temperamentali del bambino.

41 Lambruschi (1996) In questa prospettiva, il sintomo va considerato e trova significato solo allinterno di quella particolare relazione di attaccamento- accudimento, di quella loro forma unica di reciprocità. I sintomi (che veicolano connotazioni negative per le quote di sofferenza che comportano) trovano una loro precisa significazione come specifiche modalità volte a mantenere unadeguata stabilità e coerenza del senso di sé e della percezione della realtà che il bambino è stato in grado di elaborare nel rapporto con le proprie figure riferimento.

42 SIGNIFICATO DELLE CONFIGURAZIONI SINTOMATOLOGICHE Esse sono attivamente costruite e mantenute allinterno dello spazio relazionale genitore/bambino, per il valore che assumono nella diade entrando coerentemente e funzionalmente a far parte del loro programma per il mantenimento dello stato di relazione Quando specifici eventi mettono in crisi le abituali configurazioni di rapporto plasmante nellinterazione quotidiana con quel genitore, il sintomo si inserisce allo scopo di ripristinare lo stato perturbato di regolazione affettiva.

43 SINTOMO COME CURA DELLA RELAZIONE FERITA Al di là delle sue apparenze negative e di sofferenza, il sintomo svolge una funzione regolatrice positiva, conservando una sorta di miracolosa reciprocità genitore/bambino, a dispetto delle avverse condizioni ambientali. Il sintomo continua a rappresentare il meglio che quella diade, in quel particolare momento del suo ciclo di vita, possa esprimere.


Scaricare ppt "PATOLOGIE LIMITE O BORDERLINE Vengono a sfaldarsi irrimediabilmente le funzioni metacognitive e le capacità autointegrative del Sé. Permanenza dellinstabilità,"

Presentazioni simili


Annunci Google