La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesperienza dei Patti territoriali e dei Progetti Integrati Territoriali Corso di Politiche economiche regionali Anno Accademico 2007-8 di Cristina Brasili.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesperienza dei Patti territoriali e dei Progetti Integrati Territoriali Corso di Politiche economiche regionali Anno Accademico 2007-8 di Cristina Brasili."— Transcript della presentazione:

1 Lesperienza dei Patti territoriali e dei Progetti Integrati Territoriali Corso di Politiche economiche regionali Anno Accademico di Cristina Brasili Dipartimento di Scienze Statistiche - Università degli Studi di Bologna

2 I Patti Territoriali Sono uno strumento di politica economica per lo sviluppo locale. Introdotti in Italia nel 1995, legge n agosto 1995, su proposta del CNEL (1991) diventano effettivi con una normativa del CIPE del 21 marzo 1997 e si arriva ad una definizione normativa dei patti. Con un atto del ministero del tesoro del 2001 si trasferisce la competenza dei Patti Territoriali alle Regioni

3 I Patti Territoriali Il patto incorpora relativamente allo sviluppo locale il duplice aspetto: Finanziare grappoli di imprese e infrastrutture ad esse funzionali e contemporaneamente, incentivare la costruzione di contesti istituzionali congrui con lo sviluppo.

4 I Patti Territoriali Perché tanto interesse per lo sviluppo dal basso? Un po di storia dei Patti territoriali ci aiuta a rispondere Inizio: fine dellintervento straordinario 1992 Negli stessi anni emerge il nodo del dissesto finanziario pubblico si avviano drastiche politiche di risanamento

5 I Patti Territoriali Perché tanto interesse per lo sviluppo dal basso? Scarseggiano le risorse finanziarie per la continuazione della crescita a debito del Mezzogiorno Per i cantieri fine a se stessi Per i rifinanziamenti per legge delle imprese a partecipazione statale

6 I Patti Territoriali Perché tanto interesse per lo sviluppo dal basso? Inoltre la rottura del vecchio modello di sviluppo meridionale viene accelerata dalle indagini di Tangentopoli che fanno emergere il sistema di corruzione Ancora, la nuova generazione di sindaci, presidenti provinciali motivati e competenti e le amministrazioni (per effetto della devoluzione) si sono dimostrati più sensibili allo sviluppo locale

7 I Patti Territoriali

8 51 sono i patti di prima e quelli di seconda generazione Il patto tipico che emerge da queste prime esperienze ha le seguenti caratteristiche: Aggregazione socio-istituzionale di una ventina di comuni Quaranta iniziative private che investono in media 1400 miliardi di lire Creano in media 530 occupati aggiuntivi Calamitano imprese di piccola dimensione: più contenuta nel Mezzogiorno, 19,6 addetti per impresa; più elevate le imprese del Centro Nord (122,9). Se però scorporiamo Telecom e Timla dimensione media scende a 27 Aumento medio di addetti per impresa 12,4 (contenuto) Investono complessivamente 2,8 miliardi di lire Investimenti per nuovo occupato, 263,5 milioni di lire (maggiori nuove attività produttive al Sud)

9 I Patti Territoriali Il Mezzogiorno non è larea più intensamente coinvolta dal fenomeno patto, infatti nei 51 patti 525 comuni nellarea Obiettivo 1 del Sud 578 nel Centro-Nord obiettivo 2 e 5b A sfavore del Sud i dati sugli investimenti Equilibrata la situazione del numero di iniziative private Favorevole al Sud il bilancio occupazionale Da ciò si desume

10 I Patti Territoriali Lo strumento patto (pensato per rivitalizzare le economie le economie locali meridionali) sembra dimostrarsi unopportunità di stimolo dellaccumulazione e delloccupazione nelle zone in ritardo di sviluppo del Centro-Nord più che nel Sud

11 I Patti Territoriali Nel periodo maggio ottobre 1998 il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione realizza una ricerca sui punti di forza e di debolezza dei patti e dei contratti darea In particolare la ricerca su 21 casi non ha rilevato particolari differenze di applicazione tra Nord e Sud Sostanziali differenze tra patti nazionali e europei, tra patti e contratti (favoriscono sostanzialmente la reindustrializzazione di aree in crisi)

12 I Patti Territoriali Capacità di mobilitazione socioistituzionale del patto: Soggetti promotori: Amministrazione provinciale, Comuni, Associazione degli industriali, sindacati dei lavoratori Tra I firmatari: CNA, Lega delle Cooperative, Api, Confartigianato, Camere di Commercio e Consorzi di sviluppo industriale. Banche al Nord. Non partecipano le Regioni Flebile il coinvolgimento delle Università

13 I Patti Territoriali Più compatto il panorama di istituzioni e organizzazioni sociali nei contratti darea tra i sottoscrittori anche i ministeri.

14 I Patti Territoriali Le tabelle che seguono e le informazioni sono estratte dalla ricerca La lezione dei Patti territoriali per la progettazione integrata territoriale nel Mezzogiorno, Gennaio 2003, Ricerca commissionata dal Ministero dellEconomiae dal Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sito WEB _TERRITORIALI.pdf

15 I Patti Territoriali

16

17 continua

18 I Patti Territoriali

19

20 Gli indici di performance economica 1)Impatto sulleconomia locale 2)Miglioramento della struttura economica 3)Miglioramento nella dotazione di beni collettivi e nellattrattività dellarea 4)Percentuale di revoche e rinunce

21 I Patti Territoriali Gli indici di performance nella governance 1)Impatto sulle istituzioni locali e sulla progettazione territoriale basata sul partenariato 2)Miglioramento della governance locale 3)Snellimento delle procedure amministrative 4)Progettazione partecipata

22 I Patti Territoriali Gli indici di performance complessiva 1)Impatto complessivo 2)Miglioramento complessivo 3)Velocità di erogazione 4)Snellimento delle procedure amministrative 5)Politiche per lo sviluppo

23 I Patti Territoriali Definizione - Espressione del partenariato sociale….. Deve essere caratterizzato da obiettivi di promozione dello sviluppo locale in ambito subregionale compatibili con uno sviluppo ecosostenibile -Un Patto Territoriale può essere attivato in tutto il territorio nazionale ma sono finanziabili solo i patti che rientrano nelle aree obiettivo 1,2 e 5b dei Fondi strutturali - la strategia di sviluppo locale definito dal partenariato sociale trova espressione in un protocollo dintesa, sottoscritto da tutti gli attori che danno vita al Patto - il Patto può avere un finanziamento del CIPE fino a 100 miliardi di lire e max il 30% destinato ad infrastrutture -il Patto viene approvato dal CIPE -La partecipazione finanziaria dei proponenti deve essere almeno del 30% - Si può dar luogo ad una società mista a prevalente capitale pubblico

24

25

26

27

28

29

30 DAI Patti Territoriali ai PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI

31

32 Rapporto Annuale del DPS I Patti Territoriali

33

34 Rapporto Annuale del DPS I PIT nelle regioni Obiettivo 1 e in Phasing Out

35

36

37 D. Cersosimo I patti territoriali (pag ) in D. Cersosimo e C.Donzelli MEZZO GIORNO Realtà rappresentazioni e tendenze del cambiamento meridionale, Donzelli Editore, 2000 Rapporto annuale del DPS – 2005 pagg Rapporto annuale del DPS – 2004 pagg La lezione dei Patti territoriali per la progettazione integrata territoriale nel Mezzogiorno, Gennaio 2003, Ricerca commissionata dal Ministero dellEconomiae dal Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione sito WEB I_TERRITORIALI.pdf Bibliografia sui Patti territoriali


Scaricare ppt "Lesperienza dei Patti territoriali e dei Progetti Integrati Territoriali Corso di Politiche economiche regionali Anno Accademico 2007-8 di Cristina Brasili."

Presentazioni simili


Annunci Google