La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CHE COSA E LA RADIO?. POSSIBILI DEFINIZIONI Finestra sul mondo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CHE COSA E LA RADIO?. POSSIBILI DEFINIZIONI Finestra sul mondo."— Transcript della presentazione:

1 CHE COSA E LA RADIO?

2 POSSIBILI DEFINIZIONI Finestra sul mondo

3 POSSIBILI DEFINIZIONI Music Box (scatola sonora)

4 POSSIBILI DEFINIZIONI Medium caldo (M. McLuhan)

5 POSSIBILI DEFINIZIONI Tecnologia e forma culturale (R. Williams)

6 POSSIBILI DEFINIZIONI Spazio e dimensione elettiva (E. Menduni)

7 POSSIBILI DEFINIZIONI «Tamburo tribale» (M. McLuhan) Spazio mitico (E. Menduni)

8 POSSIBILI DEFINIZIONI radio come segnale di connessione (ponte radio) radio fatta dalla musica radio fatta dalle parole

9 POSSIBILI DEFINIZIONI Radio come esperienza reale, virtuale, mediata individuale, sociale, collettiva intima, pubblica, clandestina

10 STORIA DELLA RADIO

11 Storia della Radio Radio un medium tra i media: radio, cinema, televisione

12 Storia della Radio Relazione tra innovazione scientifica e tecnologica da una parte e pratiche sociali dallaltra:

13 Storia della Radio La radio, nel corso del tempo cambia più volte la sua forma culturale -Radiotelegrafia (punto a punto) -strumento di comunicazione massa (pubblico) -la radio in guerra (...) -medium familiare (domestico) -medium personale (mobile) -D.A.B ed Internet

14 Storia della Radio «Ho in mente un piano che potrebbe fare della radio uno strumento domestico, come il grammofono o il pianoforte. Il ricevitore sarà progettato nella forma di una scatola radiofonica musicale adatta a ricevere diverse lunghezze donda che si potranno cambiare a piacimento spingendo un bottone. La scatola musicale avrà un amplificatore e un altoparlante telefonico incorporati al suo interno. Sarà tenuta in salotto e si potrà ascoltare musica, conferenze, concerti.» (David Sarnoff, 1916 –American Marconi Company-)

15 Storia della Radio La radio diventa un mezzo di comunicazione di massa

16 Storia della Radio Diffusione del mezzo - luoghi pubblici (piazze, poi luoghi al chiuso); -ingresso nelle case; -camere; -dispositivi portatili (walkman, telefono cellulare…)

17 Storia della Radio La radio è oggi un mezzo diffuso e polverizzato

18 Storia della Radio Innovazioni Tecnologiche: - miniaturizzazione; - digitalizzazione; - convergenza; - interattività

19 Storia della Radio pratiche sociali necessità di essere connessi (essere anche informati ed aggiornati) processo di commericalizzazione (radio come loisir, piacere; prodotto culturale come prodotto commerciale)

20 REGISTRO SONORO

21 Registro Sonoro Vista e udito quali territori dei media - perfezione audiovisiva - culto dellevidenza - soundscape

22 Registro Sonoro Ubiquità del suono (non è né parziale né direzionale) «lapparecchio musicale non offre più soltanto lambiente sonoro, ma crea nuove connessioni tra il corpo e la musica» (E. Menduni)

23 Registro Sonoro Recupero della tradizione orale Formule, sequenze brevi, andamento ritmico, repertorio di frasi fatte, ripetizioni, clichè, espressioni ricorrenti

24 Registro Sonoro Evocazione Si tenta di evocare, suggestionare, suggerire piuttosto che descrivere e spiegare dettagliatamente ed analiticamente

25 Registro Sonoro Scrittura – distanza dalla parola (pensiero, logos, filosofia) Oralità secondaria, o di ritorno – coinvolgimento con la parola (sonorità, emozione, estroversione) (W. J. Ong, Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, 1986)

26 Registro Sonoro Terza oralità «la radio attuale è ritmo e flusso, vocale e sonoro, una proposta di ritmizzazione della vita e di intreccio tra sfera personale e sfera pubblica, totalmente priva di immagini: qualcosa di veramente simile ad unoralità primaria, una rivincita della primaria, una terza oralità che è germogliata, per motivi ancora in parte da decifrare, nella nostra società (…)» (E. Menduni)

27 Registro Sonoro «Lascolto è centripeto: spinge dentro il mondo. La vista è centrifuga: ti separa dal mondo. La vista ci dà la possibilità di guardare fisso e attentamente a una certa distanza, di stare da parte rispetto al nostro ambiente; il suono al contrario, ci avvolge riversandosi su di noi, sia che lo vogliamo, sia che non lo vogliamo, includendoci, inglobandoci» (S.J. Douglas)

28 Registro Sonoro «I suoni potranno aver perso la loro supremazia sulle immagini nelle società occidentali, ma aiutano ancora a costruire sia il senso del luogo che quello del tempo in una persona: tutta lesperienza umana è contestualizzata in un paesaggio sonoro ed I suoi confini uditivi possono essere riconosciuti in termini temporali (associando suoni differenti a diverse parti del giorno), personali (associando suoni diversi a persone diverse) e spaziali (associando suoni diversi a spazi diversi» (R. Thorn)

29 Registro Sonoro Musica soprattutto. Il registro sonoro non si esaurisce nel parlato, anzi, la musica e la sua miriade di linguaggi rappresentano la specificità della radio oggi.

30 Registro Sonoro Contrapposizione tra Musica Classica (colta) e Musica Leggera (popolare) Rispecchia la contrapposizione tra Cultura Alta e Cultura Bassa

31 Registro Sonoro IL ROCK (Es. Chuck Berry) ritmo rullante che fa ballare

32 Registro Sonoro Radio come rock-medium

33 Registro Sonoro La nuova musica trasforma anche il modo di fare la radio, trasformando anche lo stile del parlato: - formale (informale); - ufficioso (dialettale); - scandito (ritmico) - lento (veloce);

34 Registro Sonoro La figura del DJ, né annunciatore, né presentatore ma disc-jockey Alterne vicende USA e Europa

35 IDENTITA DELLA RADIO

36 Identità della Radio Proposta di D. Hendy di analizzare lidentità della radio in base a 4 elementi chiave: 1. proprietà 2. produzione 3. distribuzione (broadcasting) 4. consumo

37 Identità della Radio Una dimensione industriale - disposizioni legislative - servizi per la radio - produzione - broadcasting

38 Identità della Radio Servizio pubblico Emittenti private o commerciali

39 Identità della Radio -Radio di Stato -Radio underground -Radio libera (micro broadcasters, radio comunitaria) -Radio di servizio pubblico -Radio commerciale

40 Identità della Radio Quale è la dimensione specifica della radio? localenazionaleinternazionale locale? nazionale? internazionale? Qui vi è una differenza tra ambito della produzione e ambito della ricezione

41 Identità della Radio La proprietà, e la produzione è sempre più un fenomeno globale «per la maggior parte degli ascoltatori, la radio non è quasi mai un mezzo internazionale ma piuttosto nazionale e soprattutto locale»

42 Identità della Radio deregulation, commercializzazione, pluralizzazione, globalizzazione, frammentazione delle audience, affollamento attorno ai formati

43 Identità della Radio IL MONDO DELLA PRODUZIONE «lingente quantità di produzioni radiofoniche da realizzare, ventiquattro ore al giorno per 365 giorni allanno, crea una domanda di programmi a cui, nel lungo periodo, si può far fronte soltanto attraverso un modello di produzione seriale onde evitare un uso non remunerativo del tempo, delle risorse e delle energie mentali»

44 Identità della Radio La figura del producer tra creatività e prevedibilità tradurre le idee in suoni - produrre realtà - produrre storie - produrre attualità

45 Identità della Radio CLOCK struttura della produzione radiofonica minuto per minuto

46 FUNZIONI SOCIALI DELLA RADIO

47 Funzioni sociali della Radio Tra le altre cose la radio risponde a tre tipi di esigenze: connettive identitarie partecipative

48 Funzioni sociali della Radio Funzioni Connettive Esigenza di connessione – Apparati di connessione La radio permette una modalità di connessione debole «Il suo specifico intento è quello di offrire alle persone, in un continuo bricolage di concetti e di pensieri, il tono ed il ritmo della società a cui queste ritengono di appartenere»

49 Funzioni sociali della Radio Funzioni Connettive Similitudine tra radio e telefono

50 Funzioni sociali della Radio Funzioni Connettive Funzione di integrazione sociale mobile e asincrona Svincolamento dai limiti dello spazio e del tempo hic et nunc

51 Funzioni sociali della Radio Funzioni Identitarie Riconoscimento di una identità, comunità a cui si appartiene o si crede di appartenere e in cui si cerca di rispecchiarsi anche grazie allascolto radiofonico

52 Funzioni sociali della Radio Funzioni Partecipative Inseriti allinterno del flusso sonoro radiofonico, fatto di notizie, di musica, di bollettini, di approfondimenti etc., noi sostanziamo la partecipazione (che può essere più o meno attiva) ad una società, adottando strategie di inclusione ed esclusione

53 Funzioni sociali della Radio -Costruzione della sfera pubblica -Radio come antidoto alla realtà -Radio e senso di sicurezza -Via di fuga dallisolamento e dalla noia -Radio come arena di interazione sociale

54 RADIO «carattere essenzialmente ibrido della radio: la facilità con cui si adatta e cambia forma, a volte prendendo spunto dalla forma di altri mass media come la televisione, altre volte mettendo in mostra una schiera di caratteristiche radiogenetiche »

55 RADIO radio come mediatore culturale? Con un campo dazione internazionale si rompono i collegamenti tra culture e luoghi, rendendo le comunità di interesse capaci di superare grandi distanze

56 RADIO spinte contraddittorie allinterno della radio Da una parte il separatismo culturale, che protegge le identità culturali ma porta con se la prospettiva di una esperienza umana sempre più frammentata; dallaltra la globalizzazione che può esporre le culture ad esperienze nuove e positive ma minaccia di ridurre al minimo le differenze culturali.


Scaricare ppt "CHE COSA E LA RADIO?. POSSIBILI DEFINIZIONI Finestra sul mondo."

Presentazioni simili


Annunci Google