La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA FRONTIERA La conquista dello spazio (1836-1890)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA FRONTIERA La conquista dello spazio (1836-1890)"— Transcript della presentazione:

1 LA FRONTIERA La conquista dello spazio ( )

2 Immaginario americano Spazio chiuso Spazio aperto Spazio chiuso 1840 MAYFLOWER PEARL HARBOR 1941 anni 50 VIETNAM Spazio aperto Anni 90 Spazio chiuso wildernessfrontieraImmaginazione della frontiera

3 Un immaginario costruito Sulla ricerca dello spazio

4 La fine della frontiera F. Turner ( ) La frontiera nella storia americana (1920) Fino al 1880 incluso, il paese aveva una frontiera di colonizzazione provvisoria, ma ora larea non colonizzata è stata lottizzata sì che si può appena parlare di linea di confine. Discuterne lestensione, lo spostamento verso Occidente… etc., non può più quindi aver senso nei rapporti censitari Sovrintendente al censimento (Washington 1890)

5 Dime Novel Tom Mix e lepopea western cinematografica

6 J. Steinbeck, Grapes of wrath (Chicchi di collera - Furore), 1939

7 Il giovane Holden sbaglia strada e finisce in città

8 Jack Kerouac ( ) On the road (1957) Jack London, The road (1907) Lepopea dellhobo

9 Hippies

10 Insofferenze spaziali: dopo la fine Easy Rider Fandango - Kevin Reynolds (1985) American Graffiti – George Lucas (1973) Thelma e Louise Riddley Scott – (1991)

11 Ossimori americani Frontiera-confine Spazio-territorio Esplosione-implosione La frontiera non è una linea in cui fermarsi, ma unarea che invita ad entrare (W. Webb)

12 A cosa serve lo spazio? Lo spazio contro il tempo storico Lo spazio contro il conflitto Limmaginario contro la mediazione: immaginare spazi, realizzare utopie

13 Controindicazioni Necessità di inventare sempre nuovi spazi La realizzazione delle utopie va di pari passo con la realizzazione degli incubi La metropoli contro la frontiera La necessità della catastrofe

14 Politica, media e immaginario

15 Henry D. Thoreau ( ) Dissobbedienza civile(1849) Ero stato messo in prigione mentre stavo andando dal calzolaio a ritirare una scarpa da riparare. Quando fui rilasciato, il mattino dopo volli portare a termine una commissione e, dopo avere calzato la scarpa aggiustata, mi unii al gruppo di persone che andavano per mirtilli e che erano ansiose di mettersi sotto la mia guida; e in mezzora ero in mezzo al campo di mirtilli, su una delle nostre colline più alte, a due miglia di distanza, e allora lo Stato non potè più essere visto da nessuna parte A mio avviso, dovremmo essere prima di tutto uomini e poi cittadini. Non è auspicabile che luomo coltivi il rispetto della legge nella stessa misura di quello per ciò che è giusto. Il solo obbligo che ho il diritto di arrogarmi è quello di fare sempre e comunque ciò che ritengo giusto

16 Politica contro la mediazione Fuga Disobbedienza civile Annientamento o segregazione dellavversario

17 Politici, supereroi, nemici malvagi

18 Il destino manifesto American Progress, or Manifest Destiny (1872) di John Gast

19 Guerra di Secessione americana (12 aprile maggio 1865) Una casa divisa non può reggersi su se stessa. Credo che questo governo non possa perdurare essendo mezzo schiavista e mezzo libero. Non mi aspetto che l'Unione venga dissolta. Non mi aspetto che la casa crolli, ma mi aspetto che smetta di essere divisa. Diverrà tutta in un modo o tutta nell'altro. O gli oppositori alla schiavitù ne arresteranno l'ulteriore diffusione e la porranno dove la mente pubblica può riposare, nella convinzione che sia sulla via della sua definitiva estinzione, o i sostenitori la porteranno avanti fin quando diverrà ugualmente legale in tutti gli stati, i vecchi come i nuovi, al Nord come al Sud. Discorso della casa divisa: 16 ottobre 1854 La politica come profezia

20 La divina costituzione come riferimento collettivo

21 Lassenza dello stato « Essendo necessaria alla sicurezza di uno Stato libero una ben organizzata milizia, il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto» (Secondo emendamento)

22 La negazione del conflitto Il nostro capitale era già pronto per molte operazioni la cui realizzazione richiede un periodo di tempo piuttosto lungo; ma potevamo noi intraprenderle con operai che come sapevamo benissimo, ci avrebbero tosto abbandonati? Se avessimo avuto la certezza che il lavoro di questi immigrati non sarebbe fuggito via, li avremmo assunti immediatamente, e a prezzo elevato (K. Marx, Il capitale: discorso del ministro inglese per le colonie)

23 Liberi e Uguali oppure Liberi o uguali? L1 % della popolazione detiene il 50 % della ricchezza

24 La geopolitica americana Primo maggio 2003

25 A che punto è lAmerica oggi? Puritani o uomini della frontiera?

26 Il ritorno degli archetipi U.S. National Space Policy and strategy (2006)

27 Il muro della vergogna 15 dicembre 2005 – approvazione del rafforzamento: 1126 km

28 La fine dellAmerica protestante o dellAmerica della frontiera? Samuel Phillips Huntington, Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale


Scaricare ppt "LA FRONTIERA La conquista dello spazio (1836-1890)"

Presentazioni simili


Annunci Google