La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Due paradigmi a confronto (cfr. Caffi, 2009:22) Paradigma formale Una lingua è un insieme di frasi La funzione primaria della lingua è lespressione del.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Due paradigmi a confronto (cfr. Caffi, 2009:22) Paradigma formale Una lingua è un insieme di frasi La funzione primaria della lingua è lespressione del."— Transcript della presentazione:

1 Due paradigmi a confronto (cfr. Caffi, 2009:22) Paradigma formale Una lingua è un insieme di frasi La funzione primaria della lingua è lespressione del pensiero Il correlato psicologico di una lingua è la competenza La sintassi è autonoma rispetto alla semantica e entrambe sono autonome rispetto alla pragmatica Paradigma funzionale Una lingua è uno strumento della interazione sociale La funzione primaria della lingua è la comunicazione Il correlato psicologico di una lingua è la competenza comunicativa La pragmatica è la cornice al cui interno si collocano sintassi e semantica: la semantica è subordinata alla pragmatica e la sintassi alla semantica

2 La Teoria degli atti linguistici Austin e Searle

3 Performatività (da to perform) La messa a fuoco della dimensione pragmatica del linguaggio umano si deve ai filosofi: Già Aristotele distingueva tra frasi apofantiche e frasi semantiche Nel Novecento la riflessione pragmatica si deve a: Wittgenstein, Austin, Searle, Grice La teoria degli atti linguistici distingue un livello proposizionale da un livello pragmatico: il significato di un enunciato non coincide con la sua rappresentazione semantica o con il suo contenuto proposizionale

4 Cosa facciamo quando parliamo? La lezione è cominciata alle 14,15 Chi vuole fare lesame nel primo appello? Fate attenzione! Bene, promosso! Ti prometto che ne terrò conto Scommetto che ti darà la lode Ti consiglio di ripensarci Mi scuso per lerrore Battezzo questa nave Queen Elizabeth Vietato fumare Cane feroce

5 I verbi performativi segnalano lo svolgimento di un atto linguistico Asserire, stimare, ordinare, scommettere, giurare, dichiarare, domandare, salutare, licenziare, dimettersi, battezzare ecc. La loro presenza in un atto linguistico implica lesecuzione dellazione che evocano. Sono verbi che alla prima persona del presente indicativo fanno quello che dicono e dicono quello che fanno (Caffi, p. 37) Condizioni di funzionamento del performativo: prima persona singolare, tempo presente (necessità di ancoraggio al contesto di enunciazione: discorso, cfr. Benveniste)

6 Forma canonica del performativo Prima persona singolare, verbo in forma attiva, indicativo presente Esempi: –Scommetto…, battezzo..., dono..., dichiaro..., prego… –E però: vietato fumare!; I viaggiatori sono pregati di servirsi del sottopassaggio; Chiudi la porta! sono performativi pur non rispettando la forma canonica, mentre: Asserisco che cè il sole, è in forma canonica ma non è un performativo.

7 Teoria dellazione comunicativa Austin, Performativo e constatativo (1958) Con gli enunciati assertivi si dice qualcosa Con gli enunciati performativi (che contengono un verbo performativo) si fa qualcosa, o meglio si fa quello che si dice e si dice quello che si fa. Condizioni di buona/cattiva riuscita: Constatativo: verità/falsità Performativo: felicità/infelicità

8 Condizioni di buona riuscita A) Competenze relative alla procedura convenzionale accettata, che deve includere certe persone in certe circostanze, il loro atto di pronunciare certe parole e la loro rispettiva appropriatezza B) Rispetto della procedura, che deve essere eseguita in modo corretto e completo C) Stati interni del parlante coerenti con la procedura eseguita e comportamenti conseguenti coerenti

9 Infelicità Colpi a vuoto Atto preteso ma nullo Abusi Rispetto alloggetto o allinterlocutore: Invocazioni indebite (violazione della condizione A) Rispetto alla forma: Esecuzioni improprie (violazione della condizione B) Rispetto al parlante: Atto ostentato ma vacuo (Violazione della condizione C)

10 Invocazioni indebite: una delle condizioni di proferimento non viene rispettata (persone, momento, procedure): ad esempio si battezza un pinguino; si scommette qualcosa senza che ci sia qualcuno che scommette il contrario Esecuzioni improprie: ad esempio un cerimoniale (matrimonio, giuramento) non realizzato completamente ma interrotto per qualche motivo esterno (esempio giuramento di Obama, ) Abuso: quando lenunciato viene formulato senza sincerità (non si hanno sentimenti, pensieri, intenzioni corrispondenti), oppure non è seguito da un agire coerente: ad esempio: mi congratulo! quando non penso che sia unazione lodevole; oppure benvenuto! e poi tratto la persona come un intruso.

11 Anche gli assertivi rispondono a condizioni di felicità Austin, How to do things with worlds (1962): Parlare comporta compiere azioni di tipo sociale, regolate da convenzioni spesso tacite. Tali convenzioni comprendono condizioni di felicità, che devono cioè essere soddisfatte dal contesto in cui lenunciato è proferito. Anche latto linguistico assertivo risponde a condizioni di felicità che, se violate, possono decretarne il fallimento. Tra le condizioni di felicità di un atto assertivo cè il riferimento, in assenza del quale latto assertivo non può avere un valore di verità.

12 I livelli di descrizione dellatto linguistico Austin, How to do things with words (Come far cose con le parole), 1962 (postumo): dire qualcosa equivale a compiere tre atti simultanei: Locutorio: atto del dire qualcosa, equivale a pronunciare una certa frase con un certo significato (in senso tradizionale). Comprende latto di emettere certi suoni (fonetico), latto di proferire vocaboli appartenenti a un certo lessico e a una certa grammatica (fatico), latto di usare questi vocaboli con un senso e un riferimento più o meno definiti Illocutorio: atto nel dire, modo in cui deve essere interpretato ciò che si dice (forza); dimensione comunicativa convenzionale: la forza illocutoria è esplicitabile attraverso forme messe a disposizione da una lingua naturale. Perlocutorio: atto col dire, ciò che otteniamo o riusciamo a fare con le parole (dimensione non convenzionale). Distinzione tra obiettivo perlocutorio (connesso alla illocuzione) e seguiti perlocutori (non necessariamente legati alla illocuzione)

13 Distinzione tra atto illocutorio e atto perlocutorio, tra intenzione illocutiva e forza illocutiva superficiale. Ciò che facciamo col dire può restare identico pur variando ciò che facciamo nel dire. Esempio un relatore può chiedere silenzio al suo uditorio: –Non verbalmente, osservando con aria severa e seccata gli astanti –Con una domanda: potete fare silenzio? –Con una asserzione: sembra il mercato –Con unesortazione: facciamo silenzio! –Con un ordine: fate silenzio! –Con una esclamazione: che chiacchiera!

14 Forza illocutoria Funzione comunicativa convenzionale e contestualizzata (es. domanda, ordine, promessa, consiglio, preghiera, ecc.) Elemento di novità introdotto da Austin. Mette a fuoco i diversi modi in cui il linguaggio è azione

15 Significato letterale e forza Questo Paese deve essere unito, e se non lunisce la persuasione lo farà la spada (Convenzione Federale di Filadelfia, 1787, discussione sulla futura Costituzione degli Stati Uniti) Che tipo di atto è ? –Constatazione oppure –Avvertimento, minaccia Giuseppe ama i suoi libri come figli –Asserzione oppure –Consiglio (restituire il libro al più presto)

16 Indicatori di forza illocutoria Indicatori lessicali –Verbi illocutori –Forme di intestazione: Convocazione, Nomina, Autorizzazione, Domanda, Avviso –Espressioni frasali (per favore) Indicatori sintattici –Modo verbale: imperativo e le sue funzioni: Giura di dire la verità (imperativo=direttivo) vs Tu giuri di dire la verità (indicativo=assertivo); augurio: divertiti!; offerta: prendilo pure!; istruzioni: prendete un Kg di farina…. Passivo: vietato fumare!; I viaggiatori sono pregati di servirsi del sottopassaggio; la seduta è tolta; Lei è licenziato! Forma impersonale: si prega di riagganciare; Con la presente la S.V. è convocata; si avverte che i trasgressori saranno puniti –Tempo verbale: es.futuro (promessa: verrò); imperfetto (volevo solo chiedere..)

17 Indicatori prosodici –Tono della voce –Enfasi Esempio: Vieni da noi Vieni da noi? Può avere diverse forze: Ordine Domanda Richiesta gentile Esclamazione di stupore

18 Austin: tipi di atti linguistici in relazione a verbi illocutivi Verdettivi: emissione di un verdetto, un giudizio, una valutazione (giudicare, stimare, valutare, calcolare) Esercitivi: esercizio di poteri, diritti, influenza (ordinare, raccomandare, lasciare in eredità, licenziare, votare per, avvertire, consigliare) Commissivi: assumere un impegno (promettere, scommettere, avere intenzione di, proporre, giurare, opporsi, acconsentire) Comportativi: legati ad atteggiamenti e comportamenti sociali (scusarsi, congratularsi, sfidare, ringraziare, dare il benvenuto, augurare, benedire, maledire) Espositivi: usati nel discorso nella esposizione di un modo di vedere: illustrare opinioni, portare avanti discussioni, chiarificare usi e riferimenti (affermare, negare, rispondere, domandare, dedurre, definire, concludere).

19 Atti linguistici e frame In una prospettiva cognitiva complessa ciascun lessema può essere considerato come la manifestazione in superficie di sottostanti schemi concettuali e narrativi, scene prototipiche, che costituiscono il suo contesto standard di riferimento, cioè lo sfondo che permette di comprenderne il significato e regolarne luso. La più tradizionale analisi del lessico viene così riformulata saldando la singola forma linguistica ad un determinato frame, che a sua volta apre laccesso ad un sottostante livello di natura non linguistica (scena), relativo a forme di organizzazione e strutturazione dellesperienza con tratti di regolarità che possono essere descritti e in qualche modo previsti.

20 Radici filosofiche, sociologiche e psicologiche del concetto di frame Lidea che ogni comprensione dellesperienza si inscriva in sistemi di riferimento categoriali o schemi mentali necessari per orientare il pensiero attraversa una lunga tradizione filosofica, da Aristotele a Kant, a Frege. Nella ricerca contemporanea la nozione di frame o schema ha cominciato a diffondersi a partire dagli anni Settanta in due diversi orizzonti di discussione, una sociologica, laltra cognitivo-psicologica.

21 Nellindirizzo sociologico e antropologico il termine, introdotto da Gregory Bateson – e poi adottato da Dell Hymes e Erving Goffman e dalletnografia del linguaggio – serve a individuare un livello metapragmatico, e cioè linsieme dei segnali metacomunicativi che indicano in quale chiave vada interpretato un certo messaggio (dunque unaccezione interazionale). Qui il frame individua una scena di interazione prototipica derivata da strutture sociali e culturali

22 Nellindirizzo della psicologia cognitiva e dellintelligenza artificiale (Marvin Minsky) la nozione di frame è assunta in riferimento a una molteplicità di dimensioni, relative al modo con cui la nostra conoscenza del mondo si struttura nella dimensione dello spazio: contesto di riferimento, partecipanti, attività mentali e sensomotorie. Schank e Abelson (1977) hanno poi introdotto il concetto di script, relativo invece alla dimensione temporale (sequenze temporali prototipiche di determinate situazioni).

23 Linguistica del frame È con Charles Fillmore (Frame Semantics, in The Linguistic Society of Korea (ed.), Linguistics in the Morning Calm, Seoul, Hanshin, pp ) che il concetto viene adottato nella riflessione linguistica e sviluppato in una teoria semantica. Su questa base poi Lakoff ha sviluppato la riflessione sui frame in una direzione che va al di là della pura teoria cognitiva del linguaggio, mostrandone le possibili applicazioni a contesti politico-sociali e mediatici. Basti pensare ai due recenti testi di George Lakoff di taglio divulgativo su mente, linguaggio e politica: Non pensare allelefante, Roma, Fusi orari 2006 (ed. or. 2004) e Pensiero politico e scienza della mente, Milano, Mondadori, 2009 (ed. or. 2008).

24 Searle

25 Influenza della linguistica chomskiana Più chiara distinzione tra contenuto proposizionale e forza illocutoria: –Una stessa forza può essere innestata su contenuti proposizionali diversi –Forze illocutorie diverse possono avere lo stesso contenuto proposizionale –Test della negazione: è possibile negare separatamente la forza o il contenuto proposizionale

26 Chiamami alle otto (Ti chiedo (piano illocutivo) di chiamarmi alle otto (piano locutivo)) atto enunciativo (locutorio): sequenza fonica e atto proposizionale; atto illocutivo: forza illocutiva, intenzione del parlante: richiesta (direttivo) atto perlocutivo: effetto, comportamento conseguente dellinterlocutore. Possibilità di negare il livello locutivo (proposizionale) o illocutivo (la forza) Non ti chiedo di chiamarmi alle otto Ti chiedo di non chiamarmi alle otto

27 Dimensioni fondamentali di variazione degli atti illocutori Scopo dellenunciato –Indurre qualcuno a fare (credere/dire) qualcosa –Impegnarsi in unazione futura –Rappresentare qualcosa Direzione del vettore di adattamento tra parole e mondo –Adattamento delle parole al mondo (asserzioni) –Adattamento del mondo alle parole (promesse, ordini) Stato psicologico del parlante –Credenze del parlante (asserzioni) –Intenzione di azione (promettere, minacciare) –Desiderio di azione da parte del destinatario (richiesta, ordine)

28 Energia o intensità con cui è presentato lo scopo illocutorio Andiamo al cinema? Voglio andare al cinema Influenza delle differenze di status e posizione del parlante sulla forza illocutoria dellenunciato Ruolo della simmetria/asimmetria tra parlanti in relazione ad un comando o a una richiesta Necessità o meno di determinate condizioni extra-linguistiche Sciogliere le camere laureare

29 rappresentativi – Scopo: impegno del parlante nei confronti della verità della proposizione espressa (asserire, concludere ecc.). Stato psicologico: credenza. (=espositivi e verdittivi di Austin) direttivi – Scopo: il parlante tenta di indurre linterlocutore a fare qualcosa (interrogare, richiedere, avvertire, ordinare, comandare, supplicare ecc.). Stato psicologico: volere o desiderio (= esercitivi di Austin). commissivi – Scopo: impegno del parlante a fare qualcosa nel futuro (promettere, minacciare, offrire ecc.). Stato psicologico: intenzione. (=commissivi di Austin) espressivi – Scopo: esprimere uno stato psicologico (ringraziare, scusarsi, salutare, lamentarsi, congratularsi ecc.). Stato psicologico: emozioni e stati intenzionali diversi (vedi i comportativi di Austin) dichiarativi – Scopo: provocare cambiamenti immediati in uno stato di cose istituzionale, far sì che una cosa avvenga dichiarando che essa avviene (scomunicare, licenziare, battezzare, dichiarare guerra ecc.). La performatività torna ad essere un tratto specifico di alcuni verbi, cfr. Benveniste, verbi dichiarativi Tipi di atti linguistici per Searle

30 Funzioni di status e atti dichiarativi Secondo Searle (Creare il mondo sociale. La struttura della civiltà umana, Cortina, 2010), tutti i fatti istituzionali e dunque le funzioni di status (che Barack Obama sia il presidente degli Stati Uniti, aggiornare una seduta, ecc.) sono creati da atti linguistici dichiarativi.

31 Direzione di adattamento Atti rappresentativi Parole mondo Il test più semplice per sapere se un atto linguistico ha direzione di Adattamento parola-a-mondo è chiedersi se sia vero o falso.

32 Direzione di adattamento Atti direttivi Parole mondo

33 Direzione di adattamento Atti commissivi parole mondo

34 Direzione di adattamento Atti dichiarativi J. A. Searle, Mind, Language and Society, 1998; trad. it. Mente, Linguaggio, società, Cortina, parole mondo

35 Atti dichiarativi Combinano la direzione di adattamento parola-a-mondo con quella mondo-a-parola. Sono i casi in cui modifichiamo la realtà per farla corrispondere al contenuto proposizionale dellatto linguistico e, in tal modo, otteniamo la direzione di adattamento parola-a-mondo. Ma, questa è la parte straordinaria, riusciamo a fare ciò perché rappresentiamo la realtà come cambiata. Le dichiarazioni cambiano il mondo dichiarando che uno stato di cose esiste, e nel dichiararlo, costituiscono quello stesso stato di cose. (Searle, Creare il mondo sociale, Cortina 2010 (ed. or. 2010), p. 12-3)

36 Con leccezione importantissima del linguaggio, tutta la realtà istituzionale – dunque in un certo senso lintera civiltà umana – è creata da atti linguistici che hanno la stessa forma logica delle dichiarazioni. La tesi di Searle è che tutta la realtà istituzionale è creata e mantenuta in esistenza da (certe rappresentazioni che hanno la stessa forma logica delle) dichiarazioni di funzione di status, inclusi i casi in cui non ci sono atti linguistici con la forma esplicita delle dichiarazioni. Le regole costitutive sono dichiarazioni permanenti (ivi, pp.13-4)

37 Regole costitutive e regole regolative La maggior parte delle regole regolano comportamenti preesistenti: guidare sul lato destro della strada stabilisce come si guida negli Stati Uniti, ma lattività di guidare un auto esiste indipendentemente da tale regola. La forma caratteristica di queste regole è fai X. Alcune regole non solo regolano ma creano la possibilità stessa del comportamento: ad esempio le regole degli scacchi costituiscono il gioco. La forma caratteristica di queste regole è X ha valore di Y nel contesto C. Perché un pezzo di carta (X) abbia valore di banconota (Y) sono necessarie regole costitutive, in primo luogo regole costitutive sullaver valore di banconota; in secondo luogo regole costitutive sulla validità delle banconote.

38 Corrispondenza tra atti linguistici e stati intenzionali I primi quattro tipi di atti linguistici hanno analoghi esatti tra gli stati intenzionali: agli assertivi corrispondono le credenze ai direttivi i desideri ai commissivi le intenzioni agli espressivi lintera gamma di emozioni e gli stati intenzionali in cui ladattamento presupposto è dato per scontato. Ma non ci sono entità prelinguistiche analoghe alle dichiarazioni. Gli stati intenzionali prelinguistici non possono creare fatti nel mondo rappresentando questi fatti come già esistenti. Questo tratto degno di nota richiede il linguaggio (Searle 2010:90).

39 Atti linguistici indiretti Atti in cui la funzione non corrisponde alla forma. Un atto illocutorio viene eseguito indirettamente attraverso lesecuzione di un altro atto linguistico. Ad esempio la funzione del direttivo è svolta da una forma affermativa, propria dellatto rappresentativo. Es. Credo che il treno stia partendo Direttivo (ti consiglio di andare) in forma di rappresentativo (con verbo di atteggiamento con funzione attenuativa) (mitigazione, cfr. Benveniste: verbi di atteggiamento proposizionale) Quante volte vho detto, alluno e allaltro, che i frati bisogna lasciarli cuocere nel loro brodo? I Promessi Sposi, cap. XVII Affermazione (rappresentativo/verdettivo) nella forma di domanda (retorica) Le strutture superficiali di un tipo di forza illocutiva sono utilizzate per raggiungere scopi direttamente legati ad un altro tipo di forza. Negli atti linguistici indiretti il parlante comunica allascoltatore più di quanto effettivamente non dica. Logica della cortesia

40 Gli atti linguistici indiretti lasciano al destinatario la scelta del modo di intendere lenunciato, tramite una implicatura conversazionale, e sono meno impositivi. Viene perciò privilegiato lessere indiretti a scapito della chiarezza, perché offre delle alternative e non pone il destinatario in una posizione di inferiorità. Quando due persone interagiscono linguisticamente negoziano non solo il significato di ciò che si dicono ma anche la loro relazione

41 Critiche e prospettive Attenzione centrata prevalentemente sulle intenzioni del parlante. Occorre indagare la relazione tra gli atti linguistici e i loro effetti (trasformazioni del contesto) (Gazdar e Sbisà). Molte ricerche si sono mosse sul terreno degli scopi perlocutori (far credere, far fare, far dire). Il modello searliano è a un posto: cè solo un parlante che ha intenzione di compiere un certo atto linguistico e in esso si esprime. Lascoltatore resta in una posizione puramente recettiva. Necessità di una riflessione sugli aspetti interazionali delluso del linguaggio (negoziazione tra parlante e ascoltatore)

42 Necessità di una contestualizzazione della nozione di forza illocutoria nellindagine di vari tipi di comportamento sociale e culturale: indagini che si occupano del problema delle somiglianze e delle differenze tra lingue e culture diverse. Ricerche di pragmatica interculturale e contrastiva (cfr. Gumperz, Il sapere socioculturale nellinferenza conversazionale)

43 Prospettive di indagine logiche : in che modo una teoria linguistica può essere connessa a una teoria dellazione? etiche : quali diverse responsabilità comporta la presa di parola ? socioetnologiche : in quali atti linguistici una data comunità si riconosce tipologico-testuali : quali atti linguistici sono costitutivi di quali tipi di testo. Il testo, nella sua unità ed eterogeneità, può essere considerato come una macro-illocuzione. Gli atti linguistici possono essere realizzati da sequenze più ampie della frase.

44 Grice

45 Cosa vuol dire comunicare? Produrre intenzionalmente certi effetti (credenze e azioni) su qualche altro essere umano, e far sì che il destinatario riconosca le intenzioni comunicative dellemittente. E essenziale che lintenzione del parlante sia riconosciuta dallinterlocutore: raggiungere lo stato di conoscenza reciproca di una intenzione comunicativa è essere riusciti a comunicare (Bazzanella 2005:171) La comunicazione è per Grice essenzialmente la produzione intenzionale, razionale e trasparente da parte di un emittente di credenze e azioni in un destinatario (Cosenza 1997: 12)

46 Logica della conversazione (Grice, Logic and conversation, 1967) Parlante AAscoltatore B Intenzione riflessiva Comprensione: riconoscimento delle intenzioni di A

47 Significato e intenzionalità Significato del parlante (S nn ): AXAX BYBY Con lespressione x A intende indurre in B la credenza y attraverso il riconoscimento da parte di B della intenzione di A

48 Significato dellenunciato e significato del parlante Codificazione del collegamento tra specifiche espressioni linguistiche e certe intenzioni comunicative Usi ironici, metaforici, atti linguistici indiretti: allontanamento dalla norma codificata. Il parlante vuole fare intendere altro da quanto dice esplicitamente

49 Significato letterale e non letterale Analisi dellimplicito, del non-detto: come si può calcolare il significato del parlante e di ciò che si vuole intendere quando non coincide con il significato dellenunciato e con ciò che si dice? Come si possono riconoscere le intenzioni del parlante in un quadro di razionalità?

50 Principio di cooperazione Conforma il tuo contributo conversazionale a quanto è richiesto, nel momento in cui avviene, dallintento comune accettato o dalla direzione dello scambio verbale in cui sei impegnato. Presupposto: condivisione di uno scopo La conversazione è unattività sociale razionale regolata, basata sul principio di cooperazione e il possesso di uno scopo comune (Grice, Logica e conversazione. Saggi su intenzione, significato e comunicazione, il Mulino, 1993; ed. or. 1989)

51 Massime conversazionali Quantità Dai un contributo tanto informativo quanto è richiesto Non dare un contributo più informativo di quanto è richiesto Qualità Tenta di dare un contributo che sia vero Non dire ciò che credi falso Non dire ciò di cui non hai prove adeguate Relazione Sii pertinente Modo Sii perspicuo: Evita loscurità di espressione Evita le ambiguità Sii breve Sii ordinato nellesposizione

52 Il significato delle massime Non vogliono essere una sorta di galateo linguistico, così come il principio di cooperazione non è un principio etico, ma tentano di descrivere i requisiti ideali di un uso efficace della lingua negli scambi comunicativi e nellinsieme esprimono un principio di cooperazione generale.

53 Pragmatica e retorica Nelle massime si ritrovano le nozioni proposte dalla retorica classica come requisiti di una comunicazione efficace: –la prima è lequivalente del quantum opus est e del quantum satis est; –la seconda allude alla verosimiglianza della retorica classica; –la terza era stata sviluppata dalla retorica classica nelle casistiche relative alla narrazione e alla argomentazione: non divagare (anche se le digressioni sono parte delle strategie retoriche centrate sul mantenimento dellattenzione) –relativamente alla quarta, gli accostamenti sono molti: la perspicuitas era considerata una delle virtù delleloquenza, così la brevitas (figura di pensiero); sullambiguità gli antichi retori hanno molto discusso (Mortara Garavelli, Manuale di Retorica, il Mulino, 1994, pp ). Su pragmatica e retorica: F. Venier, Il potere del discorso, Retorica e pragmatica linguistica, Carocci, 2008

54 Punti di orientamento in una interazione cooperativa e razionale 1.Quantità: ci si aspetta un contributo alla interazione commisurato alla richiesta (né più né meno); 2.Qualità: ci si aspetta un contributo autentico, non falso, menzognero; 3.Relazione, connessa al grado di congruenza fra i contributi: ci si aspetta un contributo pertinente alla fase della interazione; 4.Modalità: ci si aspetta che il contributo sia esplicito, eviti ambiguità, confusioni.

55 Possibili violazioni delle massime Non esplicita (intenzione di ingannare) Uscita esplicita dal raggio di azione della massima e del principio di cooperazione (es. questo è tutto quello che posso dire: reticenza) Conflitto tra il rispetto di una massima (ad es. della Quantità) e quello di unaltra (ad es. del Modo): tra richiesta di esaustività e criterio di economicità Ostentazione della violazione: implicatura conversazionale, tipo di inferenza intenzionale, esterna al contenuto semantico dellenunciato.

56 Il problema degli impliciti

57 Dire senza dire Lefficacia della comunicazione consiste spesso nel lasciare una certa quantità di informazione nellimplicito: sia nel rappresentare che nello stabilire relazioni tra gli interlocutori non tutto viene linguisticamente esplicitato (Ducrot, Dire et ne pas dire, 1972): –Atti linguistici indiretti, implicature, presupposizioni, linguaggio figurato, tempi verbali. –In questione non è la componente proposizionale del discorso ma il senso che il ricevente è chiamato a ricostruire --> possibili effetti di manipolazione ideologica.

58 Implicatura Concetto centrale in pragmatica Spiegazione di come sia possibile intendere più di quanto effettivamente si dice Inferenza dipendente dalle attese dei partecipanti alla interazione

59 Violazione delle massime e implicature Quando il parlante viola una massima, linterlocutore cerca, sulla base del principio di cooperazione, di giustificare tale violazione attraverso una implicatura che consiste nellinferire da un enunciato credenze/pensieri/affermazioni non esplicitati dal parlante.

60 Implicatura convenzionale Legata allimpiego di certe parole, dotate di più significati (es.: e, con valore di congiunzione e di avversativo: –E proprio tu me lo dici? –E sai che sforzo! Implicatura conversazionale Occasionale, legata al contesto di enunciazione Ha origine nei principi generali che regolano linterazione comunicativa Minimalismo semantico

61 Implicature convenzionali Possono derivare da unimplicatura conversazionale ripetuta nel tempo. Esempio: luso avversativo della congiunzione e scaturisce dal fatto di utilizzarla laddove sarebbe sufficiente la semplice enunciazione in sequenza di due eventi. Se sottolineo con un elemento linguistico la concomitanza temporale è perché ho lo scopo di metterla in risalto. Vedi anche il caso di mentre (dal valore temporale al valore avversativo) Sta piovendo e non ho lombrello E le stelle stanno a guardare

62 Ma con funzione controargomentativa (Ducrot 1972): ciò che viene dopo il ma va in una direzione opposta a quella che ci si aspetta: –Es. Caffi: La ragazza di Marco è bella ma intelligente Giulio è ricco ma generoso Senza esplicitarlo il ma implica nel primo caso che le ragazze belle sono stupide, nel secondo che i ricchi sono avari

63 E e Ma allinizio del titolo E quella notte scomparve lUrss Ma la Borsa argentina vola (La Repubblica ) Ma i falchi del Cavaliere ora agitano lo spettro del 94 (la Repubblica, ) E lunedì scioperano i bancari E adesso si salvi chi può (Il manifesto ) E in Italia vacilla il secondo pilastro –(La Repubblica, Affari e finanza ) Ma in questa crisi ha fallito lo Stato –(La Repubblica, Affari e finanza )

64 Implicatura generalizzata Tra la quantificazione universale (tutti) e quella esistenziale (alcuni, certi) più informativa è la prima: Se è vero che Sono tutti bravi E vero anche che Alcuni sono bravi Tuttavia il ricorso al quantificatore esistenziale implica la negazione della prima Alcuni sono bravi Dunque: non tutti sono bravi (implicatura generalizzata)

65 Implicature conversazionali Inferenze prodotte dagli interlocutori a partire dal presupposto del rispetto del principio di cooperazione e delle massime conversazionali: quando le massime non vengono rispettate, gli ascoltatori ricercano un livello più profondo sulla cui base, con un procedimento inferenziale, poter calcolare il significato inteso dal parlante (significato occasionale).

66 Es. A.Dovè Carlo? B.Cè una VW gialla davanti alla casa di Anna (Levinson 1985:114) La risposta di B è apparentemente incoerente (violazione della massima della relazione), ma segnala un intento cooperativo: rispondere pur non possedendo informazioni sufficienti. Es. Una donna è una donna, è una donna, è una donna (pubblicità di un profumo) Violazione della massima della quantità e suggerimento di un senso diverso Es. Lettera di presentazione redatta da un docente per uno studente, con ridotto contenuto informativo (violazione della massima di quantità: reticenza)

67 Implicature e figure retoriche La riflessione sul detto non-detto consente di spiegare anche la figuralità come ostentazione di un non dire, mette in luce cioè la funzionalità argomentativa delle figure Tautologia, ironia, metafora, litote, eufemismo, e iperbole (tutte tropi, cioè trasferimenti di significato da un elemento a un altro) possono essere rilette in termini di implicatura.

68 Implicature connesse alla massima di Quantità –1. Rendi il tuo contributo tanto informativo quanto è richiesto –2. Non rendere il tuo contributo più informativo di quanto è richiesto

69 G. Ferrara, Il Giornale, Di Rosa Russo Jervolino so poco. So quanto basta Davide Boni, intervistato a Radio 24, , h 8,20 D: Speranze di vittoria, ci sono? R: Guardi, noi abbiamo lindicazione di portare la partita fino in fondo

70 Tautologia La tautologia (la guerra è guerra) è totalmente non informativa, perciò è una evidente violazione della massima della Quantità. È dunque informativa a livello di ciò che si implica, e il fatto che lascoltatore identifichi il loro contenuto informativo a questo livello dipende dalla sua abilità di spiegare il fatto che il parlante abbia selezionato questa particolare tautologia. R. Zaccaria, U, Poi le elezioni sono andate come sono andate.

71 Litote La litote è violazione sia della massima della Quantità che della massima della Qualità. Già Fontanier (Le figure del discorso, ) descriveva la litote come larte di mostrare di attenuare, mediante lespressione, un pensiero di cui si vuole conservare tutta la forza. Si dice meno di ciò che si pensa; ma si farà intendere più di quanto si dica. La forza di cui parla Fontanier è leccedenza di senso, il plusvalore comunicativo, che caratterizza il livello retorico dellenunciazione. (Mortara Garavelli, Manuale di retorica, il Mulino, p. 179). Lesempio di Grice è Sapendo che un tale ha spaccato tutti i mobili, dire di lui Era un po brillo In questo caso si può però parlare di eufemismo

72 Belpietro, Libero, Il governo non attraversa uno dei suoi periodi migliori, come sempre accade ad un esecutivo a metà legislatura, quando è esaurita la luna di miele e gli elettori ancora non vedono gli effetti delle decisioni prese (Litote+presupposizioni). Paolo Rodari, Il Foglio, , p. 5 La notizia non è di poco conto. La comunità cistercense, infatti, è una presenza storica a Roma (implicatura convenzionale) […] +Tematizzazione esplicita della violazione della massima della Quantità: […]Cè un dispaccio vaticano che parla di «problemi nella conduzione della comunità». Mentre diverse voci anonime riferiscono di rapporti di amicizia «non del tutto ortodossi» tra alcuni monaci. Che può significare tanto ma anche nulla

73 2. Non rendere il tuo contributo più informativo di quanto è richiesto. La quantità di informazione fornita non deve essere eccessiva rispetto agli scopi della comunicazione: –Il riferimento alletnia nel caso di attori criminali può attivare limplicatura che i cittadini provenienti da un certo paese siano tendenzialmente criminali

74 Pleonasmo La massima della Quantità viene violata anche dal pleonasmo, ridondanza stilistica retoricamente marcata: distrae lattenzione e complica il discorso con il rischio di renderlo equivoco (Se a me mi cambia leditore, a me non me ne importa nulla: da un intervista televisiva a Montanelli, , cit. in Mortara Garavelli 1988:297) Analoga al pleonasmo è la perissologia: lenunciazione sovrabbondante e superflua di informazioni già espresse o implicate dal senso di ciò che si sta dicendo, perifrasi che fa zavorra, ridondanza che disturba la comunicazione invece di favorirla. Come amplificazione stilisticamente e semanticamente giustificata, la perissologia si manifesta in figure della sinonimia e dellaccumulazione (Mortara Garavelli, 1988:121-2)

75 Implicature secondo la Qualità La massima della Qualità può essere violata in molti modi: –Se linformazione impartita non ha lo status di attendibilità che deriva dallavere giustificazioni (prove o ragioni adducibili a sostegno) –Se il contributo si presta a una interpretazione contraddittoria ed è impossibile costruire un quadro coerente della informazione fornita –Se cè il sospetto che il parlante non eviti con sufficiente rigore di dire cose che ritiene false La comprensione cooperativa legge cooperativamente le potenziali contraddizioni, in modo che non risultino tali.

76 Delegare una enunciazione a unaltra fonte enunciativa implica una violazione della massima della Qualità. Ad esempio nelle recensioni di un libro, di un film, di uno spettacolo: Al pubblico è piaciuto (implicatura: non del tutto a me): il distanziamento dalla responsabilità enunciativa implica che non condivido pienamente il giudizio. Interpretabile anche come enallage: sganciamento dellorigine deittica dalle coordinate personali e spazio-temporali. Ma la violazione può essere interpretata anche come indicativa di una scarsa autoconsiderazione dellenunciatore, che non ritenendosi sufficientemente competente, delega il parere a un esperto, al pubblico ecc.

77 La metafora Si basa sullo sfruttamento della massima della qualità, in quanto comporta una falsità categoriale. Scalfari su RE, […] la fascinazione mediatica del Cavaliere di Arcore è ormai diventata una logora liturgia che non riesce più a sedurre i fedeli ormai in libera uscita.

78 Paolo Rodari, Il Foglio, , p. 5 Di certo cè un fatto: non era tutto oro quello che brillava attorno a Simone Fioraso. Paradosso: una metafora viene annunciata come fatto certo

79 Lironia Grice colloca lironia tra le violazioni della massima della qualità Si tratta anche di una forma di disconferma, di svalutazione della parola altrui Va ricondotta al fenomeno della polifonia: presenza nello stesso enunciato di due voci, di cui una si oppone allaltra (Mizzau, Lironia. La contraddizione consentita, Feltrinelli, 1984).

80 Il Foglio, , Andreas Version Avranno anche restituito un po di orgoglio allAmerica, ridato ossigeno allamor proprio, sollevato entusiasmi, avranno pure messo la parola fine a quello che dopo l11 settembre sembrava un incubo inafferabile. Avranno forse dimostrato che le barbe finte della Cia sanno ancora combinare qualcosa e saranno riusciti, probabilmente, a convincere i più scettici che doveva pur esistere qualche motivo, se nemmeno Obama aveva accettato di chiudere Guantanamo. Potrà avere talune ragioni anche Hillary Clinton, a dire che Bin Laden era altresì un mortale nemico dellIslam, e a sostenere che la storia dovrà ricordarsi di come il principale tra i terroristi sia stato tolto dalla scena mentre nel mondo arabo avanzavano le richieste di libertà e di democrazia. Sarà tutto vero, tutto giusto, tutto soddisfacente e sarà quindi inevitabile che, da sinistra a destra, tutti, ma proprio tutti, applaudano. Noi vorremmo semplicemente far notare, dopo lanimata discussione cui abbiamo assistito, che quei crumiri dei Navy Seal hanno lavorato il 1° maggio.

81 S. Rodotà, RE, Sia lode al presidente del Consiglio. Con la disinvoltura che lo contraddistingue ha svelato le vere carte del governo sul nucleare, carte peraltro niente affatto coperte.

82 N. Porro, Il Fatto, Bertelli solo pochi mesi fa consegnava ad Aldo Cazzullo, sul Corriere della sera, alcune considerazioni che riportiamo: «Limpresa deve insegnare a collaboratori e dipendenti lappartenenza, a essere compartecipi di un processo che porta risultati, che mantiene famiglie, cha manda bambini a scuola, che trasmette lorgoglio di far parte di un Paese. La politica deve ricreare le condizioni dellappartenenza, che sono fondamentali per chiunque: lidentità italiana, il rischio dimpresa, lo sviluppo, la ricerca». Belle parole, non cè che dire. Magari, sapendo che si stava preparando a vendere un quinto della propria azienda ai cinesi, per spuntare legittime condizioni e prezzi migliori, la pappina sull«orgoglio del paese», l«identità italiana» poteva risparmiarcela.

83 Implicature secondo la Relazione Grande influenza della massima di Relazione nelle implicature conversazionali --> teoria della Pertinenza La Pertinenza non riguarda loggetto del discorso o la focalizzazione dellattenzione sulle sue proprietà, ma lenunciato, che deve risultare un contributo conversazionale pertinente rispetto al discorso o alla situazione comunicativa.

84 Implicature secondo il Modo Attivate da testi che appaiono poco comprensibili perché prolissi, complicati, disordinati, oscuri, verbosi, ambigui. Lambiguità è una violazione della massima sii perspicuo Implicature: assumiamo che il testo sia stato prodotto in tale forma per essere capito in una certa maniera e quindi che, nonostante le apparenze, il modo di comunicazione sia adeguato a ciò che si voleva comunicare. ammettiamo che loscurità del testo sia reale e lo renda davvero inadeguato ma che sia in qualche modo giustificato e dunque gli conferisca un sovrappiù di senso (ambiguità deliberata e oscurità voluta).

85 Violazione della concisione Esempio in una recensione musicale a) X ha cantato Nessun dorma b) X ha emesso una sequenza di suoni corrispondenti allaria Nessun dorma Lespressione b) viola il criterio della brevità e attiva limplicatura che il cantante sia stato pessimo (forma di eufemismo).

86 La comunicazione non consiste nel processo lineare di codifica e decodifica, ma nella presenza e accessibilità allinterno dello spazio intersoggettivo di un insieme di enunciati, la cui disponibilità consente di approssimare i contesti cognitivi dei partecipanti ai contesti oggettivi. Gli impliciti consentono di mettere a disposizione questo insieme. La cultura dellimplicito non è una dietrologia, non cerca cause nascoste, ma senso intersoggettivamente riconoscibile; aumenta il nostro dominio sulla comunicazione verbale e rende possibile il distacco critico dagli impliciti, che altrimenti assorbiamo in modo subliminale. Perciò è anche uno strumento di difesa dagli usi manipolatori degli impliciti nellambito delle comunicazioni di massa.

87 Il grado di libertà del lettore è collegato al grado di implicito del testo che lo sollecita ad andare oltre la superficie, a lavorare sul non detto, ad accettare il rapporto di complicità-sfida che si instaura con lautore (Mizzau, Storie come vere, Feltrinelli 1998:12)

88 Criteri di identificazione dellimplicatura conversazionale Calcolabilità: riferimento al ragionamento, alle inferenze necessarie per comprendere limplicatura Non-staccabilità: è legata al contenuto semantico dellenunciato e non alla forma linguistica (a differenza della presupposizione e della implicatura convenzionale) Non-convenzionalità: dipende dal contesto Indeterminatezza: non cè garanzia di correttezza della inferenza, perché il ragionamento non è di tipo logico-deduttivo, ma è spesso di tipo entimematico (le premesse del ragionamento sono solo probabili) Cancellabilità: si può sempre aggiungere qualcosa che cancella limplicatura, ovvero che la ritratta.

89 Presupposizioni Altro tipo di inferenza pragmatica, che sembra dipendere più strettamente dalla effettiva struttura linguistica delle frasi Non dipendono da inferenze di tipo logico ma dal significato letterale degli enunciati Linterpretazione delle presupposizioni non richiede più conoscenze di quelle contenute nella forma linguistica dellenunciato La loro verità viene assunta come garantita nellasserzione di una proposizione linguistica, sono cioè condivise aprioristicamente Informazioni di background, stabiliscono i limiti del discorso Rispondono ad un principio di economia Secondo Oswald Ducrot la presupposizione è un atto giuridico: trasforma la possibilità di parola degli interlocutori, fissando gli obblighi per proseguire il dialogo (Caffi, p. 83)

90 Funzioni della presupposizione La presupposizione gioca un ruolo centrale nella economia di un testo, contribuendo alla sua connessione –Efficacia informativa: dire molto con molto poco –Rispetto della coerenza di un testo: scelta continua dei parlanti su cosa tematizzare e cosa lasciare sullo sfondo (rapporto tema-rema); Contribuisce a collocare un testo nella situazione comunicativa a cui è destinato: richiama il già noto e quello che è dato per scontato

91 Con ciò rafforza i legami di gruppo, suggerendo al destinatario che lo si ritiene parte del gruppo Ha funzione persuasiva perché spinge a vedere il mondo nella prospettiva voluta dallautore. Si sottrae alla discussione: per essere discussa la presupposizione deve essere esplicitata. –Rischio di manipolazione: in quanto presentano un contenuto informativo senza asserirlo, dandolo per condiviso (accordo con luditorio), sono utili nei casi in cui il parlante vuole trasmettere esplicitamente un contenuto senza affermarlo direttamente: ciò che è messo sullo sfondo è protetto dalle possibili smentite (Givon 1989)

92 Altri motivi che spingono ad usare le presupposizioni Riferimenti a concetti tabù o indecenti ragioni di opportunità personale, che impediscono di fare affermazioni che potrebbero apparire presuntuose ripararsi da possibili critiche o contestazioni Per unanalisi delluso persuasivo delle presupposizioni nella stampa italiana: Sbisà, Ideology and the persuasive use of presupposition, 1999 Su impliciti e presupposizioni: Sbisà, Detto non detto, Laterza 2007

93 Attivatori linguistici di presupposizione Descrizioni definite, sintagmi nominali (presupposizione desistenza) Epiteti e apposizioni Verbi fattivi : presuppongono la verità (fattualità) del contenuto proposizionale della frase (rendersi conto, sapere, comprendere, rimpiangere) Marina rimpiange di aver lasciato lAfrica > è vero che: Marina ha lasciato lAfrica Verbi implicativi: implicano la verità o non verità della proposizione complemento (riuscire, permettersi, dimenticarsi) Sandro è riuscito a riparare la radio > è vero che: Sandro ha riparato la radio) Verbi di cambiamento di stato (smettere, incominciare, continuare, finire di) Marco ha smesso di fumare >è vero che: Marco fumava Gaia ha ritelefonato > è vero che: Gaia aveva già telefonato Verbi di giudizio (criticare, accusare)

94 Piano sintattico –frasi relative parentetiche –Frasi scisse (linformazione presupposta è nella seconda parte dellenunciato) (E Paolo che lha detto....; è X che lha fatto; E Luca che lha aiutato = Qualcuno lha aiutato) –Ipotetiche controfattuali se non fossi andato in montagna avrei fatto lesame > Sono andata in montagna; Se mi avesse chiesto scusa, lavrei perdonata > non mi ha chiesto scusa –Interrogative Proposizioni temporali dopo che, prima che: Le cose sono cambiate dopo la partenza di Giorgio > Giorgio è partito Avverbi: ancora, di nuovo, invece, anche ecc. La terra ha tremato di nuovo > aveva già tremato

95 Esempi

96 Epiteti e apposizioni Il leggendario Ulisse i postcomunisti di Veltroni e di Mussi i comunisti di Cossutta i comunisti riciclati di DAlema Gli azzeccagarbuglio del potere I saggi a intermittenza I soci gli espedienti il ribaltone la presunta maggioranza Il bilancio positivo della sinistra di governo Il voto padano (Corriere della sera) Le elezioni-sondaggio di ottobre (Il Giornale) NellItalia bella, coraggiosa, non addomesticata dai media, in cui ho viaggiato (Colombo su LUnità, ) Scavolini, la più amata dagli italiani

97 Costruzione di realtà immaginate Processi di nominalizzazione: La Padania chiede elezioni: È presupposta lesistenza di un referente per il sintagma nominale la Padania Il miglioramento delle condizioni di vita ha esteso il mercato dellauto Non dimostro che cè stato un miglioramento, ma lo assumo come un fatto

98 Cambiamento di stato Presupposizione lessicale-semantica del verbo smettere (verbo di cambiamento di stato) –E così hai smesso con la droga? –Quando smetterai di raccontar balle? La presupposizione può essere usata come arma più o meno occulta di persuasione e di manipolazione (propaganda politica, interrogatori)

99 La carriera politica non era più un servizio da rendere alla repubblica, ma unoccasione per arricchirsi. I tribuni della plebe avevano smesso di difendere i diritti del popolo

100 Alla vigilia del voto europeo Prodi e DAlema hanno ricominciato a parlarsi (La Repubblica) Il disaccordo è presupposto, sta sullo sfondo Trasporti, ricomincia il calvario Informazione presupposta sullo stato dei trasporti

101 Volevamo continuare a restare liberi dai vincoli di unorganizzazione. Pensavamo che fosse giusto proseguire così e fummo comitato elettorale per le elezioni europee del 1994 e per le elezioni regionali del Cominciammo a cambiare idea quando vedemmo che era elevatissimo il numero delle schede recanti il voto per Forza Italia che venivano annullate. Cambiammo definitivamente idea quando vedemmo quante schede furono annullate nelle elezioni del Continuare, proseguire, cominciare: cambiamento di stato Vedere che: verbo fattivo

102 Tutti i partiti ex cattolici sembrano assolutamente incapaci di dare una risposta a Giovanni Paolo II (…) sulle emergenze nazionali che egli ha individuato(…): politica a sostegno della famiglia, scuola libera e creazione di lavoro vero e stabile. Neanche si accorgono che DAlema, su questi temi, cerca di scavalcarli (…). (Il Giornale, 9 settembre 1997, in Sbisà 1999) Accorgersi= verbo fattivo Verbi fattivi

103 Non siamo ancora abbastanza avanti nellapprendimento della politica, riusciamo ancora (implicativo)ad essere sinceri (Primo Congresso nazionale 1994) Non sapevamo che questa non era una vera democrazia Ci si accorse che la macchina giudiziaria colpiva in modo selettivo Mi accorsi, capii, percepii –accorgersi, comprendere, ricordare, dimenticare, riconoscere, sapere, percepire, constatare, prendere atto, rendersi conto, capire, avere la consapevolezza che, riconoscere..) = verbi fattivi: implicano la verità della proposizione richiamata –Riuscire = verbo implicativo Amplificazione delleffetto di non contestabilità. Lenunciatario è portato alla naturale accettazione delle premesse

104 Sapere (Berlusconi) –Sappiamo che i vecchi bolscevichi non ci apprezzeranno mai Sapere (Rutelli) –Sappiamo che sono cose che si dicono in campagna elettorale / sappiamo che la concertazione non è tabù Ancora sui verbi fattivi

105 I ds hanno fatto da collante in situazioni anche molto difficili, consapevoli della necessità di dare al paese una prospettiva nuova (LUnità)

106 Relative di presupposizione Lalleanza con Fini non è e non è mai stata in discussione. Sui problemi essenziali, sulle soluzioni da proporre per portare il paese fuori dalla crisi nella quale lha trascinato la sinistra non ci sono divergenze. Non può stupire se in una campagna elettorale giocata con il sistema proporzionale ciascuno cerca di aumentare il proprio consenso (Il Foglio)

107 Ipotetiche controfattuali Sarebbe sciocco negare che la valenza interna dellelezione di domani prevalga – nel mondo politico, nellinformazione, nellopinione pubblica – sulla valenza europea: così come sarebbe sciocco negare che per tanti italiani questo appello alle urne risulti privo della drammaticità e del fascino delle politiche e anche delle amministrative: dal cui esito discendono conseguenze concrete, palpabili, quantificabili. (Il Giornale)

108 Avverbi La destinazione europea di Forza Italia è invece già scritta Certo: pensiamo allEuropa e al Parlamento di Strasburgo, che non è ancora una centrale operativa ma è pur sempre una cassa di risonanza solenne. Europa: ancora pacchi bomba La Fiat crolla anche in borsa

109 Domanda retorica e di presupposizione Quanti soldi butti via ogni giorno con il tuo conto? Vedi anche le interrogative nei titoli: posizione/creazione di un problema. La forma interrogativa viene sfruttata per introdurre un nuovo argomento con una certa enfasi; nei testi pubblicitari perprendere in considerazione un quesito specifico e per creare un bisogno

110 Frasi scisse Quello che i cittadini si aspettano da noi.. Ed è ancora questa sinistra, i ds in particolare, che ha contribuito in modo determinante, impegnando i suoi ministri, a far concludere la trattativa per il contratto dei metalmeccanici che da sempre è uno dei perni intorno al quale ruotano i rapporti tra imprenditori e lavoratori e che prefigura alcune delle linee di sviluppo della società (LUnità)

111 Il problema è che Il dramma è che Presuppongono che ci sia un problema, un dramma ecc.


Scaricare ppt "Due paradigmi a confronto (cfr. Caffi, 2009:22) Paradigma formale Una lingua è un insieme di frasi La funzione primaria della lingua è lespressione del."

Presentazioni simili


Annunci Google