La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ampliamento delle massime di Grice Logica della cortesia (gli aspetti cognitivi, centrali in Grice, si trovano qui indeboliti) Robin Lakoff (La logica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ampliamento delle massime di Grice Logica della cortesia (gli aspetti cognitivi, centrali in Grice, si trovano qui indeboliti) Robin Lakoff (La logica."— Transcript della presentazione:

1 Ampliamento delle massime di Grice Logica della cortesia (gli aspetti cognitivi, centrali in Grice, si trovano qui indeboliti) Robin Lakoff (La logica della cortesia, 1978): due regole della competenza pragmatica: –Sii chiaro –Sii cortese Chiarezza e cortesia si trovano spesso in conflitto, in questo caso si preferisce la cortesia Tre regole della cortesia: –Non ti imporre –Offri delle alternative –Metti il destinatario a suo agio – sii amichevole

2 Carattere indiretto Dire: fa freddo qui, invece di Chiudi la finestra lascia al destinatario la scelta del modo di intendere lenunciato, tramite una implicatura conversazionale, ed è meno impositiva della forma imperativa diretta. Lessere indiretti viene privilegiato a scapito della chiarezza, perché offre delle alternative e non pone il destinatario in una posizione di inferiorità (Bazzanella, Linguistica e pragmatica del linguaggio, p. 181)

3 Leech (1983) Massima del tatto: -minimizza il costo per lascoltatore (laspetto negativo dellatto) -massimizza il beneficio (laspetto positivo dellatto) La massima del tatto è un mezzo per evitare i conflitti: quando due persone parlano tra loro non solo negoziano il significato di ciò che si dicono ma negoziano continuamente la loro relazione. Non è sufficiente considerare la forma grammaticale: luso dellimperativo, ad es., non è necessariamente impositivo (es.: Entri pure, Venga venga); forme alternative di imperativo: modo infinito (ricette di cucina), forma impersonale (si potrebbe aprire la finestra).

4 Brown e Levinson, La nozione centrale di questo modello è quella goffmaniana di faccia, in quanto identità interazionale e immagine pubblica: - faccia negativa: autonomia e difesa del proprio teritorio e auto- determinazione. Si basa essenzialmente sullevitamento, cioè sul salvare la faccia, conservando la libertà da imposizioni altrui; - faccia positiva: immagine positiva di sé, che implica anche lapprovazione e lapprezzamento da parte degli altri. Le azioni altrui possono minacciare la faccia negativa e positiva. Brown e Levinson individuano tre strategie principali di cortesia, basate sul criterio di razionalità di Grice come fondamento del comportamento –Positiva: espressione della solidarietà, cooperazione, evitamento del conflitto –Negativa: espressione delle limitazioni; uso di atti linguistici indiretti, distanza rituale –Off record: lintenzione comunicativa non è chiara (vs on record: dove lintenzione comunicativa è chiara); restare nel vago, favorire implicature conversazionali A queste strategie corrispondono mezzi linguistici specifici (ad es. luso del passivo o del si impersonale per evitare di nominare lagente).

5 Secondo questo modello, i modi di codificare le strategie di cortesia passano nella struttura delle lingue, diventando parte della grammatica (lessicalizzazioni, trasformazioni sintattiche come il passivo) Idea fondamentale: la sistematica interazionale è basata in larga misura su principi universali. Ma le strategie per avvicinarsi e distanziarsi socialmente differiscono sistematicamente da una cultura allaltra, e allinterno delle culture tra sub-culture, categorie e gruppi. Questa prospettiva, come già quella di Robin Lakoff, è stata accusata di visione etnocentrica, in cui i valori e i principi di fondo sono occidentali e non universali. Vedi: L. Mariottini, La cortesia, Carocci, 2007

6 Forme di cortesia Atti indiretti Implicature Mitigazione con funzione di: –Deattualizzazione (narrativizzazione: volevo dire volevo chiedere) –Cancellazione dellio (con funzione di schermo e di deresponsabilizzazione)

7 Mitigazione Unisce la dimensione sociolinguistica (nozione goffmaniana di faccia e la dimensione psicolinguistica (costruzione del sé) Può operare su uno dei seguenti tre livelli: –Contenuto proposizionale –Indicatore di illocuzione –Origine deittica Al fine di modulare la distanza sociale ed emotiva

8 Meccanismi di mitigazione Sul piano proposizionale: –Vaghezza –Attenuatori lessicali (hedges: Lakoff 1972; cespugli: Caffi) Sul piano illocutorio –Carattere indiretto dellatto linguistico (siepi: Caffi) –Futuro epistemico –Imperfetto di cortesia Sul piano dellorigine deittica (espressività) –Deattualizzazione enunciativa (schermi: Caffi) –indicatori di soggettività

9 Cespugli meccanismo della vaghezza Understatement o deintensificazioni del contenuto proposizionale (non si può definire propriamente; non è un vero e proprio) Approssimazione (diciamo, per così dire: anche filler, riempitivo) Ipercooperazione (violazione della massima di quantità) Avverbi ed espressioni di punto di vista o di ambito (tecnicamente, mi sembra, direi, qualcosa del genere, una forma così: attenuano la categoricità dellatto verdettivo, perché rendono vaga lasserzione) Funzione: negoziazione e co-costruzione del senso

10 Siepi meccanismo della indirettezza Futuro epistemico o modale (sarà stato): attenuano limpegno rispetto alla verità; lasserzione si trasforma in ipotesi Performativo attenuato (le proporrei, consiglierei); il condizionale attenua la forza assertiva dellindicativo Consultazione, negoziato (se vuole) Mitigazione esterna dellatto linguistico nella forma della giustificazione (spiegare perché si fa qualcosa attenua la forza di una proposta) Segnali di incertezza: pause, prolungamenti vocalici, intonazioni sospensive; indeboliscono il grado di adesione del parlante alla proposizione Declassamento o slittamento dellatto (da assertivo a ipotetico, da verdettivo a comportativo o espressivo) Attenuazione della categoricità (se ho capito bene: riformulazione di controllo con funzione egoistica e altruistica) Anche in questi casi aumenta la vaghezza degli enunciati

11 Schermi meccanismo della de-attualizzazione enunciativa Depersonalizzazione : cancellazione della prima persona e sua sostituzione con altre persone (enallage; footing); messa a distanza, che può equivalere sul piano proposizionale ad un rafforzamento della vertià dellenunciato (vedi discorso scientifico: massima precisione e informatività, minima vaghezza) De-attualizzazione e narrativizzazione: volevo chiedere Asserzione generica proverbiale con funzione di ipergeneralizzazione (quando studi ti nevrotizzi) Inserimento tangenziale di un argomento (es. oltre tutto: modifica della dispositio con funzione di attenuazione) In conclusione: i mezzi di mitigazione servono sia a negoziare e ritrattare il contenuto proposizionale, sia a modificare la distanza tra gli interlocutori.

12 Logica del linguaggio quotidiano I logici formali dicono che il linguaggio quotidiano non ha logica. In effetti il linguaggio quotidiano non ha forse una logica, ma ha una retorica, che è poi la logica dei concetti sfumati. (Eco, Trattato di semiotica generale, 1975)

13 Linguistica testuale La linguistica testuale non individua propriamente un nuovo oggetto dellindagine linguistica ma inaugura un diverso modo di fare linguistica (Conte 1977) il testo è il segno linguistico originario i testi sono la forma specifica di esistenza del linguaggio loggetto della linguistica non è lenunciato ma il testo (unità comunicativa)

14 Scopi della teoria del testo Specificazione di cosa fa di un testo un testo Definizione del concetto di competenza testuale Differenziazione dei tipi testuali (ricerca di costanti)

15 Cosè il testo? Un insieme di enunciazioni tematicamente coerente e dotato di una riconoscibile funzione comunicativa (cfr. Schmidt 1982). Bertinetto (1981:9): un insieme di frasi (al limite una sola frase) tematicamente coerente, dotato di funzione comunicativa riconoscibile in rapporto a un preciso potenziale illocutivo, situato allinterno di unazione comunicativa concreta (ossia individuabile nel tempo e nello spazio). Un testo risulta dal connubio indispensabile tra fattori linguistici ed extralinguistici, tra forma linguistica e situazioni comunicative, il che ne fa un prodotto sociale complesso e formalmente diversificato (Cicalese 1999: 170). Rastier (2003: 39) una sequenza linguistica empirica attestata, prodotta nellambito di una pratica sociale determinata e fissata su un supporto qualsiasi

16 Testo come azione socio-comunicativa Testo è ogni parte linguistica enunciata di un atto comunicativo entro un gioco dazione comunicativo che sia orientata tematicamente e assolva una funzione comunicativa riconoscibile, che realizzi insomma un potenziale illocutivo riconoscibile. I testi sono sempre testi-in-funzione collocati entro giochi dazione comunicativi. In quanto tali essi sono sempre determinati e definiti dal punto di vista sia sociale che linguistico (Schmidt 1982) (parlanti differenti e mestieri differenti si correlano con diverse realizzazioni della testualità).

17 Competenza comunicativa e competenza testuale La competenza testuale è parte integrante della competenza comunicativa e nella situazione attuale, in cui le varietà diatopiche risultano indebolite rispetto al passato, la competenza testuale diviene una dimensione centrale della sociolinguistica e della pragmatica: vi si intersecano la variazione diastratica (la capacità di produzione testuale si correla al livello di istruzione e ai riferimenti culturali del parlante), la variazione diafasica (diversi argomenti e aree disciplinari richiedono diverse tipologie testuali) e diamesica (il testo è sensibile alla variazione diamesica, sebbene la nozione stessa vada intesa indipendentemente dal tipo di canale utilizzato).

18 È possibile trovare delle costanti? Lesecuzione di intenzioni allinterno di una società è per il singolo già in larga misura preformata strutturalmente sotto forma di tipi di interazione. Cfr. Wittgenstein: per avere lintenzione di giocare a scacchi devo conoscere il gioco degli scacchi.

19 Tipi testuali come macroatti linguistici Ogni enunciazione testuale è il compimento di un atto di comunicazione ricorrente nella società e normalizzato nella sua struttura Nella retorica classica: Narrativi, descrittivi, argomentativi, espositivi Secondo Werlich (1976): Narrativi, descrittivi, argomentativi, informativi, regolativi Secondo Beaugrande-Dressler (1981): Narrativi, descrittivi, argomentativi Vedi anche F. Sabatini, Rigidità-esplicitezza vs elasticità-implicitezza: possibili parametri massimi per una tipologia di testi, in Skytte e Sabatini (a cura di), Linguistica testuale comparativa, Copenhagen, 1999 C. Lavinio, Comunicazione e linguaggi disciplinari, Carocci, 2004

20 Tipologia di Werlich Basata sui seguenti criteri: –Modalità basilari di conoscenza Percezione dello spazio Percezione del tempo Comprensione mediante analisi e sintesi Valutazione di concetti messi in relazione Pianificazione di comportamenti –Intenzione comunicativa –Focalizzazione (sfondo e primo piano) –Strumenti sintattici –Distinzione tra realtà e finzione

21 Tipo narrativo Funzione: raccontare un fatto, una storia Foreground: azioni, eventi, relativi a persone, oggetti, relazioni, concetti colti nel contesto temporale Matrice cognitiva: capacità di cogliere le differenze e interrelazioni tra le percezioni relative al tempo (schemi) Strumenti sintattici: subordinazione Struttura: tipo predicativo Generi e forme finzionali: racconti, romanzi, novelle, poesia epica, barzelletta Generi e forme non finzionali: biografie, articoli di cronaca, relazioni di viaggio, corrispondenze di inviati speciali Risponde alla domanda: Chi ha fatto cosa quando?

22 Tipo descrittivo Funzione: delineare le caratteristiche di una persona, un paesaggio, un oggetto Foreground: fenomeni (persone, cose, stati di cose, relazioni) colti nel contesto spaziale Matrice cognitiva: Capacità di cogliere le differenze e interrelazioni delle percezioni relative allo spazio. Schemi di rappresentazione mentale di oggetti o ambienti tipici colti nella loro staticità (frames e schemata). Generi e forme non finzionali: descrizione interna a testi che narrano eventi reali; descrizione interna a testi espositivi (enciclopedie, dizionari, ecc.); descrizione tecnico-scientifica, indovinello, carta di identità Generi e forme finzionali: descrizione interna a testi narrativi finzionali, poesia lirica. Risponde alla domanda: che cosa è dove rispetto a cosa?

23 Tipo argomentativo Funzione: sostenere una tesi su basi logiche Foreground: relazione tra concetti (similarità, contrasti ecc.), argomento, valutazione Matrice cognitiva: giudizio, capacità di giudicare e di scegliere tra i concetti esaminati quelli più convincenti e probanti (Plans) Strumenti testuali: parallelismo, parafrasi Generi e forme non finzionali: arringa giudiziaria, saggi scientifici, discorsi politici e dibattiti in generale, articoli di fondo, recensioni Generi e forme finzionali: poesia celebrativa, dialogo filosofico. Risponde alla domanda: perché?

24 Tipo informativo Funzione: fornire notizie utili su personaggi, argomenti o fatti Foreground: analisi (scomposizione) e sintesi (composizione) degli elementi costitutivi dei concetti Matrice cognitiva: comprensione (capacità di capire) (schemata) Generi e forme non finzionali: lezione, manuale scolastico, saggio divulgativo, recensione informativa, abstract, orari dei treni, avvisi Generi e forme finzionali: poesia didascalica

25 Tipo regolativo Funzione: indicare norme da rispettare. Foreground: comportamento futuro altrui (e/0 proprio Matrice cognitiva: capacità di pianificare il comportamento e di smembrarlo in una successione di azioni (Plans) Generi e forme non finzionali: enunciazione di norme da rispettare, obblighi e divieti, istruzioni, regole di giochi, ricette di cucina, regolamenti, statuti, leggi, testi pubblicitari (però anche argomentativi e informativi) Generi e forme finzionali: poesia (o canzone di lotta), di incitazione allazione, di propaganda politica Tono perlocutivo, frequenza di forme imperative

26 Criteri della testualità Il testo è una unità comunicativa che soddisfa sette criteri di testualità: a) coesione, b) coerenza, c) intenzionalità, d) accettabilità, e) informatività, f) situazionalità, g) intertestualità. Tali condizioni possono essere distinte in due categorie: quelle pertinenti al materiale testuale, per le quali il testo è dunque unelaborazione di elementi strettamente linguistici (a, b), e quelle che riguardano invece la modalità in cui gli utenti partecipano allattività del prodotto testuale (in particolare c, d) (De Beaugrande-Dressler) Lassenza di uno dei sette criteri determina testi anomali, malformati, mentre in assenza di coerenza è la stessa qualifica di testo che viene a cadere. La condizione veramente necessaria per poter assegnare lo status di testo a una sequenza di frasi è la coerenza in quanto globale unità di senso (Conte 1977)

27 Criteri della testualità Coesionelivello sintattico Coerenzalivello semantico Intenzionalitàemittente Accettabilitàricevente Informatività contenuto testuale Situazionalitàcontesto Intertestualitàrelazione con gli altri testi

28 Coerenza Criterio che distingue un testo da un non-testo Due accezioni di coerenza –Assenza di contraddizioni (consistency) (a parte obiecti) –Organicità (integrazione della parti nel tutto: testo come unità di senso strutturata) (coherence); implica lintenzionalità comunicativa e latteggiamento dellinterprete (accettabilità) (a parte subiecti): rinvio al principio di cooperazione e alla nozione di implicatura

29 Coesione Meccanismi di superficie che tengono insieme un testo Concordanza (articolo, aggettivo, nome / soggetto, verbo) Legami costruiti da –Ripetizione –Parafrasi e rinvii forici (anafora e catafora) (funzioni dellarticolo determinativo e indeterminativo; dei due punti, degli incapsulatori anaforici, ecc.) –Ellissi (il più potente ed economico dei fattori coesivi) Connettivi

30 Articoli Indeterminativo: informazione nuova (funzione cataforica) Determinativo: informazione data (funzione anaforica) Larticolo determinativo attiva una presupposizione di esistenza (vedi il problema delle presupposizioni attraverso il sintagma nominale definito)

31 Incapsulatori anaforici Ripresa di un tema o di intere parti del testo attraverso un sintagma nominale definito Ciò che viene ripreso può anche essere implicito La facilità di individuazione dellantecedente dellincapsulatore è in rapporto diretto con la facilità e la chiarezza di un testo Svolgono funzione anaforica incapsulante tutti i sintagmi nominali definiti, preceduti da articolo determinativo o aggettivo dimostrativo): –Nomi generali (cosa, fatto, situazione) –Deverbali (progetto, innovazione) –Sintagmi valutativi (risultato, successo, declino) –Sintagmi accompagnati da aggettivi di valutazione (increscioso episodio, delicata congiuntura, ecc.) Lincapsulatore può segnare una riduzione dellinformazione oppure un aumento della informazione (termini iponimi o iperonimi) Lincapsulatore è attivatore di presupposizione

32 Il problema del riferimento Realtà Referente reale Extratestuale e extra- linguistico Testo Referente testuale (oggetto concettuale specifico) Piano del senso Segno (significato e significante) Risultato dellastrazione e della decontestualizzazione parlanti lingua Atto di riferimento non linguistico Atto di riferimento linguistico


Scaricare ppt "Ampliamento delle massime di Grice Logica della cortesia (gli aspetti cognitivi, centrali in Grice, si trovano qui indeboliti) Robin Lakoff (La logica."

Presentazioni simili


Annunci Google