La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 10 ottobre Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012 C.d.L magistrale: Comunicazione dimpresa 2° anno 9 crediti (inclusi crediti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 10 ottobre Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012 C.d.L magistrale: Comunicazione dimpresa 2° anno 9 crediti (inclusi crediti."— Transcript della presentazione:

1 1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 10 ottobre Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012 C.d.L magistrale: Comunicazione dimpresa 2° anno 9 crediti (inclusi crediti Laboratorio) Orario: lunedì Sani magna Martedì Mercoledì Stanza 111 (ex B4) Via Salaria113, tel.: ricevimento mercoledì

2 2 II parte del corso analisi della progettazione aziendale Mintzberg, La progettazione dellorganizzazione aziendale Il Mulino 1996 (ed. orig. 1983)

3 3 2°Obiettivo del corso comprendere i significati del concetto di organizzazione, le configurazioni che essa può assumere in relazione al contesto di riferimento e alle finalità perseguite, Le prospettive di sviluppo delle organizzazioni Le prospettive di trasformazione del contesto organizzativo sia locale che globale. conoscenze utili alla progettazione e allanalisi di sistemi organizzativi più o meno complessi.

4 4 ORGANIZZAZIONE attività sistema struttura Attività per stabilire relazioni tra persone e cose per raggiungere uno scopo Sistema sociale risultante dallattività organizzativa struttura delle relazioni formali e codificate

5 5 Le 3 questioni su cui si dibatte in tutto il XX secolo (Bonazzi, Storia del pensiero organizzativo,2002) : Industrialetecnologia / consenso (1903 Taylor produz. snella) Burocraticafunzione delle norme / strategie dei soggetti (1904 Weber- Mintzberg 1983) organizzativadecisioni / risorse (1937 Parsons ….) Segue prospetto: Mintzberg chiude burocratica

6 6 Prospetto Bonazzi Mintzberg nella quest. Burocratica, ma con legami con quella organizzativa

7 7 MINTZBERG secondo Bonazzi

8 8 Mintzberg: libro come un pranzo Aperitivo Cap1 parte da 2 concetti base (divisione del lavoro e coordinamento) Antipasti Cap.2-5 analisi variabili organizzative Cap.6 analisi nel contesto dei fattori situazionali Piatti forti Cap.7-12 le 5 configurazioni

9 9 Henry Mintzberg, La progettazione aziendale,Il Mulino,1996 Può essere considerato ormai un classico della sociologia dellorganizzazione Libro rivolto a manager, consulenti Riscrittura di The Structuring of Organizations sintesi di molte ricerche sul campo spesso anche contraddittorie per capire: Che cosa sappiamo sulla progettazione organizzativa? Che cosè più importante per unefficace progettazione dellazienda

10 10 Gli elementi di base della progettazione organizzativa Un laboratorio di ceramica che si allarga fa nascere 2 esigenze fondamentali ed opposte Divisione del lavoro coordinamento Da Taylor fino anni 50 si è pensato che esiste un solo modo per progettare unorganizzazione Poi si è rovesciato il discorso. lazienda è fatta di elementi indipendenti:pianificazione e arricchimento compiti 3° possibilità: armonia e coerenza interna dellorg devono tener conto della situazione: Dimensione, età, tipo di ambiente sistema tecnico NB anche questi ultimi possono in parte essere scelti

11 11 Meccanismi di coordinamento la colla che tiene insieme lazienda a)Adattamento reciproco b)Supervisione diretta c)Standardizzazione= coordinamento, prima di iniziare lattività, di: 1.contenuti/processi di lavoro (es. pasticcere con disco rotante) 2.Capacità/ input (es. medico la cui formazione standardizza i processi e i risultati e il cooordinamento con un altro specialista 1.Risultati/output( tassista)

12 12

13 13 Manager analisti, operatori e tipo di coordinamento Operatori (o nucleo operativo)= chi produce beni o servizise pochi adattamento reciproco, se molti serve Vertice strategico = 1 manager supervisione diretta + managers se lazienda cresce: Linea intermedia Analisti che progettano la standardizzazione (tecnostruttura) o Staff di supporto (es: ufficio legale o mensa)

14 14

15 15 5 configurazioni o tipi puri ( cfr fig.precedente: ogni parte è centrale per una configurazione ) 1.struttura semplice: base (nucleo operativo) + vertice strategico 2.burocrazia meccanica: base + tecnostruttura + vertice 3.burocrazia professionale: base + staff + vertice 4.struttura divisionale: base + livello intermedio (linea intermedia) + vertice 5.adhocrazia: non gerarchica, solo staff o gruppi di lavoro

16 16 Tesi centrale Mintzberg Servono solo poche configurazioni (5 o +) Per spiegare lorganizzazione delle aziende efficaci O diagnosticare i problemi di quelle inefficaci Configurazione = tipologia organizzativa che mette in relazione 5 meccanismi di coordinamento con 5 parti fondamentali dellorganizzazione

17 17 Circolarità dei tipi di coordinamento Se unattività diventa più complessa si passa dalladattamento reciproco, alla supervisione diretta, alla standardizzazione, per ritornare poi alladattamento nei momenti critici Es: medici che fanno unoperazione hanno i compiti assegnati dalla formazione, ma se succede qualcosa chirurgo e anestesista devono tornare alladattamento NB Le tipologie di coordinamento spesso vengono combinate tra loro serve un po di supervisione e di adattamento reciproco, a prescindere dallintensità della standardizzazione

18 18 Lavoro di gruppo gli articoli verranno divisi in base 1.A quale tema fa riferimento? A.Finanza, debito pubblico,moneta B.Politica (nazionale, Ue, internazionale ) C.Economia (imprese - Tnc Pmi-, lavoro/disoccupazione- ambiente D.Società: disuguaglianze/welfare movimenti sociali E.Cultura (nazionale-cosmopolita) /ruolo mass media

19 19 Che fare? I° una scheda dellarticolo in base alle 5 domande 1.Argomento e contenuto 2.Paese 3.Prevale analisi o vie duscita dalla crisi? 4.Autore chi è? E un liberista, un riformista o che altro? 5.Fonte? II° confronto con le altre schede del gruppo e con le analisi che vi ho presentato III° che cosa manca?

20 20 Il lavoro di gruppo si svolgerà soprattutto in aula Ogni studente fa una scheda di un articolo scelto nellambito di uno stesso tema Le schede si confrontano tra loro, oltre e con i libri sulla crisi presentati a lezione Si valuta se il materiale raccolto è sufficiente (opinioni e fonti diverse, indicazioni di vie duscita dalla crisi) Si elabora un breve power point per presentarlo a metà novembre


Scaricare ppt "1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 10 ottobre Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012 C.d.L magistrale: Comunicazione dimpresa 2° anno 9 crediti (inclusi crediti."

Presentazioni simili


Annunci Google