La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Retorica latina I sec. a.C. Rhetorica ad Herennium Rhetorica ad Herennium istituzione della terminologia retorica latina e aggiunta della memoria tra le.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Retorica latina I sec. a.C. Rhetorica ad Herennium Rhetorica ad Herennium istituzione della terminologia retorica latina e aggiunta della memoria tra le."— Transcript della presentazione:

1 Retorica latina I sec. a.C. Rhetorica ad Herennium Rhetorica ad Herennium istituzione della terminologia retorica latina e aggiunta della memoria tra le parti organizzative del discorso. Le cinque sezioni di composizione di un discorso sono presentate come altrettante abilità delloratore: Le qualità che non devono mancare in un oratore sono la capacità dinvenzione, di disposizione, di eloquio, di memoria e di dizione. (Rhet. Her., 1,2,3) Cicerone Cicerone De inventione De inventione De Oratore De Oratore Brutus Brutus Orator Orator Difesa della retorica come arte (ars) storicamente determinata, basata sul principio della inseparabilità del contenuto (res) dallespressione (verba).

2 I sec. d. C. I sec. d. C. Quintiliano Quintiliano Institutio oratoria summa della retorica antica. Riscoperta da Poggio Bracciolini nel 1416, diventerà punto di riferimento della pedagogia umanistica.

3 Dispositio Taxis

4 Esordio Esordio funzione fatica: rendere luditorio arrendevole, attento, benevolo. funzione fatica: rendere luditorio arrendevole, attento, benevolo. Due varianti: principium e insinuatio Due varianti: principium e insinuatio Narratio (diegesis) Narratio (diegesis) Esposizione dei fatti. Qualità necessarie: chiarezza = scelta del lessico, ordine cronologico e riprese chiarezza = scelta del lessico, ordine cronologico e riprese Brevità = eliminazione del superfluo Brevità = eliminazione del superfluo Credibilità = enunciazione delle cause Credibilità = enunciazione delle cause

5 Confirmatio (spesso rientra nella narratio): insieme delle prove che demoliscono gli argomenti dellavversario Confirmatio (spesso rientra nella narratio): insieme delle prove che demoliscono gli argomenti dellavversario Digressio: digressione per alleggerire la tensione e distrarre luditorio (parte non necessaria) Digressio: digressione per alleggerire la tensione e distrarre luditorio (parte non necessaria) (Confirmatio e Digressio insieme costituiscono largomentazione) Peroratio: amplificazione, ricapitolazione Peroratio: amplificazione, ricapitolazione

6 Questioni di elocutio Estetica della prosa: Varietà di lingua Varietà di lingua Genere: relativo a Genere: relativo a tema trattato e finalità tema trattato e finalità adeguamento alluditorio (chiarezza) adeguamento alluditorio (chiarezza) vivacità (oratore) vivacità (oratore)

7 Tipi di stile per i latini StileFunzione Parte del discorso Prova sublime commuovere (movere) digressiopathos umile informare (docere) narratio e confirmatio logos mediocre divertire (delectare) Esordio e epilogo Ethos NB: ciascuno stile comporta lesaltazione di un tipo di prova, senza escludere però qualche ricorso alle altre due

8 Dispositio 1. esordio4. epilogo Ethos e pathos logos 2. narrazione 3. argomentazione

9 Esordio Tópos della affettazione di modestia Tópos della affettazione di modestia Quintiliano: Cè un moto naturale di simpatia per chi si trovi in difficoltà Antonio nel Giulio Cesare di Shakespeare (atto III, scena III): Io non sono venuto, cari amici, con la pretesa di rapirvi il cuore. Non sono un buon oratore come Bruto, io; sono quale mi conoscete tutti, un tipo semplice e naturale che adorava il suo amico: e lo sanno benissimo quelli che mi hanno dato il loro beneplacito a parlare, pubblicamente, di lui. Io non ho né lacume, né la parola, né il talento, né il gesto, né leloquio che scalda il cuore di chi ascolta; io parlo come viene, e dico cose che voi stessi sapete….

10 Cfr. Santanchè (Osservatorio Mediamonitor sulle politiche 2008: 28 marzo 2008, da Le invasioni barbariche) Cfr. Santanchè (Osservatorio Mediamonitor sulle politiche 2008: 28 marzo 2008, da Le invasioni barbariche) No uso il linguaggio del popolo, di quello che pensa credo gran parte degli italiani e che forse i politici hanno sempre questo politichese, a me non appartiene, parlo come mangio, si direbbe.

11 Il problema dellincipit nel giornalismo Titoli (elemento paratestuale) Titoli (elemento paratestuale) Prime battute di un articolo Prime battute di un articolo

12 Titoli Crescente importanza dei titoli, anche in conseguenza della tendenziale assenza nellincipit degli articoli degli elementi informativi essenziali Crescente importanza dei titoli, anche in conseguenza della tendenziale assenza nellincipit degli articoli degli elementi informativi essenziali Linsieme dei titoli può essere considerato come un giornale in pillole, un giornale parallelo Il titolo è sempre riferito allarticolo, con cui intrattiene una triplice relazione: Il titolo è sempre riferito allarticolo, con cui intrattiene una triplice relazione: Sintattica (posizione del titolo rispetto allarticolo) Sintattica (posizione del titolo rispetto allarticolo) Semantica (cosa dice il titolo dellarticolo) Semantica (cosa dice il titolo dellarticolo) Pragmatica (funzione del titolo per il lettore) Pragmatica (funzione del titolo per il lettore)

13 Chiave dellinterpretazione, codice dellarticolo (Eco 1971) Chiave dellinterpretazione, codice dellarticolo (Eco 1971) Unica immagine-concetto carica di contenuti patetici, estetici, politici (Dorfles, 1981) Unica immagine-concetto carica di contenuti patetici, estetici, politici (Dorfles, 1981) Mack Smith, Modello inglese e modello italiano nel giornalismo; un confronto a sfondo storico e sociale Mack Smith, Modello inglese e modello italiano nel giornalismo; un confronto a sfondo storico e sociale Prevalente funzione illocutoria e perlocutoria (Proietti 1992) Prevalente funzione illocutoria e perlocutoria (Proietti 1992)

14 Titoli oggettivanti vs titoli soggettivanti Titoli oggettivanti vs titoli soggettivanti Cronachistico-indicativi (notizia) vs drammatico- brillanti (feature) (Murialdi 1975) Cronachistico-indicativi (notizia) vs drammatico- brillanti (feature) (Murialdi 1975) Informativi vs emotivi (Eco 1971) Informativi vs emotivi (Eco 1971) Enunciativi vs paradigmatici (Papuzzi 1992) Enunciativi vs paradigmatici (Papuzzi 1992) Sui titoli dei quotidiani italiani: Proietti, La vetrina del giornale: funzioni comunicative e caratteri stilistico-grammaticali della titolistica dei quotidiani tra lingua e codice iconico, in Medici e Proietti (a cura di), Il linguaggio del giornalismo, Mursia 1992 Proietti, La vetrina del giornale: funzioni comunicative e caratteri stilistico-grammaticali della titolistica dei quotidiani tra lingua e codice iconico, in Medici e Proietti (a cura di), Il linguaggio del giornalismo, Mursia 1992 De Benedetti, Linformazione liofilizzata. Uno studio sui titoli di giornale ( ), Cesati, 2004 De Benedetti, Linformazione liofilizzata. Uno studio sui titoli di giornale ( ), Cesati, 2004

15 Possibili classificazioni Titoli oggettivanti vs titoli soggettivanti Titoli oggettivanti vs titoli soggettivanti Cronachistico-indicativi (notizia) vs drammatico-brillanti (feature) (Murialdi 1975) Cronachistico-indicativi (notizia) vs drammatico-brillanti (feature) (Murialdi 1975) Informativi vs emotivi (Eco 1971) Informativi vs emotivi (Eco 1971) Enunciativi vs paradigmatici (Papuzzi 1992) Enunciativi vs paradigmatici (Papuzzi 1992) Ondelli 1996 individua una varietà nei titoli basata sulla centralità di elementi diversi: Ondelli 1996 individua una varietà nei titoli basata sulla centralità di elementi diversi: Scena (vedi esempi slide successiva) Scena (vedi esempi slide successiva) Il personaggio (Camilleri / la macchina per scrivere, Repubblica ) Il personaggio (Camilleri / la macchina per scrivere, Repubblica ) Il dialogo (Berlusconi: troppe inchieste sui giornali / Napolitano: cè stato sprezzo delle regole, Repubblica ) Il dialogo (Berlusconi: troppe inchieste sui giornali / Napolitano: cè stato sprezzo delle regole, Repubblica ) Il parlato (Un bicchierino con Hemingway, Repubblica ) -> rinvio ai titoli paradigmatici Il parlato (Un bicchierino con Hemingway, Repubblica ) -> rinvio ai titoli paradigmatici

16 Sui titoli dei quotidiani italiani: Proietti, La vetrina del giornale: funzioni comunicative e caratteri stilistico-grammaticali della titolistica dei quotidiani tra lingua e codice iconico, in Medici e Proietti (a cura di), Il linguaggio del giornalismo, Mursia 1992 Proietti, La vetrina del giornale: funzioni comunicative e caratteri stilistico-grammaticali della titolistica dei quotidiani tra lingua e codice iconico, in Medici e Proietti (a cura di), Il linguaggio del giornalismo, Mursia 1992 De Benedetti, Linformazione liofilizzata. Uno studio sui titoli di giornale ( ), Cesati, 2004 De Benedetti, Linformazione liofilizzata. Uno studio sui titoli di giornale ( ), Cesati, 2004

17 Esempi di titoli enunciativi La terra trema anche in Piemonte Fini:E giusto accertare le colpe Sisma di 3,9 gradi nel Cuneese: panico ma niente danni. Il presidente della Camera daccordo con Napolitano. Tremonti: niente nuove tasse La nave dei disperati attraccherà in Sicilia Il mercantile che giovedì ha tratto in salvo 140 migranti si dirige verso Porto Empedocle. Scontro aperto tra Italia e Malta. E Maroni prepara un dossier da presentare a Bruxells La Stampa online In Sicilia la nave dello scontro Con Malta è ancora scontro Razzismo, LItalia non parteciperà alla conferenza delle Nazioni Unite Corriere della sera online

18 Titoli paradigmatici Carattere specifico: mimesi del parlato Carattere specifico: mimesi del parlato Condensazione in una metafora o in uno slogan (Dardano: tra slogan e titolatura esistono aspetti comuni per quanto riguarda la dimensione semantica e la struttura sintattica) Condensazione in una metafora o in uno slogan (Dardano: tra slogan e titolatura esistono aspetti comuni per quanto riguarda la dimensione semantica e la struttura sintattica) Citazione Citazione Gioco di parole Gioco di parole Ironia IroniaEsempio: Assalto alla dirigenza Terzo caso di "sequestro di dirigente" in Francia. E'accaduto a Grenoble, nella sede della Caterpillar. Sequestrati 4 dirigenti nell'ufficio del direttore dopo che l'azienda aveva annunciato il licenziamento di 733 operai (il manifesto, ) Il titolo paradigmatico evidenzia una seconda funzione del titolo: Interpretare e commentare la notizia.

19 La notizia tra informazione e mito Notizia come informazione Notizia come informazione Racconto su eventi Approccio referenziale Oggettività Notizia come racconto mitico Narrazione continua, parte di un flusso patetica, coinvolgente

20 Axel Honneth, Distruggere le forze mitiche. La critica sociale nelletà dellintellettuale normalizzato, 2002 Axel Honneth, Distruggere le forze mitiche. La critica sociale nelletà dellintellettuale normalizzato, 2002 Forze mitiche = rappresentazioni della vita umana nella forma di descrizioni fisse che fanno apparire determinati processi storici come se fossero naturali e immodificabili. Jack Lule, Daily news, eternal stories: the mythological role of journalism, 2001 Jack Lule, Daily news, eternal stories: the mythological role of journalism, 2001

21 La questione della lingua Cfr. De Mauro, Storia linguistica dellItalia unita, 1963 Nel Cinquecento Baldassarre Castiglione, Libro del cortegiano ( ) Baldassarre Castiglione, Libro del cortegiano ( ) Modello di lingua: litaliano delle corti, ligua colta duso Modello di lingua: litaliano delle corti, ligua colta duso Pietro Bembo, Prose della volgar lingua (1525) Pietro Bembo, Prose della volgar lingua (1525) Canone letterario di autori toscani: Petrarca, Boccaccio (tradizione del purismo) Canone letterario di autori toscani: Petrarca, Boccaccio (tradizione del purismo)

22 NellOttocento Manzoni, Relazione al Ministro Broglio dellunità della lingua e dei mezzi per diffonderla (1868): ideale puristico aggiornato, modello: parlato fiorentino Manzoni, Relazione al Ministro Broglio dellunità della lingua e dei mezzi per diffonderla (1868): ideale puristico aggiornato, modello: parlato fiorentino Ascoli, Proemio dellArchivio Glottologico Italiano (1873) Ascoli, Proemio dellArchivio Glottologico Italiano (1873) nessun modello; miglioramento delle competenze linguistiche può venire solo dalla diffusa elevazione culturale Nel Novecento Gramsci: Le questioni linguistiche non sono oziose,perché riguardano non la superficie ma la struttura profonda dei movimenti, delle persone, della realtà politica, della società Gramsci: Le questioni linguistiche non sono oziose,perché riguardano non la superficie ma la struttura profonda dei movimenti, delle persone, della realtà politica, della società De Mauro, intervista di Bufalini, La danza delle parole, lUnità, : se volete capire un linguaggio tenete conto che non è una maschera o unetichetta sovrapposta a un corpo che vive. È pelle, e la pelle, per quanto si possa abbronzare, o aggiustare con un po di lifting, è difficile da cambiare.

23 La questione della lingua nel giornalismo Eco, Guida alla interpretazione del linguaggio giornalistico, 1971 Eco, Guida alla interpretazione del linguaggio giornalistico, 1971 De Mauro, Sulla leggibilità dei giornali, 1979 De Mauro, Sulla leggibilità dei giornali, 1979 Denuncia della oscurità, complessità e non referenzialità del linguaggio giornalistico degli anni sessanta e settanta e ricerca delle cause Importanza sociale della chiarezza e della precisione

24 Dalla ricerca di chiarezza e semplicità alla vivacizzazione e semplificazione Dalla ricerca di chiarezza e semplicità alla vivacizzazione e semplificazione Le forme della semplificazione linguistica nel giornalismo Le forme della semplificazione linguistica nel giornalismo Le forme della semplificazione linguistica nella politica Le forme della semplificazione linguistica nella politica

25 Il linguaggio della semplificazione Berlusconi (1994, in Galli de Paratesi, La lingua di Berlusconi): Berlusconi (1994, in Galli de Paratesi, La lingua di Berlusconi): Nel 1993 cera una gran voglia di cambiamento, una voglia di rinnovamento del modo stesso di far politica, una voglia di rinnovamento morale, una voglia anche del modo di esprimersi della politica in maniera diversa. Non più quel linguaggio da templari che nessuno capiva: si sentiva il bisogno di un linguaggio semplice, comprensibile, concreto. Il linguaggio diviene un esplicito elemento di propaganda: Il linguaggio diviene un esplicito elemento di propaganda: semplificazione semantica e sintattica; scarso o del tutto assente il ragionamento dialettico e la riflessione politica Sulla semplificazione del linguaggio politico contemporaneo: Sulla semplificazione del linguaggio politico contemporaneo: Cella Ristaino, D. Di Termini, Politica e comunicazione. Schemi lessicali e analisi del linguaggio, Genova, Name, 1998, pp la questione è oggi ampiamente dibattuta sui quotidiani e in particolare su «la Repubblica», che tra settembre e ottobre del 2008 ha accolto un confronto su questi temi tra Edmondo Berselli, Quando la politica diventa un format, «la Repubblica», ; Marino Niola, La seduzione del potere, e Michele Serra, Il mondo facile della politica format, entrambi del e Giuseppe DAvanzo, La nuova lingua del potere,

26 Si tratta di una rivoluzione linguistica in senso democratico? Si tratta di una rivoluzione linguistica in senso democratico? Victor Klemperer, LTI, La lingua del Terzo Reich. Taccuino di un filologo, Giuntina 1998 (ed. or. 1947), a proposito del linguaggio totalitario: La legge prima, quella che domina su tutte è: non permettere che chi ascolta arrivi a formulare un pensiero critico, tratta tutto in maniera semplicistica. Si veda anche: R. Ronchi, Parlare in neolingua. Come si fabbrica una lingua totalitaria, in M. Recalcati, Forme contemporanee del totalitarismo, Bollati Boringhieri, 2007 La sintassi semplice veicola idee semplificate Di diverso parere: Enrico Testa, Il testo semplice, Einaudi, 1997 Chiarezza non è sinonimo di semplificazione

27 Vivacizzazione Dardano, La lingua dei media, in Castronovo e Tranfaglia, La stampa italiana nelletà della Tv, 1994: Indicazione di personaggi famosi con il semplice nome o con varie qualifiche Indicazione di personaggi famosi con il semplice nome o con varie qualifiche (Giulio, Silvio, lAvvocato, il Cavaliere) (Giulio, Silvio, lAvvocato, il Cavaliere) Congiunzione giornalistica iniziale (E, Ma, Poiché) Congiunzione giornalistica iniziale (E, Ma, Poiché) Antitesi e ellissi nominali Antitesi e ellissi nominali Traslati e metafore sportive. Traslati e metafore sportive. Dopo le elezioni, palla al centro; un dribbling con la vita; processo Parmalat ai calci di rigore Dopo le elezioni, palla al centro; un dribbling con la vita; processo Parmalat ai calci di rigore Titoli obliqui-ironici vs titoli sostanziali-referenziali Titoli obliqui-ironici vs titoli sostanziali-referenziali

28 E e Ma allinizio del titolo E quella notte scomparve lUrss E quella notte scomparve lUrss Ma la Borsa argentina vola Ma la Borsa argentina vola (La Repubblica ) Ma i falchi del Cavaliere ora agitano lo spettro del 94 Ma i falchi del Cavaliere ora agitano lo spettro del 94 (la Repubblica, ) (la Repubblica, ) E lunedì scioperano i bancari E lunedì scioperano i bancari E adesso si salvi chi può E adesso si salvi chi può (Il manifesto ) (Il manifesto ) E in Italia vacilla il secondo pilastro E in Italia vacilla il secondo pilastro (La Repubblica, Affari e finanza ) (La Repubblica, Affari e finanza ) Ma in questa crisi ha fallito lo Stato Ma in questa crisi ha fallito lo Stato (La Repubblica, Affari e finanza ) (La Repubblica, Affari e finanza )

29 E e Ma allinizio di un periodo svolgono la funzione di congiunzioni testuali (Sabatini 1997:127): artificio retorico volto a stabilire una continuità del detto con il non detto (Contini 1968:279). E e Ma allinizio di un periodo svolgono la funzione di congiunzioni testuali (Sabatini 1997:127): artificio retorico volto a stabilire una continuità del detto con il non detto (Contini 1968:279). A prima vista sembra mirato a vivacizzare e svecchiare le forme stilistiche. In realtà ha un risvolto strutturale e ideologico (Loporcaro 2005:67): equivale a segnalare, testualmente, adesione allidea della notizia come mito, come racconto che intrattiene e rinarra sempre la stessa storia, entro un flusso continuo A prima vista sembra mirato a vivacizzare e svecchiare le forme stilistiche. In realtà ha un risvolto strutturale e ideologico (Loporcaro 2005:67): equivale a segnalare, testualmente, adesione allidea della notizia come mito, come racconto che intrattiene e rinarra sempre la stessa storia, entro un flusso continuo Lule (2001:191): In quanto mito, le storie dei notiziari perlopiù servono a preservare lordine sociale Lule (2001:191): In quanto mito, le storie dei notiziari perlopiù servono a preservare lordine sociale


Scaricare ppt "Retorica latina I sec. a.C. Rhetorica ad Herennium Rhetorica ad Herennium istituzione della terminologia retorica latina e aggiunta della memoria tra le."

Presentazioni simili


Annunci Google