La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.A. 2011-2012 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE DIMPRESA Mercoledi 19 Ottobre 2011 Modulo: Prof. Lucio Fumagalli (canale A-L)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.A. 2011-2012 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE DIMPRESA Mercoledi 19 Ottobre 2011 Modulo: Prof. Lucio Fumagalli (canale A-L)"— Transcript della presentazione:

1 A.A GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE DIMPRESA Mercoledi 19 Ottobre 2011 Modulo: Prof. Lucio Fumagalli (canale A-L)

2 La Business Intelligence verso il 2015: Il Collaborative Decision Making

3 Cosè la Business Intelligence (1) 3 Le organizzazioni raccolgono informazioni per trarre valutazioni e stime riguardo al contesto aziendale proprio e del mercato cui partecipano (es. ricerche di mercato e analisi degli scenari competitivi). Generalmente le informazioni vengono raccolte per scopi direzionali interni e per il controllo di gestione. I dati raccolti vengono opportunamente elaborati e vengono utilizzati per sostenere concretamente - sulla base di dati attuali - le decisioni di chi occupa ruoli direzionali (capire l'andamento delle performance dell'azienda, generare stime previsionali, ipotizzare scenari futuri e future strategie di risposta). In secondo luogo le informazioni possono essere analizzate a differenti livelli di dettaglio e gerarchico per qualsiasi altra funzione aziendale: marketing, commerciale, finanza, HR o altre. Le fonti informative rappresentate dai sistemi informativi aziendali sono spesso operanti a compartimenti stagni come silos indipendenti. In senso più ampio possono essere utilizzate informazioni provenienti da fonti esterne come esigenze della base dei clienti, pressione stimata degli azionisti, trend tecnologici o culturali fino al limite delle attività di spionaggio industriale.

4 Cosè la Business Intelligence (2) La Business Intelligence si può qualificare come la capacità di utilizzare linformazione prodotta da sistemi informativi eterogenei in maniera costruttiva nei processi decisionali. 4

5 Comè strutturata la BI I dati raccolti attraverso i diversi sistemi informativi vengono opportunamente elaborati e vengono utilizzati per sostenere concretamente le decisioni del top management. Per raggiungere questo obbiettivo il processo richiede i seguenti quattro step: Comprendere il processo decisionale allinterno dellazienda e, in generale, tutti i processi che producono informazione Organizzare linformazione aziendale utile alla Business Intelligence, in un Datawarehouse Definire i flussi di dati dai sistemi informativi verso il Datawarehouse Utilizzare strumenti idonei ad esplorare linformazione nel DW. Pagina 5

6 I benefici della BI 6 I benefici derivanti dal ricorso a metodologie e strumenti di BI sono sostanzialmente divisibili in due macrocategorie: Di natura organizzativa: la visione unica delle informazioni, una loro maggiore condivisione e una visione univoca delle stesse, migliore comunicazione e coordinamento tra i membri dellorganizzazione, notevole alleggerimento del carico di lavoro per la funzione IT. Di natura processuale: risultano evidenti i miglioramenti dellefficacia del processo decisionale, una riduzione netta del rapporto tempo/costo dellanalisi dei dati e una maggiore armonizzazione dei processi rispetto agli obbiettivi strategici.

7 La piramide della conoscenza generata dalla BI 7

8 Alcune piattaforme SAS (Statistical Analysis System): leader mondiale del mercato delle soluzioni dedicate alla B.I., la sua offerta prevede servizi di consulenza, operazioni di migrazione, integrazione e archiviazione dei dati oltre a strumenti di reporting e predictive analytics. Negli ultimi due anni ha significativamente orientato la sua offerta verso soluzioni SaaS delivered più facilmente fruibili attraverso dispositivi mobili. Zucchetti: società italiana dispone anche di due delivery center negli USA e uno in Romania. La sua offerta alle imprese spazia in un ampio ventaglio di soluzioni e applicativi non solo di B.I. ma anche di ERP, HR e Marketplace management. Con un focus prevalente ma non esclusivo su Piccole e Medie Imprese. 8

9 Il Collaborative Decision Making Nel report pubblicato nellAprile del 2010, intitolato Achieving the Holy Grail through Collaborative Decision Making Gartner constatava come il 70% dei processi interni ad una qualsiasi organizzazione di medie dimensioni, siano ancora non strutturati, senza possibilità di controllarli e senza possibilità di canalizzare ai fini del processo decisionale tutte le informazioni che circolano allinterno della stessa organizzazione. Il risultato è la palese incoerenza tra le informazioni, i processi, le persone e le decisioni finali, in maniera analoga a ciò che Olsen e March chiamano il Garbage Can Model. La soluzione, sempre secondo Gartner, è ladozione di una piattaforma di Business Intelligence fondata sulla collaborazione, ma che vada oltre, catturando tutte le informazioni circolanti nellorganizzazione. Ne conseguirebbero unestrema facilità di adozione di soluzioni SaaS, con miglior flusso di feedback con i propri stakeholder e, ancora una volta, lintegrazione di tutte le soluzioni adottate allinterno dellorganizzazione, rendendole accessibili da qualsiasi dispositivo. Pagina 9

10 Pagina 10 Organizzazioni strutturate come enti a se stanti Assenza gestione del flusso delle informazioni Coinvolgimento di tutti gli attori secondo un percorso non predefinito Necessità di allineamento processi di business Incoerenza tra le informazioni, i processi, le persone e le decisioni finali INEFFICIENZE Inesistenza di supporto alla presa di decisione collaborativa (1)

11 Inesistenza di supporto alla presa di decisione collaborativa (2) Pagina 11 PRINCIPALE ESIGENZA Tutti gli attori coinvolti nel processo decisionale devono poter accedere ai dati strutturati e non strutturati PRINCIPALE ESIGENZA Tutti gli attori coinvolti nel processo decisionale devono poter accedere ai dati strutturati e non strutturati DECISIONE Dati strutturati ERP CRM SCM Dati strutturati ERP CRM SCM Dati non strutturati , doc, pdf, xls, notes Dati non strutturati , doc, pdf, xls, notes Attività non strutturate ing, conference call, meeting, … Attività non strutturate ing, conference call, meeting, … Processi Strutturati Processi non Strutturati

12 Pagina 12 Una piattaforma di riferimento (1) Operante su base Apache Tomcat, fatto questo che ne connota il forte ricorso ad elementi grafici Java caratterizzati dalla forte dinamicità ed interattività, la piattaforma è strutturata in cinque macro aree tematiche:

13 Una piattaforma di riferimento (2) Analysys: Partendo dai dati installati sui database del cliente la piattaforma e il suo performante motore di calcolo, li estrae compilando tabelle in base a metriche, funzioni matematiche, localizzazione geo-temporali ecc. Planning: Partendo dai medesimi dati, la piattaforma fornisce al management delle diverse Business Unit e ai CEO diversi ipotetici scenari di bilancio, consuntivo, previsioni sulle vendite, spese, ecc. Execution: Consente di pianificare una campagna marketing, lestensione su un nuovo mercato, unimplementazione di un progetto, (più in generale di un processo di cambiamento), presentandolo ai diversi livelli dellorganizzazione, in direzione bottom-up o top-down, permettendo ad ogni livello gerarchico di fornire il proprio contributo, avallando il progetto o chiedendone una revisione. Pagina 13

14 Una piattaforma di riferimento (3) A stretto contatto reciproco operano anche le ultime due macro-aree: Mobile: Per configurare la fruizione della piattaforma attraverso smartphones e dispositivi mobili in senso lato. È possibile configurare il server per inoltre avvisi sms o ai singoli utenti coinvolti nei processi o a tutti gli utenti iscritti. Collaboration: La piattaforma consente di condividere dashboards, mappe interattive, Key Performance Indicators (KPI), balanced scorecards e flussi di lavoro, permettendo ad ogni utente di commentare questi elementi, aggiungere tag, condividerli a loro volta, apportandone modifiche. Pagina 14

15 Next Pagina 15 La gestione del cambiamento nelle grandi realtà organizzative: Il Change Management


Scaricare ppt "A.A. 2011-2012 GESTIONE E ORGANIZZAZIONE PER LA COMUNICAZIONE DIMPRESA Mercoledi 19 Ottobre 2011 Modulo: Prof. Lucio Fumagalli (canale A-L)"

Presentazioni simili


Annunci Google