La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teoria, etica e regolamentazione del giornalismo Prof. Guido Vitiello Nona lezione Giornalismo e letteratura/2.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teoria, etica e regolamentazione del giornalismo Prof. Guido Vitiello Nona lezione Giornalismo e letteratura/2."— Transcript della presentazione:

1 Teoria, etica e regolamentazione del giornalismo Prof. Guido Vitiello Nona lezione Giornalismo e letteratura/2

2 Tom Wolfe (1931)

3 New Journalism Tom Wolfe resta folgorato dal reportage di Talese su Joe Louis Vuole concepire il reporting in funzione dello stile, dando alla notizia un valore estetico Rivitalizzare il romanzo dato per spacciato dalla critica Non ho mai avuto la minima esitazione nel tentare ogni trucco che avesse ragionevolmente il potere di tenermi aggrappato al lettore una manciata di secondi in più (Wolfe)

4 Quattro tecniche del New Journalism (Wolfe) La costruzione scene-by-scene, eliminando la voce del narratore Luso dei dialoghi per coinvolgere il lettore e definire i personaggi Luso di un punto di vista interno (di protagonisti o di testimoni) Il realismo descrittivo per registrare ambienti, stili, mode e dettagli significativi (es. Jimmy Breslin e lanello con il diamante di Anthony Provenzano)

5 Filosofia del Be There Sono tutte tecniche che servono a coinvolgere il lettore trasportandolo sul luogo dei fatti: deve essere lì. I modelli sono letterari: Henry James o James Joyce per ladozione di punti di vista molteplici, Dickens o Balzac per il realismo sociale Nasce il Journalistic novel (Tom Wolfe) o Non-fiction novel (Truman Capote)

6 Italia: larticolo che vuol esser libro In Italia, Sciascia e Pasolini hanno dato il meglio come giornalisti. (…) Palomar, lultimo personaggio di Calvino, un tipo di osservatore melanconico e maniacale, nasce sulle pagine di Repubblica come pretesto per scrivere prose darte aggiornate, nella tradizione di Emilio Cecchi. Tutti (…) avevano un progetto egoistico e ambizioso: facevano finta di scrivere per i giornali, ma la loro arrière-pensée era di fare libri mettendo insieme articoli, ritrovare lunità dove sembrava perduta, cercare la scrittura durevole sotto la scrittura che passa. Alberto Arbasino, Guido Ceronetti, Piergiorgio Bellocchio, Raffaele La Capria sono tuttora in azione e tentano la stessa strada (Alfonso Berardinelli, Leroe che pensa)

7 Tre esempi italiani classici… Italo Calvino, LUnità, 1954, sciopero dellAmiantifera di Balangero Alberto Moravia, LEspresso, 1969, la conquista della Luna Oriana Fallaci, LEuropeo, 1968, corrispondenze dal Vietnam

8 Calvino

9 Moravia

10 Fallaci

11 …e tre esempi contemporanei

12 Il ragazzo è fotografato di spalle, le braccia inerti lungo i fianchi, la nuca e le gambe che spuntano da sopra e da sotto la macchia rossa della maglietta. Ma anche se non gli si vede il volto dà comunque lidea di essere preoccupato. Di guardare quella nave con una punta di inquietudine. Ma forse non è vero, forse è una cosa mia. Probabilmente sono io che gli attribuisco questa inquietudine perché già conosco la storia di quella nave. Ed è una storia che non mi piace. Restiamo ai fatti.

13 ITALIA, AUTUNNO IL RITORNO DEI SAVOIA Ora il parlamento italiano riapre le frontiere a tutti i Savoia. Sono stati la monarchia che ha «fatto» lItalia risorgimentale; allinizio del Novecento il re è stato ucciso nel parco di Monza dallanarchico Gaetano Bresci. […] Vittorio Emanuele III aveva dato via libera al colpo di stato di Mussolini nel Nel 1936 era diventato imperatore di Etiopia; nel 1938 aveva promulgato le leggi razziali; nel 1943 era fuggito da Roma lasciando lesercito senza ordini dopo l8 settembre. […] Nel 1981 il nome di Vittorio Emanuele (re se ci fosse stata ancora la monarchia) era comparso nelle liste di Licio Gelli; era già apparso nelle cronache nellestate del 1978, per aver sparato e ucciso il diciannovenne tedesco Dirk Hamer […] Ma ormai tanto tempo è passato e il Savoia promette di comportarsi bene. […] IL PRINCIPE IN ITALIA APPENA QUATTRO ANNI DOPO Vittorio Emanuele di Savoia ha finito di pranzare a villa Cipressi di Varenna, sul lago di Como, quando viene arrestato da poliziotti in borghese […]. Il mandato di cattura contro di lui è firmato dal pm Henry John Woodcock e confermato dal gip: «Associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, al falso e allo sfruttamento della prostituzione».

14 Il caso Gomorra/1 Saviano ricorre alle fonti più disparate: esperienze personali, testimonianze, racconti di seconda mano, atti giudiziari, cronache, inchieste, intercettazioni; materiali eterogenei tenuti assieme da un forte Io narrante, che adotta molteplici artifici romanzeschi. A volte Saviano colma i vuoti di documentazione attingendo alle risorse del verosimile e allintuizione umana, altre volte cerca di strappare ai fatti la loro più profonda verità simbolica con lausilio di invenzioni narrative.

15 Il caso Gomorra/2 «Che cosa stiamo leggendo? Quale genere di narrazione in prima persona? Autobiografia, reportage giornalistico, resoconto di viaggio, inchiesta etnografica o sociale, romanzo di pura fiction, docufiction (o creative non-fiction) o una qualche mescolanza tra questi?». «Finzione letteraria e funzione documentaria si implicano, a ogni pagina, direi a ogni riga». La demarcazione tra i due ambiti, tuttavia, non è esplicitata da Saviano, che secondo Dal Lago non consente al lettore di assumere una distanza critica: il libro chiede un investimento di fiducia incondizionato nellIo narrante, che si propone come garante delle verità che racconta.

16 Sono stato al funerale di Annalisa Durante. Sono arrivato presto nei pressi della chiesa di Forcella. I fiori non erano ancora giunti, manifesti affissi ovunque, messaggi di cordoglio, lacrime, strazianti ricordi delle compagne di classe. Annalisa è stata uccisa. La serata calda, forse la prima serata veramente calda di questa stagione terribilmente piovosa, Annalisa aveva deciso di trascorrerla giù al palazzo di unamica. Indossava un vestitino bello e suadente. Aderiva al suo corpo teso e tonico, già abbronzato. […] Annalisa era bella. Parecchio bella. Con lamica e una cugina stava ascoltando musica, tutte e tre lanciavano sguardi ai ragazzetti che passavano sui motorini, impennando, sgommando, impegnandosi in gincane rischiosissime tra auto e persone. È un gioco al corteggiamento. Atavico, sempre identico. […] Mentre il corpo di Annalisa nella bara bianca viene portato via a spalla, la compagna di banco fa trillare il suo cellulare. Squilla sul feretro: è il nuovo requiem, lunico che queste ragazzine conoscono. Un trillo continuo, poi musicale. Accenna una melodia dolce. Nessuno risponde.

17 Antonio Pascale su Gomorra Chi conosce quelle realtà antropologiche sa che ciò che racconta Saviano è vero: magari non Annalisa quella sera, ma le ragazzine in alcuni quartieri di Napoli vestono proprio nel modo in cui Saviano le ha descritte. […] Saviano è stato (simbolicamente) preciso in questo. […]Uno scrittore può sacrificare una dose di verità per una maggiore giustizia ed efficienza narrativa. Però, forse, il telefonino che trilla può rappresentare proprio quella invenzione (se è vero quanto dice la Andolfo) di cui non si avverte il bisogno e che rischia (carrellando) di inficiare tutta la narrazione precedente. Insomma, la questione comunque la si metta non ha una facile soluzione.


Scaricare ppt "Teoria, etica e regolamentazione del giornalismo Prof. Guido Vitiello Nona lezione Giornalismo e letteratura/2."

Presentazioni simili


Annunci Google