La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio sulla tv digitale interattiva Anno accademico 2008/2009 Introduzione alla progettazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio sulla tv digitale interattiva Anno accademico 2008/2009 Introduzione alla progettazione."— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio sulla tv digitale interattiva Anno accademico 2008/2009 Introduzione alla progettazione

2 Introduzione al laboratorio sulla tv digitale interattiva Obiettivo del corso e delle attività laboratoriali coordinate è quello di sviluppare competenze e abilità progettuali rispetto al settore della televisione digitale e dei sistemi interattivi per la televisione e i dispositivi mobili. L'analisi dei sistemi tecnologici sarà affiancata e integrata dalla riflessione sulle modalità produttive, l'organizzazione dell'offerta, lo sviluppo di formati e contenuti a utilità ripetuta e multipiattaforma. Il percorso è integrato con quello del corso Marinelli/Berengo Gardin e si svolge il lunedì e giovedì dalle 14 alle 17 Nel mese di maggio saranno concordate due ulteriori giornate da dedicare alla progettazione (il giovedì mattina, )

3 Programma desame per i non frequentanti Gli studenti non frequentanti sosterranno una prova d'esame orale esclusivamente sui testi seguenti: 1. Tullio Camiglieri, La grande avventura della pay-tv, Mursia, Massimo Scaglioni, Anna Sfardini, Multi-tv. La televisione nell'età della convergenza, Carocci, Dispense della cattedra (devono essere studiate tutte le dispense elencate di seguito): 3a. Capitoli selezionati dal testo DTT e servizi interattivi (disponibile presso la copisteria di via Cremera) 3b. Capitoli selezionati dal testo Mediamorfosi. Le trasformazioni della tv digitale, raccontate dai protagonisti (disponibile presso la copisteria di via Cremera) 3c. I tre articoli in inglese presenti nella sezione "Materiali" della webcattedra

4 Per i frequentanti 1.Realizzare il documento di progetto (in gruppi di 3- 5 persone) 2.Presentare il documento di progetto: -In bozza, durante le due ultime giornate di lezione (25 e 28 maggio) -In versione definitiva, in sede desame -Il progetto sarà impostato e discusso con i docenti durante le ore di laboratorio e perfezionato anche al di fuori delle ore di lezione

5 La presentazione del progetto Per gli studenti frequentanti lesame consisterà nella presentazione del progetto elaborato nel rispetto delle specifiche previste e seguendo tempi e modalità proprie di una presentazione al committente (durata: max 20 minuti). Dopo la presentazione la commissione potrà formulare domande per verificare l'acquisizione individuale di competenze relative ai testi e ai materiali indicati Il documento di progetto, redatto secondo lindice indicato, e i relativi prototipi dovranno essere consegnati almeno 7 giorni prima della prova e saranno valutati dai docenti sulla base della seguente griglia di valutazione.

6 Testi per i frequentanti Dopo la presentazione la commissione potrà formulare domande per verificare l'acquisizione individuale di competenze relative ai testi e ai materiali indicati di seguito. 1. Tullio Camiglieri, La grande avventura della pay-tv, Mursia, Dispense della cattedra (devono essere studiate tutte le dispense elencate di seguito): 2a. Capitoli selezionati dal testo DTT e servizi interattivi (disponibile presso la copisteria di via Cremera) 2b. Capitoli selezionati dal testo Mediamorfosi. Le trasformazioni della tv digitale, raccontate dai protagonisti (disponibile presso la copisteria di via Cremera) 2c. I tre articoli in inglese presenti nella sezione "Materiali" della webcattedra

7 Articolazione del laboratorio 16 aprile: introduzione al laboratorio; obiettivi e modalità di realizzazione del progetto 23 aprile: introduzione alla progettazione (seconda parte); usabilità e user experience applicate alla tv digitale interattiva 27 aprile: definizione dei gruppi di lavoro e inizio dellattività di progettazione 11 maggio: un focus sulle tecnologie 14, 18, 21 maggio: progettazione (due ulteriori date potranno essere concordate per il giovedì mattina, ) 25 e 28 maggio: prima presentazione dei progetti e discussione con i docenti

8 Criteri per la valutazione dei progetti Aderenza al modello progettuale proposto –Coerenza tra lanalisi e le proposte progettuali –Presenza per ogni capitolo di un livello di presentazione sintetico e di un livello analitico –Capacitàdi comunicare visivamente (tabelle, grafici, punti elenco) –Completezza –Numerositàdei prototipi –Numerositàdelle valutazioni sui prototipi –Capacitàdi riorientareil progetto sulla base delle valutazioni ottenute Contenuti del progetto –Analisi –Correttezza metodologica –Completezza del benchmarking –Conoscenza della letteratura Bibliografia, papere report citati a supporto –Presenza di analisi originali (questionari, focus group, test di usabilitàcondotti dal gruppo) –Concept

9 Criteri per la valutazione dei progetti (2) Requisiti –Correttezza metodologica –Capacità di portare dati e fatti a sostegno delle scelte progettuali –Le scelte progettuali sono supportate da una buona conoscenza delle tecnologie –Le scelte progettuali sono supportate da una buona conoscenza dei modelli concettuali affermati presso lutenza Piano finanziario –Corretta valutazione dei costi –Gestione efficiente del budget Comunicazione del progetto –Qualità formale del documento di progetto –Qualità della presentazione finale –Qualità delle slide –Efficacia dellesposizione –Capacità di rispettare i tempi assegnati –Rapporti con i referenti –Capacità di rispettare le scadenze

10 Elementi di progettazione Cosa faremo? Suddividersi in gruppi (3-5 persone) Ipotizzare un servizio da progettare, un contesto e/o un ipotetico committente Delineare il concept, con il supporto della fase di analisi Successivamente, specification di alcuni elementi, con il supporto della road map delineata da Roberto Polillo per i siti web (e adattabile alla progettazione in ambiente tv digitale)

11 Elementi di indice del documento Analisi –Scenario –Committenza –Mercato –Tecnologie –Benchmarking –Obiettivi Concept –Executive summary –Posizionamento competitivo –Target –Profili utente e Personas –Scenari duso Requisiti* –Requisiti di architettura –Requisiti di comunicazione –Requisiti funzionali –Requisiti di contenuto –Requisiti di gestione –Requisiti di accessibilità –Requisiti di usabilità Piano di marketing *la sezione dei requisiti sarà opportunamente ricalibrata rispetto alle scelte progettuali e di piattaforma effettuate

12 Obiettivi dellattività laboratoriale Acquisire un metodo di progettazione Acquisire strumenti di progettazione In particolare, acquisire la capacità di raccogliere e gestire competenze sul contesto e le piattaforme tecnologiche (DOVE progettare), scegliere COSA e COME progettare. Non utilizzeremo mai il termine metodologia, preferendogli quello meno impegnativo di road map: un percorso di massima che porti il progetto a destinazione, senza tuttavia porre vincoli eccessivi e lasciando in ogni momento ampia libertà ai progettisti (Polillo, p. 16)

13 34567 Web design Visual design Sviluppo Redazione dei contenuti Pubblicazione 1 Definizione dei requisiti 2 Avviamento del progetto Gestione del sito La road-map per i siti web: le fasi di lavoro (R. Polillo) Le fasi di lavoro sono iterative… … e, di solito, parzialmente sovrapposte nel tempo… Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

14 7 Pubblicazione 6 Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 3 Web design Visual design 4 5 Sviluppo del sito 2 Avviamento del progetto La road-map per i siti web: 7 fasi di lavoro Ogni fase produce un output ben definito… Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

15 7 Pubblicazione 6 Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 3 Web design Visual design 4 5 Sviluppo del sito 2 Avviamento del progetto La road-map per i siti web: 7 fasi di lavoro Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

16 7 Pubblicazione 6 Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 3 Web design Visual design 4 5 Sviluppo del sito 2 Avviamento del progetto La road-map per i siti web: output Prototipo di navigazione Prototipo di comunicazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sito finale Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

17 7 Pubblicazione 6 Redazione dei contenuti 1 Definizione dei requisiti 3 Web design Visual design 4 5 Sviluppo del sito 2 Avviamento del progetto La road-map per i siti web: i prototipi Prototipo di navigazione Prototipo di comunicazione Prototipo funzionale Prototipo editoriale Sito finale Tutti navigabili sottoposti ad attività di verifica e validazione specifiche Consolidamento progressivo Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

18 Production & Testing Development Specification Launch & Operation Concept Concept testing Benchmark Navigation Map Definizione Format Storyboard Specifiche tecniche Project Plan Budget Sviluppo grafico Architettura tecnica Tool di authoring Test e validazione Messa on air Promozione Maintenance & Development Ruoli Content designer Graphic designer Content designer Engineer Graphic designer Engineer Gli step della progettazione per la tv digitale (Simple)

19 Riassumendo… gli step della progettazione per la tv digitale 1. Fase di development (o prima della progettazione editoriale – V. Eletti): –(0) Pre-concept –a. Analisi –b. Concept 2. Definizione dei requisiti (Documento dei requisiti, Polillo) 3. Fase di specification e production (parte) - (o progettazione editoriale V. Eletti): –a. Information design/architecture (Polillo: web design) –b. Visual design –c. (sviluppo) –d. redazione dei contenuti –e. business model/budget –f. piano di marketing

20 Output attesi Ai fini dellesame, sarà necessario produrre un documento di progetto che includa: Il concept Il documento dei requisiti (comprensivo di unanalisi del contesto/scenario, ipotesi sul committente, benchmarking, obiettivi, profilo utente e scenari duso) Lo sviluppo delle fasi successive (specification) Il documento cartaceo sarà integrato da una presentazione in power point

21 Prototipi successivi Ogni nuovo strumento cambia i bisogni del suo utilizzatore e genera nuovi bisogni che suggeriscono modifiche non previste dallo strumento stesso (R. Polillo p. 10) Il modello a cascata non funziona Noi ipotizziamo scenari duso e stabiliamo le funzioni che nelle nostre ipotesi sembrano necessarie, ma possono emergere nuovi bisogni Modello per prototipi successivi

22 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

23 1. (0) Development: formulazione del pre concept Definizione del pre concept (e successivamente del concept): definire lidea di prodotto, le peculiarità e i punti di forza con indicazioni di massima relative a: –Target –le specifiche funzionali, ovvero i requisiti principali dellapplicazione: commerciali, contenutistici, di usabilità, ecc. –scelte tecnologiche chiave dellapplicazione –stabilire il flusso di creazione/aggiornamento dei contenuti Evidentemente, la fase di definizione del concept è strettamente collegata a quella di ANALISI

24 1.a Analisi Analisi: –Obiettivi (dellorganizzazione e del progetto) –committente (nel nostro caso: ipotizzare un committente/ acquirente del servizio proposto) –Contesto/scenario (tecnologico, di consumo, competitivo…) –Benchmarking –Analisi Swot

25 Obiettivi Obiettivi di lungo periodo – priorità Obiettivi di breve periodo – priorità: Obiettivi dellorganizzazione: identificare obiettivi che non sono già (adeguatamente) perseguiti da altri progetti Obiettivi del progetto: coerenti con gli obiettivi dellorganizzazione Gli obiettivi vanno declinati in relazione ai target del progetto Un esempio: dal progetto Bimbo Tv di Dal progetto Bimbo Tv, anno accademico 2007/2008 (Sonia Mendola, Lorenzo Orlando, Roberta Sanzani, Pompeo Torchia)

26 Dal progetto Bimbo Tv (S. Mendola, L.Orlando, R. Sanzani, P. Torchia)

27

28 Benchmarking Può essere inserito in fasi diverse del progetto Stabilire punti di forza e punti deboli dei concorrenti, e requisiti minimi per essere competitivi Confrontarsi con competitors diretti e competitors parziali, su singoli aspetti E necessario stabilire i criteri e i parametri di valutazione Valutazioni qualitative e quantitative per ogni progetto analizzato Nel nostro caso, lindagine si concentrerà su: offerta di contenuti/servizi, look and feel, scelte tecnologiche, target, modelli di business, posizionamento dellapplicazione Si conclude con tabella riassuntiva

29 Esempio: Bruno Antonini, corsista CAF Tv digitale 2007, benchmark outdoor tv

30 Swot Analysis La SWOT analysis serve a cambiare gli atteggiamenti mentali di fronte ai problemi. Si basa su una matrice divisa in quattro campi, dedicati rispettivamente ai punti di forza (strenghts) e di debolezza (weaknesses), alle opportunità (opportunities) e alle minacce (trhreats). Normalmente riportata su una singola pagina

31 Swot - Analisi Interna PUNTI DI FORZA: - Costi ridotti in produzione grazie allapproccio multipiattaforma e alle sponsorizzazioni - Alta qualità dellofferta grazie alla riconoscibilità di artisti e autori - Molteplici materiali multimediali e testi a disposizione - Alto livello di creatività nella produzione di nuovi materiali che si prestano alla frammentazione - Semplicità dei materiali multimediali utilizzati - Copertura geografica PUNTI DI DEBOLEZZA: - Necessità di individuare e sfruttare anche altri canali distributivi - Ampio e frequente turn-over dei contenuti - Potenzialità dei terminali di accesso al servizio

32 Swot - Analisi Esterna (dal progetto Shor-tv, di M. Dibitonto, V. Iannetti, G. Maggio Cavallaro, I. Privitera, 2006) OPPORTUNITA: - Prodotto a basso costo e offerta di pacchetti - Iniziale vantaggio produttivo sui competitor - Unicità del prodotto in confronto allofferta orientativa dei competitor - Possibilità di mostrare tutte le potenzialità della società che distribuisce il servizio - Diffusione nellopinione pubblica della consapevolezza che si è in grado di veicolare un prodotto innovativo di qualità MINACCE: - Necessità di organizzare una campagna pubblicitaria a tappeto - Tendenziale aumento concorrenti

33 Concept La definizione del concept è strettamente collegata alla fase di analisi: al pre concept segue lanalisi e dunque una definizione più puntuale del concept –Executive summary –Posizionamento competitivo –Target –Profili utente e Personas –Scenari duso

34 Target Articolare gli obiettivi in relazione ai target di riferimento Strategie per rilevazione dei bisogni: –interviste individuali –Questionari –Focus group –Analisi degli accessi ai [precedenti] servizi –Osservazioni sul campo –Suggerimenti spontanei degli utenti

35 Definire gli utenti: profilo utente, persona Profilo utente: definizione dettagliata degli attributi dellutente, con lo scopo di conoscerli (ed eventualmente selezionare i partecipanti ai test di usabilità); gli elementi principali sono costituiti da dati socio- demografici, dalle competenze, dagli stili di vita e dalla dieta mediale Persona: un soggetto inventato per rappresentare un utente-tipo, che ne includa:: dati personali, stile di vita e dieta mediale, ambiente di studio/lavoro, familiarità con le tecnologie digitali, requisiti e aspettative, relazioni, ecc. Es.: Antonio ha 40 anni. Nella vita fa larchitetto. Le sue passioni sono: i figli, i viaggi, il campionato di calcio. Con i suoi due bambini, Filippo, 10 anni e Chiara, 7 anni, ama trascorrere il suo (poco) tempo libero. Antonio è molto orgoglioso dei disegni della sua bambina, ne ha attaccato qualcuno alla parete del suo studio, ecc. (dal progetto Interactive Art Attack, a.a. 2005/2006, Gloria Giobbe e Claudia Bianchi)

36 Utenti Target primario Percorsi Paralleli ||| A. Baldi D. Fiorentini A. Sessa V. Vitale ||| 27/06/07 Giovani Delfini Genere:Uomo/Donna Età: Status: medio alto Fortemente impegnato Studenti universitari, giovani impiegati o professionisti Marco Verdi, 30 anni, responsabile dazienda Stile di vita Dinamico,carriera veloce, dedizione al lavoro Come conosce Pubblicità televisiva o passaparola Come e quando Fruizione VOD, la sera o nel tempo libero

37 Scenario duso Scenario duso: Uno scenario duso è una narrazione, in linguaggio comune, di una possibile storia delluso del sito da parte di uno specifico utente, in uno specifico contesto (cfr. Polillo). Talvolta costruiti a partire da interviste etnografiche o indagini contestuali. E utile per simulare linterazione degli utenti nei reali contesti duso Es: Paolo, 34 anni, professione: impiegato Sono le e come tutti i giorni Paolo ha la sua pausa pranzo dallufficio. Cè giusto il tempo di fare un salto alla tavola calda con i colleghi. Proprio mentre tornano dal pranzo e vanno verso il bar, tutti si voltano verso Paolo che ride guardando il suo telefonino DVBH. ShorTv sta trasmettendo ecc… (dal progetto Shor-tv, a.a. 2005/2006) Dalla combinazione di Profilo, Persona e Scenario emergono bisogni e obiettivi

38 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

39 2. Requisiti di architettura, navigazione, contenuto Non bisogna confondere lattività di stesura dei requisiti con lattività di progettazione Quando specifichiamo i requisiti stiamo ponendo dei vincoli allattività di progettazione che seguirà Scopo del documento dei requisiti non è dire che cosa deve essere realizzato, ma come e perché Documento dei requisiti: tre parti (generale, di qualità, gestione del progetto)

40

41 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

42 Requisiti di navigazione Identificare i sistemi da prendere come riferimento per la navigazione Indicazioni di massima, gabbia di massima per pagine principali

43

44

45

46 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

47 Il piano di progetto Colloca le varie attività e le tappe principali (milestone) su una griglia temporale Definisce la tabella di marcia e specifica chi fa cosa Individua le dipendenze tra le attività Le risorse sono espresse in settimane (mesi)- persona (in inglese full-time equivalent): quanto una persona riesce a effettuare in un mese di lavoro a tempo pieno (junior vs senior)

48 Da Roberto Polillo, Plasmare il web, Apogeo, Milano 2006

49

50 3. Specification a. Architettura dellinformazione: –mappa/albero di navigazione –Format/gabbie logiche (struttura del menu e voci, ripartizione pagina in aree logiche) –Storyboard –Specifiche tecniche –(Prototipo di navigazione)

51 Albero/mappa di navigazione – individuare contenuti/sezioni dellambiente interattivo – stabilire i flussi di navigazione tra le aree dellapplicativo – definire le caratteristiche di aggiornamento delle singole aree

52 INDICE Albero di navigazione Indice Istruzioni Attualità Sanità e Sociale Scuola e Lavoro Turismo e Cultura Cosa fare per… La storia di.. News (Reg.) Ric Ospedali (Reg.) CdR Ricerca ASL (Reg.) Farmacie di turno(Reg.) CdR Terza età (Com. Prov.) Centri per limpiego (Prov.) Corsi Formazione (Reg.) Asili nido (Com.) CdR Agenda eventi (Com.) Bibliotech e (Com. e Prov.) Itinerari culturali (Reg.) Musei (Com.) Schede Utili (Com.) Mobilità Notizie (Com.) Che tempo fa… Lo sapevate che… Ultimora PAGINA CARICAMENTO Notizie Calcola Percorso CdR Bollettino traffico (Com.) News (Reg. Prov.) Totalmente da definire Da verificare Definito Servizio su Canale di Ritorno

53 PAGINA INDICE

54 Definizione format Superteletext Portal tv Launcher Service 1 Superteletext Notizie 1 Servizi 2 Salute 3 Vota 4 Notizie Titolo Notizia 1 Superteletext Titolo Notizia 2 Titolo Notizia 3 Lutente seleziona lapplicazione dal Launcher Il Menu principale del Superteletext con flusso tv in resize Lutente può entrare nella info della singola sezione Launcher Service 1 Portal Tv Notizie Servizi Vota Lutente seleziona lapplicazione dal Launcher Il Menu principale della Portal Tv lascia molta visibilità al flusso tv Un layer sul flusso tv consente la fruizione della info selezionata Titolo Notizia 1 Portal Tv Notizie Servizi Vota Titolo Notizia 1 Testo Notizia 1 Continuta Enhanced Television TG Città Durante la visione di un programma tv appare un invito a premere il tasto rosso Il Menu pricipale dellapplicazione é inserito in un layer La fruizione delle info avviene sempre allinterno del layer. Premi Layer Video Switching TG Città NotizieServizi… TG Città NotizieServizi… Testo Notizia 1 News Premi News Lutente può selezionare diversi flussi video in loop allinterno di un mosaico. RegioneComune MeteoSaluteCultura News Durante la visione di un programma tv appare un invito a premere il tasto rosso Il flusso tv selezionato appare in modalità full screen Fonte: Simple/Rai

55 Storyboard Lo Storyboard può essere realizzato attraverso software come Microsoft Excel, PowerPoint o Visio. Perchè? La realizzazione grafica del layout seguirà le indicazioni degli schemi di interazione. Lo storyboard ha la scopo di descrivere gli elementi e le caratteristiche di ogni schermata. Lo schema di interazione espone: - layout delle schermate - regole di navigazione - il flusso delle informazioni Fonte: Simple/Rai

56 3.b Visual design Definire laspetto visivo del sito (elemento importantissimo, ma attenzione a non anticipare eccessivamente questa fase) Guida di stile Fonte: Simple/Rai

57 3.d Contenuti Redazione/acquisizione dei contenuti (specificare se testo/audiovisivi ecc.) Piano editoriale/guida editoriale Individuare/specificare flusso di approvvigionamento/aggiornamento dei contenuti (testo, audiovisivo, ecc.) Specificare in dettaglio tipologia di contenuti, organizzazione, ecc.

58 3.e Business model/budget Indicare il modello di business del progetto: come si finanzia? Chi paga e quanto? Indicare in linea di massima i costi del progetto

59 Modello di business/1 Percorsi Paralleli ||| A. Baldi D. Fiorentini A. Sessa V. Vitale ||| 27/06/07 La sfida: coniugare una produzione tipicamente mainstream e relativi costi ad una piattaforma nuova, poco diffusa che non consente gli stessi introiti pubblicitari della tv generalista Decisa politica di contenimento dei costi Nuove metodologie di produzione e realizzazione

60 Modello di business / 2 Percorsi Paralleli ||| A. Baldi D. Fiorentini A. Sessa V. Vitale ||| 27/06/07 - Registrazione in digitale HD - Troupe leggera - Produzione leggera - Ottimizzazione lavoro teatri di posa - Riduzione delle riprese in esterna - Team autorale ridotto - Acquisto di hardware/sotfware per postproduzione - Contenimento spese per cast artistico

61 Preventivo di realizzazione Percorsi Paralleli ||| A. Baldi D. Fiorentini A. Sessa V. Vitale ||| 27/06/07 Puntate: 23 Durata: 30

62 Altro: eventuali declinazioni cross-mediali Specificare le scelte tecnologiche Indicare eventuali declinazioni di carattere cross- mediale e le loro specificità

63 Le televisioni hanno aree diverse di visualizzazione, occorre rispettare due margini di sicurezza che garantiscono che tutto il contenuto sia visibile: Action safe: definisce la zona più grande che probabilmente sarà visibile agli spettatori. Text Safe: definisce larea massima nella quale le informazioni essenziali come loghi e testi possono essere posizionati.* * Fonte: BBC, Interactive Television Style Guide, 2002 Safe Area

64 Font Si raccomanda luso del font TiresiasScreenFont in versione plain, che è quello supportato dai STB. Tale font presenta variazioni nella larghezza e nello spessore del carattere da STB a STB, ma nello stesso tempo assicura la leggibilità sia su schermi 16:9 che 4:3. Generalmente, allinterno dei medesimi box di contenuto non è altresì supportata la formattazione del testo.* Per garantire una leggibilità dei caratteri compatibile con la distanza televisiva, si consiglia lutilizzo di una dimensione minima di 20 punti (Alternativa: 18 punti) sia per i testi in Tiresias sia per i testi convertiti nel formato GIF. La dimensione consigliata dei font è comunque di 22 punti (Alternativa: 24 punti). La leggibilità dei font dipende oltre che dalla grandezza anche dal colore del font in rapporto allo sfondo.* Leggibilità del font Resa ottimale dei font

65 I colori Lo standard DVB-MHP infatti supporta 256 colori (di cui 188 disponibili effettivamente), quindi si suggerisce di effettuare scelte cromatiche in linea con gli standard attuali. É consigliabile utilizzare immagini con colori desaturati e chiaramente definiti. Nella realizzazione del layout occorre considerare che la trasposizione delle immagini in MHP può portare ad alcune variazioni nei colori delle GIF. Il bianco, il rosso puro e i colori accesi sono da evitare poiché creano problemi di flickering, mentre le sfumature di colore sono fattibili ma occorre verificarne sempre la resa cromatica. Luso del colore riveste un ruolo importante anche nellimplementazione del focus. Questultimo dovrà essere facilmente riconoscibile allinterno della schermata tv (es. elemento selezionato/non selezionato) e dovrà essere evidente quali oggetti possono ricevere il focus.* * Fonte: Ambiente Digitale, Raccomandazioni per le interfacce dei servizi interattivi della televisione digitale, 2005

66 Gli effetti di sfarfallio (o flickering) si verificano quando un pixel dellinterfaccia scompare a causa dellinterlacciamento dello schermo tv (limmagine sullo schermo televisivo è composta da linee di scansione pari e dispari che si alternano tra di loro). Per tale ragione è consigliabile evitare linee troppo sottili, e adottare una dimensione minima di 2 pixel sia per le forme disegnate sia per gli spazi tra gli elementi. I pixel dei televisori presentano, a fronte di un altezza pari a 1, una larghezza di 1,0667. Pertanto, unimmagine disegnata per il PC apparirà, sullo schermo televisivo, leggermente deformata in senso orizzontale. Tale differenza deve essere tenuta in considerazione e opportunamente prevista durante la creazione della grafica dellapplicazione.* * Fonte: Ambiente Digitale, Raccomandazioni per le interfacce dei servizi interattivi della televisione digitale, 2005


Scaricare ppt "Laboratorio sulla tv digitale interattiva Anno accademico 2008/2009 Introduzione alla progettazione."

Presentazioni simili


Annunci Google