La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale1 Lanalisi della varianza serve.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale1 Lanalisi della varianza serve."— Transcript della presentazione:

1 Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale1 Lanalisi della varianza serve a studiare la relazione tra una variabile categoriale (X) e una variabile cardinale (Y): X è in ipotesi indipendente, le sue singole categorie (modalità) si definiscono gruppi; Y è in ipotesi dipendente da X. Le modalità di una variabile cardinale sono troppo numerose perché una tavola di contingenza risulti leggibile, daltro canto è possibile utilizzare misure di sintesi (medie e varianze) non utilizzabili per le variabili categoriali. Dunque se la X è categoriale e la Y è cardinale possiamo confrontare queste misure di sintesi calcolate per la Y entro i gruppi definiti dalla X. Lo scopo dell analisi della varianza è testare lipotesi che la varianza di Y dipenda da X, o in altre parole che le medie dei gruppi costituiti dalle modalità di X sulla variabile Y siano significativamente differenti. Esempio: formuliamo lipotesi che la soddisfazione lavorativa (rilevata con una scala di atteggiamento) dipenda dal tipo di contratto dei soggetti.

2 Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale2 Lanalisi della varianza verifica l ipotesi nulla : H 0 : tutte le medie sono uguali tra di loro Cioè: H 0 : la soddisfazione lavorativa non dipende dal tipo di contratto Lipotesi alternativa è: H 1 : almeno una media è diversa dalle altre Cioè: H 1 : esiste almeno un gruppo identificato dal tipo di contratto per cui la soddisfazione lavorativa ha una media diversa da quella di un altro Lipotesi nulla viene rifiutata se cè almeno un gruppo con una media significativamente diversa da quella di un altro.

3 Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale3 Lanalisi della varianza rientra tra le analisi statistiche inferenziali, cioè mirate a valutare se le evidenze emerse su dati campionari sono estendibili allintera popolazione da cui è estratto il campione. Perché abbia senso applicare questa analisi devono darsi le seguenti condizioni: Le osservazioni devono essere tra loro indipendenti La variabile dipendente deve avere distribuzione normale Le varianze allinterno degli strati devono essere omogenee (cioè simili tra loro).

4 La scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale4 Possiamo scomporre lo scarto dalla media di un singolo valore della distribuzione di Y (ad esempio della soddisfazione lavorativa) in due componenti: a.Lo scarto del valore dalla media del suo gruppo (ad esempio lo scarto del soggetto A dalla media dei soggetti con contratto a tempo determinato) ; b.Lo scarto della media del gruppo dalla media generale (ad esempio lo scarto della media dei soggetti con contratti a tempo determinato dalla media generale). Allo stesso modo è possibile scomporre la somma del quadrato degli scarti di tutti i valori dalla media generale, cioè la devianza totale: Dove p è il numero dei gruppi, n è il numero dei casi, y ij il singolo valore della distribuzione, ŷ la media generale, ŷ i la media dei gruppi.

5 La scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale5 La variabilità totale della variabile dipendente Y è descritta dalla devianza totale (cioè dalla somma dei quadrati degli scarti dalla media). La variabilità fra i gruppi (definiti dalle modalità di X) è descritta dalla devianza tra i gruppi (cioè dalla somma dei quadrati degli scarti tra le medie dei gruppi e la media generale, detta anche somma esterna dei quadrati o devianza spiegata): La somma dei quadrati di quanto la soddisfazione lavorativa di ciascun soggetto si discosta dalla media generale della soddisfazione lavorativa. La somma dei quadrati di quanto la soddisfazione lavorativa di ciascun gruppo individuato dal tipo di contratto si discosta dalla media generale della soddisfazione lavorativa.

6 La scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale6 La variabilità nei gruppi (entro i gruppi) è descritta dalla devianza entro i gruppi (cioè dalla somma dei quadrati degli scarti dalla media del gruppo, detta anche somma interna dei quadrati o devianza non spiegata): Devianza spiegata o non spiegata da cosa? … dalla variabile categoriale: la devianza spiegata è la parte di variabilità della variabile dipendente attribuibile alla variabile indipendente (nellesempio è la parte della variabilità della soddisfazione lavorativa attribuibile al tipo di contratto dei soggetti); la devianza non spiegata è la parte di variabilità di Y non attribuibile a X (cioè la parte di variabilità della soddisfazione lavorativa non attribuibile al tipo di contratto). La somma dei quadrati di quanto la soddisfazione lavorativa di ciascun soggetto si discosta dalla media della soddisfazione lavorativa del gruppo individuato dal tipo di contratto a cui il soggetto stesso appartiene.

7 La scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale7 SQ esterna =0 in caso di assenza di relazione SQ interna =0 in caso di relazione perfetta Il diverso peso relativo della somma dei quadrati esterna e della somma dei quadrati interna (cioè della devianza spiegata e di quella non spiegata) può essere utilizzato per valutare la significatività e la forza della relazione tra X e Y.

8 Un esempio di scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale8 CasoGenere (X)Stress lavoro correlato (Y) aM3 bM6 bF6 dF5 … nM4 MediaN M4,5953 F5,6347 Totale5,14100 Sono gli scarti dei singoli valori dalla media complessiva: (3-5,14) 2 +(6-5,14) 2 +(6-5,14) 2 +(5-5,14) 2 +…+(4-5,14) 2 = 862,162

9 Un esempio di scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale9 CasoGenere (X)Stress lavoro correlato (Y) aM3 bM6 bF6 dF5 … nM4 Sono gli scarti delle medie dei gruppi dalla media complessiva: (4,59-5,14) 2 +(4,59-5,14) 2 +(5,63-5,14) 2 +(5,63-5,14) 2 +…+(4,59-5,14) 2 = 53(4,59-5,14) 2 +47(5,63-5,14) 2 = 27,185 MediaN M4,5953 F5,6347 Totale5,14100

10 Un esempio di scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale10 CasoGenere (X)Stress lavoro correlato (Y) aM3 bM6 bF6 dF5 … nM4 Sono gli scarti dei singoli valori dalla media dei gruppi: (3-4,59) 2 +(6-4,59) 2 +(6-5,63) 2 +(5-5,63) 2 +…+(4-4,59) 2 = 834,977 MediaN M4,5953 F5,6347 Totale5,14100

11 La scomposizione della varianza Metodologia della ricerca sociale11 Ad ognuna delle devianze sono associati i gradi di libertà: la devianza totale ha n 1 gradi di libertà (dove n è la numerosità dei casi); la devianza tra gruppi ha p 1 gradi di libertà (dove p è il numero dei gruppi); la devianza entro i gruppi ha n - p gradi di libertà: Dividendo la devianza per i gradi di libertà si ottiene la stima della varianza della popolazione. Varianza tra i gruppi: Varianza entro i gruppi:

12 Tornando allesempio: Metodologia della ricerca sociale12 Varianza tra i gruppi:Varianza entro i gruppi: CasoGenere (X)Stress lavoro correlato (Y) aM3 bM6 bF6 dF5 … nM4 MediaN M4,5953 F5,6347 Totale5,14100 (100-1)=(2-1)+(100-2) 99 = =27,185/1 = 27,185 =834,977/98 = 8, ,162 = 834, ,185

13 La significatività della relazione: il test F Metodologia della ricerca sociale13 Il test F serve a verificare lipotesi di uguaglianza delle medie confrontando varianza spiegata e varianza non spiegata: Se lipotesi nulla è vera le due stime della varianza sono uguali; se è falsa la stima esterna è maggiore di quella interna. La statistica F ha una distribuzione campionaria conosciuta, segue una distribuzione F di Fisher, cioè si conosce il suo valore critico in base al quale respingere o accettare H 0 a seconda dei gradi di libertà delle due stime. Esistono tabelle dei valori critici a seconda della significatività e la regola decisionale è: Rifiuto H 0 se F (calcolato) > F α (tabulato).

14 La significatività della relazione: il test F Metodologia della ricerca sociale14 Per il test F esiste una tavola per ogni livello di significatività, riportiamo quella per α=0,05 (che è il valore generalmente utilizzato come soglia): p-1 n-p

15 La forza della relazione: leta-quadrato Metodologia della ricerca sociale15 Il confronto tra le medie dei gruppo può rendere conto della forza della relazione: tanto più le medie differiscono tra loro maggiore sarà la forza della relazione. Esistono però diversi coefficienti per quantificare questa forza, il più semplice è l eta-quadrato, dato dal rapporto tra la somma dei quadrati esterna (cioè la devianza spiegata) e la somma dei quadrati totale (la devianza totale). Varia tra 0 (assenza di relazione) e 1 (relazione perfetta, tutta la devianza di Y è attribuibile a X) ed è chiamato anche rapporto di correlazione di Pearson. Leta-quadrato risente del numero delle categorie della variabile categoriale, quindi si deve fare attenzione nel confrontare eta- quadrati di una stessa Y con X aventi un numero di modalità differenti, inoltre presenta dei problemi se il numero dei casi in ogni gruppo è troppo ridotto.

16 Tornando allesempio: Metodologia della ricerca sociale16 Varianza tra i gruppi: 27,185 Varianza entro i gruppi: 8,520 CasoGenere (X)Stress lavoro correlato (Y) aM3 bM6 bF6 dF5 … nM4 MediaN M4,5953 F5,6347 Totale5, ,162 = 834, ,185 27,185 / 8,520 = 3,191 27,185/ 862,162 = 0,32 Sig. = 0,077 η = 0,32 = 0,178

17 La significatività della F: Metodologia della ricerca sociale17 Le tavole prestampate dei valori soglia del test F non riportano tutti i gradi di libertà, spesso quindi è necessario osservare lF tabulato per un numero maggiore di g.d.l. rispetto a quelli effettivi. Infatti se la F calcolata ha un valore più elevato anche del valore tabulato per un g.d.l. più alto possiamo rifiutare lipotesi nulla. Ad esempio nella tabella riportata dei valori di F per α =0,05 possiamo confrontare la F calcolata con quella teorica per 1*120 g.d.l. (risulta inferiore, dunque la probabilità di errore nellaccettare H1 è superiore allo 0,5%). Calcolando con excel, o software simili, la significatività sappiamo che una F pari a 3,191, con 1 g.d.l. al numeratore e 98 g.d.l. al denominatore, ha α =0,077, dunque che accettando H1 abbiamo una probabilità di errore del 7,7%.

18 Lanalisi della varianza: esempi e calcoli Alcune note Metodologia della ricerca sociale18 Il calcolo degli indici legati allanalisi della varianza sembra complesso, in realtà non si tratta che di rapporti (divisioni) tra somme di scarti (sottrazioni) elevati al quadrato. Il calcolo non viene svolto a mano perché lANOVA ha senso se applicata a campioni, con scopi inferenziali, dunque su molti casi. I principali programmi di analisi dei dati forniscono non solo tutti gli indici necessari (cioè non solo la F e leta-quadro), ma anche gli elementi che li compongono: -Somma dei quadrati (cioè la devianza) tra i gruppi, entro i gruppi e totale; -Media dei quadrati (cioè la varianza) tra i gruppi, entro i gruppi e totale; -Gradi di libertà.

19 Esempi: Analisi della varianza. Metodologia della ricerca sociale19 1.Assenza di relazione Tipo di contratto a tempo determinato Soddisfazione lavorativa A termineMedia 4,92 N 60 Dev. std. 2,48 Di breve durataMedia 4,58 N 67 Dev. std. 2,41 OccasionaleMedia 4,51 N 73 Dev. std. 2,03 TotaleMedia 4,66 N 200 Dev. std. 2,30 Somma dei quadrati gdl Media dei quadrati FSig. Soddisfazione lavorativa Fra gruppi 6,26523,133,591,555 Entro gruppi 1043, ,299 Totale 1050, EtaEta quadrato 0,077 0,006

20 Esempi: Analisi della varianza. Metodologia della ricerca sociale20 2. Presenza di una relazione Tipo di contratto a tempo determinato Soddisfazione per il reddito da lavoro A termineMedia 3,15 N 60 Dev. std. 1,94 Di breve durataMedia 6,06 N 67 Dev. std. 1,55 OccasionaleMedia 4,36 N 73 Dev. std. 2,01 TotaleMedia 4,57 N 200 Dev. std. 2,18 Somma dei quadrati gdl Media dei quadrati FSig. Soddisfazione per il reddito da lavoro Fra gruppi 273, ,899 40,180,000 Entro gruppi 671, ,407 Totale 945, EtaEta quadrato 0,538 0,29

21 Regressione e correlazione Metodologia della ricerca sociale21 Nel caso entrambe le variabili siano cardinali è possibile analizzare sia la forza che la forma della relazione, ma è necessario utilizzare due differenti strumenti: la correlazione serve ad analizzare la forza di una relazione; la regressione (la più semplice e utilizzata è quella lineare) permette di analizzarne la forma. Questi due strumenti si differenziano anche per quanto riguarda la direzione della relazione: la correlazione serve a quantificare la forza della relazione, dunque non dipende dalla sua direzione (il valore del coefficiente è lo stesso sia che Y dipenda da X sia che X dipenda da Y); la regressione identificando la forma della relazione cambia a seconda della sua direzione: se ipotizziamo che Y dipenda da X avremo una funzione diversa di quella che otterremmo ipotizzando che X dipenda da Y.

22 La correlazione: il coefficiente r Metodologia della ricerca sociale22 Il coefficiente di correlazione r, detto anche coefficiente di correlazione di Bravais-Pearson, misura la forza di una relazione tra due variabili cardinali: E il rapporto tra la covarianza fra X e Y e il prodotto delle deviazioni standard di X e di Y (se infatti dividiamo tutto per N, cioè per la numerosità campionaria otteniamo la covarianza al numeratore e il prodotto tra le varianze al denominatore). Questo coefficiente non dipende dalla direzione della relazione, e assume valore +1 in caso di perfetta relazione positiva; -1 in caso di perfetta relazione negativa e 0 in assenza di relazione (in caso di relazione perfetta i punti sono tutti allineati su una retta di regressione). Si tratta inoltre di un numero puro, quindi non risente dellunità di misura delle due variabili in analisi.

23 Il coefficiente r: un esempio Metodologia della ricerca sociale23 Caso Soddisfazione lavorativaAutorealizzazione A4,85,6 B 4,3 C5,76,2 D6,36,6 E7,56,9 Medie5,985,92 r=[(4,8-5,98)(5,6-5,92)+(5,6-5,98)(4.3-5,92)+(5,7-5,98)(6,2-5,92)+(6,3- 5,98)(6,6-5,92)+(7,5-5,98)(6,9-5,92)]/{[(4,8-5,98) 2 +(5,6-5,98) 2 +(5,7- 5,98) 2 +(6,3-5,98) 2 +(7,5-5,98) 2 ]*[(5,6-5,92) 2 +(4.3-5,92) 2 +(6,2- 5,92) 2 +(6,6-5,92) 2 +(6,9-5,92) 2 ] } =2,622/ (4,028*4,228)= 0,635

24 Il coefficiente di correlazione r Metodologia della ricerca sociale24 Il coefficiente r, presenta alcune caratteristiche che è bene tenere presenti quando lo si utilizza: è un coefficiente di correlazione lineare, dunque non rileva relazione che abbiano una forma diversa dalla linearità; è molto sensibile ai valori estremi; errori legati a queste caratteristiche si possono evitare semplicemente osservando con attenzione i diagrammi di dispersione. Per il coefficiente di correlazione r esistono dei test di significatività che permettono di stabilire se i valori trovati sono sufficientemente elevati da permettere di falsificare lipotesi nulla H 0. Il quadrato del coefficiente r è l R-quadrato, dunque se r è pari a 0,5 da un lato possiamo dire che il 25% della variazione della variabile dipendente è spiegata da quella della variabile indipendente, dallaltro non possiamo interpretare un r=0,5 come pari alla metà della correlazione perfetta.

25 Esempi: una matrice di correlazione Metodologia della ricerca sociale25 Soddisfazione lavorativa Autorealizzazione Motivazione al raggiungimento degli obiettivi Soddisfazione lavorativa 1 Autorealizzazione0,511 Motivazione al raggiungimento degli obiettivi -0,62-0,371 Una matrice di correlazioni è una tabella che presenta nelle celle i coefficienti di correlazione tra le corrispondenti variabili in riga e colonna. La diagonale principale è costituita da valori 1 (la correlazione di una distribuzione con se stessa è perfetta) e n(n-1)/2 valori corrispondenti alle correlazioni fra tutte le coppie di variabili (infatti la metà della tabella al di sopra della diagonale principale sarebbe simmetrica e identica: lr fra X e Y è uguale allr fra Y e X.

26 La regressione lineare Metodologia della ricerca sociale26 Nello studio delle relazioni tra variabili, oltre a misurare lentità (o forza) del legame esistente, spesso si è anche interessati ad accertare come varia una di esse al variare dellaltra, cioè ad individuare unopportuna funzione che metta in relazione la variabile indipendente e quella dipendente. Il modello di regressione che scegliamo di applicare dipende dalla nostra ipotesi circa la relazione tra X e Y: a. se ipotizziamo, ad esempio, che la soddisfazione lavorativa dipenda dal reddito in modo tale che allaumentare di una unità di reddito la soddisfazione aumenti di una certa quota stiamo ipotizzando una relazione lineare dunque possiamo applicare un modello di regressione lineare; b. se invece la nostra ipotesi è che la soddisfazione lavorativa cresca con il reddito, ma solo fino a una certa soglia, per poi restare stabile oppure decrescere, stiamo ipotizzando relazioni non lineari, dunque non possiamo utilizzare un modello di regressione lineare, ma a seconda dei casi sceglieremo una funzione più opportuna. Bisogna dunque tenere presente che se si effettua lanalisi della regressione lineare tra due variabili e non si riscontra una relazione lineare non vuol dire che non ci sia relazione: potrebbe infatti sussistere una relazione curvilinea.

27 La nuvola dei punti Metodologia della ricerca sociale27 Poiché la regressione lineare semplice è applicabile esclusivamente a variabili cardinali, la rappresentazione grafica più adatta è la rappresentazione cartesiana: facendo corrispondere ad una delle due variabili (quella indipendente) lasse delle X, e allaltra lasse delle Y, si collocano sul piano i casi in base ai loro valori su ciascuna variabile. Ogni individuo sarà rappresentato da un punto le cui coordinate saranno i valori ottenuti sulla variabile indipendente (X) e dipendente (Y). Se non dovessimo avere un ipotesi forte circa la forma della relazione tra le variabili che stiamo analizzando prima di usare un modello di regressione possiamo utilizzare una rappresentazione grafica come strumento esplorativo. Già per la rappresentazione grafica la distinzione tra variabile indipendente e dipendente è particolarmente importante, come vedremo infatti i valori del coefficiente di regressione differiscono a seconda della scelta. La rappresentazione grafica sul piano cartesiano produrrà una nuvola di punti detta diagramma di dispersione (scattergram o scatterplot).

28 Alcuni esempi di nuvole dei punti: Metodologia della ricerca sociale28 Assenza di relazioneRelazione lineare positiva Relazione lineare negativaRelazione non lineare

29 La regressione lineare: la funzione Metodologia della ricerca sociale29 Data una nuvola di punti in cui si ravvisa un andamento lineiforme, ipotizziamo di tracciare una retta, che chiamiamo retta interpolante, la quale meglio di tutte le altre si avvicina ai tutti i punti e che, dunque, sintetizzi la nuvola. Sarebbe irrealistico pensare, almeno nellambito delle scienze sociali che vi sia relazione perfetta fra due variabili, ovvero che per tutti i punti siano collegabili fra di loro con una retta. Y X In una regressione lineare si analizza la variabile dipendente (Y) come funzione della variabile indipendente (X): Y= f(X) Y X Più realistico invece è pensare ad un andamento lineiforme per cui sia possibile immaginare una retta che sintetizzi, meglio di altre rette possibili, linformazione data dai punti.

30 La regressione lineare: i parametri Metodologia della ricerca sociale30 Y = a + bX Data una nuvola di punti, il problema è dunque quello di determinare i parametri a e b della retta che, meglio di tutte le altre è in grado di sintetizzarla, dove: a è lintercetta, ovvero in punto in cui la retta intercetta lasse delle y, ovvero lordinata della retta quando lascissa è 0; b è il coefficiente angolare, cioè la pendenza della retta. Y= f(X) Il metodo dei minimi quadrati ci permette di determinare a e b a partire dai valori delle due variabili X e Y sui casi individuando la retta che riduce al minimo la somma dei quadrati degli scarti fra i valori teorici di Y (sulla retta) ed i valori di Y osservati (nei dati): Coefficiente di regressione Intercetta

31 Il coefficiente di regressione Metodologia della ricerca sociale31 Dividendo il numeratore ed il denominatore del coefficiente di regressione per la numerosità campionaria (N) otteniamo: al numeratore la covarianza tra X e Y; al denominatore la varianza di X. Dunque covarianza fra X e Y varianza di X b = Questo spiega perché il coefficiente di correlazione r è il prodotto dei due b che otterremmo analizzando la regressione di Y su X e quella di X su Y.

32 Lerrore Metodologia della ricerca sociale32 Dato che la retta di regressione non da una rappresentazione perfetta della nuvola di punti, ma solo una sua sintesi, poiché i punti non sono mai allineati perfettamente sulla retta stessa, bisogna introdurre un ulteriore coefficiente e detto errore o residuo: Y= a + bX + e Il valore di e è dato dallo scarto fra il valore predetto dallequazione di regressione e il valore effettivamente osservato nei dati: Y – Ŷ = e Lerrore è dunque il residuo non spiegato, relativo a ciascuna osservazione.

33 Lerrore Metodologia della ricerca sociale33 Il residuo è definito come la differenza tra i valori osservati (Y) ed i corrispondenti valori teorici ( Ŷ ), che si collocano sulla retta di regressione: Ciascun residuo è dunque il valore numerico, riferito a ciascuna unità, rispetto al corrispondente valore osservato, che non è spiegato dalla relazione lineare con la variabile indipendente. Y X Y= a + bX + e X1X1 X2X2 X3X3 X4X4 X5X5 Q1Q1 Q2Q2 Q3Q3 Q4Q4 Q5Q5 P1P1 P2P2 P3P3 P4P4 P5P5 e5e5 e= Y- Ŷ e 5 = Y(P 5 )- Ŷ (Q 5 )

34 La bontà delladattamento ai dati Metodologia della ricerca sociale34 Il metodo dei minimi quadrati garantisce lindividuazione della retta che sintetizza in maniera ottimale la nuvola dei punti, ma bisogna controllare che questa retta sia realmente in grado di spiegare landamento delle osservazioni, cioè controllarne la bontà delladattamento ai dati. Per farlo si segue un procedimento simile alla scomposizione della varianza nellAnova, la scomposizione della devianza : Dove: Devianza totale dei valori della variabile dipendente; misura la variazione dei valori di y intorno alla loro media. Devianza dei valori stimati (o devianza di regressione); variazione spiegata attribuibile alla relazione fra X e Y. Devianza dei residui (o residua); attribuibile a fattori estranei alla relazione fra X e Y.

35 La bontà delladattamento ai dati Metodologia della ricerca sociale35 Dunque la devianza totale è composta da: SST = SSR + SSE Somma totale dei quadrati = Somma dei quadrati della regressione + Somma dei quadrati degli errori La devianza è una misura di variabilità: pertanto la devianza delle osservazioni è il risultato del contributo di due componenti: La variabilità dei valori stimati; espressa dalla devianza di regressione. la parte spiegata dalla relazione lineare; La variabilità dei punti attorno alla retta; espressa dalla devianza residua. Anche se la sua prossimità (Dev (E)) allo 0 indica che la rappresentazione (sintesi) fornita dalla retta di regressione è soddisfacente, il valore della devianza residua non è direttamente utilizzabile per misurare la bontà delladattamento perché il suo valore numerico è influenzato dallordine di grandezza delle variabili utilizzate

36 La bontà delladattamento ai dati: lindice di determinazione lineare Metodologia della ricerca sociale36 Dato che la devianza residua non basta a rendere conto della bontà delladattamento si utilizza lindice di determinazione lineare R-quadrato. LR-quandrato è dato dal rapporto tra devianza di regressione (SSE) e devianza totale (SST): Essendo un rapporto al tutto, ha un campo di variazione compreso tra 0 e 1, dove 0 indica un pessimo adattamento della retta ai dati e 1 indica un adattamento perfetto.

37 Esempi: Assenza di relazione Metodologia della ricerca sociale37

38 Esempi: Relazione lineare diretta. Metodologia della ricerca sociale38

39 Esempi: Relazione lineare inversa. Metodologia della ricerca sociale39


Scaricare ppt "Lanalisi della varianza: la variabile dipendente è cardinale, lindipendente è categoriale Metodologia della ricerca sociale1 Lanalisi della varianza serve."

Presentazioni simili


Annunci Google