La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A. 2010-2011 | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 1 PARTE II: RESPONSABILITÀ

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A. 2010-2011 | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 1 PARTE II: RESPONSABILITÀ"— Transcript della presentazione:

1 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 1 PARTE II: RESPONSABILITÀ SOCIALE DIMPRESA GLI GLI STANDARD DI CERTIFICAZIONE DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE

2 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 2 LEVOLUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DELLA RSI 1) La Responsabilità Sociale e le parti interessate Lattenzione allargomento Responsabilità sociale è unesigenza documentata da tempo: 1. Dal Documento ONU del Articolo 41 della Costituzione Italiana 3. Decreto Legislativo 231/ Il Modello EFQM Una politica orientata alla Responsabilità sociale implica il soddisfare pienamente gli obblighi giuridici applicabili e investire di più nel capitale umano, nellambiente e al di là nei rapporti con le parti interessate (stakeholder). La ricerca della loro soddisfazione è ora uno dei fattori chiave dello sviluppo delle imprese in un contesto altamente globalizzato. Nel governo dellimpresa occorre tener conto delle aspettative delle parti interessate o stakeholders. Linfluenza degli stakeholder dipende, e non solo, dalla legittimità delle richieste, dal potere o capacità di influenzare le scelte dellimpresa, dallurgenza delle richieste. Operare in un contesto di sviluppo della Responsabilità Sociale comporta un impegno. Limpegno deve essere reso visibile o riconosciuto.

3 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 3 2) Sviluppo dei Sistemi di Gestione Nel tempo si è passati da modelli di gestione orientati al Command e Control, a Sistemi creati per dare garanzia in merito a determinati aspetti oggetto di interesse da parte del Cliente. Si è passati da sistemi orientati allMBO a sistemi di gestione per processi e altri sviluppi sono previsti man mano che tali sistemi coinvolgono lintera Azienda. Il Sistema di Gestione è uno strumento che correttamente usato consente di perseguire obbiettivi di miglioramento, la chiave di volta per lesistenza e lo sviluppo delle aziende in un contesto sempre più competitivo. I fattori comuni nei Sistemi di Gestione attuali sono: rispetto di norme tecniche cogenti e leggi correlabili allo scopo dellImpresa miglioramento continuo Alla base di tutto. è posto il PDCA o ciclo di Deming (Plan, Do, Check, Act) che va visto in maniera ripetitiva, e cioè con lultima fase quella dellActsi riparte con una nuova serie di obbiettivi che impostino il miglioramento continuo ripartendo dal Planning di nuovi obbiettivi. LEVOLUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DELLA RSI

4 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 4 2) Sviluppo dei Sistemi di Gestione Il sistema di Gestione convive e si integra con le norme e leggi in quanto pur rimanendo entro i binari stabiliti abbiamo dei margini di manovra per migliorare il nostro comportamento e quindi lefficacia e / o lefficienza. La Mission di questi sistemi è quello di identificare il proprio posizionamento rispetto agli aspetti normati, di tenerli sotto controllo, di coordinare tutte le attività con impatto positivo o negativo su questi e distribuire responsabilità specifiche per la loro esecuzione. Attraverso lorganizzazione e gli audits periodici viene garantito che tali attività aziendali vengano continuamente migliorate. I problemi diventano in questo modo parte integrante della gestione aziendale. Ogni azienda definisce quindi degli obiettivi volontari, come in qualsiasi altro ambito, il cui raggiungimento viene controllato dallazienda stessa. In questo modo le aziende vengono chiamate alla responsabilità personale e ad un approccio preventivo Si sono Sviluppati progressivamente Sistemi di Gestione orientati prima alla Qualità, poi allAmbiente e poi alla Sicurezza ma tutti con lo stesso DNA :rispetto di regole e miglioramento continuo LEVOLUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DELLA RSI

5 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 5 2) Sviluppo dei Sistemi di Gestione Di pari passo è nata lesigenza di avere una certa confidenza che tali sistemi fossero applicati con efficacia ed efficienza. Questa esigenza ha fatto nascere normative preposte alla definizione di criteri organizzativi e gestionali tipiche dei sistemi stessi, strumento per orientarsi ad applicarli o per una verifica di rispondenza o conformità a norma. Assieme a tali norme sono nati Enti preposti alla Certificazione per fornire a terzi ladeguata garanzia che le aziende operassero in un contesto conforme a determinati criteri gestionali. Tale esigenza di confidenza è nata come una logica conseguenza di una libera decisione del Management, ma si è poi sviluppata in un requisito per poter mantenere la clientela non per ciò che veniva fatto ma per ciò che doveva essere dimostrato. I requisiti contrattuali o criteri di qualifica per appartenere ad albi o partecipare a gare o essere meritevoli di finanziamento hanno orientato diversamente lo scopo delle certificazioni. Conseguenza di ciò è stata una perdita di confidenza nellIstituto della Certificazione e la Certificazione è stata un obbiettivo, un bollino, non un atto dovuto a seguito di uno sviluppo LEVOLUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DELLA RSI

6 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 6 STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD Strumenti esterni di promozione e gestione della responsabilità sociale e della rendicontazione sociale: Etichette sociali; Premi per la CSR; Proposte di codici di condotta e linee giuda etiche; Regole ed indici per rientrare nellambito degli investimenti socialmente responsabili; Iniziative multistakeholder; CSR toolkit; Linee guida e modelli per la rendicontazione. Strumenti interni: Strumenti strategici: mission statement, manifesto dei valori, codice etico; Strumenti operativi di relazione: social auditing e rating, bilancio sociale; Strumenti operativi si supporto: sistemi di rilevazione, formazione e gestione del patrimonio intellettuale.

7 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 7 ILO - International Labour Organization Dichiarazione tripartitica dei principi concernenti le imprese Multinazionali UN - United Nations Convenzioni e dichiarazioni sui temi di sviluppo sostenibile Principi del Global Compact Rio Declaration on environment and development, United Nations conference on environment and development, Rio de Janeiro, 3-14 June 1992 Agenda 21 - Chapter 30 - Strengthening the role of business and industry, Section III. Strengthening the role of major groups Johannesburg Plan of Implementation (JPOI), Johannesburg, South Africa, 26 August - 4 September 2002 OECD - Organisation for Economic Cooperation and Development Linee guida per le imprese multinazionali European Union - European Commission Commission Green Paper 2001 Communication on CSR 2002 European Alliance for CSR. For SMEs: Report on European SMEs and Social and Environmental Responsibility 2002, Commission Communication ""Implementing the Community Lisbon Programme - Modern SME Policy for Growth and Employment"" 2005, Pan-European Awareness Raising Campaign on CSR for SMEs" STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: I valori ed i principi di riferimento

8 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 8 AA AccountAbility 1000 standard di processo e linee guida per la rendicontazione delle performance economiche, sociali e ambientali delle imprese, basati sul coinvolgimento degli stakeholders ISO 9000:2000 standard di riferimento per i sistemi di gestione e certificazione della qualità EFQM - European Foundation of Quality Management modello di gestione e valutazione per raggiungere la "business excellence ISO standard di riferimento per i sistemi di gestione e certificazione ambientale STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Standard organizzativi e di processo COINVOLGIMENTO E PARTECIPAZIONE QUALITA AMBIENTE

9 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 9 SA8000 (Social Accountability 8000) standard di riferimento per i sistemi di gestione sociale sulle condizioni di lavoro, sulla base dei quali si può ottenere la "certificazione etica" ILO-OSH 2001 linee guida dellILO per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro BS 8800 guida sui sistemi di gestione per la salute e sicurezza del lavoro OSHA - Occupational Safety & Health Administration standard di riferimento per la salute e sicurezza sul lavoro OHSAS standard e linee guida per i sistemi di gestione e certificazione per la salute e sicurezza sul lavoro, che tiene conto anche dei documenti BS 8800 ISO sistema di gestione per la sicurezza nelle organizzazioni operanti nella catena alimentare STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Standard organizzativi e di processo QUALITA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

10 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 10 ISO Futuro standard sulla Responsabilità Sociale (prevista per il 2008), per la cui realizzazione ISO sta coinvolgendo numerose delegazioni, osservatori, attori e stakeholders internazionali. Per l'italia, un gruppo di lavoro UNI sta già lavorando dal 2003, ed è stata definita la composizione della delegazione italiana che fa parte del gruppo di lavoro ISO, composta da esponenti del mondo delle imprese (ABI), dei sindacati (CGIL), dei consumatori (ACU), del governo (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali); delle istituzioni pubbliche (INAIL), e del mondo accademico (Università di Castellanza, già coinvolta nel progetto Q-Res) SIGMA Project Linee guida per la gestione dell'impresa e la rendicontazione degli aspetti economici, sociali e ambientali SISTEMI INTEGRATI STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Standard organizzativi e di processo

11 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 11 AA AccountAbility 1000 standard di processo e linee guida per la rendicontazione delle performance economiche, sociali e ambientali delle imprese, basati sul coinvolgimento degli stakeholders GRI (Global Reporting Initiative) linee guida per la misurazione ed il reporting nell'ambito dello sviluppo sostenibile Q-RES Project modello di riferimento e linee guida per la gestione, rendicontazione e verifica della responsabilità sociale dimpresa GBS (Gruppo di studio sul Bilancio Sociale) standard di riferimento per la redazione del bilancio sociale CSR – SC (Corporate Social Responsibility - Social Commitment) modello di rendicontazione della CSR proposto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. SA8000 (Social Accountability 8000) standard di processo e rendicontazione sulle condizioni di lavoro EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) schema europeo di audit, che prevede l'adozione di un sistema di gestione ambientale, la misurazione delle performance ambientali e la realizzazioni di audit e rapporti di rendicontazione STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Standard di rendicontazione

12 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 12 STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: La nascita delle etichette sociali Sono generalmente costituite da una serie di principi da rispettare (standard), procedure organizzative da implementare e da una certificazione, rilasciata da società esterne, normalmente enti di certificazione accreditati che attesta la conformità dellente ai requisiti previsti dalletichetta. Ogni etichetta si rivolge ad uno o più specifici ambiti che spaziano sui seguenti temi: diritti umani; sicurezza sul lavoro; pari opportunità; gestione ambientale; gestione della qualità. Fra le etichette sociali di maggiore interesse: o Social Accountability 8000 (SA 8000) o Accountability 1000 (AA 1000) o ISO o OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series ) o BS (British Standard) 779 – ISO 17799

13 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 13 DenominazioneEnte promotorePaeseOggetto/sito Social LabelGoverno belgaBelgioRisorse umane - Convenzione sul lavoro (www.social-label.be) Fair trade labelsFairtrade Labelling Organizations International EuropaCorretta pianificazione e produzione sostenibile (www.fairtrade.net) Det sociale indexMinistero Danese per gli Affari Sociali DanimarcaStrumento per lautovalutazione della CSR Label socialement responsable Le Comité intersyndical de lépargne salariale FranciaRisorse umane Excellence through people standard Training and Employment Authority IrlandaRisorse umane (www.fas.ie) Network lavoro etico social quality label Centro per líInnovazione e lo Sviluppo Economico ItaliaAttività produttive (www.lavoroetico.org) SA 8000Social Accountability Intarnational USAAttività produttive (www.sa-intl.org) AA 1000Institute of Social and Ethical Accountability Regno UnitoStandard di processo per le attività di social and ethical accounting, auditing and reporting. (www.accountability.org.uk) STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: una visione dinsieme

14 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 14 Primo standard internazionale che elenca i requisiti da rispettare affinché unorganizzazione possa certificare la propria responsabilità sociale, fornendo garanzia di un comportamento eticamente corretto della propria filiera produttiva e del proprio ciclo produttivo. Nasce dal CEPAA (Council of Economical Priorities Accreditation Agency), emanazione del CEP (Council of Economic priorities), istituto statunitense fondato nel 1969 per fornire agli investitori ed ai consumatori, strumenti informativi per analizzare le performance sociali delle aziende. Basata sulle convenzioni dellOrganizzazione Internazionale del Lavoro, sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani,sulla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino, SA 800 è una norma studiata per contrastare gli impatti sociali del lavoro minorile, del lavoro coercitivo delle discriminazioni di razza,religione o sesso e garantire condizioni di salute e sicurezza ai lavoratori. E una norma applicabile ad aziende di qualsiasi settore merceologico, coinvolge direttamente qualsiasi entità appartenente alla filiera produttiva di un determinato bene o servizio (fornitori, clienti, consumatori e loro associazioni, gruppi ambientalisti ed umanitari, organizzazioni sindacali, mass media). La conformità dei processi di unazienda ai requisiti i responsabilità sociale della norma SA8000 viene certificata da un Organismo di parte terza indipendente, attraverso un meccanismo analogo a quello dei sistemi di gestione per la qualità ISO 9000 e per lambiente ISO STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Social Accountability 8000

15 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 15 Le tematiche: 1.Lavoro infantileLazienda è obbligata a non utilizzare o dare sostegno al lavoro infantile 2.Lavoro obbligatoLazienda non deve ricorrere nÈ sostenere líutilizzo del lavoro obbligato, ovvero non deve richiedere al personale di depositare denaro o documenti díidentit al momento díinizio del rapporto lavorativo 3.Salute e sicurezzaLazienda deve garantire un luogo di lavoro sicuro e salubre e deve adottare le necessarie misure per prevenire incidenti e danni alla salute che possono verificarsi durante lo svolgimento del lavoro 4.libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva Lazienda deve rispettare il diritto di tutto il personale di formare ed aderire ai sindacati di loro scelta e il diritto alla contrattazione collettiva 5.DiscriminazioneLazienda non deve attuare o dare sostegno alla discriminazione nellassunzione, retribuzione, accesso alla formazione, promozione, licenziamento o pensionamento, in base a razza, ceto, origine nazionale, religione, invalidità, sesso, orientamento sessuale, appartenenza sindacale o affiliazione politica 6.Procedure disciplinariLazienda non deve utilizzare o dare sostegno allutilizzo di punizioni corporali, coercizione mentale o fisica, abuso verbale 7.Orario di lavorolazienda deve conformarsi allorario di lavoro previsto dalle leggi vigenti e dagli standards dellindustria; in ogni caso, al personale non deve essere richiesto di lavorare in maniera continuativa per un periodo superiore alle 48 ore settimanali e deve essere previsto almeno un giorno di riposo ogni 7 giorni lavorativi 8.RetribuzioneLazienda deve garantire che il salario pagato per una settimana lavorativa regolare sia almeno conforme ai minimi retributivi legali o industriali e che sia sempre sufficiente a soddisfare i bisogni primari del personale, oltre a fornire un qualche guadagno discrezionale 9.Sistemi di gestioneLazienda deve creare un Sistema di Gestione della Responsabilità Sociale STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Social Accountability 8000

16 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 16 Elaborato nel 1999 dall'International Council of the Institute of Social and Ethical AccountAbility, (organismo formato da imprese, ONG, università e società di consulenza), l'AA1000 è uno strumento che mira ad assicurare la credibilità e l'autorevolezza del bilancio sociale attraverso la redazione dello stesso secondo standard condivisi a livello internazionale. AA1000 nasce quindi per far fronte all'esigenza di uniformare gli approcci alla rendicontazione sociale e rendere così confrontabili le informazioni provenienti da realtà differenti. Esso può essere definito come uno standard di processo, consentendo così l'integrazione con le linee guida del Global Reporting Inititiative. Il modello si pone l'obiettivo di migliorare la performance e il bilancio di un'organizzazione attraverso un processo sistematico di coinvolgimento degli stakeholders e di integrazione di tali processi nelle normali attività quotidiane. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Accountability 1000

17 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 17 Accountability 1000 ha due fondamentali possibilità di utilizzo: Una valutazione comune per rafforzare la qualità degli standard specializzati di responsabilità; Un sistema di processo autonomo per gestire e comunicare bilancio e performance sociali ed etiche. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Accountability 1000

18 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 18 Accountability 1000 permette in particolare: a.Favorisce il rapporto con il personale dipendente; b.Migliora la gestione della qualità nei rapporti con gli stakeholder; c.Consente di misurare gli indicatori chiave di performance sociale; d. Accresce la fiducia degli stakeholder esterni; e. Migliora ed aiuta a mantenere buoni i rapporti di partnership; f. Aiuta a valutare e gestire meglio i rischi che si possono presentare nelle relazioni esterne (reputazione, marchio); g. Soddisfa le sempre più complesse esigenze informative degli investitori; h. Sostiene la governance dell'Organizzazione; i.Facilita i rapporti tra Istituzioni pubbliche ed Organizzazione; j. Favorisce la formazione e l'identificazione di fornitori di servizi qualificati. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: Accountability 1000

19 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 19 Le norme internazionali ISO rappresentano uno strumento volontario per migliorare la gestione della variabile ambientale all'interno dell'impresa o di qualsiasi altra organizzazione. Si tratta di norme generiche, applicabile a qualsiasi tipo di azienda, sia nel settore dei servizi sia in quello manifatturiero. Richiedono che l'azienda definisca i propri obiettivi e target ambientali e implementi un sistema di gestione ambientale che permetta di raggiungerli. La logica volontaristica lascia la libertà all'azienda di scegliere quali e quanti obiettivi di miglioramento perseguire, anche in funzione delle possibilità economiche e del livello tecnologico già esistente in azienda. Tali norme hanno quindi lo scopo di fornire una guida pratica per: la creazione e/o il miglioramento di un Sistema di gestione ambientale (SGA), attraverso il quale migliorare le prestazioni ambientali; fornire i mezzi con cui sia chi sta all'esterno, sia chi opera internamente all'organizzazione, può valutare gli aspetti specifici di un SGA e verificarne la validità, ossia realizzare l'audit (verifica) del SGA; fornire mezzi consistenti ed attendibili per dare informazioni sugli aspetti ambientali dei prodotti. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD: ISO 14000

20 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 20 Network promosso dalle Nazioni Unite basato sul potere di una forte azione collettiva, cerca di promuovere una cittadinanza d'impresa responsabile. Il Global Compact è un'iniziativa volontaria che si prefigge due obiettivi: far diventare il Global Compact e i suoi principi parte integrante della strategia e delle operazioni delle imprese; facilitare la cooperazione tra i principali attori e promuovere partenariati in linea con gli obiettivi delle Nazioni Unite. I dieci principi del Global Compact relativi ai diritti umani, al lavoro, allambiente e alla lotta alla corruzione sono condivisi universalmente in quanto derivati da: o La Dichiarazione Universale dei Diritti dellUomo. o La Dichiarazione dellOrganizzazione Internazionale del Lavoro sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro. o La Dichiarazione di Rio sullAmbiente e lo Svilupp. o La Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD Il Global Compact

21 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 21 Diritti umani: Alle imprese è richiesto di promuovere e rispettare i diritti umani universalmente riconosciuti nell'ambito delle rispettive sfere di influenza; Alle imprese è richiesto di assicurarsi di non essere, seppure indirettamente, complici negli abusi dei diritti umani. Diritti umani: Alle imprese è richiesto di promuovere e rispettare i diritti umani universalmente riconosciuti nell'ambito delle rispettive sfere di influenza; Alle imprese è richiesto di assicurarsi di non essere, seppure indirettamente, complici negli abusi dei diritti umani. Lavoro: Alle imprese è richiesto di sostenere la libertà di associazione dei lavoratori e riconoscere il diritto alla contrattazione collettiva; L eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio; L effettiva eliminazione del lavoro minorile; L eliminazione di ogni forma di discriminazione in materia di impiego e professione. Lavoro: Alle imprese è richiesto di sostenere la libertà di associazione dei lavoratori e riconoscere il diritto alla contrattazione collettiva; L eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio; L effettiva eliminazione del lavoro minorile; L eliminazione di ogni forma di discriminazione in materia di impiego e professione. Ambiente: Alle imprese è richiesto di sostenere un approccio preventivo nei confronti delle sfide ambientali; Di intraprendere iniziative che promuovano una maggiore responsabilità ambientale; Di incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie che rispettino l'ambiente. Ambiente: Alle imprese è richiesto di sostenere un approccio preventivo nei confronti delle sfide ambientali; Di intraprendere iniziative che promuovano una maggiore responsabilità ambientale; Di incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie che rispettino l'ambiente. Lotta alla corruzione: Le imprese si impegnano a contrastare la corruzione in ogni sua forma, incluse l'estorsione e le tangenti. Lotta alla corruzione: Le imprese si impegnano a contrastare la corruzione in ogni sua forma, incluse l'estorsione e le tangenti. STRUMENTI DI RENDICONTAZIONE E STANDARD Il Global Compact

22 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 22 Nellambito dei premi si possono individuare alcune categorie: Premio per i processi interni aziendali di CSR; Premio per il miglior programma di partnership nella comunità; Premio per la migliore campagna di mkt sociale; Premio per la migliore iniziativa di finanza socialmente responsabile; Premio per la migliore iniziativa di CSR per per PMI; Premio per linnovazione di prodotto o servizio socialmente e ambientalmente rilevante. Il criterio usato per la valutazione utilizza un modello basato sul concetto di Eccellenza e su alcuni Concetti Fondamentali quali: orientamento ai risultati condivisi con gli stakeholder; attenzione al cliente; capacità di direzione e fermezza nei propositi; sviluppo e coinvolgimento del personale; apprendimento ed innovazione continui; sviluppo di cooperazioni; CSR. ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Premi per il sociale

23 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 23 ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Premi per il sociale

24 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 24 Strumenti cerniera, proposti dal mercato come autoregolazione e raccolti dalle aziende come stimoli e strumenti interno di gestione. Prima generazione: tesi a regolare i conflitti dinteresse dei dipendenti; Seconda generazione: focus su condotta commerciale; Terza generazione: concentrano lattenzione sui rapporti con i dipendenti e i fornitori; Quarta generazione: focalizzano linteresse sulla tutela dellambiente e sullimpatto nella comunità:; Quinta generazione: garantiscono trasparenza delle attività e regolano il comportamento delle imprese per uno sviluppo economico etico e sostenibile. ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Codici di condotta e linee guida

25 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 25 ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Codici di condotta e linee guida

26 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 26 Cresce il numero di istituzioni finanziarie che hanno adottato criteri ambientali e sociali per la selezione delle imprese sulle quali investire. Nascono i social rating: hanno come oggetto la gestione socialmente responsabile dellimpresa e prescinde dalladozione o meno di un processo di relazione con gli stakeholder e dalla pubblicazione o meno di un resoconto sociale. Indici significativi: FTSE4GOOD: costituito da diversi indici elaborato dal gruppo FTSE leader mondiale nella definizione di indici equi e garantiti, per facilitare linvestimento nelle società socialmente responsabili; lEUROSIF (European Sustainable and Responsible Investment Forum): creato nel 2001, frutto di una iniziativa internazionale promossa da Francia, Italia, Paesi Bassi e Regno Unito con il supporto della Commissione Europea; Dow Jones Sustainability Index: lanciato nel 1999, è il primi indice globale che rintraccia prestazioni finanziarie delle aziende guidate in maniera sostenibile ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Promozione degli investimenti socialmente responsabili

27 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 27 Dow Jones Sustenibility Indexes Finalizzazione: Identificare le imprese caratterizzate dalle migliori performances economiche, sociali ed ambientali Strumenti per la valutazione: Questionari Documentazione aziendale Informazioni pubbliche (bilanci, internet etc.) Analisi dei media Analisi degli stakeholders ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Promozione degli investimenti socialmente responsabili

28 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 28 ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Promozione degli investimenti socialmente responsabili

29 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 29 Sono di fatto partnership e forum che vedono coinvolti soggetti diversi tra loro. La Commissione Europea già nel luglio 2002 sottolineava limportanza di queste iniziative costituendo un Forum per la promozione della RSI (www.csreurope.org). Il Forum opera attraverso alcune leve: migliore conoscenza della relazione fra Rsi e sviluppo sostenibile favorire lo scambio di esperienze e di good practices valutare lopportunità di definire principi guida comuni Sulla falsa riga di quello europeo, nel 2003 nasce in Italia un Forum Multi-stakeholder voluto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (www.welfare.gov.it). ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Iniziative multistakeholder

30 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 30 ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Iniziative multistakeholder

31 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 31 Sono una serie di strumenti ed iniziative tese ad inserire in un corpo unico la promozione della Rsi e i modelli di rendicontazione. Fra i più significativi: Q-RES (qualità- responsabilità etica dellimpresa): ideato dal Centre of Ethics, Law & Economics nel 1999, prevede la definizione di uno standard di qualità della responsabilità etico-sciale dimpresa; Csr-Sc (Corporate Social Reponsibility – Social Commitment): progetto del governo italiano del 2003 in occasione del semestre italiano di presidenza dellUnione Europea. Aveva due principali obiettivi:analizzare la situazione della aziende italiane e proporre una serie di indicatori di monotoraggio della RSI. ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: CSR Toolkits

32 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 32 PROGETTO CSR-SC Avviato nel 2002 dal Governo italiano su invito Commissione Europea. Contribuisce al dibattito per definire un framework europeo per la CSR. OBIETTIVI o Diffondere uno standard semplice e modulare da applicare su base volontaria o Per identificare comportamenti socialmente responsabili o Predisporre opportuni strumenti di misurazione per comprendere e valutare le o Performance sociali delle imprese o Garantire al cittadino che limpegno sia concreto LIVELLI DEL PROGETTO 1.LIVELLO CSR Approccio volontario e minimo 2.LIVELLO SC Coinvolgimento sociale e interventi proattivi, anche grazie ad incentivi economici ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: CSR Toolkits

33 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 33 ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: CSR Toolkits

34 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 34 Certificazioni sociali Codice etico Bilancio sociale Assente Oneroso Rischio di Onerosità Discrezionale Audit esternoCosti Rapporto con stakeholders Coinvolgimento insufficiente (es: SA 8000) Rischio di burocraticità e formalità Oneroso (ISO in particolare) Grado di copertura dei vari aspetti Discrezionale Incompleto e su standard minimi ALTRI STRUMENTI DI GESTIONE DELLA RSI: Costi e benefici

35 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 35 PARTE II: RESPONSABILITÀ SOCIALE DIMPRESA LO STANDARD SA 8000

36 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 36 LO STANDARD SA La norma La Norma SA 8000 (Social Accountability 8000) è una norma che regolamenta i Sistemi orientati allapplicazione della Responsabilità Sociale. Emessa nel 1997 su direttiva CEPAA è un mezzo per fornire alle parti interessate informazioni sulla linea di condotta delle aziende di cui utilizzano i prodotti o servizi. Gli obiettivi dello standard SA 8000 sono:CEPAA 1. Sviluppare, mantenere e sostenere politiche e procedure al fine di gestire gli aspetti che possono essere controllati o influenzati 2. Dimostrare alle parti interessate che le politiche, le procedure e la loro applicazione sono conformi ai requisiti della norma I principali potenziali mercati interessati alla SA 8000 in Italia sono: a) imprese che decentrano la produzione in paesi in cui possono godere dei benefici connessi ad un più basso costo della manodopera specie se usata in paesi del terzo mondo. b) imprese sul territorio nazionale e che intendono utilizzare la certificazione SA 8000 come strumento di vantaggio competitivo nei confronti di coloro che non sono in grado di fornire garanzie sul proprio comportamento etico. c) grandi multinazionali che operano anche sul territorio italiano

37 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 37 LO STANDARD SA La norma Il sistema SA 8000 è strutturalmente basato su quello normalmente in uso alle aziende per assicurare il controllo della qualità, lo standard ISO 9000, integrandolo con l'auditing etico Analogamente alle altre norme relative ai Sistemi di gestione, anche in questa si nota una struttura PDCA preceduta da un insieme di requisiti fondamentali, regolamentati da leggi e convenzioni ILO riguardanti : 1.Lavoro minorile 2.Lavoro forzato 3.Salute e sicurezza 4.Libertà di associazione e rappresentanza collettiva 5.Discriminazione 6.Pratiche disciplinari 7.Orario di lavoro 8.Salario Il NONO REQUISITO riguarda il Sistema di Gestione della SA e rispecchia il modello PDCA

38 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 38 Per ottenere la certificazione SA 8000, l'organizzazione deve documentare ed applicare i requisiti ivi compresi. La richiesta di una politica con obiettivi, la pianificazione ed attuazione per raggiungere gli obiettivi, la nomina di un rappresentante della Direzione ed infine il riesame periodico sono gli stessi degli altri Sistemi di gestione. Anche qui necessita un Sistema Documentato di Gestione Sociale, separato o integrato in altri (Qualità-ambiente-sicurezza-etica ). Il Processo attuativo è identico a quello degli altri Sistemi di Gestione, cambia solo lottica e lo scopo. Anche il sistema di responsabilità sociale segue il PDCA di Deming: PIANIFICAZIONE (plan) (identificazione delle le aree di attività, confronto delle prassi vigenti con i requisiti della SA 8000, individuazione delle prescrizioni legislative/regolamenti, enunciazione degli obiettivi di responsabilità sociale, nomina di un responsabile del sistema di gestione della SA ATTUAZIONE (do): coinvolgimento della Direzione, coinvolgimento del personale, attività di formazione, attuazione delle procedure,comunicazione interna od esterna VERIFICA (check): verifica dell'attuazione delle procedure, audit interni RIESAME/MIGLIORAMENTO (act): azioni correttive e preventive, a verifiche ispettive di sorveglianza LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

39 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 39 Fornitore/SubFornitore Collettività/Parti Interessate: Società- Autorità- Consumatori-Comunità – ONG - SINDACATI Organizzazione certificata Organismo di Certificazione Accreditato Organismo di Accreditamento SAI La conformità alla norma è garantita da una certificazione di parte terza, indipendente, emessa da organismi accreditati LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

40 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 40 Per l'ottenimento della certificazione, devono essere rispettati i seguenti documenti internazionali: Convenzioni ILO 29 e 105 (Lavoro forzato e vincolato) Convenzione ILO 135 (Convenzione dei Rappresentanti dei Lavoratori Convenzione ILO 87 (Libertà di associazione),Convenzione ILO 138 e Raccomandazione 146 (Età minima e raccomandazioni) Convenzione ILO 98 (Diritto alla Contrattazione Collettiva) Convenzione ILO 155 e Raccomandazione 164 (Salute e sicurezza sul lavoro) Convenzioni ILO 100 e 111 (Parità di remunerazione tra lavoratori maschi e femmine per lavoro di valore analogo; Discriminazione ) Convenzione ILO 177 (Lavoro in casa) Dichiarazione Universale dei Diritti UmaniConvenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Bambini LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

41 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 41 Analisi SWOT per limpiantabilità di un Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale SCENARIO: La Responsabilità sociale dimpresa- CSR- a tuttoggi è promossa prevalentemente da grandi società o multinazionali ma riveste unimportanza per tutti i tipi di imprese e per tutti i settori di attività, dalle PMI alle PMI alle multinazionali: E fondamentale che essa sia più ampiamente applicata nellambito delle PMI, comprese le microimprese, perché il nellambito delle PMI, il loro apporto alleconomia e alloccupazione è il più importante. La certificazione etica SA 8000 fornisce uno strumento attraverso cui i compratori e altre parti interessate possono valutare i loro fornitori. Essa è inoltre di natura volontaria ed è stata progettata per adattarsi a relazioni tra produttori e consumatori finali anche complesse. NATURA DELLA CSR : La Responsabilità sociale dimpresa- CSR- a tuttoggi è promossa Infine, non è specificamente legata ad alcuna tipologia industriale o di collocazione geografica, quindi è possibile sviluppare diverse interpretazioni dello standard che ne rendono possibile l'applicazione in molteplici situazioni: società di servizi o di produzione, pubbliche o private, profit o no-profit. LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

42 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 42 Analisi SWOT per limpiantabilità di un Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale Unanalisi SWOT dovrebbe consentire in unazienda o struttura organizzata di valutare in contemporanea I punti di forza (Strength ) I Punti di debolezza (Weakness) Le opportunità (Opportunities) Rischi (Threats) Le opportunità più evidenti sono : 1.Aumento dell'immagine e diminuzione delle tensioni sindacali 2.Miglior controllo etico sui fornitori 3.Instaurazione di un "circolo virtuoso 4.Aumento della Loyalty verso i prodotti 5.Miglioramento della valutazione secondo lo schema europeo EFQM 6.Creazione di nuove figure professionali a supporto dei processi inerenti lo sviluppo delle Human Resources LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

43 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 43 Analisi SWOT per limpiantabilità di un Sistema di Gestione per la Responsabilità Sociale I Rischi più evidenti sono : 1. Compromissione pubblica nel caso di performances deboli, non credibili o non ottenute per niente. 2. Aumento di tensione nei rapporti sindacali 3. Rischi legali per non conformità a leggi 4. Applicazione di forma, non di sostanza, con scarsi risultati di miglioramento 5. Certificazioni blande e concesse in maniera disinvolta 6. Compromissione della figura dellEthical Officer e del Management dellImpresa Per quanto riguarda i fattori chiave che possono essere a seconda dellAzienda o punti di forza o punti di debolezza sta allazienda posizionarsi e capire cosa si deve fare prima. LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

44 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 44 I seguenti fattori chiave possono essere un freno o un acceleratore a seconda di come è alimentato il loro sviluppo: - Gestione per processi - Gestione per obbiettivi - Certificabilità reale - Posizionamento allinterno del rispetto di norme e leggi - Orientamento al Cliente - Soddisfazione delle parti interessate allimpresa - Miglioramenti ottenuti con continuità - Livello di formazione manageriale LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

45 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 45 LO STANDARD SA Il processo attuativo, Certificativo ed i Livelli di riconoscimento

46 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 46 PARTE II: RESPONSABILITÀ SOCIALE DIMPRESA LO STANDARD ISO 26000

47 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 47 ISO Futura norma sulla responsabilità sociale ISO (International Organization for Standardization), costituita nel 1947 comprende oltre 158 enti normatori (31 dicembre 2006) national standards bodies158 member bodies103 correspondent members46 subscriber members9 ISO ha lanciato lelaborazione della futura ISO26000 che fornirà le linee guida per la responsabilità sociale ISO è destinata a tutte le imprese, pubbliche e private di paesi sviluppati e in via di sviluppo La ISO porterà alla creazione di valore aggiunto, diffondendo a livello mondiale le migliori pratiche già stabilite

48 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 48 ISO Struttura organizzativa The ISO WG SR had in November 2007, 406 participating experts, 135 observers from 80 member countries and 37 Liaison organizations.

49 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 49 ISO Categorie di stakeholder Industria (imprese ed associazioni) Governi Lavoratori Consumatori Organizzazioni non governative Altri stakeholders (Mondo accademico,finanza, ecc..) Ogni Ente di Normazione Nazionale può iscrivere al WG ISO sei rappresentanti delle sei categorie di stakeholders individuate. La leadership dei gruppi è suddivisa fra paesi in via di Sviluppo e Paesi Sviluppati SIS (Swedish Standards Institute) e ABNT (Brazilian Assciation of Technical Standards) si dividono la leadership del ISO WG SR

50 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 50 ISO STRATEGIC TASK GROUPS TG 1 Funding and stakeholders engagement: si occupa di trovare finanziamenti per aumentare la possibilità di partecipazione da parte di gruppi con limitate risorse economiche TG 2 Communication: è incaricato di rendere disponibili le informazioni sul gruppo di lavoro in modo da garantire apertura e trasparenza, di sviluppare gli appositi strumenti per la diffusione delle informazioni TG 3 Operating procedures: deve lavorare sulla revisione e sulla messa a punto di nuove procedure riguardanti i processi normativi del gruppo di lavoro

51 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 51 ISO WORKING REPORT ON SR (aprile 2004) La certificazione ha spesso costi proibitivi per le piccole e medie imprese La qualità della sorveglianza offerta dai certificatori non è sempre coerente Esistono metodi più costruttivi rispetto alla certificazione per offrire garanzie La norma non sarà utilizzata a fini certificativi ma sarà una sorta di linea guida ISO Advisory Group

52 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 52 ISO Struttura della norma Introduzione Scopo Riferimenti normativi Termini e definizioni Il contesto di responsabilità sociale nel quale operano le imprese Responsabilità sociale: i principi relativi alle imprese Guida ai temi centrali della responsabilità sociale Guida per le imprese che intendono attuare la responsabilità sociale Allegati Bibliografia

53 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 53 Principle of legal compliance Principle of respect for authoritative inter-governmental Agreements or internationally recognized instruments Principle of recognition of stakeholders and their concerns Principle of accountability Principle of transparency Principle of respect for fundamental human rights Principle of respect for diversity ISO I principi relativi alle imprese

54 Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 54 ISO I temi principali della Responsabilità Sociale Organizational governance (rispetto delle leggi, trasparenza, codici di condotta etici..) Human rights (diritti civili e politici, gruppi vulnerabili, diritto al lavoro...) Labour practices (sicurezza sul lavoro, dialogo sociale, condizioni lavorative...) Environment (responsabilità ambientale, consumo sostenible...) Fair operating practices (norme anti-corruzione, competizione corretta, rispetto per i diritti di proprietà...) Consumer issues (protezione della salute del consumatore, informazione corretta...) Contribution to the community and society (contributo allo sviluppo economico...)


Scaricare ppt "Facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione – A.A. 2010-2011 | Responsabilità sociale dimpresa | Prof. Claudio Cipollini 1 PARTE II: RESPONSABILITÀ"

Presentazioni simili


Annunci Google