La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La disoccupazione nelle alte professionalità: il reinserimento in età adulta. Il caso UnBreakFast Elena DellAiuto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La disoccupazione nelle alte professionalità: il reinserimento in età adulta. Il caso UnBreakFast Elena DellAiuto."— Transcript della presentazione:

1 La disoccupazione nelle alte professionalità: il reinserimento in età adulta. Il caso UnBreakFast Elena DellAiuto

2 Art. 4. La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendono effettivo questo diritto Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilit à e la propria scelta un attivit à o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della societ à (Costituzione Italiana)

3

4 Il termine disoccupazione comprende tutte le persone oltre una certa et à (variabile quindi da Paese a Paese) che nel periodo di riferimento erano: a)senza lavoro, cio è non erano n é occupati alle dipendenze n é occupati in proprio; b)disponibili al lavoro allo stato attuale, cio è disponibili per un lavoro alle dipendenze o all auto impiego; c)alla ricerca di lavoro, cio è che avevano fatto azioni di ricerca attiva. definizione convenzionale internazionale ILO - International Labour Organization

5 Non esiste alcuna definizione di disoccupazione che sia corretta in assoluto … è un fenomeno sociale complesso, articolato, multidimensionale (Pugliese) Non risulta automatica la definizione di disoccupato in termini di non occupato, in quanto esistono, nella realtà, diverse condizioni intermedie di occupazione parziale o di sottoccupazione che rendono problematica lindividuazione di un confine certo tra il gruppo degli occupati e quello dei disoccupati. Analogamente, una parte della popolazione può non rientrare nellambito delle forze lavoro, in quanto non occupate e non alla ricerca attiva di unoccupazione per motivi non derivanti da scelte personali ma, ad esempio, dalla situazione del mercato del lavoro: questo esempio individua il caso dei cosiddetti lavoratori scoraggiati. (Zaccarin)

6

7

8 Popolazione attiva: dai 15 ai 65 anni Età media della popolazione italiana: 43 anni Aspettativa di vita per gli uomini: 78,9 anni Aspettativa di vita per le donne: 84,1 anni Linvecchiamento demografico della popolazione rappresenta un fattore di incidenza sulle trasformazioni in atto nel mondo del lavoro, soprattutto nelle società ad economia avanzata.

9

10

11 Il fenomeno di allontanamento precoce di forze lavoro in età attiva, Over 40, riguarda persone che hanno davanti la seconda metà della loro vita, prevalentemente capifamiglia con figli ancora in età scolare, mutui da pagare, che non hanno versato contributi sufficienti per la pensione o sono, comunque, lontani dalletà per poterla percepire. (Jobless households vs/ famiglia Welfare) Diventa, quindi, un problema prioritario e dalle forti implicazioni sociali mantenere attiva questa parte di popolazione non più giovane, ma non ancora vecchia.

12

13 Lesclusione precoce (media 45 anni) colpisce anche le fasce medio alte della gerarchia aziendale (quadri, dirigenti, manager) e le cosiddette alte professionalità. Causa principale è il dato anagrafico legato ad Inadeguate politiche di selezione e sviluppo (es.carriera troppo veloce e conseguente plafonamento prima dei 40 anni), ridondanza di profili senior, nascita di nuove figure professionali. Il livello di performance si è modificato sia qualitativamente che quantitativamente per adeguarsi alla mutazione del mercato del lavoro.

14

15

16 Globalizzazione, esternalizzazioni, fusioni e crisi economica hanno comportato processi di riorganizzazione e ristrutturazione, riduzioni del personale, cassa integrazione, mobilità nelle grandi imprese e la chiusura di molte PMI. Tra il 2008 e il 2009 sono stati espulsi executive su un totale di manager industriali (fonte Sole24ore)

17 B. Hoffmire Free soup (2010)

18

19 L2wiQZQ5Y&feature=related entItem ea-9b9a-40fa ef59f40b3419.html?p=1 tM&feature=related

20

21

22 UnBreakFast è una libera associazione di professionisti in cerca di nuova occupazione. Obiettivo principale dell'associazione è agevolare dirigenti, quadri e alte professionalità, che hanno temporaneamente sospeso l'attività lavorativa, a trovare una nuova occupazione anche mantenendo vivo e attivo un network di relazioni interpersonali.

23 Nel nome la nostra filosofia UN Breakfast UNBREAK Fast Un BREAKFAST Unbreak FAST

24 Nel panorama delle realtà che si occupano del reinserimento di alte professionalità, ci distinguiamo per la logica proattiva e per la capacità di fare rete. Il rapporto personale che instauriamo con i nostri soci, il fatto di avere una sede fisica e non solo virtuale, fanno sì che il nostro network sia realmente social. (Chiara Bonomi)

25

26 Cè poi lapproccio positivo alla crisi. Non ne posso più di sentire parlare di crisi: noi la cavalchiamo, ribaltiamo la prospettiva attraverso cui interpretarla e la sfruttiamo. Noi parliamo di fase temporanea, di transito tra unoccupazione e unaltra. La crisi è in realtà un momento di riflessione, un modo per scoprire le nostre altre potenzialità, a volte inespresse o soffocate dalla routine. (Chiara Bonomi)

27 Lammissione è soggetta alla verifica della coerenza con i valori e i requisiti di base indicati nello Statuto. Quando ammettiamo un nuovo socio, cerchiamo di capire se è disponibile a rimettersi in gioco e a partecipare attivamente se si aspetta, passivamente, di essere aiutato a trovare un lavoro. Non è questo lo spirito. Non pretendiamo di essere un centro di sostegno psicologico né unagenzia di collocamento. (Massimo Gozzetti)

28 La filosofia di UBF è occupare le persone, coinvolgendole attivamente nella vita dellassociazione. E un modo per mantenere in caldo la propria professionalità e non perdere il ritmo. La dimensione propositiva e proattiva caratterizza lessere soci di UBF insieme allo spirito di collaborazione, condivisione e scambio. Ecco perché, a prescindere dal contesto in cui ci si muove, il nostro modello può essere applicato ovunque. (Massimo Gozzetti)

29 Dai soci ci si aspetta che non chiedano aiuti, ma propongano progetti: per essere soci di UBF è richiesta unesperienza di alta professionalità almeno quindicennale. Quindi, sono tutti manager, persone che ricoprivano ruoli di responsabilità, analizzavano, pianificavano, progettavano, prendevano decisioni. La nostra formula è semplice: Quello che facevi in azienda, lo devi fare per trovare un lavoro. Il problema è che molti, una volta usciti dalla dimensione lavorativa, si scordano cosa hanno fatto per anni: noi glielo ricordiamo. (Massimo Gozzetti)

30

31 Fulcro di UBF è la riunione settimanale, in cui il know-how di ciascuno viene messo a servizio di tutti gli altri soci e si cementa la condivisione valoriale alla base del gruppo. Il processo di socializzazione che si sviluppa durante le riunioni è la base imprescindibile su cui si costruisce lattività di networking. Senza la fase di conoscenza diretta, la comunicazione in rete assumerebbe connotati differenti, più impersonali, che influirebbero sul livello di condivisione e compartecipazione tra gli utenti.

32 UnBreakFast agevola il reinserimento: organizzando la riunione settimanale e gestendo lattività di networking (social network UBF su una piattaforma dedicata e gruppo su Linkedin) per condividere contatti, conoscenze, opportunità Favorendo lavvio di start-up tra soci Organizzando corsi di auto-formazione, per il trasferimento di competenze tra soci come reciproca riqualificazione professionale

33 mettendo a disposizione un network di conoscenze legali, fiscali e anche i giusti contatti per poter accedere, ad esempio, ad eventuali finanziamenti pubblici diffondendo notizie su selezioni, job posting, altre iniziative di formazione, eventi, convegni, ecc. organizzando incontri con esperti di orientamento e selezione, head hunter, manager creando contatti con aziende, anche attraverso sinergie con enti pubblici (es. Regione Lombardia, Provincia di Milano, Ufficio Alte Professionalità)

34 facendo attività di comunicazione e gestendo i rapporti con i media attivando convenzioni con enti di formazione, esercizi stimolando la condivisione e il confronto di storie ed esperienze professionali e di vita per affinare le competenze comportamentali e di comunicazione e come strumento di sostegno psicologico ed emotivo

35

36 UnBreakFast ha, per precisa scelta gestionale, pochi soci ordinari, ma numerosi soci sostenitori e una nutrita rete di simpatizzanti. Il numero dei soci attivi è fortemente soggetto a fluttuazioni dovute al costante turnover. Volumi di contatti: dal 2007 UBF ha risposto a circa di informazione e ha condotto colloqui individuali con 840 persone.

37

38

39

40

41

42

43

44 La ricerca Al fine di rilevare la percezione interna del fenomeno della disoccupazione in età matura, è stata condotta una ricerca attraverso la somministrazione via ai soci di un questionario strutturato in maniera mista (domande chiuse, semichiuse e aperte) e accompagnato da una lettera di presentazione e invito alla compilazione, oltre alle istruzioni. In totale sono stati compilati 26 questionari. La raccolta dei dati si è svolta anche sul campo, assistendo alla riunione settimanale, ad un incontro con esperti e attraverso colloqui con i responsabili e alcuni soci di UnBreakFast.

45 Composizione del campione Genere: 9 donne, 17 uomini Range di età: anni (media 51 anni) Titolo di studio: 18 laurea (V.O.), 8 diploma secondaria sup.re Periodo di disoccupazione: mesi (media 13 m.) Ultimo lavoro: 19 CTI, 2 CTD, 5 consulenza Settore: 7 industriale, 6 marketing pubblicità comunicazione, 5 servizi alle imprese, 3 ICT, 2 finanza, 1 P.A., 1 turistico alberghiero, 1 moda Motivo cessazione: 15 licenziamento, 5 scadenza contratto, 3 dimissioni, 2 chiusura / fallimento, 1 motivi personali

46 Ricerca di nuova occupazione Canali privilegiati

47 Ricerca di nuova occupazione I più usati sul web

48 Ricerca di nuova occupazione I più efficaci

49 Ricerca di nuova occupazione Fattori di influenza negativi

50 Ricerca di nuova occupazione Fattori di influenza positivi

51 Il campione predilige strumenti più moderni (social network, sito web) ai canali tradizionali, che godono di minore fiducia. Lalto numero di preferenze date al passaparola, alla rete di relazioni professionali e alla rete di amicizie, come anche alle raccomandazioni, evidenzia che laspetto relazionale è percepito come prioritario tra i fattori che agevolano il reinserimento. I fattori percepiti, invece, come le principali criticità sono letà e lesperienza, a cui sono collegati da un rapporto di interdipendenza lalto profilo, lalto costo, la poca flessibilità e la troppa autonomia.

52 Aspettative e disponibilità al cambiamento 15 intervistati ritengono di avere basse probabilità di reinserimento nei prossimi 6 mesi,5 medie e 2 nessuna. 9 pensano ad unattività autonoma o di consulenza mentre 8 continuano a cercare un impiego manageriale. I restanti cercano unoccupazione di basso profilo. 25 hanno frequentato uno o più corsi negli ultimi due anni. Più della metà è convinto di essere del tutto in possesso delle competenze per reinserirsi, il resto in parte. 19 ritengono che la propria professionalità sia spendibile anche allestero e 15 sono disponibili a trasferirsi. Su grandezze simili la disponibilità a cambiare retribuzione, qualifica (inferiori), settore, città, regione.

53 Ripercussioni negative e positive Per tutti gli intervistati lo stato di disoccupazione ha comportato grossi cambiamenti nella loro vita sia positivi che negativi, a livello sociale, familiare, di salute, economico, di abitudini e comportamenti. Tra gli effetti positivi: lopportunità di cambiamento, inteso come personale e professionale, la rivalutazione di sé stessi, la scoperta / sviluppo di nuove competenze e stimoli, un ritrovato equilibrio psico-fisico, ma soprattutto più tempo per gli affetti e per coltivare interessi, sport, ecc.

54 Ripercussioni negative e positive Tra gli effetti negativi: prevalgono le ripercussioni sullo stato di salute psico-fisica in generale (elevati livelli di stress, ansia, depressione, esaurimento nervoso, somatizzazioni, frustrazione) e sulle relazioni sia a livello familiare (tensioni, separazioni) che amicale (autoesclusione, anche per problemi economici) e sociale (scomparsa del ruolo, ci si sente esclusi, diversi, invisibili). Di varia entità i problemi economici e i conseguenti cambiamenti di abitudini e comportamenti.

55 Il rapporto con UnBreakFast Gli intervistati sono venuti a conoscenza di UBF prevalentemente attraverso il passaparola e hanno a loro volta segnalato lassociazione. Si sono associati per incontrare e confrontarsi con persone nella stessa situazione e con problemi simili, per ricollocarsi e avere accesso a opportunità professionali. Sono interessati allattività di networking, di formazione, di sostegno al reinserimento.

56 Il rapporto con UnBreakFast Apprezzano lo spirito di gruppo, la serietà, la preparazione, la qualità dellinformazione, linformalità, la capacità di coinvolgere, incoraggiare, sostenere, lottimismo, la capacità propositiva, la proattività. Il senso di appartenenza è diffuso e motivato dalla solidarietà, dalla condivisione emotiva e valoriale con persone che hanno un destino comune, dal coinvolgimento in prima persona.

57 Il rapporto con UnBreakFast Tra i vantaggi tratti dallesperienza in UBF: maggiore autostima, acquisizione di unidentità (presentarsi come membri UBF), rivalutazione critica e costruttiva della propria esperienza, opportunità di formazione e riqualificazione, sviluppo di nuovi contatti (la rete), supporto tecnico / specialistico, informazioni utili, job posting. Tra i punti di forza: etica, trasparenza, tenacia, serietà e competenza di gestori e soci, rapporti umani, incontri settimanali, networking sociale e non solo virtuale.

58 Conclusioni La valenza di UBF sta nellavere individuato una formula innovativa di sostegno, in base alla quale la persona non è passiva, non riceve un aiuto dallalto attraverso formule preconfezionate, ma si cosruisce attivamente in prima persona, insieme al gruppo, gli strumenti e le occasioni di reinserimento. UBF reinterpreta e fa proprie le logiche più attuali della compartecipazione, dello scambio di conoscenza e del crowdsourcing, proponendosi alle realtà in mutazione del mercato del lavoro come un soggetto interlocutore, attraverso il quale le persone possono farsi portatrici di idee innovative.

59 Grazie dellattenzione! Elena DellAiuto


Scaricare ppt "La disoccupazione nelle alte professionalità: il reinserimento in età adulta. Il caso UnBreakFast Elena DellAiuto."

Presentazioni simili


Annunci Google