La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 1 4 4 3 3 2 2 5 5 école élémentaire 1 1 4 4 3 3 2 2 Collège 2 terminale 1 Lycée 6 anni 18 anni 17 anni 16 anni 15 anni 14 anni 13 anni 12 anni 11.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 1 4 4 3 3 2 2 5 5 école élémentaire 1 1 4 4 3 3 2 2 Collège 2 terminale 1 Lycée 6 anni 18 anni 17 anni 16 anni 15 anni 14 anni 13 anni 12 anni 11."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4 école élémentaire Collège 2 terminale 1 Lycée 6 anni 18 anni 17 anni 16 anni 15 anni 14 anni 13 anni 12 anni 11 anni 10 anni 9 anni 8 anni 7 anni

5 Lycée lycée denseignement général lycée technologique lycée professionnel

6 Lycée denseignement général Scienze economiche e sociali Scienzelettere

7

8

9

10

11

12 Enseignement primaire Professionnel École maternelle Artistique Technique Général Enseignement secondaire

13

14

15

16 Le guerre della scuola rappresentano le crisi politiche e sociali che il Belgio ha attraversato tra il 1879 e il 1884, la prima e tra il , la seconda. Dopo il 1830, sono stete create numerose scuole cattoliche dai gesuiti Nel 1842, data dellindipendenza dl Belgio, il governo unioniste istituì la scuola elementare cattolica sotto la sorveglianzxa del clero, gratuita ma nion obbligatoria. I comuni più poveri sarebbero stati aiutati dallo Stato.1842unioniste En 1846, il governo ha istituito le prime scuole pubbliche indipendenti dallinfluenza religiose. Le lezioni di religione erano facoltative ma lo Stato si riservava il diritto di rifiutare insegnanti di religione nominati dal Vescovo, di controllare libri e budget. Ciò portava ad una progressiva disparizione della scola libera e cattolica. L'adozione della legge sostenuta da Frère- Orban marcò la rottura definitiva tra ilo partito mliberale e l'unionisme. Il clero rifiutò di isnegnare nelle scuole pubbliche.1846Frère- Orbanunionisme La « legge della sciagura » (1879) Le 21 janvier 1879, il governo presentò una legge che prevedeva che ogni comune dovesse possedere almeno una scuola elementare laica e neutrale, dove non si impartivano corsi di religione e eliminavano il contributo alle scuole libere., cioé cattoliche.21 janvier1879 Le roi Léopold tentò una mediazione difficile. Jules Malou, leader dei cattolici definì la legge in un suo intervento alla camera, una « legge di guerra, di divisione e di disgrazia ». La legge fu votata alla camera con 67/61 e una astensione e al Senato 33/31 e una astensione.Léopold tentò una mediazione difficile. Jules Malou La reazione dellepiscopato I vescovi del Belgio emanarono delle indicazioni pastorali, nelle quali si prevedava il rifiuto dellestrema unzione agli insegnanti delle scuole pubbliche, ai figli e ai loro genitori. Essi ordinarono ai preti di ogni parrocchia di prire una scuola libera in ogni parrocchia. Queste scuiola conobbero un grande successo, malgrado i problemi finanziari risolti in parte da donazioni di privati. Frère-Orban iniziò una trattativa col Vaticano, sperando di ottenere una nota di biasimo contro i vescovi, nota che non ebbe. Allora egli ritirò lambasciatore belga presso la Santa Sede, il 5 giugno giugno1880 Le reazioni del governo Contrariamente alle scuole libere, le scuole pubbliche ebbero grandi difficoltà a trovare studenti, soprattuttto nelle scuole rurali. La stampa diede grande eco al caprone di Châtillon, unico frequientante la scuola del paese.Châtillon Il governo reagì: i funzionari dovevano iscrivere i loro figli nelle scuole pubbliche, pena sanzioni. I docenti delle scuole libere furiono minacciati di perdere i lotro diritti, assegni familiari. L11 juin 1884, i liberali conobbero un vero disastro elettorale, Frère-Orban didee le dimissioni. I cattolici conservarono la maggioranza assoluta dfinmo alla prima guerra mondiale.11 juin1884 La réaction catholique

17 Les structures de concertation Au niveau de l'établissement scolaire Au niveau départemental Aux niveaux régional et académique

18 Les principales nouveautés de la première La constitution dun ensemble denseignements communs (français, langues vivantes, histoire-géographie, EPS, ECJS) représentant 60 % de lemploi du temps. Cette mesure, renforcée par les stages « passerelles », permet les corrections de trajectoire. Le rapprochement des enseignements généraux de la voie technologique et de la voie générale. 2 h hebdomadaires daccompagnement personnalisé au cours duquel lélève définit un projet dorientation, approfondit un travail personnel ou bénéficie dun soutien. La possibilité de constituer des classes réunissant des élèves de différentes séries, en particulier pour les groupes de compétences en langues. La mise en oeuvre de stages de remise à niveau pour les élèves volontaires souhaitant éviter le redoublement. Ces stages se déroulent au cours de lannée scolaire ou pendant les vacances. Un tutorat pour lorientation proposé à tous les élèves pour les conseiller et les guider dans leurs choix dorientation. Des groupes de compétences constitués au profit des élèves pour améliorer lapprentissage des langues.

19

20 Le monde bouge…pourquoi pas nous? 300 décisions pour changer la France Au commencement, le savoir Decisione 2: -Repenser le socle commun des connaissances pour y ajouter le travail en groupe, langlais, linformatique et leconomie.(saperi minimi essenziali); Decision 4 : - Engager les ètablissements du primaire au secondaire sur la rèussite de tous leurs élèves; (no left child…) Decision 6: - permettre aux parents de choisir librement le lieu de scolarisation de leurs enfants; Decision 7: - Refonder linformation sur lorientation..et prendre davantage en conpte leas attitudes… Décision 8:- développer les stages en ebntreprises Décision 10: - Mettre en place Au collége un service civique hebdomadaire

21 Abbiamo bisogno di lavoratori competenti o di cittadini critici? l'approccio per competenze » in opposizione a « l'ampliamento delle conoscenze ». (Nico Hirtt, belga) François Perrenoud /Nico Hirtt Lécole nest pas une entreprise (Christian Laval)

22 Lex ministro Xavier Darcos costretto a ritirare la riforma del liceo e, Il 24 giugno 2009, spostato ad altro ministero. Gli è subentrato Luc Chatel. Il 13 ottobre 2009, il presidente della Repubblica N. Sarkozy e il Ministro dellEducazione Nazionale, Luc Chatel hanno tenuto allEliseo un discorso di presentazione della nuova riforma del liceo.discorso Septembre 2010 Classe de seconde Septembre 2011 Classe de première Septembre 2012 Classe terminale

23 La grille horaire de la nouvelle classe de seconde En outre, les lycéens peuvent bénéficier dun enseignement facultatif de 3 heures ainsi que dun atelier artistique.

24 Mieux accompagner chaque lycéen. « Accompagnamento» personalizzato per tutti costituito da: 1.sostegno, approfondimento e orientamento (lorientamento fa parte integrante dell accompagnamento e dellorario settimanale, realizzato da un tutor della classe) 2.Passerelle 3.Attività di Stage 4.Possibilità di scelta (di alcune materie) sin dalla seconda classe 5.TPE (Les travaux personnels encadrés, lavori di gruppo e pluridisciplinari) 6.Migliore informazione

25 Mieux s'adapter à son époque 1.Un lycée qui favorise lapprentissage des langues vivantes Un lycée qui favorise laccès à la culture Un lycée qui favorise la responsabilisation des lycéens 2.linsegnamento di una disciplina générale proposta in lingua straniera. CLIL è l'acronimo di Content and Language Integrated Learning. Si tratta di una metodologia didattica che prevede l'insegnamento di una disciplina in lingua straniera veicolare. I contenuti e gli argomenti sono trattati esclusivamente in lingua straniera.acronimo 3.Linsegnamento della letteratura straniera in lingua straniera; 4.La possibilità, per gli studenti, di studiare una terza lingua straniera; 5.La presenza di un docente « referente culturale », incaricato di animare la vita culturale allinterno della scuola attraverso partnenariati e rapporti con strutture culturali e artistiche in Francia e allestero; 6.Una scuola superiore che favorisce lassunzione di responsabilità degli studenti; 7.Una nuova rappresentanza degli studenti; 8.lifting dei regolementi; 9.I rappresentanti degli studenti beneficieranno di una formazione per meglio realizzare il proprio ruolo; 10.Attività di Volontariato; 11.Libretto delle competenze

26

27 In Belgio, la metà degli studenti frequentano scuole cattoliche. Le metodologie e i programmi sono di competenza del PO (scuole libere, comunità, comuni, provincie) Due poteri pubblici che coabitano con difficolotà: laici e religiosi;

28 Les grands principes Il sistema formativo belga è il risultato del « patto della scuola », una legge votata il 29 mai mai1959 Ia legge definisce i grandi principi del sistema formativo belga. Il Patto è un accordo relativo al sistema scolastico stipulato dai maggiori partiti dellepoca e ratificato nel 1959 dal governo belga.1959 Questo accordo mise fine alla seconda guerra della scuola. La guerra è una crisi politica che agitò il Belgio dal 1950 al 1959 e si conclue con il Patto della scuola. En 1950, le Parti social-chrétien vinse le elezioni amministrative e il Ministro dellIstruzione, Pierre Harmel, incrementò i contributi alle scuole libere, prevalentemente cattoliche.1950Parti social-chrétienPierre Harmel En 1954, le Parti social-chrétien fu battuto alle elezioni dai socialiste-libéral, che adottarono una serie di misure tendenti a diminuire le sovvenzioni alle scduole cattoliche. Le misure scatenarono grandi manifestazioni che portarono alle tre grandi manifestazioni a Bruxellles, il 15 marzo 1955.Parti social-chrétiensocialistelibéral I socialisti-cristiani-socialisti persero le elezioni e fu siglato dal governo successivo un Patto della scuola, il 6 novembre La legge fu votata il 29 maggio La liberté de l'enseignement La gratuité La neutralité La laïcité L'obligo scolastico Le socles des competences (saperi mini essenziali)


Scaricare ppt "1 1 4 4 3 3 2 2 5 5 école élémentaire 1 1 4 4 3 3 2 2 Collège 2 terminale 1 Lycée 6 anni 18 anni 17 anni 16 anni 15 anni 14 anni 13 anni 12 anni 11."

Presentazioni simili


Annunci Google