La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SOCIOLOGIA della DEVIANZA A.A. 2009/2010 Materiale didattico a cura di A.M. Leonora UNIVERSITÁ di CATANIA Facoltà di Scienze della Formazione 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SOCIOLOGIA della DEVIANZA A.A. 2009/2010 Materiale didattico a cura di A.M. Leonora UNIVERSITÁ di CATANIA Facoltà di Scienze della Formazione 1."— Transcript della presentazione:

1 SOCIOLOGIA della DEVIANZA A.A. 2009/2010 Materiale didattico a cura di A.M. Leonora UNIVERSITÁ di CATANIA Facoltà di Scienze della Formazione 1

2 COSÈ UN FENOMENO DI DEVIANZA Il comportamento che si discosta dalle regole sociali o dalle norme. La reazione di una parte sociale a comportamenti o atteggiamenti non riconosciuti come conformi. Le due possibili definizioni mettono in luce la diversità dei due approcci di studio e di ricerca: losservazione sociologica si divide, dunque, nelle due prospettive della devianza e dellordine /controllo sociale 2

3 DUE DEFINIZIONI Il concetto di devianza: il comportamento deviante è quel comportamento che viola le aspettative istituzionalizzate di una data norma sociale. Il concetto di controllo sociale: linsieme delle risorse materiali e simboliche di cui una società dispone per assicurare la conformità del comportamento dei suoi membri ad un insieme di regole e principi prescritti e sanzionati. 3

4 TRE CONCETTI FONDAMENTALI e DISTINTI comportamento o condotta agire sociale aspettative di comportamento tre concetti riferiti a soggetti individuali o collettivi 4

5 Può essere considerata una sottodisciplina. Prende in considerazione il comportamento deviante. Osserva i meccanismi di risposta alla devianza. Sempre relativamente alle azioni e alle relazioni esterne ed osservabili dei soggetti sociali. 5

6 Loggetto di studio della disciplina è: 1. la devianza (con riferimento a comportamenti che violano norme); 2. non soltanto crimini ma anche comportamenti/problemi (tra cui quelli criminali) di violazione delle norme anche sociali; Linterrogativo sociologico principale è: perché il crimine, perché la violazione delle norme? 6

7 1. Comportamento valutato negativamente dalla maggioranza dei membri della società. 2. Scostamento dalla media dei comportamenti sdandardizzati. 3. Violazione delle regole sociali relative ai ruoli sociali. 4. Attribuzione di non conformità da parte del/gli individui che sono in contatto con il fenomeno diretto. Date queste premesse: si può arrivare a definire in modo costante e condiviso che cosa è deviante e cosa non lo è? 7

8 1. Un gruppo che riconosca e condivida la definizione. 2. Lesistenza di norme e aspettative di comportamento. 3. Il riconoscimento (soggettivo) della valutazione negativa del comportamento non conforme. 4. La reazione al comportamento non conforme. 5. Lesistenza di sanzioni o conseguenze negative. Si evidenzia una relazione bidirezionale tra devianza e specifico sistema culturale e normativo 8

9 DEVIANZA E CRIMINALITÀ Criminalità è la non osservanza di norme giuridiche sanzionate dal codice penale proprio di una società. Siamo nellordine dei reati. Devianza è tutto ciò che si discosta dalle regole, anche quelle non scritte della società o di una sua parte o di una delle dimensioni della vita quotidiana. Concetti collegati: disadattamento, disagio, emarginazione, criminalità 9

10 IL CONTROLLO SOCIALE 1. È una manifestazione di potere e/o autorità allo scopo di riconoscere e mantenere valide le regole del gruppo sociale. 2. È un universale culturale. La tipologia di controllo sociale prevede: 1. Controllo sociale primario – informale/ relazionale 2. Controllo sociale secondario – formale/ istituzionale 3. Autocontrollo 10

11 TEORIE DEL CONSENSO E TEORIE DEL CONFLITTO Le teorie del consenso si pongono nella prospettiva dellordine sociale (devianza = patologia sociale). Le teorie del conflitto si pongono nella prospettiva del confronto tra elementi diversi della società (devianza = cambiamento). Il concetto di controllo sociale assume contenuti opposti e speculari nelle due differenti prospettive. 11

12 TEORIE MACRO-SOCIALI E TEORIE MICRO- SOCIALI Di ogni fenomeno deviante si possono mettere in luce – come fattori propulsivi del comportamento deviante – per un verso caratteristiche generali e strutturali della società, per un altro verso le relazioni interpersonali ed i processi di socializzazione e di costruzione dellidentità. Esempio di Teorie macro è lo struttural- funzionalismo. Esempio di Teorie micro è linterazionismo simbolico. 12

13 Lambiente culturale ed intellettuale è fortemente influenzato dal pensiero illuminista e possono essere individuati alcuni criteri fondamentali che si ritrovano in tutti gli studi che si interessano al fenomeno. Preoccupazione per lordine sociale. Certezza dei diritti delluomo e della libertà umana come diritto fondamentale. La ragione come fondamento guida dei comportamenti umani. Luomo come essere razionale che realizza i suoi progetti sulla base del piacere. Fiducia nella legge. 13

14 Cesare Beccaria si riferisce alla concezione delluomo razionale e soggetto di diritti e dignità. Il suo sforzo intellettuale è volto a migliorare il sistema normativo, giudiziario e sanzionatorio. Egli insiste su due criteri fondamentali: il principio di responsabilità e il principio delladeguatezza o equità. Nella sua opera più famosa ribadisce la convinzione che il principio normativo, il concetto di diritto, è connaturale alluomo. 14

15 Il positivismo ha fortemente influenzato i primi studi sul fenomeno deviante. Questa prospettiva sottolinea limportanza dellapplicazione dei criteri scientifici allosservazione ed analisi dei comportamenti devianti. Inoltre, considera senza preconcetti politici e/o ideologici le reali condizioni sociali dove si sviluppano i fenomeni devianti. Si ricorre alle nuove discipline come la psicologia e la sociologia evoluzionista. Il positivismo sottolinea limportanza dellautorità legittima. 15

16 Lombroso (1835–1909) mette in relazione le caratteristiche fisiche dei soggetti e la loro vocazione a commettere reati. Sheldon (1940 c.a) propone tre tipi di costituzione fisica ai quali corrispondono personalità diversamente orientate al crimine: 1. Endomorfo: grassoccio, soffice, arti corti; temperamento placido e socievole. 2. Mesomorfo: imponente, muscoloso, agile; temperamento aggressivo, irrequieto, instabile. 3. Ectomorfo:magro e fragile; temperamento introverso e nervoso. 16

17 Levoluzionismo (in ambito sociologico) è un approccio scientifico ed una prospettiva teorica che vede nellevoluzione il tratto fondamentale delle dinamiche sociali. Il tratto fondamentale dellevoluzionismo è il progresso. Comte parte dalla distinzione necessaria tra potere politico, potere morale e potere intellettuale nelle società. Per la prima volta i fenomeni devianti sono intesi quale patologia sociale. 17

18 La scoperta della regolarità e della ricorrenza del verificarsi di fenomeni devianti porta ad utilizzare la statistica e la matematica per la lettura dei comportamenti criminali. Autori come Quètelet e Guerry mettono in relazione alcuni tipi di reato con variabili quali letà, il genere, la professione, il livello distruzione, la stagione, il clima… Durkheim, e la sua ricerca sul suicidio, si colloca in linea di continuità con questi due autori. Secondo Durkheim non è possibile una società senza devianza. La devianza svolge una funzione di rafforzamento della struttura normativa nella coscienza collettiva. 18

19 Attraverso il processo di socializzazione si diventa membri della società passando dallunicità della propria esperienza alla consapevolezza dellinsieme/ tutto sociale. La coscienza collettiva Laltro significativo Laltro generalizzato Modelli di socializzazione: 1. socializzazione primaria 2. socializzazione secondaria 3. socializzazione anticipatoria 5. ri-socializzazione 19

20 Durkheim si chiede non tanto Perché alcune persone commettono dei reati? ma: Perché la maggior parte delle persone non li commette?. Risposta: perché è frenata dal farlo. Due concetti importanti vengono evidenziati nelle sue opere: la solidarietà e il controllo sociale. Nella prospettiva della solidarietà il controllo sociale assume due caratteri fondamentali: È interno e diretto – imbarazzo, senso di colpa, vergogna. È interno e indiretto – attaccamento emotivo agli altri, necessità di non perdere la loro stima e la loro collaborazione (interdipendenza sociale). 20

21 In ogni società, la divisione del lavoro sociale svolge la funzione di produrre solidarietà sociale. Il diritto – sia formale sia informale - è espressione delle principali forme di solidarietà sociale. Esistono due diverse specie di diritto: il diritto a sanzione repressiva; il diritto a sanzione restitutiva. A diverse specie di diritto corrispondono diverse forme di solidarietà sociale: 1. le norme del diritto a sanzione repressiva sono espressione di istanze forti della coscienza collettiva, nelle quali tutti si identificano; 2. sullesistenza e sullosservanza delle norme del diritto a sanzione repressiva si fonda la solidarietà meccanica; 3. la solidarietà meccanica è analoga alla coesione che tiene uniti gli elementi costitutivi dei corpi materiali; (De la division du travail social, 1893) 21

22 Le norme del diritto a sanzione restitutiva sono espressione delle esigenze di regolazione funzionale della società, derivanti dalla divisione del lavoro sociale. Sullesistenza e sullosservanza delle norme del diritto a sanzione restitutiva si fonda la solidarietà meccanica. La solidarietà organica invece è analoga alla coesione che tiene uniti gli elementi costitutivi dei corpi viventi. Sono cause primarie della divisione del lavoro sociale: il volume della società; la densità materiale della società; la densità dinamica della società. 22

23 Considerando il suicidio come fatto sociale si osserva che: 1. il tasso dei suicidi varia in ragione inversa al grado dintegrazione della società religiosa, della società domestica, della società politica, ovvero dei gruppi sociali di cui gli individui fanno parte; 2. il tasso dei suicidi varia in ragione dellandamento della situazione economica: aumenta nei periodi di crisi, sia negativa che positiva; 3. in questo caso, il suicidio è di tipo anomico: le crisi economiche determinano una situazione di anomia, ovvero una crisi della sfera normativa e valoriale che indebolisce e riduce lintegrazione sociale; 4. la causa sociale del suicidio, considerato come fatto sociale, è lanomia. (Le suicide, 1897) 23

24 Il pensiero e lapproccio di Weber pongono le basi che rivalutano il carattere culturale delle società. Capisaldi della sua impostazione teorica sono: lautonomia delle scienze dello spirito – o delle scienze della cultura o delle scienze umane – nei confronti delle scienze naturali; lunicità e irripetibilità dei fenomeni storico-sociali; le scienze sociali come scienze idiografiche; il metodo comprendente. 24

25 1. Potere razionale o legale, legittimato da leggi, si basa sul riconoscimento sociale della legalità di ordinamenti statuiti e del diritto di comando di coloro che sono chiamati ad esercitarlo. 2. Potere tradizionale, legittimato dalla tradizione, si basa sulla credenza del carattere sacro delle tradizioni valide da sempre e sul riconoscimento della legittimità di coloro che sono chiamati a rivestire unautorità in base a tali tradizioni. 3. Potere carismatico, legittimato dal carisma, si basa sul riconoscimento sociale di un requisito eccezionale – carattere sacro, valore esemplare, forza eroica, ecc. - attribuito a un individuo e sulla sottomissione incondizionata allautorità che ad esso deriva dallattribuzione di tale requisito. (M. Webr, Wirtschaft und Gesellschaft, 1922) 25

26 Ogni interazione sociale è ambivalente: in essa coesistono armonia e contrasto. In tutti i gruppi sociali/ società integrazione e conflitto sono in un rapporto di reciprocità: la sintesi delluna e dellaltro è lelemento dinamico che caratterizza ogni realtà sociale. Il conflitto può svolgere una funzione sociale positiva. Conflitto nei gruppi: rafforza lidentità sociale del gruppo; consente il controllo delle tensioni interne; risolve lopposizione tra tendenze contrastanti. (G. Simmel, Soziologie, 1908) 26

27 Conflitto tra gruppi: rafforza la coesione interna di ciascuno dei gruppi contendenti; attiva nuove interazioni tra gruppi in precedenza privi di ogni rapporto, quando si conviene di definire e rispettare norme regolatrici del conflitto stesso; consente uneffettiva valutazione dei rapporti di forza tra i contendenti; promuove alleanze tra gruppi altrimenti privi di rapporti reciproci. 27

28 Le ricerche si svolgono su tematiche precise e ricorrenti: – bande giovanili – vagabondi – criminalità organizzata. Park: regioni morali della città = aree nelle quali prevalgono codici normativi specifici, anche in parziale contrasto con le norme del sistema sociale generale. Shaw e McKay : confronto dei tassi di delinquenza nei diversi quartieri di Chicago, trasmissione culturale della devianza. 28

29 1. Vicinanza ai temi antropologici. 2. Luso del metodo etnografico. 3. Ricerche su identità e integrazione. 4. Centralità della cultura (la realtà oggettiva è mediata dai valori). 5. Teoria delluomo marginale. 6. Diversità e conflittualità nella vita urbana. 7. Disorganizzazione sociale. 8. La cultura cittadina e le sue zone. 9. Vita quotidiana devianza e mutamento sociale. 29

30 Un valore è una meta culturale socialmente condivisa cui viene attribuito, in una determinata società, il requisito della desiderabilità. I valori si collocano nella sfera ideale, nella dimensione del dover essere o del voler essere, ma esercitano uninfluenza diretta nella sfera reale orientando lagire sociale. Un orientamento di valore è un insieme coerente di valori rivolti verso la medesima direzione. 30

31 Autori: R. Park, Burgess, C. Shaw e H. McKay (Scuola di Chicago) Periodo: Primi anni 30 del XX sec. Contesto: rapida urbanizzazione ed immigrazione delle metropoli USA Spiegazione: i tassi di criminalità variano al variare della zona della città e ad avere maggiori tassi di reati sono le zone in cui vi è maggiore disorganizzazione sociale 31

32 La realtà sociale è dunque oggettiva ma modificabile da parte del soggetto che linterpreta secondo gli schemi e i valori acquisiti nel suo processo di socializzazione. Le diversità tra uomini (immigrati) non sono diversità biologiche ma provengono da un diverso patrimonio culturale. Lidentità dellindividuo è una identità sociale. La cultura è un adattamento immaginato e controllato dalluomo più funzionale delladattamento genetico perché più flessibile e più facilmente trasmissibile. La cultura permette di adattarsi allambiente e di adattare lambiente a sé. 32

33 Lintegrazione degli immigrati polacchi in USA Uso di fonti documentali di tipo diverso Prospettiva del controllo sociale Ordini e proibizioni in situazione di disorganizzazione sociale Concetti correlati: disorganizzazione individuale, atteggiamenti, comportamenti, valori, usi e costumi. Approccio evoluzionista/ecologico e scala dei bisogni: Atteggiamenti emergenti e tipi sociali. (Il contadino polacco in Europa e in America, ) 33

34 Luomo marginale e luomo asociale Conflitto, antagonismo e controllo sociale Prospettiva del controllo sociale come accordo e assimilazione Distanza sociale e attribuzione di status Le fasi del mutamento sociale Il concetto di persona sociale e le zone del contesto urbano. Le teorie del decentramento centralizzato e della successione. 34

35 Lanalisi del contesto abitativo: la goald coast, le camere ammobiliate, gli artisti, i vagabondi, gli slums. Gli hobo. Regole della giungla e controllo sociale. Relatività della definizione di devianza. Concetti correlati: aree naturali (omogeneità individuale) e aree sub-culturali, contagio sociale. Il problema delle seconde generazioni e delle aree interstiziali. Associazione differenziale e bande giovanili. La dimensione individuale e il contesto ambientale. 35

36 Il progetto Chicago Area Project. La ricerca di Shaw e McKay sulla delinquenza giovanile (1942). Le zone della città e le mete sociali. La sub-cultura urbana e la trasmissione culturale della devianza. Anche il comportamento criminale è appreso (Sutherland e Crassey). Il crimine è originato dalle contraddizioni sociali. La ricerca su Little Italy di White (1943). 36

37 La corrente di pensiero che si sviluppo negli USA tra gli anni 40 e gli anni 60 viene detta Struttural-Funzionalismo e rispetto le tematiche della devianza e del controllo sociale considera i fenomeni devianti una sorta di patologia sociale. Riprendendo limpostazione durkheimiana ci si interroga sul perché la gran parte dei membri di una società non devia non commette atti devianti. 37

38 Parsons parte dalla necessità di capire attraverso quali dinamiche di integrazione laggregato umano si mantiene coeso e si riproduce nel tempo. Parsons propone uno schema teorico-esplicativo che evidenzia le condizioni di stabilità e coerenza dellaggregato umano. Come viene concepito il comportamento deviante allinterno della teoria di Parsons? 38

39 Lattore sociale compie unazione che può essere definita sociale quando questa viene messa in atto volontariamente e consapevolmente in un contesto di relazioni in cui sono noti i fini da raggiungere ed i mezzi e le norme per farlo. Ogni soggetto agisce tenendo conto delle aspettative reciproche rispetto alle posizioni sociali proprie e dei soggetti che lo circondano. Normalmente agisce in conformità a valori culturali, norme e simboli condivisi. 39

40 Il sistema sociale viene dunque definito dallinsieme delle interazioni che si svolgono sulla base degli status e dei ruoli dei soggetti. Lordine sociale è la risultante della consapevolezza dei soggetti rispetto la condivisione di un nucleo di regole e linteriorizzazione dei valori culturali di riferimento. Ogni violazione delle aspettative metterà in atto delle reazioni. Ogni sottosistema genera alternative di ruolo che rimandano ad aspettative ed azioni non omogenee. 40

41 Le alternative di ruolo sono definite da Parsons come variabili strutturali. Le variabili comportano differenti scelte in relazione al sistema o al sottosistema. 1. Impulsi biologici e affettività vs autocontrollo e neutralità; 2. Interesse privato vs interesse pubblico; 3. Universalismo vs particolarismo; 4. Realizzazione vs attribuzione rispetto loggetto dellazione; 5. Specificità vs diffusione 41

42 I diversi sottosistemi svolgono ciascuno una funzione e garantiscono ladeguatezza di ciascuna parte al sistema. Così nasce lo schema AGIL secondo cui il sistema sociale si mantiene stabile e coeso. Nella determinazione del comportamento deviante Parsons assume la prospettiva individuale rispetto al controllo sociale. La genesi della motivazioni alla devianza si trova nel sistema di interazione tra soggetti. 42

43 43 SISTEMA DELLAZIONE SOCIALE E SUE PARTI La cultura svolge la funzione della latenza, fornisce allattore sociale (il soggetto che agisce) la motivazione ed il senso allazione attraverso i valori, le norme, le idee che gli individui apprendono ed interiorizzano durante il processo di socializzazione. Ogni gruppo sociale definisce ciò che è o non è deviante sulla base di valori sociali condivisi. La devianza non è una caratteristica interna allazione ma esterna. Il verificarsi di un comportamento deviante ha dunque la funzione di definire i confini del gruppo. A I G L

44 Secondo Merton la struttura sociale è distinta dalla struttura culturale. Lanomia di Merton non è unassenza di norme ma una frattura nella struttura culturale rispetto le capacità di adattamento socialmente prodotte dei singoli soggetti. In questo prospetto di dinamiche sociali assume grande importanza la socializzazione. 44

45 La devianza è definita in rapporto a norme contraddittorie La struttura sociale esercita su alcuni individui una pressione a deviare quando le mete culturalmente condivise e i mezzi socialmente accettati per raggiungerle non sono ugualmente alla portata dei soggetti agenti. 45 Modalità di adattamento Mete culturaliFini istituzionali Conformità ++ Innovazione +- Ritualismo -+ Rinuncia -- Ribellione + -

46 Incidenza del gruppo sulle capacità e motivazioni decisionali. La ricerca sui Corner Boy: esistono diverse alternative per raggiungere le ricompense sociali e la stessa situazione può portare soggetti diversi a mettere in atto strategie differenti. La determinante è il gruppo sociale e il grado di integrazione culturale del soggetto rispetto ad esso. Socializzazione e incoerenza/contraddittorietà dei valori culturali. 46

47 La necessità di superare le regole che riproducono lo stato di disagio e svantaggio sociale porta alla nascita della sub- cultura deviante cioè nuove regole e nuovi modelli di comportamento per raggiungere le stesse mete sociali. Fattori incidenti nella teoria di Cohen: 1. disgregazione sociale; 2. valori alternativi per la competizione di status; 3. integrazione del gruppo sub-culturale e produzione della devianza. 47

48 Partendo dalla prospettiva mertoniana di mete e mezzi nella struttura sociale ipotizzano lesistenza di una struttura alternativa che offre opportunità e mezzi illegittimi. Individuano tre tipi di subculture delinquenti: 1. La subcultura criminale; 2. La subcultura conflittuale; 3. Subcultura astensionista. Questo approccio viene denominato teoria delle opportunità differenziali. 48

49 Miller utilizza un approccio etnografico per osservare analiticamente gli aspetti della vita e dellorganizzazione sociale che richiedono un impegno costante e attento prolungato nel tempo: le cosiddette preoccupazioni focali. Socializzazione e gruppo dei pari sono fattori incidenti nella predisposizione alla devianza nei giovani e negli adolescenti. 49

50 La svolta concettuale del pensiero interazionista consiste nel considerare il comportamento umano (deviante) conseguenza diretta delle specifiche esperienze relazionali del soggetto. La prospettiva microsociologica da cui si dipanano le ricerche del pensiero interazionista osservano i microprocessi della vita quotidiana. Lo strumento tecnico è di tipo qualitativo: losservazione diretta, la compilazione di diari, la registrazione orale, visiva e scritta. Il progressivo spostamento verso la dimensione micro e interazionista si deve a molti autori: Dewey, James, Darwin nonchè i classici della sociologia europea. 50

51 La prospettiva interazionista conta radici profonde anche nei classici quali Weber, Simmel e Durkheim. Di Weber certamente riprende la prospettiva comprendente (significato simbolico e interpretazione dellagire sociale). Di Simmel linterazionismo coglie lintuizione che tutte le relazione umane (consapevoli o inconsapevoli, durevoli o intermittenti, effimere o importanti) concorrono a rinsaldare il legame di ciascun individuo con la società che altro non è che un insieme di interazioni. 51

52 Linterazione tra immagini: il sé specchio (Cooley, 1902). Il teorema di Thomas ( ): la profezia che si autoadempie. Linterazionismo simbolico: interpretazione e comunicazione (Mead, 1934; Blumer 1969). Il modello teatrale: la situazione sociale e la vita quotidiana come rappresentazione (Goffman, 1959). 52

53 53 conformismo rispetto la rispetto ladefinizione 2. previsione del futuro E definizione della situazione 1. memoria, impulsi ed esperienza 1. memoria, impulsi ed esperienza Valutazione delle conseguenze

54 54 LAZIONE SOCIALE COME AGIRE SIMBOLICO Lazione sociale è inter-azione dotata di un significato; compreso dagli attori ; a base e di contenuto simbolico (codici culturali,regole linguistiche ecc.) Definizione della situazione: W.I.Thomas: profezia autoavverantesi. G.H.Mead: gli individui costruiscono il loro sé nella relazione con altri (altri significativi e altro generalizzato) Etnometodologia : studia i modi in cui la gente compie le routines della vita quotidiana, in situazioni ordinarie (es. fare la fila) in situazioni problematiche (es. reparti ospedalieri), in situazioni estreme. Analizza - anche con lausilio di esperimenti spiazzanti- i modi di fare (ritenuti) ovvi,le convenzioni implicite, il sapere tacito con cui si agisce.

55 Cooley viene considerato allinterno degli studi sul comportamento deviante per i due concetti da lui formulati: 1. lio riflesso 2. il gruppo primario. Il suo approccio teorico coniuga il primato della società sullindividuo (approccio consensuale) e gli aspetti micro sociologici della psicologia sociale. Centrale in tutto il pensiero di Cooley è il ruolo dellinterscambio significativo di idee che si sedimentano nella consapevolezza di ciascuno. 55

56 Secondo Cooley il progresso umano e sociale dipende: 1. Dalla diffusione di stili relazionali di tipo primario 2. La comunità è lantidoto della disorganizzazione sociale La società per Cooley è essenzialmente un fenomeno mentale: la comprensione simpatetica ci permette di scambiare comunicate ed interpretare messaggi significativi. 56

57 Mead condivide con la Scuola di Chicago il contesto di social problems ed il Dipartimento. Come per gli altri autori e studiosi Mead sostiene la necessità dellintegrazione e del controllo sociale. Per questo autore lindividuo non esiste al di fuori del gruppo sociale. Anche per Mead la società emerge da un processo di atti sociali, comunicazioni interpersonali reciprocamente orientati. In tal modo si sviluppano modelli di aspettative come modelli di comportamento. 57

58 Per Mead i comportamenti dellindividuo vengono determinati dallambiente sociale di relazioni interpersonali cui esso reagisce secondo un codice simbolico. La sua teoria dello sviluppo della personalità ovviamente contiene linterazione simbolica e questo lo si riscontra nelle due differenti fasi di sviluppo del sé. Laltro generalizzato si distingue dallaltro significativo perché il primo non ha un referente fisico ma ipostatizza latteggiamento e lopinione generale verso le norme sociali. 58

59 Questo particolare studioso non può essere collocato in via definitiva in nessuna corrente teorica. La sua feconda e geniale produzione teorica si orienta su due tematiche fondamentali: 1. Le dinamiche relazionali reali della vita quotidiana; 2. Il controllo sociale e la devianza rispetto gli aspeti istituzionali. 3. Identità e devianza: il comportamento deviante è imperniato sulla libertà del soggetto di scegliere un comportamento diverso dal copione, anticonformista e/o deviante. 59

60 G. Distingue due aspetti del sé: lattore ed il personaggio. Ogni personaggio recita sul palcoscenico del mondo secondo un canovaccio (di ruoli e regole culturali) esercitando un controllo delle impressioni sul contesto di altri personaggi e spettatori che lo circonda. Il personaggio contiene le caratteristiche fisiche ed etniche, le qualità strutturali, sociali ed emotive. Solo nel retroscena il personaggio può permettersi di essere attore. Perciò si dice che lindividuo osservato da Goffman sia eterodiretto rispetto il modo in cui si esplica linterazione. 60

61 Il rapporto tra le relazioni interpersonali e lordine sociale. Le interazioni faccia a faccia sono ordinate se adeguate allinsieme di regole condivise che guidano le rappresentazioni sociali. Lordine delle interazioni è descrivibile attraverso lanalisi delle situazioni sociali. La condotta di ciascun soggetto è normalmente coerente con le aspettative. La faccia del personaggio esprime le aspettative sociali interiorizzate e contribuisce con ciò a definire la situazione della rappresentazione. 61

62 Goffman vede lazione sociale come messa in scena di significati da parte di attori sociali, che interpretano (non eseguonoruoli).Lordine sociale è prodotto e mantenuto attraverso l agire e linteragire degli attori. La sociologia di Goffman analizza i contenuti delle interazioni condotte dagli attori allinterno di certe cornici(frame)di significato condivise e negoziate (di che cosa si tratta). 62

63 La devianza è l'effetto dell'applicazione del sistema di regole e sanzioni da parte di alcuni (gli etichettatori) a danno di altri (etichettati come trasgressori: gli outsiders). Il comportamento deviante è prodotto socialmente. Un individuo viene prima considerato e definito deviante dalla società - viene etichettato come deviante - e poi diviene effettivamente tale. 63

64 Distinzione fra devianza primaria e devianza secondaria Devianza primaria: comportamento che, pur essendo obiettivamente deviante, non viene censurato e, quindi, non comporta una ridefinizione dello status sociale del Trasgressore; Devianza secondaria: il comportamento deviante acquista visibilità e scatena una reazione sociale; Passaggio da devianza primaria a secondaria attraversa più stadi; Modello sequenziale; Carriera deviante (apprendimento sociale di motivazioni e interessi devianti. 64

65 La riflessione di Becker si muove su tre tesi principali: Le norme non esistono per natura; Le norme non sono funzioni del sistema ma il prodotto delliniziativa di qualcuno (limprenditore morale); Lesito concreto di tali iniziative è produrre la devianza e differenziarla. La devianza è dunque conferita e Becker propone 4 tipi di soggetto-deviante sulla base del conferimento. 65 SoggettoComportamento conforme Comportamento non conforme Percepito devianteAccusato falsamente Deviante puro Percepito non deviante ConformistaDeviante in segreto

66 Per devianza primaria intendiamo un "allontanamento più o meno temporaneo, più o meno marginale, eseguito con più o meno determinazione da certi valori, norme o costumi dominanti nella società. Lanalisi di David Matza, si fonda sulla premessa che Occorre studiare il significato del comportamento dallinterno della realtà quotidiana dellattore sociale. Il deviante dispone di diverse strategie psicologiche per "neutralizzare" la gravità del proprio comportamento come: la negazione di responsabilità, asserire di non aver provocato danno a nessuno, screditare la vittima e rinfacciare le colpe a chi gli contesta il reato commesso, rivolgersi a principi generali. 66

67 La legge 180/1978 detta legge Basaglia si inserisce nella riflessione sulle conseguenze possibili del controllo sociale e sugli interventi necessari per impedire che gli autori/attori di reato assumano il ruolo deviante in virtù del controllo sociale subìto. Cesareo (1974) individua 4 fasi che identificano levoluzione del processo e le diverse caratteristiche del controllo: 1. Definizione normativa del comportamento, 2. La scoperta del deviante, 3. La decisione di azione nei confronti del deviante 4. Lattuazione del provvedimento. 67

68 Vengono così individuati 3 possibili scopi che il gruppo sociale tende a raggiungere applicando provvedimenti di controllo sociale: 1. Disincentivare il deviante a reiterare il reato, 2. Difendere la società e isolare il reo, 3. Riabilitazione del deviante attraverso la pena. 68

69 Dott.ssa Antonella Tomasi, specializzata alla Cattolica di Milano come Consulente scolastico dellorientamento. Quanto conta la conoscenza del contesto in cui leducatore interviene per un efficace e professionale intervento? Quale o quali sono i criteri di scelta? Quali sono le difficoltà maggiori nel mettere in atto programmi di educazione in contesti di disagio? Che cosa e come viene definito disagio per un educatore in ambito formativo e scolastico?? Che aspettative nutre un educatore nei riguardi di un soggetto/interlocutore? Che aspettative non deve nutrire nei riguardi di un soggetto /interlocutore? 69

70 Le teorie criminologiche del conflitto nascono negli USA intorno agli anni 60 e 70. Procedono a partire dallanalisi delluso del potere per creare o mantenere il consenso e lordine sociale. Le teorie conflittualiste si dividono in: 1. Teorie conflittuali non marxiste, 2. Teorie conflittuali di orientamento marxista 70

71 La corrente di pensiero definita conservatrice ha come maggiori esponenti Coser (1956) e Dahrendorf (1958). Questi autori affrontano le tematiche del mutamento sociale attribuendo al conflitto il ruolo di fonte del cambiamento culturale e strutturale. Entrambi si rifanno al pensiero di Simmel. Il comportamento deviante è un possibile conflitto sociale derivante dalle modalità di azione del controllo sociale (messo in atto da chi detiene il potere / autorità) contro ogni forma giudicata criminale. Altri autori che si collocano nella stessa prospettiva sono: Vold (gruppi di potere), Turk (processo di criminalizzazione), Quinney (controllo sociale e comunicazione). 71

72 Come per Marx la riflessione sulla devianza è inquadrata nel più generale contesto della lotta di classe. La lettura attualizzata di Marx stimola la riflessione di alcuni autori degli anni 60 e 70: Marcuse afferma che la società capitalista ha perso la capacità di usare la razionalità e si è ridotta ad una dimensione. Idee che ispirano più che altro la criminologia. Testo di riferimento è: Tailor, Walton e Young (1973), Criminologia sotto accusa, Guaraldi, Firenze

73 Platt e le modalità di repressione e controllo della delinquenza minorile in USA. Chapman applica alla definizione di criminalità il concetto di stereotipo. Basaglia fa approvare la legge per il reinserimento del malato psichiatrico in comunità familiari e locali. Trves si occupa della percezione della giustizia nella società. Cottino riprende la nozione di carriera deviante sulla base della stratificazione sociale. Foucault indaga sulla natura e le funzioni delle agenzie di controllo e sul rapporto tra analisi della devianza, potere e dinamiche di esclusione sociale. 73

74 La ripresa delle teorie del consenso si collega ad alcuni interrogativi inerenti lattualità della complessità sociale: 1. lindebolimento dellistituto familiare, 2. La scolarizzazione di massa, 3. Il fallimento del percorso formativo, 4. La diffusione e moltiplicazione dei mass-media, 5. La crescente influenza del gruppo dei pari. Concetti centrali per la riflessione teorica sono perciò: socializzazione, comunicazione, gruppi, movimenti collettivi. Autori rappresentativi sono Hirschi e Akers. 74

75 Oggi le nozioni di devianza e controllo sociale tendono a differenziarsi in tematiche più specifiche: 1. Criminalità e sicurezza sociale, 2. Disagio relazionale e sociale, 3. Marginalità, 4. Percezione del rischio e trasgressione. 5. Prevenzione della devianza. 75


Scaricare ppt "SOCIOLOGIA della DEVIANZA A.A. 2009/2010 Materiale didattico a cura di A.M. Leonora UNIVERSITÁ di CATANIA Facoltà di Scienze della Formazione 1."

Presentazioni simili


Annunci Google