La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA CROCE ROSSA STORIA E PRECURSORI. C.R.I. Henry Dunant Autore del Souvenir de Solférino Ideatore e promotore dellIdea di CRI Aveva vissuto in prima.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA CROCE ROSSA STORIA E PRECURSORI. C.R.I. Henry Dunant Autore del Souvenir de Solférino Ideatore e promotore dellIdea di CRI Aveva vissuto in prima."— Transcript della presentazione:

1 LA CROCE ROSSA STORIA E PRECURSORI

2 C.R.I.

3 Henry Dunant Autore del Souvenir de Solférino Ideatore e promotore dellIdea di CRI Aveva vissuto in prima persona il dramma dei feriti della battaglia di Solferino a Castiglione delle Stiviere.

4 Il campo di Solferino il sole del 25 giugno 1859 rischiarò uno degli spettacoli più terribili… Il campo di battaglia era disseminato di cadaveri, di uomini, di cavalli …

5 Il Comitato dei Cinque 19 febbraio 1863 Si costituisce La Commissione dei cinque o Primo Comitato Internazionale di Soccorso ai Militari feriti: Guillaume Dufour, Presidente G.Moynier,Vicepresid Louis Appia Théodore Maunoir Henry Dunant, segretario

6 Sedute della Società ginevrina 9 febbraio febbraio 1863: mozione n.3: Sulla dotazione degli eserciti belligeranti di un corpo dinfermieri volontari. 17 febbraio 1863, 17 febbraio 1863, la società riconosce la necessità di costituire al suo interno un: " Comitato Internazionale permanente(Comitato dei cinque) e una Società di soccorso per i militari feriti(Comitati) per organizzare corpi di infermieri volontari da inviare in caso di guerra presso gli eserciti belligerandi

7 " Comitato Internazionale Permanente" Il Comitato Internazionale permanente, in caso di guerra, avrebbe continuato ad esistere sotto il nome di "Comitato Internazionale di Soccorso ai feriti di guerra Dal 1876 ebbe la sua definitiva denominazione: Comitato Internazionale della Croce Rossa" (CICR).

8 Memoria del Comitato dei Cinque Nella Memoria redatta nel 1863, (Procès Verbaux des Séances du Comité International de la Croix Rouge Genève Société Henry Dunant Comité international de la Croix Rouge). Si chiedeva il consenso unanime delle nazioni europee per costituire I Comitati che dovevano essere organizzati ovunque in Europa al fine di poter agire simultaneamente in caso di guerra.

9 Conferenza Diplomatica del 26 ottobre 1863 Parteciparono 16 paesi: 1.Austria, 2. Bade, 3.Baviera, 4. Spagna, 5 Francia, 6. G. Bretagna, 7. Hanovre, 8.Hesse 9. Italia, 10. Paesi Bassi, 11.Prussia, 12.Russia, 13.Saxe,14.Suède, 15.Wurtemberg, 16 Conf. Svizzera. M. J. G. Eynard mise a disposizione il palazzo dellAteneo di Ginevra

10 Convenzione di Ginevra 8-22 agosto 1864

11 Convenzione di Ginevra Invitati 25 stati Sette sedute dall 8 al 22 agosto (10 articoli approvati e sottoscritti)

12 I 10 ARTICOLI GARANTISCONO CHE: I militari feriti o malati che si arrendono sono neutrali e saranno raccolti e curati a qualunque nazionalità appartengano La croce rossa su sfondo bianco diviene simbolo internazionale di protezione e neutralità Le strutture, i servizi ed il personale di sanità saranno considerati neutrali e quindi protetti in ogni tempo; saranno ugualmente protetti in ogni tempo i civili che si adopereranno per prestare soccorso ai feriti

13 Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa dal 1986 è il nuovo nome della Croce Rossa Internazionale Organizzazione internazionale non governativa – associazione internazionale di diritto svizzero coordinare su scala mondiale il movimento di soccorso umanitario che agisce sotto il simbolo di CR e MR natura = Obiettivo =

14 Il Movimento internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa si compone di: Comitato Internazionale della Croce Rossa Federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Società Nazionali

15 attività

16 Movimento Internazionale Stati parte alle CG CICR Comitato Internazionale della Croce Rossa Federazione Internazionale Società CR-MR Società nazionali Conferenza Internazionale della CR e MR Commissione permanente Consiglio dei delegati

17 Status del CICR associazione privata di diritto svizzero ma funzioni e attività prescritte dal diritto internazionale quindi personalità giuridica internazionale funzionale privilegi e immunità

18 LA MISSIONE DELLA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE ispirare, incoraggiare, facilitare e sostenere lazione umanitaria delle Società Nazionali, al fine di alleggerire le sofferenze umane e contribuire al mantenimento della pace agisce quale organo di coordinamento permanente tra le SN organizza e coordina - su scala internazionale - i soccorsi in situazioni di catastrofe naturale o tecnologica, nonché in situazioni di emergenza umanitaria in tempo di pace aiuta le SN ad attuare iniziative per la protezione e il miglioramento della salute della comunità, per la preparazione dei soccorsi e per la prevenzione delle catastrofi collabora con il CICR per la diffusione del DIU E dei PF facilita la nascita e lo sviluppo delle Società Nazionali

19 LA MISSIONE DELLE SOCIETA NAZIONALI a livello nazionale: promuovere i valori umanitari ed i 7 Principi Fondamentali promuovere la diffusione del Diritto Internazionale Umanitario concorrere con i pubblici poteri alla prevenzione delle malattie, alla protezione ed al miglioramento della salute, alla lotta contro le sofferenze umane, attraverso soccorsi durgenza, assistenza agli infermi, trasfusioni e servizi diversi alla comunità (assistenza ai portatori di handicap, agli anziani, agli emarginati, etc.) in collaborazione con i pubblici poteri organizzare i soccorsi alle vittime dei conflitti armati, delle catastrofi naturali e di ogni altro tipo di emergenza umanitaria svolgere attività di formazione del proprio personale a livello internazionale: offrire soccorso alle vittime di catastrofi naturali, di conflitti armati ed in ogni altra situazione di emergenza umanitaria

20 PRINCIPI DEL MOVIMENTO INTERNAZIONALE (1965 XX Conferenza Internazionale) Umanità Imparzialità Neutralità Indipendenza Volontariato Unità Universalità

21 UMANITA Nato dalla preoccupazione di soccorrere senza discriminazione i feriti dei campi di battaglia,il Movimento Internazionale di Croce Rossa, sia a livello nazionale che internazionale, opera per prevenire e alleviare in ogni circostanza le sofferenze degli uomini. Si applica a proteggere la vita e la salute, e a far rispettare la persona umana. Opera per la reciproca comprensione, lamicizia, la cooperazione e una pace durevole fra tutti i popoli.

22 IMPARZIALITA Non fa alcuna distinzione di nazionalità, razza, religione,di condizione sociale o di appartenenza politica. Si dedica esclusivamente a soccorrere gli individui a seconda della gravità e dellurgenza delle loro sofferenze.

23 NEUTRALITA Per conservare la fiducia di tutti, il Movimento si astiene dal prendere parte alle ostilità così come in tempo di pace, alle controversie di ordine politico, razziale, religioso e ideologico

24 INDIPENDENZA Il Movimento è indipendente. Le Società Nazionali di Croce Rossa svolgono le loro attività umanitarie come ausiliarie dei poteri pubblici e sono sottoposte alle leggi in vigore nei rispettivi paesi. Tuttavia esse devono conservare unautonomia che permetta loro di operare sempre secondo i principi del Movimento.

25 VOLONTARIATO La Croce Rossa è un movimento volontario e disinteressato

26 UNITA In un paese non può esserci che ununica Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Essa deve essere aperta a tutti. E deve estendere la sua attività umanitaria allinterno del territorio.

27 UNIVERSALITA Il Movimento Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa è universale: in esso tutte le società hanno uguali diritti e il dovere di aiutarsi reciprocamente

28 Convenzione di Ginevra art. 7 Una bandiera distintiva e uniforme sarà adottata per gli ospedali, i posti di pronto soccorso e le evacuazioni. In ogni circostanza, dovrà essere accompagnata dalla bandiera nazionale. Anche un bracciale sarà ammesso per il personale neutralizzato, ma il rilascio dipenderà dallautorità militare. La bandiera e il bracciale recheranno una croce rossa in campo bianco

29 ladozione di un segno distintivo uniforme è apparsa sin da principio come una delle condizioni essenziali dellinviolabilità dei servizi sanitari delle forze armate, delle ambulanze e degli infermieri volontari MA

30 conflitto russo-turco del : lImpero ottomano, parte dal 1865 – senza riserve - alla Convenzione di Ginevra, dichiara unilateralmente, che pur rispettando il segno della croce rossa che protegge le ambulanze nemiche intende adottare in futuro il segno della mezzaluna rossa su fondo bianco per la protezione delle proprie ambulanze. … poiché nellesercizio dei diritti derivanti dalla Convenzione, la Turchia era stata, fino ad oggi, paralizzata dalla natura stessa del segno distintivo della Convenzione che urtava la suscettibilità del soldato musulmano. Segno accettato a titolo provvisorio, per la sola durata del conflitto

31 Le Conferenza della Pace (LAja, 1899 e 1907) e la Conferenza di revisione (Ginevra, 1906) le delegazioni dellImpero ottomano, della Persia e del Siam chiedono il riconoscimento di emblemi particolari per contraddistinguere le ambulanze e le navi ospedale Fiamma rossa Mezzaluna rossa Leone e sole rossi

32 In omaggio alla Svizzera, il segno araldico della croce rossa su fondo bianco, formato con linversione dei colori federali, è mantenuto come emblema e segno distintivo dei servizi sanitari degli eserciti. Tuttavia, per i paesi che impiegano già come segno distintivo, in luogo della croce rossa, la mezzaluna rossa od il leone e sole rossi su fondo bianco, questi emblemi sono parimenti ammessi nel caso della presente Convenzione. I Convenzione di Ginevra art. 38 ripropone la formulazione usata nel 1929

33 Persia la Repubblica islamica dellIran dichiara la sua rinuncia al diritto di utilizzare il leone e sole rossi e lintenzione di usare in futuro la mezzaluna rossa, riservandosi il diritto di tornare allemblema del leone e sole rossi nel caso delladozione di nuovi emblemi 4 settembre 1980

34 Israele appone una riserva allatto del deposito dello strumento di ratifica: «… pur rispettando linviolabilità degli emblemi e dei segni distintivi della Convenzione, Israele si servirà della Stella di Davide rossa come emblema e segno distintivo del servizio sanitario delle sue forze armate» 2 sole obiezioni Libano USA

35 Il doppio emblema Federazione Internazionale Società CR-MR nel 1983, la Federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa ha adottato il doppio emblema e la denominazione corrispondente. doppio emblema solo per indicare personale veicoli locali della Federazione

36 Usi dellemblema

37 Protezione Uso Protettivo in tempo di conflitto -> grandi dimensioni luso protettivo spetta solo ai: Servizi Sanitari delle FF.AA. Società Nazionali di CR e MR Ospedali civili tutte le unità sanitarie civili altre società di soccorso volontarie in tempo di guerra

38 Appartenenza Uso Distintivo in tempo di pace -> dimensioni ridotte in tempo di guerra luso distintivo è consentito alle società nazionali della CR e MR ambulanze e postazioni di pronto soccorso luso distintivo spetta solamente alle Società Nazionali di CR e MR in tempo di pace

39 Abuso dellemblema perfidia imitazione Uso improprio Uso dellemblema in guerra per proteggere combattenti armati o equipaggiamento militare Uso di segni che possono essere confusi con lemblema, per foggia e colore Uso da parte di gruppi o persone non autorizzate Uso da parte di persone che normalmente ne hanno diritto ma che lo esibiscono per fini non coerenti con i principi del Movimento

40 Il nuovo emblema

41 III Protocollo addizionale alle CG […] il presente Protocollo non reca pregiudizio al diritto riconosciuto alle Alte Parti contraenti di continuare ad impiegare gli emblemi che utilizzano conformemente agli obblighi loro incombenti ai sensi delle Convenzioni di Ginevra e, se del caso, dei loro Protocolli addizionali preambolo […] ai segni distintivi non è attribuito alcun significato religioso, etnico, razziale, regionale o politico

42 Il III Protocollo Co. 1: Il presente Protocollo riconosce un segno distintivo addizionale oltre ai segni distintivi delle Convenzioni di Ginevra e ai medesimi fini. I segni distintivi hanno il medesimo statuto. Art. 2 Co. 3: Le condizioni dimpiego e di rispetto dellemblema del III Protocollo sono identiche a quelle stabilite per i segni distintivi dalle CG e dai PA del 1977 Co. 2: […] emblema del III Protocollo

43 Il III Protocollo Le Società nazionali […] che decideranno di utilizzare lemblema del III Protocollo potranno, […], scegliere di incorporare a titolo indicativo: - segno distintivo riconosciuto dalle Convenzioni di Ginevra - oppure una combinazione di detti emblemi - oppure un altro emblema che unAlta Parte Contraente ha effettivamente utilizzato e che è stato oggetto di una comunicazione alle altre Alte Parti Contraenti e al CICR […] Art. 3 Una Società Nazionale che sceglie di incorporare allinterno dellemblema del III Protocollo un altro emblema, […], potrà, […], utilizzare la denominazione di tale emblema ed esporre tale emblema sul territorio nazionale.

44 Croce Rossa Italiana Viene fondata con il nome di Comitato dellAssociazione Italiana per il soccorso ai feriti e ai malati in guerra a Milano il 15 giugno Nel 1872 viene trasferita a Roma, dove si costituisce il Comitato Centrale. Dal 1980 diviene ente privato di interesse pubblico.

45 Struttura organizzativa COMITATO CENTRALE composto da: assemblea nazionale consiglio direttivo nazionale presidente nazionale collegio unico dei revisori dei conti COMITATI REGIONALI composti da: Assemblea regionale Consiglio direttivo regionale Presidente regionale COMITATI PROVINCIALI composti da: Assemblea provinciale Consiglio direttivo provinciale Presidente provinciale COMITATI LOCALI composti da: Assemblea locale Consiglio direttivo locale Presidente locale

46 COMPONENTI Corpo militare Corpo delle infermiere volontarie Volontari del soccorso Comitato femminile Pionieri Donatori di sangue

47 Compiti dei VDS Soccorso e trasporto infermi Educazione sanitaria Diffusione del diritto int. Umanitario Socio assistenziali e socio-sanitarie Speciali Attività operative e di formazione

48 Compiti dei Pionieri La loro attività è rivolta in modo particolare ai giovani, operando nellarea: Salute Pace Servizio nella comunità Cooperazione internazionale Sviluppo


Scaricare ppt "LA CROCE ROSSA STORIA E PRECURSORI. C.R.I. Henry Dunant Autore del Souvenir de Solférino Ideatore e promotore dellIdea di CRI Aveva vissuto in prima."

Presentazioni simili


Annunci Google