La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEFFICACIA DELLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO IN LOMBARDIA Andrea Naldini e Marco Pompili Gruppo Nazionale Placement - ISFOL Roma, 23 Ottobre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEFFICACIA DELLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO IN LOMBARDIA Andrea Naldini e Marco Pompili Gruppo Nazionale Placement - ISFOL Roma, 23 Ottobre 2012."— Transcript della presentazione:

1 LEFFICACIA DELLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO IN LOMBARDIA Andrea Naldini e Marco Pompili Gruppo Nazionale Placement - ISFOL Roma, 23 Ottobre 2012

2 Introduzione Nel periodo la Dote diventa il principale strumento delle politiche del lavoro e della formazione in Lombardia La Dote enfatizza i concetti di responsabilità individuale e di personalizzazione dei servizi Gli operatori pubblici e privati sono in concorrenza nel sistema della dote Nel 2009 Ismeri Europa realizza un primo rapporto focalizzato su governance, sul ruolo degli operatori e sulla qualità dei servizi erogati dalla dote 2

3 Le domande di valutazione Nel 2010 la Regione Lombardia chiede una valutazione dei primi impatti della Dote: – in termini occupazionali Quali effetti sulla probabilità di trovare lavoro? – in termini di empowerment Quali effetti sulla partecipazione attiva dei beneficiari? – In termini di sistema Quali effetti della dote rispetto a interventi più tradizionali? Cosa migliorare? 3

4 Disegno valutativo e metodologia Ricorso a metodologie di valutazione quasi- sperimentali, integrate da altre analisi quantitative e qualitative. In particolare: – Analisi controfattuale (con propensity score matching) per stimare gli impatti su occupazione e empowerment – Indagine diretta per cogliere elementi più qualitativi della Dote (soddisfazione, percorsi inserimento e qualità del lavoro); – Utilizzo integrato di diverse fonti informative (amministrative, survey, analisi di processo). 4

5 Banche dati utilizzate Dati monitoraggio della Regione Lombardia (informazioni di buona qualità su caratteristiche socio-demografiche dei richiedenti la Dote) campione popolazione obiettivo e gruppo di controllo Indagine CATI (condizioni occupazionali, background familiare, percezioni soggettive, ecc… ) 866 trattati e 287 non trattati Dati COB (condizione occupazionale delle persone trattate) integrazione informazioni indagine CATI campione ampliato sul 30% non COB Integrazione ex-post delle tre banche dati (tramite Codice Fiscale) verifiche e analisi 5

6 Banche dati utilizzate: forza e debolezza Punti di forza – Buona qualità delle banche dati regionali – Disponibilità e flessibilità degli uffici regionali (DG occupazione e ARIFL) – Modalità omogenea di raccolta informazioni su variabili osservabili tra gruppo trattati e gruppo controllo (non così se si fosse utilizzata la RCFL) Punti di debolezza – Non aver potuto estrarre un gruppo di controllo dagli iscritti ai CPI (non passanti per ARIFL) – Campione dei non trattati non troppo numeroso al momento dellindagine (2010) 6

7 Altri elementi utili La dote formazione e lavoro parte ad Aprile 2009, la valutazione è stata realizzata a ottobre I trattati sono coloro che hanno concluso la dote a Febbraio 2010 (3.500 individui circa; estratti a Giugno 2010) l80% dei trattati ha terminato il corso da 8-11 mesi (invece degli usuali 12 mesi) I non trattati scelti tra coloro ammessi ma non finanziati per ragioni varie; rappresentano un buon gruppo di controllo Lammissione non avviene tramite giudizio di merito e/o classifica a punteggi metodi come regression discontinuity design non utilizzabili I non trattati, inoltre, vengono seguiti tramite il sistema informativo regionale fino al momento della survey per verificare che non abbiano ottenuto la Dote

8 Risultati dellanalisi controfattuale 8 Trattati (T) Non trattati (NT) T-NTStd.errTMetodi Nearest neighbour Radius(0.05) Kernel matching Stratification Impatto sulla probabilità di essere occupato Trattati (T) Non Trattati (NT) T-NTStd.errt Methods of matching Nearest neighbour Radius(0.05) Kernel matching Stratification Impatto sulla probabilità di essere non attivo nella ricerca lavoro

9 Principali risultati Tasso di occupazione lordo al 43,5%, ma almeno il 60% dei trattati ha potuto sperimentare un ingresso lavorativo tra febbraio 2010 e lindagine (ott. 2010) Non si evidenziano impatti netti positivi (i risultati non sono statisticamente significativi) ad eccezione della Dote lavoro quando considerata da sola; L82% dei destinatari sono risultati attivi nella ricerca di una lavoro dopo la dote Gli impatti netti sullempowerment sono positivi, latteggiamento attivo in termini di ricerca del lavoro è positivo (7-8%) e significativo Più che l80% dei destinatari esprime un buon livello di soddisfazione e ripeterebbe lesperienza Laspetto migliorabile è quello dellassistenza allinserimento dopo il percorso Dote 9

10 Le conclusioni della valutazione 1.La performance della Dote conferma limportanza e lefficacia dei servizi individuali alla persona 2.Una maggiore distinzione tra le due doti potrebbe promuovere servizi specializzati e la risposta a specifici bisogni 3.E necessario un presidio continuo (sistemi qualità) per il miglioramento di alcuni servizi offerti 4.Necessità di una maggiore integrazione con il mondo delle imprese 5.Necessità di integrare la Dote con i servizi al lavoro (selezione destinatari, collegamento alle domande lavoro, accompagnamento) 10

11 Diffusione e utilizzo della valutazione 1.Pubblicazione Rapporto ed Executive Summary (come documento anche autonomo e per la diffusione) 2.Presentazione dei risultati in riunioni con i funzionari regionali, in un seminario con le parti economiche e sociali e al Comitato di Sorveglianza 3.Presentazione a Expert Hearing MS experiences on using controll groups in ESF evaluations (Bruxelles, Ottobre 2011) 4.I risultati Rapporti (2009 e 2010) sono in linea con alcune scelte della Regione nel secondo bando: a)maggiore precisione nellidentificare il target Dote formazione, b)maggiore flessibilità nella gestione del Piano individuale, c)maggiore attenzione ai risultati (uso consapevole valutazione) 11

12 Insegnamenti metodologici Elementi di successo 1.Utilità/necessità di integrare diverse fonti informative 2.I metodi controfattuali sono applicabili anche a risultati differenti dalloccupabilità (empowerment) 3.Lanalisi controfattuale deve essere integrata da analisi qualitative sul funzionamento del programma Elementi da migliorare 1.Lanalisi avvenuta a meno di un anno dal termine della Dote da ripetere quindi in anni successivi 2.Ridotto gruppo di controllo sperimentare iscritti ai CPI (RCFL non è soluzione adeguata) 3.Non è stato possibile valutare il confronto tra Dote e servizi tradizionali (p.e. corsi) 12


Scaricare ppt "LEFFICACIA DELLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO IN LOMBARDIA Andrea Naldini e Marco Pompili Gruppo Nazionale Placement - ISFOL Roma, 23 Ottobre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google