La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VANGELI CANONICI E VANGELI APOCRIFI. Vangeli Canonici Vangeli Canonici Testi del I secolo attribuiti agli evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VANGELI CANONICI E VANGELI APOCRIFI. Vangeli Canonici Vangeli Canonici Testi del I secolo attribuiti agli evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni,"— Transcript della presentazione:

1 VANGELI CANONICI E VANGELI APOCRIFI

2 Vangeli Canonici Vangeli Canonici Testi del I secolo attribuiti agli evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni, sempre ritenuti autentici dalla Chiesa, che li ha inseriti nel canone (elenco) dei libri sacri: la Bibbia (composta di 73 libri, di cui 46 dellAntico Testamento e 27 del Nuovo Testamento). Testi del I secolo attribuiti agli evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni, sempre ritenuti autentici dalla Chiesa, che li ha inseriti nel canone (elenco) dei libri sacri: la Bibbia (composta di 73 libri, di cui 46 dellAntico Testamento e 27 del Nuovo Testamento). Vangeli Apocrifi Vangeli Apocrifi Testi considerati segreti, nascosti, riservati a un gruppo di persone. Spesso è stato loro attribuito il nome di un apostolo per conferire maggiore autenticità. Sono generalmente più tardivi dei Vangeli canonici, alcuni anche del III, IV secolo. Testi considerati segreti, nascosti, riservati a un gruppo di persone. Spesso è stato loro attribuito il nome di un apostolo per conferire maggiore autenticità. Sono generalmente più tardivi dei Vangeli canonici, alcuni anche del III, IV secolo.

3 Ci si può domandare: 1) PERCHÉ SI È GIUNTI A QUESTA SEPARAZIONE? 1) PERCHÉ SI È GIUNTI A QUESTA SEPARAZIONE? 2) COME SI DISTINGUE UN TESTO APOCRIFO DA UN TESTO CANONICO? 2) COME SI DISTINGUE UN TESTO APOCRIFO DA UN TESTO CANONICO?

4 RISPONDIAMO: 1) Dallindagine storica sui primi secoli del Cristianesimo emerge che: 1) Dallindagine storica sui primi secoli del Cristianesimo emerge che: nelle prime comunità cristiane girano dei testi (papiri o pergamene): nelle prime comunità cristiane girano dei testi (papiri o pergamene): scritti o approvati da apostoli scritti o approvati da apostoli o da discepoli degli apostoli o da discepoli degli apostoli o falsamente attribuiti agli apostoli o falsamente attribuiti agli apostoli alcuni vengono letti in pubblico nelle varie chiese durante le riunioni comuni. alcuni vengono letti in pubblico nelle varie chiese durante le riunioni comuni. Quali? Quelli in qualche modo scritti o approvati dagli apostoli (perciò si fanno delle copie). Quali? Quelli in qualche modo scritti o approvati dagli apostoli (perciò si fanno delle copie). Dal momento che girano anche libri falsi, iniziano discussioni. Dal momento che girano anche libri falsi, iniziano discussioni.

5 Marcione Marcione (ca. 140 d.C.), professava il manicheismo (eresia gnostica che insegnava tra laltro che la materia è male, che Gesù-Dio non aveva un corpo, ecc.); egli rifiutava tutto lAntico Testamento e gran parte dei Vangeli che giravano nelle comunità cristiane. Marcione (ca. 140 d.C.), professava il manicheismo (eresia gnostica che insegnava tra laltro che la materia è male, che Gesù-Dio non aveva un corpo, ecc.); egli rifiutava tutto lAntico Testamento e gran parte dei Vangeli che giravano nelle comunità cristiane. Di fronte alle divergenze che incontra fra i testi che circolano, Marcione ritiene che: Di fronte alle divergenze che incontra fra i testi che circolano, Marcione ritiene che: alcuni non siano stati di origine apostolica alcuni non siano stati di origine apostolica altri siano stati manipolati altri siano stati manipolati Perciò: Perciò: elimina i libri che non ritiene di origine apostolica (Vangeli di Matteo, Marco, Giovanni) elimina i libri che non ritiene di origine apostolica (Vangeli di Matteo, Marco, Giovanni) elimina dal Vangelo di Luca le presunte manipolazioni (racconti dellinfanzia, gli accenni alla corporeità di Gesù) elimina dal Vangelo di Luca le presunte manipolazioni (racconti dellinfanzia, gli accenni alla corporeità di Gesù) confeziona nuove copie purgate secondo le sue idee confeziona nuove copie purgate secondo le sue idee fissa un elenco di libri che, secondo lui, contengono la genuina dottrina cristiana: la versione rimaneggiata del Vangelo di Luca e dieci lettere di San Paolo. fissa un elenco di libri che, secondo lui, contengono la genuina dottrina cristiana: la versione rimaneggiata del Vangelo di Luca e dieci lettere di San Paolo.

6 Di fronte a Marcione le comunità cristiane si difendono a) fissando lelenco dei libri ufficiali (canone). a) fissando lelenco dei libri ufficiali (canone). In questo lavoro di scelta vengono usati tre criteri fondamentali (come risulta da un celebre testo di SantAgostino): In questo lavoro di scelta vengono usati tre criteri fondamentali (come risulta da un celebre testo di SantAgostino): ecclesialità: vengono riconosciuti i libri accettati da tutte le chiese che li conoscevano (e che quindi venivano letti nelle liturgie) ecclesialità: vengono riconosciuti i libri accettati da tutte le chiese che li conoscevano (e che quindi venivano letti nelle liturgie) apostolicità: libri prodotti (direttamente o indirettamente) da qualche apostolo apostolicità: libri prodotti (direttamente o indirettamente) da qualche apostolo - tradizionalità: libri in cui le comunità riconoscevano la tradizione apostolica - tradizionalità: libri in cui le comunità riconoscevano la tradizione apostolica b) fissando il testo dei libri ufficiali secondo il criterio della Tradizione. b) fissando il testo dei libri ufficiali secondo il criterio della Tradizione. affidando al controllo dei Vescovi le nuove copie che venivano confezionate affidando al controllo dei Vescovi le nuove copie che venivano confezionate

7 SINTESI STORICA DEL CANONE Una fissazione canonica definitiva si è avuta solo alle soglie del IV secolo. Una fissazione canonica definitiva si è avuta solo alle soglie del IV secolo. Indicazioni di testi accreditati si hanno già agli inizi del III secolo o fine II secolo, ma mai presentate in termini tassativi. Si dice semplicemente che alcuni sono testi attendibili e altri no, ma tutti circolano liberamente (non si tratta quindi di testi segreti come taluni sostengono OGGI). Indicazioni di testi accreditati si hanno già agli inizi del III secolo o fine II secolo, ma mai presentate in termini tassativi. Si dice semplicemente che alcuni sono testi attendibili e altri no, ma tutti circolano liberamente (non si tratta quindi di testi segreti come taluni sostengono OGGI).

8 Cronologia Cronologia: Cronologia: Anno viene scritto a Roma un documento che contiene già l'elenco di 24 libri del Nuovo Testamento: sarà poi chiamato Frammento muratoriano, perché trovato a Milano nel 1740 da Ludovico Antonio Muratori Anno viene scritto a Roma un documento che contiene già l'elenco di 24 libri del Nuovo Testamento: sarà poi chiamato Frammento muratoriano, perché trovato a Milano nel 1740 da Ludovico Antonio Muratori IV sec. - dubbi sull'autenticità di 7 libri (lo sappiamo dallo storico Eusebio di Cesarea - 318) IV sec. - dubbi sull'autenticità di 7 libri (lo sappiamo dallo storico Eusebio di Cesarea - 318) V sec. - Superamento dei dubbi V sec. - Superamento dei dubbi * sia in occidente * sia in occidente * sia in oriente * sia in oriente Vengono riconosciuti e accettati da tutta la Chiesa gli attuali 27 libri del Nuovo Testamento Vengono riconosciuti e accettati da tutta la Chiesa gli attuali 27 libri del Nuovo Testamento Lutero rimette in discussione il canone e rifiuta i 7 libri precedentemente discussi Lutero rimette in discussione il canone e rifiuta i 7 libri precedentemente discussi - il Concilio di Trento riafferma l'elenco tradizionale di 27 libri - il Concilio di Trento riafferma l'elenco tradizionale di 27 libri OGGI - IL CANONE DEI 27 LIBRI È PRATICAMENTE ACCETTATO DA TUTTE LE CONFESSIONI CRISTIANE OGGI - IL CANONE DEI 27 LIBRI È PRATICAMENTE ACCETTATO DA TUTTE LE CONFESSIONI CRISTIANE

9 cronologia

10 Vangeli apocrifi I vangeli apocrifi sono stati scritti a partire da circa la metà del II secolo, ampiamente dopo la vita e la predicazione di Gesù e quando i testimoni diretti degli eventi evangelici erano già scomparsi da tempo. Difficilmente pertanto possono rappresentare documentazione storiche affidabili, in particolare laddove si trovano in contrasto con la testimonianza dei quattro vangeli canonici. I vangeli apocrifi sono stati scritti a partire da circa la metà del II secolo, ampiamente dopo la vita e la predicazione di Gesù e quando i testimoni diretti degli eventi evangelici erano già scomparsi da tempo. Difficilmente pertanto possono rappresentare documentazione storiche affidabili, in particolare laddove si trovano in contrasto con la testimonianza dei quattro vangeli canonici.Gesùvangeli canoniciGesùvangeli canonici Inoltre la maggior parte dei vangeli apocrifi più antichi, di origine gnostica, si presentano come rivelazioni private di Gesù a singoli apostoli successive alla predicazione pubblica. Questo tradisce la consapevolezza da parte dell'autore pseudoepigrafo dell'originalità e novità del messaggio trasmesso. Inoltre la maggior parte dei vangeli apocrifi più antichi, di origine gnostica, si presentano come rivelazioni private di Gesù a singoli apostoli successive alla predicazione pubblica. Questo tradisce la consapevolezza da parte dell'autore pseudoepigrafo dell'originalità e novità del messaggio trasmesso.gnosticapseudoepigrafognosticapseudoepigrafo

11 L'uso e la diffusione dei vangeli apocrifi i Vangeli apocrifi dell'infanzia, non canonici ma neanche propriamente eretici, hanno goduto di una certa fortuna almeno a livello artistico: p.es. la localizzazione della nascita di Gesù in una grotta deriva dal Protovangelo di Giacomo, mentre la presenza dell'asino e del bue accanto alla mangiatoia, associato tipicamente alle raffigurazioni natalizie antiche e moderne, deriva dal Vangelo dello pseudo-Matteo;Protovangelo di GiacomoVangelo dello pseudo-Matteo. i vangeli gnostici, di origine eretica e diffusi unicamente all'interno dei circoli gnostici, non sono stati in alcun modo usati e considerati all'interno della cosiddetta 'Grande Chiesa', cioè la maggior parte delle comunità cristiane.vangeli gnostici Diversamente da quanto si ritiene, in particolare in seguito al successo del best seller Il Codice Da Vinci (2003), i vangeli apocrifi non furono apertamente perseguitati. Da parte ecclesiastica e imperiale non vennero emanate esplicite proibizioni o bandi contro i vangeli apocrifi, né essi furono sequestrati o bruciati. Quelli che contenevano nozioni eretiche, perlopiù di tipo gnostico, si persero all'estinguersi della stessa eresia gnostica. Da parte cristiana inoltre la copiatura di tali testi era vista come inopportuna, non tanto per motivi dottrinali ma bensì per motivi economici: il supporto papiraceo o pergamenaceo era particolarmente costoso, come anche impegnativa era la copiatura amanuense, e l'attività veniva prevalentemente dedicata ai testi usati per il culto liturgico o per la devozione personale.best sellerIl Codice Da Vinci

12 Vangeli dell'infanzia I vangeli dell'infanzia illustrano i dettagli relativi alla vita pre-ministeriale di Gesù, soprattutto la sua infanzia, altrimenti ignoti in quanto taciuti dai vangeli canonici. Presentano un carattere abbondantemente e gratuitamente miracolistico che sfocia spesso nel magico-fiabesco, in netto contrasto con la sobrietà dei 4 vangeli canonici. I vangeli dell'infanzia illustrano i dettagli relativi alla vita pre-ministeriale di Gesù, soprattutto la sua infanzia, altrimenti ignoti in quanto taciuti dai vangeli canonici. Presentano un carattere abbondantemente e gratuitamente miracolistico che sfocia spesso nel magico-fiabesco, in netto contrasto con la sobrietà dei 4 vangeli canonici.vangeli dell'infanziaGesùvangeli canonicivangeli canonicivangeli dell'infanziaGesùvangeli canonicivangeli canonici Sono caratterizzati inoltre da una assente o imprecisa conoscenza degli usi e costumi giudaici o da altre imprecisioni di natura storica o geografica, che ne inficiano il valore storico degli eventi narrati. Sono caratterizzati inoltre da una assente o imprecisa conoscenza degli usi e costumi giudaici o da altre imprecisioni di natura storica o geografica, che ne inficiano il valore storico degli eventi narrati.

13 PROTOVANGELO DI GIACOMO Sulla natività e sullinfanzia di Maria Uscita dalla grotta l'ostetrica si incontrò con Salome, e le disse: "Salome, Salome! Ho un miracolo inaudito da raccontarti: una vergine ha partorito, ciò di cui non è capace la sua natura". Rispose Salome: "(Come è vero che) vive il Signore, se non ci metto il dito e non esamino la sua natura, non crederò mai che una vergine abbia partorito". Uscita dalla grotta l'ostetrica si incontrò con Salome, e le disse: "Salome, Salome! Ho un miracolo inaudito da raccontarti: una vergine ha partorito, ciò di cui non è capace la sua natura". Rispose Salome: "(Come è vero che) vive il Signore, se non ci metto il dito e non esamino la sua natura, non crederò mai che una vergine abbia partorito". [20, 1] Entrò l'ostetrica e disse a Maria: "Mettiti bene. Attorno a te, c'è, infatti, un non lieve contrasto". Salome mise il suo dito nella natura di lei, e mandò un grido, dicendo: "Guai alla mia iniquità e alla mia [20, 1] Entrò l'ostetrica e disse a Maria: "Mettiti bene. Attorno a te, c'è, infatti, un non lieve contrasto". Salome mise il suo dito nella natura di lei, e mandò un grido, dicendo: "Guai alla mia iniquità e alla mia incredulità, perché ho tentato il Dio vivo ed ecco che ora la mia mano si stacca da me, bruciata". [2] E piegò le ginocchia davanti al Signore, dicendo: "Dio dei miei padri, ricordati di me che sono stirpe di Abramo, di Isacco e di Giacobbe. Non fare di me un esempio per i figli di Israele, ma rendimi ai poveri. Tu, Padrone, sai, infatti, che nel tuo nome io compivo le mie cure, e la mia ricompensa la ricevevo da te". incredulità, perché ho tentato il Dio vivo ed ecco che ora la mia mano si stacca da me, bruciata". [2] E piegò le ginocchia davanti al Signore, dicendo: "Dio dei miei padri, ricordati di me che sono stirpe di Abramo, di Isacco e di Giacobbe. Non fare di me un esempio per i figli di Israele, ma rendimi ai poveri. Tu, Padrone, sai, infatti, che nel tuo nome io compivo le mie cure, e la mia ricompensa la ricevevo da te". Ed ecco apparirle un angelo del Signore, dicendole: "Salome, Salome! Il Signore ti ha esaudito: accosta la tua mano al bambino e prendilo su, e te ne verrà salute e gioia". [4] Salome si avvicinò e lo prese su, dicendo: "L'adorerò perché a Israele è nato un grande re". E subito Salome fu guarita e uscì dalla grotta giustificata. Ed ecco una voce che diceva: "Salome, Salome! Non propalare le cose meravigliose che hai visto, sino a quando il ragazzo non sia entrato in Gerusalemme" Ed ecco apparirle un angelo del Signore, dicendole: "Salome, Salome! Il Signore ti ha esaudito: accosta la tua mano al bambino e prendilo su, e te ne verrà salute e gioia". [4] Salome si avvicinò e lo prese su, dicendo: "L'adorerò perché a Israele è nato un grande re". E subito Salome fu guarita e uscì dalla grotta giustificata. Ed ecco una voce che diceva: "Salome, Salome! Non propalare le cose meravigliose che hai visto, sino a quando il ragazzo non sia entrato in Gerusalemme"

14 Vangeli giudeo-cristiani Vangeli giudeo-cristiani I 3 vangeli detti giudeo-cristiani, in uso tra i cristiani dei primi secoli rimasti legati alla tradizione religiosa giudaica, sono andati perduti. I 3 vangeli detti giudeo-cristiani, in uso tra i cristiani dei primi secoli rimasti legati alla tradizione religiosa giudaica, sono andati perduti. Ci è giunta traccia di essi solo attraverso testimonianze indirette e occasionali fornite da alcuni Padri della Chiesa. Verosimilmente si trattava di tre diciture diverse di un unico testo derivato dal Vangelo di Matteo. Ci è giunta traccia di essi solo attraverso testimonianze indirette e occasionali fornite da alcuni Padri della Chiesa. Verosimilmente si trattava di tre diciture diverse di un unico testo derivato dal Vangelo di Matteo.Padri della ChiesaVangelo di MatteoPadri della ChiesaVangelo di Matteo

15 Vangeli gnostici Le diverse correnti gnostiche dei primi secoli del cristianesimo (II-IV) hanno prodotto diversi testi relativi alla vita e al ministero di Gesù. Nonostante la datazione antica e l'attribuzione autorevole, la Chiesa Cattolica anche antica non ha mai mostrato dubbi nel considerare i soli 4 vangeli canonici (Matteo, Marco, Luca, Giovanni) come ispirati. Le diverse correnti gnostiche dei primi secoli del cristianesimo (II-IV) hanno prodotto diversi testi relativi alla vita e al ministero di Gesù. Nonostante la datazione antica e l'attribuzione autorevole, la Chiesa Cattolica anche antica non ha mai mostrato dubbi nel considerare i soli 4 vangeli canonici (Matteo, Marco, Luca, Giovanni) come ispirati.correnti gnostichecristianesimoGesùChiesa Cattolicavangeli canoniciMatteoMarco LucaGiovannicorrenti gnostichecristianesimoGesùChiesa Cattolicavangeli canoniciMatteoMarco LucaGiovanni Nonostante l'interesse che suscitano attualmente, il valore storico di questi testi si limita perlopiù alla ricostruzione dell'ambiente gnostico dei primi secoli dell'era cristiana, senza fornire affidabili informazioni sull'attività di Gesù. Due sono in particolare gli elementi che inducono a rigettare la presunta storicità delle informazioni in esse contenute: Nonostante l'interesse che suscitano attualmente, il valore storico di questi testi si limita perlopiù alla ricostruzione dell'ambiente gnostico dei primi secoli dell'era cristiana, senza fornire affidabili informazioni sull'attività di Gesù. Due sono in particolare gli elementi che inducono a rigettare la presunta storicità delle informazioni in esse contenute: l'epoca tarda. I più antichi vangeli apocrifi sono stati composti verso la metà del II secolo, quando i testimoni diretti della vita e della predicazione di Gesù erano da tempo scomparsi. Al contrario la composizione dei vangeli canonici risale al I secolo, quando la testimonianza dei discepoli e degli evangelisti in particolare era ancora viva. l'epoca tarda. I più antichi vangeli apocrifi sono stati composti verso la metà del II secolo, quando i testimoni diretti della vita e della predicazione di Gesù erano da tempo scomparsi. Al contrario la composizione dei vangeli canonici risale al I secolo, quando la testimonianza dei discepoli e degli evangelisti in particolare era ancora viva.Gesùvangeli canonicievangelistiGesùvangeli canonicievangelisti la natura 'segreta' delle rivelazioni. Per i vangeli apocrifi di origine gnostica, e dunque eretica, l'artificio letterario è sempre lo stesso: Gesù risorto comunica in privato a un discepolo (quasi sempre apostolo) meritevole (a differenza degli altri non meritevoli) 'inedite' e particolari nozioni e informazioni. Tale artificio mostra chiaramente la consapevolezza che avevano gli scrittori apocrifi della tardiva originalità, e dunque non fondatezza storica, dei contenuti narrati: "Ciò che dico si trova da nessuna parte perché Gesù l'ha comunicato in segreto a questo apostolo". Il risultato complessivo è quantomeno curioso: Gesù avrebbe di volta in volta prescelto un apostolo per rivelazioni particolari non precedentemente attestate, giudicando gli altri apostoli non degni della rivelazione, rivolgendosi però in definitiva a tutti gli apostoli. la natura 'segreta' delle rivelazioni. Per i vangeli apocrifi di origine gnostica, e dunque eretica, l'artificio letterario è sempre lo stesso: Gesù risorto comunica in privato a un discepolo (quasi sempre apostolo) meritevole (a differenza degli altri non meritevoli) 'inedite' e particolari nozioni e informazioni. Tale artificio mostra chiaramente la consapevolezza che avevano gli scrittori apocrifi della tardiva originalità, e dunque non fondatezza storica, dei contenuti narrati: "Ciò che dico si trova da nessuna parte perché Gesù l'ha comunicato in segreto a questo apostolo". Il risultato complessivo è quantomeno curioso: Gesù avrebbe di volta in volta prescelto un apostolo per rivelazioni particolari non precedentemente attestate, giudicando gli altri apostoli non degni della rivelazione, rivolgendosi però in definitiva a tutti gli apostoli.gnosticaGesùapostolognosticaGesùapostolo

16 IL VANGELO DI TOMMASO 1 Queste sono le parole segrete che Gesù il Vivente ha detto e Didimo Giuda Tommaso ha trascritto. Queste sono le parole segrete che Gesù il Vivente ha detto e Didimo Giuda Tommaso ha trascritto. 1.) Egli disse: "Chiunque trova la spiegazione di queste parole non gusterà la morte". 1.) Egli disse: "Chiunque trova la spiegazione di queste parole non gusterà la morte". 2. Gesù disse: "Coloro che cercano cerchino finché troveranno. Quando 2. Gesù disse: "Coloro che cercano cerchino finché troveranno. Quando troveranno, resteranno commossi. Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto." troveranno, resteranno commossi. Quando saranno turbati si stupiranno, e regneranno su tutto." 3. Gesù disse, "Se i vostri capi vi diranno, 'Vedete, il Regno è nei cieli', allora gli uccelli dei cieli vi precederanno. Se vi diranno, 'È nei mari', allora i pesci vi precederanno. Invece, il Regno è dentro di voi e fuori di voi. Quando vi conoscerete sarete riconosciuti, e comprenderete di essere figli del Padre vivente. Ma se non vi conoscerete, allora vivrete in miseria, e sarete la miseria stessa." 3. Gesù disse, "Se i vostri capi vi diranno, 'Vedete, il Regno è nei cieli', allora gli uccelli dei cieli vi precederanno. Se vi diranno, 'È nei mari', allora i pesci vi precederanno. Invece, il Regno è dentro di voi e fuori di voi. Quando vi conoscerete sarete riconosciuti, e comprenderete di essere figli del Padre vivente. Ma se non vi conoscerete, allora vivrete in miseria, e sarete la miseria stessa." 4. Gesù disse, "L'uomo di età avanzata non esiterà a chiedere a un bambino di sette giorni dov'è il luogo della vita, e quell'uomo vivrà. 4. Gesù disse, "L'uomo di età avanzata non esiterà a chiedere a un bambino di sette giorni dov'è il luogo della vita, e quell'uomo vivrà. Perché molti dei primi saranno ultimi, e diventeranno tutt'uno." Perché molti dei primi saranno ultimi, e diventeranno tutt'uno." 5. Gesù disse, "Sappiate cosa vi sta davanti agli occhi, e quello che vi è 5. Gesù disse, "Sappiate cosa vi sta davanti agli occhi, e quello che vi è nascosto vi sarà rivelato. Perché nulla di quanto è nascosto non sarà rivelato. nascosto vi sarà rivelato. Perché nulla di quanto è nascosto non sarà rivelato.

17 IL VANGELO DI TOMMASO Gesù disse, "Il regno del Padre è come una persona che aveva un tesoro nascosto nel suo campo ma non lo sapeva. E quando morì lo lasciò a suo figlio. Il figlio non ne sapeva nulla neanche lui. Diventò proprietario del campo e lo vendette. L'acquirente andò ad arare, scoprì il tesoro, e cominciò a prestare denaro a interesse a chi gli pareva." 109. Gesù disse, "Il regno del Padre è come una persona che aveva un tesoro nascosto nel suo campo ma non lo sapeva. E quando morì lo lasciò a suo figlio. Il figlio non ne sapeva nulla neanche lui. Diventò proprietario del campo e lo vendette. L'acquirente andò ad arare, scoprì il tesoro, e cominciò a prestare denaro a interesse a chi gli pareva." 110. Gesù disse, "Lasciate che chi ha trovato il mondo, ed è diventato ricco, rinunci al mondo." 110. Gesù disse, "Lasciate che chi ha trovato il mondo, ed è diventato ricco, rinunci al mondo." 111. Gesù disse, "I cieli e la terra si apriranno al vostro cospetto, e chiunque è vivo per colui che vive non vedrà la morte." 111. Gesù disse, "I cieli e la terra si apriranno al vostro cospetto, e chiunque è vivo per colui che vive non vedrà la morte." Non dice Gesù, "Di quelli che hanno trovato se stessi, il mondo non è Non dice Gesù, "Di quelli che hanno trovato se stessi, il mondo non è degno?" degno?" 112. Gesù disse, "Maledetta la carne che dipende dall'anima. Maledetta 112. Gesù disse, "Maledetta la carne che dipende dall'anima. Maledetta l'anima che dipende dalla carne." l'anima che dipende dalla carne." 113. I suoi discepoli gli chiesero, "Quando verrà il regno?" 113. I suoi discepoli gli chiesero, "Quando verrà il regno?" "Non verrà cercandolo. Non si dirà 'Guarda, è qui!', oppure 'Guarda, è lì!' "Non verrà cercandolo. Non si dirà 'Guarda, è qui!', oppure 'Guarda, è lì!' Piuttosto, il regno del Padre è sulla terra, e nessuno lo vede." Piuttosto, il regno del Padre è sulla terra, e nessuno lo vede."

18 Vangelo di Filippo 23.) Vi sono certuni che hanno paura di risuscitare nudi. Per questo essi vogliono risuscitare nella carne, e non sanno che quelli che portano la carne, proprio essi sono nudi. Quelli che spogliano se stessi fino ad essere nudi, non sono nudi. Né carne né sangue possono ereditare il Regno di Dio. Qual'è quello che non erediterà? Il corpo che noi abbiamo. Qual'è invece quello che erediterà? Quello di Gesù e il suo sangue. È per questo che egli ha detto: "Chi non mangerà la mia carne (Logos) e non berrà il mio sangue non ha la vita in se stesso". E cosa sono queste cose? La sua carne è il Logos e il suo sangue è lo Spirito Santo (anima). Chi ha ricevuto queste cose ha cibo, bevanda e vestito. Io, poi, biasimo anche gli altri, quelli che dicono che non si risusciterà. Infatti ambedue sono in errore. Tu dici che la carne non risusciterà: dimmi allora che cosa risusciterà, affinché noi possiamo renderti onore. Tu dici che lo Spirito è dentro la carne, che c'è pure questa luce dentro la carne. Ma è il Logos, quest'altro che è nella carne! In questa carne (Logos) in cui Tutto esiste, bisogna dunque risuscitare. 23.) Vi sono certuni che hanno paura di risuscitare nudi. Per questo essi vogliono risuscitare nella carne, e non sanno che quelli che portano la carne, proprio essi sono nudi. Quelli che spogliano se stessi fino ad essere nudi, non sono nudi. Né carne né sangue possono ereditare il Regno di Dio. Qual'è quello che non erediterà? Il corpo che noi abbiamo. Qual'è invece quello che erediterà? Quello di Gesù e il suo sangue. È per questo che egli ha detto: "Chi non mangerà la mia carne (Logos) e non berrà il mio sangue non ha la vita in se stesso". E cosa sono queste cose? La sua carne è il Logos e il suo sangue è lo Spirito Santo (anima). Chi ha ricevuto queste cose ha cibo, bevanda e vestito. Io, poi, biasimo anche gli altri, quelli che dicono che non si risusciterà. Infatti ambedue sono in errore. Tu dici che la carne non risusciterà: dimmi allora che cosa risusciterà, affinché noi possiamo renderti onore. Tu dici che lo Spirito è dentro la carne, che c'è pure questa luce dentro la carne. Ma è il Logos, quest'altro che è nella carne! In questa carne (Logos) in cui Tutto esiste, bisogna dunque risuscitare. 24.) In questo mondo, quelli che indossano i vestiti (anime) sono superiori ai vestiti (corpo); nel Regno dei Cieli i vestiti (spirito) sono superiori a quelli che li indossano, per l'acqua ed il fuoco che purificano tutto il luogo. 24.) In questo mondo, quelli che indossano i vestiti (anime) sono superiori ai vestiti (corpo); nel Regno dei Cieli i vestiti (spirito) sono superiori a quelli che li indossano, per l'acqua ed il fuoco che purificano tutto il luogo. 55.) La Sofia, che è chiamata sterile, è la madre degli angeli. La consorte di Cristo è Maria Maddalena. Il Signore amava Maria più di tutti i discepoli e la baciava spesso sulla bocca. Gli altri discepoli allora dissero: "Perché ami lei più di tutti noi? "Il Salvatore rispose e disse loro: "Perché, non amo voi tutti come lei? 55.) La Sofia, che è chiamata sterile, è la madre degli angeli. La consorte di Cristo è Maria Maddalena. Il Signore amava Maria più di tutti i discepoli e la baciava spesso sulla bocca. Gli altri discepoli allora dissero: "Perché ami lei più di tutti noi? "Il Salvatore rispose e disse loro: "Perché, non amo voi tutti come lei?

19 Vangeli della passione Vangelo di Gamaliele è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Gamaliele, stimato maestro ebreo del I secolo d.C. Datato al IV secolo, è scritto in copto, forse rielaborante materiale greco precedente. Descrive gli eventi della domenica di Pasqua successivi alla risurrezione di Gesù e esalta la figura di Pilato e sua moglie Procla, che prendono in consegna la Sindone.È evidente la dipendenza da un altro vangelo apocrifo relativo alla passione, il Vangelo di Nicodemo o Atti di Pilato. Come gli altri vangeli della passione, il Vangelo di Gamaliele è all'origine dell'esaltazione cristiana di Pilato e sua moglie Procla, considerati santi dalle chiese greco-ortodossa e copta. Vangelo di Gamaliele è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Gamaliele, stimato maestro ebreo del I secolo d.C. Datato al IV secolo, è scritto in copto, forse rielaborante materiale greco precedente. Descrive gli eventi della domenica di Pasqua successivi alla risurrezione di Gesù e esalta la figura di Pilato e sua moglie Procla, che prendono in consegna la Sindone.È evidente la dipendenza da un altro vangelo apocrifo relativo alla passione, il Vangelo di Nicodemo o Atti di Pilato. Come gli altri vangeli della passione, il Vangelo di Gamaliele è all'origine dell'esaltazione cristiana di Pilato e sua moglie Procla, considerati santi dalle chiese greco-ortodossa e copta.vangelo apocrifo Gamaliele coptogrecoPasquaGesùPilatoProclaSindoneVangelo di NicodemoAtti di Pilato Proclavangelo apocrifo Gamaliele coptogrecoPasquaGesùPilatoProclaSindoneVangelo di NicodemoAtti di Pilato Procla Il Vangelo di Nicodemo è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Nicodemo, discepolo di Gesù. Datato al II secolo, è scritto in greco. Similmente agli altri vangeli della passione (Vangelo di Gamaliele, Vangelo di Pietro) descrive la passione di Gesù discolpando Pilato. Fa parte del cosiddetto Ciclo di Pilato, una serie di scritti apocrifi più o meno antichi centrati sulla figura di Pilato. Il testo risulta composto da tre sezioni originariamente indipendenti: Il Vangelo di Nicodemo è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Nicodemo, discepolo di Gesù. Datato al II secolo, è scritto in greco. Similmente agli altri vangeli della passione (Vangelo di Gamaliele, Vangelo di Pietro) descrive la passione di Gesù discolpando Pilato. Fa parte del cosiddetto Ciclo di Pilato, una serie di scritti apocrifi più o meno antichi centrati sulla figura di Pilato. Il testo risulta composto da tre sezioni originariamente indipendenti:vangelo apocrifo NicodemogrecoVangelo di GamalieleVangelo di PietroGesùPilatoCiclo di Pilato vangelo apocrifo NicodemogrecoVangelo di GamalieleVangelo di PietroGesùPilatoCiclo di Pilato cc. 1-11: Atti di Pilato cc. 1-11: Atti di PilatoAtti di PilatoAtti di Pilato cc : Vangelo di Nicodemo vero e proprio cc : Vangelo di Nicodemo vero e proprio cc : Discesa agli inferi di Gesù cc : Discesa agli inferi di GesùDiscesa agli inferiDiscesa agli inferi

20 Vangeli della passione Il Vangelo di Pietro è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Pietro, apostolo. Datato dalla maggior parte degli studiosi alla prima metà del II secolo, è scritto in greco. Similmente agli altri vangeli della passione (Vangelo di Gamaliele, Vangelo di Nicodemo) descrive la passione di Gesù discolpando Pilato. Ritenuto perduto per secoli, conosciuto tramite citazioni indirette di alcuni Padri della Chiesa, ne è stata ritrovata una versione incompleta nel 1887 ad Akhmin, nell'Alto Egitto.Non va confuso con un altro vangelo apocrifo andato perduto, la Predicazione di Pietro. Il Vangelo di Pietro è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Pietro, apostolo. Datato dalla maggior parte degli studiosi alla prima metà del II secolo, è scritto in greco. Similmente agli altri vangeli della passione (Vangelo di Gamaliele, Vangelo di Nicodemo) descrive la passione di Gesù discolpando Pilato. Ritenuto perduto per secoli, conosciuto tramite citazioni indirette di alcuni Padri della Chiesa, ne è stata ritrovata una versione incompleta nel 1887 ad Akhmin, nell'Alto Egitto.Non va confuso con un altro vangelo apocrifo andato perduto, la Predicazione di Pietro.vangelo apocrifo PietrogrecoVangelo di GamalieleVangelo di NicodemoGesùPilatoPadri della Chiesa1887AkhminAlto Egitto Predicazione di Pietrovangelo apocrifo PietrogrecoVangelo di GamalieleVangelo di NicodemoGesùPilatoPadri della Chiesa1887AkhminAlto Egitto Predicazione di Pietro La Dichiarazione (o narrazione) di Giuseppe di Arimatea è un apocrifo del Nuovo Testamento di incerta datazione, il cui manoscritto più antico (codice ambrosiano E140) è in greco e risale al XII secolo. Solitamente viene catalogato tra i vangeli della passione apocrifi, ma la tradizione manoscritta lo ha accostato agli scritti del Ciclo di Pilato, sebbene il prefetto romano svolga nell'apocrifo un ruolo marginale. La Dichiarazione (o narrazione) di Giuseppe di Arimatea è un apocrifo del Nuovo Testamento di incerta datazione, il cui manoscritto più antico (codice ambrosiano E140) è in greco e risale al XII secolo. Solitamente viene catalogato tra i vangeli della passione apocrifi, ma la tradizione manoscritta lo ha accostato agli scritti del Ciclo di Pilato, sebbene il prefetto romano svolga nell'apocrifo un ruolo marginale.apocrifo del Nuovo TestamentomanoscrittogrecoXII secoloCiclo di Pilatoapocrifo del Nuovo TestamentomanoscrittogrecoXII secoloCiclo di Pilato Il testo riporta la narrazione in prima persona di Giuseppe d'Arimatea degli eventi della passione, morte e risurrezione di Gesù. Viene dato particolare risalto alla storia e al ruolo dei due 'ladroni' crocifissi con Gesù, che il testo chiama Dema (quello buono) e Gesta (quello cattivo). Il testo riporta la narrazione in prima persona di Giuseppe d'Arimatea degli eventi della passione, morte e risurrezione di Gesù. Viene dato particolare risalto alla storia e al ruolo dei due 'ladroni' crocifissi con Gesù, che il testo chiama Dema (quello buono) e Gesta (quello cattivo).Giuseppe d'ArimateaGesùdue 'ladroni'DemaGestaGiuseppe d'ArimateaGesùdue 'ladroni'DemaGesta

21 Altri vangeli apocrifi Interrogatio Johannis o Cena segreta o Libro di Giovanni evangelista Interrogatio Johannis o Cena segreta o Libro di Giovanni evangelista Interrogatio Johannis Interrogatio Johannis Vangelo di Barnaba Vangelo di Barnaba Vangelo di Barnaba Vangelo di Barnaba Vangelo di Bartolomeo o Questioni di Bartolomeo Vangelo di Bartolomeo o Questioni di Bartolomeo Vangelo di BartolomeoQuestioni di Bartolomeo Vangelo di BartolomeoQuestioni di Bartolomeo Vangelo di (Giuda) Taddeo Vangelo di (Giuda) Taddeo Vangelo di (Giuda) Taddeo Vangelo di (Giuda) Taddeo

22 Frammenti di apocrifi I ritrovamenti archeologici del XX secolo hanno portato alla luce alcuni frammenti di papiro o pergamena contenenti testi di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. Data la brevità dei testi e la corruzione del supporto, la datazione è particolarmente difficile sia con metodi filologici che con i normali metodi di datazione archeologici (p.es. carbonio 14). Di seguito sono indicate le datazioni maggiormente condivise, ma a seconda degli studiosi subiscono notevoli variazioni.Risulta inoltre attualmente impossibile determinare se si trattasse di raccolte di materiale poi confluito nei Vangeli canonici (p.es. fonte Q), di brani di Vangeli apocrifi noti ma andati perduti, o di brani di Vangeli apocrifi del tutto sconosciuti. I ritrovamenti archeologici del XX secolo hanno portato alla luce alcuni frammenti di papiro o pergamena contenenti testi di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. Data la brevità dei testi e la corruzione del supporto, la datazione è particolarmente difficile sia con metodi filologici che con i normali metodi di datazione archeologici (p.es. carbonio 14). Di seguito sono indicate le datazioni maggiormente condivise, ma a seconda degli studiosi subiscono notevoli variazioni.Risulta inoltre attualmente impossibile determinare se si trattasse di raccolte di materiale poi confluito nei Vangeli canonici (p.es. fonte Q), di brani di Vangeli apocrifi noti ma andati perduti, o di brani di Vangeli apocrifi del tutto sconosciuti. papiropergamenacarbonio 14fonte Q papiropergamenacarbonio 14fonte Q Papiri di Ossirinco 840 e Ritrovati tra i papiri di Ossirinco contengono brevi testi in greco di natura evangelica, non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico, e sono databili tra il Papiri di Ossirinco 840 e Ritrovati tra i papiri di Ossirinco contengono brevi testi in greco di natura evangelica, non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico, e sono databili tra il papiri di Ossirincogrecovangelo apocrifocanonicopapiri di Ossirincogrecovangelo apocrifocanonico I frammenti noto come Papiro Egerton 2 conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. Databile tra il d.C. I frammenti noto come Papiro Egerton 2 conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. Databile tra il d.C.grecovangelo apocrifocanonicogrecovangelo apocrifocanonico Il frammenti noto come conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. È databile al III secolo. Contiene un breve frammento del dialogo tra Gesù e gli apostoli durante l'ultima cena, rappresentando una redazione abbreviata di Mc14,26-30 e Mt26, Il frammenti noto come Papiro di Fayyum conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. È databile al III secolo. Contiene un breve frammento del dialogo tra Gesù e gli apostoli durante l'ultima cena, rappresentando una redazione abbreviata di Mc14,26-30 e Mt26,30-34.grecovangelo apocrifocanonicoMc14,26-30Mt26,30-34grecovangelo apocrifocanonicoMc14,26-30Mt26,30-34 Il frammenti noto come Papiro di Berlino conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. È databile al VI secolo ed è stato ritrovato nel Contiene due brevi frammenti del dialogo tra Gesù e Natanaele (cf. Gv1,49). Il frammenti noto come Papiro di Berlino conteniene brevi testi in greco di natura evangelica non riconducibili ad alcun vangelo apocrifo o canonico. È databile al VI secolo ed è stato ritrovato nel Contiene due brevi frammenti del dialogo tra Gesù e Natanaele (cf. Gv1,49).grecovangelo apocrifocanonicoGesùNatanaeleGv1,49grecovangelo apocrifocanonicoGesùNatanaeleGv1,49


Scaricare ppt "VANGELI CANONICI E VANGELI APOCRIFI. Vangeli Canonici Vangeli Canonici Testi del I secolo attribuiti agli evangelisti Matteo, Marco, Luca e Giovanni,"

Presentazioni simili


Annunci Google