La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Organizzazione sanitaria in Italia Organizzazione sanitaria in Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Organizzazione sanitaria in Italia Organizzazione sanitaria in Italia."— Transcript della presentazione:

1 Organizzazione sanitaria in Italia Organizzazione sanitaria in Italia

2 Articolo 32 della Costituzione La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività,e garantisce cure gratuite agli indigenti. La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività,e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge in nessun caso può violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. La legge in nessun caso può violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

3 La salute non ha prezzo!? La salute non ha prezzo!?

4

5 Sanità dal 1948 al 1978 Organizzazione e gestione statale Organizzazione e gestione statale Assicurazioni mutualistiche (INAM etc.) Assicurazioni mutualistiche (INAM etc.) Ospedali Ospedali Uffici provinciali igiene Uffici provinciali igiene

6 1970 Costituzioni delle Regioni 1970 Costituzioni delle Regioni D.P.R. 14 gennaio 1972 n. 4 Le funzioni amministrative esercitate dagli organi centrali e periferici dello Stato in materia di assistenza sanitaria,nelle sue fasi di intervento preventivo, curativo e riabilitativo,sono trasferite alle Regioni a statuto ordinario. Le funzioni amministrative esercitate dagli organi centrali e periferici dello Stato in materia di assistenza sanitaria,nelle sue fasi di intervento preventivo, curativo e riabilitativo,sono trasferite alle Regioni a statuto ordinario.

7 Legge 23 dic.1978 n.833 Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale (SSN)

8 Che cosa è il SSN? Lo strumento operativo per garantire la tutela della salute. Lo strumento operativo per garantire la tutela della salute. Art. 1 legge 833 la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività mediante il SSN Art. 1 legge 833 la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività mediante il SSN

9 Da cosa è costituito il SSN? Il SSN è costituito dal complesso delle funzioni, delle strutture e delle attività che concorrono a promuovere, a mantenere e a recuperare la salute fisica e psichica di tutta la popolazione. Il SSN è costituito dal complesso delle funzioni, delle strutture e delle attività che concorrono a promuovere, a mantenere e a recuperare la salute fisica e psichica di tutta la popolazione.

10 Il SSN PERSEGUE: UNIFORMITA DELLE CONDIZIONI DI SALUTE SU TUTTO IL TERITORIO NAZIONALE, GARANTENDO A TUTTI I LIVELLI UNIFORMI DI ASSISTENZA. UNIFORMITA DELLE CONDIZIONI DI SALUTE SU TUTTO IL TERITORIO NAZIONALE, GARANTENDO A TUTTI I LIVELLI UNIFORMI DI ASSISTENZA. I LIVELLI UNIFORMI DI ASSISTENZA SONO LINSIEME DELLE ATTIVITA CHE DEVONO ESSERE EROGATE DAL SSN (PSN 94-96) I LIVELLI UNIFORMI DI ASSISTENZA SONO LINSIEME DELLE ATTIVITA CHE DEVONO ESSERE EROGATE DAL SSN (PSN 94-96)

11 A CHI COMPETE LATTUAZIONE DEL SSN? NELLA LEGGE 833 /78 VI SONO TRE LIVELLI DI INTERVENTO: LO STATO - LE REGIONI - GLI ENTI LOCALI NELLA LEGGE 833 /78 VI SONO TRE LIVELLI DI INTERVENTO: LO STATO - LE REGIONI - GLI ENTI LOCALI DALLA LEGGE 502/92 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI VI SONO DUE LIVELLI DI INTERVENTO : LO STATO E LE REGIONI DALLA LEGGE 502/92 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI VI SONO DUE LIVELLI DI INTERVENTO : LO STATO E LE REGIONI

12 Lo strumento operativo del SSN nella 833 è rappresentato dalle Usl

13 Fonte Min. sal

14 Le Usl nella 833 Sono Strutture operative dei Comuni Sono Strutture operative dei Comuni Sono lo Strumento per realizzare gli obiettivi per la tutela della salute Sono lo Strumento per realizzare gli obiettivi per la tutela della salute Gestiscono : a) le strutture ospedaliere del territorio b) la medicina di base c) il servizio farmaceutico d) lIgiene pubblica e) lIgiene mentale f)il Servizio veterinario g)la Medicina preventiva e igiene del lavoro Gestiscono : a) le strutture ospedaliere del territorio b) la medicina di base c) il servizio farmaceutico d) lIgiene pubblica e) lIgiene mentale f)il Servizio veterinario g)la Medicina preventiva e igiene del lavoro Effettuano la Gestione contabile e amministrativa Effettuano la Gestione contabile e amministrativa

15 Finanziamento del SSN Finanziamento del SSN Il finanziamento del SSN avviene dalla 833 in poi attraverso la fiscalità generale. Il finanziamento del SSN avviene dalla 833 in poi attraverso la fiscalità generale. Fondi integrativi Fondi integrativi

16 Dalla 833 alla 502 Per problemi gestionali Per problemi gestionali Per problemi economici Per problemi economici Per inefficienza e poca efficacia Per inefficienza e poca efficacia

17 Aziendalizzazione punto cardine della 502/92 Si passa dalla gestione politica alla gestione tecnica. Si passa dalla gestione politica alla gestione tecnica. Le Usl diventano Aziende Sanitarie Locali Le Usl diventano Aziende Sanitarie Locali Vengono create le Aziende Ospedaliere e le Aziende Ospedaliere Universitarie Vengono create le Aziende Ospedaliere e le Aziende Ospedaliere Universitarie Vengono ridefiniti gli ambiti territoriali delle Aziende sanitarie Vengono ridefiniti gli ambiti territoriali delle Aziende sanitarie

18 Organizzazione del livello statale Organizzazione del livello statale Nella 833/78 Stabilisce la programmazione sanitaria nazionale Stabilisce la programmazione sanitaria nazionale Indirizzi generali per la tutela della salute Indirizzi generali per la tutela della salute Livelli di prestazione da garantire a tutti i cittadini Livelli di prestazione da garantire a tutti i cittadini Norme per garantire uniformità di assistenza Norme per garantire uniformità di assistenza Coordina attività amministrative regionali Coordina attività amministrative regionali Funzioni amministrative generali Funzioni amministrative generali Stabilisce il Fondo Sanitario Nazionale e il riparto alle Regioni Stabilisce il Fondo Sanitario Nazionale e il riparto alle Regioni Redige il Piano Sanitario Nazionale Redige il Piano Sanitario Nazionale Recepisce direttive internazionali Recepisce direttive internazionali Nella 502/92 e succ. modificazioni Indirizzi generali per la tutela della salute Indirizzi generali per la tutela della salute Stabilisce la programmazione nazionale con la partecipazione delle Regioni Stabilisce la programmazione nazionale con la partecipazione delle Regioni Fissa dintesa con le Regioni i LEA Fissa dintesa con le Regioni i LEA Stabilisce lentità del Fondo Sanitario Nazionale e lo ripartisce dintesa con le Regioni Stabilisce lentità del Fondo Sanitario Nazionale e lo ripartisce dintesa con le Regioni Redige il Piano Sanitario Nazionale con la partecipazione delle Regioni Redige il Piano Sanitario Nazionale con la partecipazione delle Regioni Recepisce direttive internazionali Recepisce direttive internazionali

19 Piano Sanitario Nazionale La programmazione sanitaria è prerogativa del livello statale, esplicata con il Piano Sanitario Nazionale nel quale si delineano le procedure di programmazione e attuazione del SSN,la promozione della salute, si individuano le priorità realizzate con obiettivi chiari, correlati con le disponibilità economiche, i livelli essenziali di assistenza. La programmazione sanitaria è prerogativa del livello statale, esplicata con il Piano Sanitario Nazionale nel quale si delineano le procedure di programmazione e attuazione del SSN,la promozione della salute, si individuano le priorità realizzate con obiettivi chiari, correlati con le disponibilità economiche, i livelli essenziali di assistenza.

20 Gli obiettivi per raggiungere la tutela della salute Educazione sanitaria Educazione sanitaria Prevenzione Prevenzione Diagnosi e cure Diagnosi e cure Riabilitazione Riabilitazione Igiene ambiente di vita Igiene ambiente di vita Igiene ambiente lavoro Igiene ambiente lavoro Igiene alimenti Igiene alimenti Igiene veterinaria Igiene veterinaria Disciplina farmaci Disciplina farmaci Formazione Formazione Ricerca scientifica Ricerca scientifica

21 Livelli Essenziali di Assistenza(LEA) Livelli Essenziali di Assistenza(LEA) I Livelli sono definiti essenziali perché necessari e appropriati per rispondere ai bisogni fondamentali di tutela della salute. I Livelli sono definiti essenziali perché necessari e appropriati per rispondere ai bisogni fondamentali di tutela della salute. I LEA devono essere anche uniformi su tutto il territorio nazionale. I LEA devono essere anche uniformi su tutto il territorio nazionale. Lindividuazione dei LEA è effettuata, per il periodo di validità del PSN contestualmente alla individuazione delle risorse finanziarie destinate al SSN. Lindividuazione dei LEA è effettuata, per il periodo di validità del PSN contestualmente alla individuazione delle risorse finanziarie destinate al SSN. Le prestazioni comprese nei LEA sono garantite dal SSN gratuitamente o con quota a carico del cittadino. Le prestazioni comprese nei LEA sono garantite dal SSN gratuitamente o con quota a carico del cittadino.

22 Lista positiva dei LEA Lista positiva dei LEA I LEA comprendono: 1. assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro 2. assistenza distrettuale 3. assistenza ospedaliera

23 Lista negativa dei LEA Lista negativa dei LEA Prestazioni completamente escluse dai LEA Prestazioni completamente escluse dai LEA Prestazioni parzialmente escluse dai LEA Prestazioni parzialmente escluse dai LEA Prestazioni incluse nei LEA, ma con profilo organizzativo inappropriato da modificare Prestazioni incluse nei LEA, ma con profilo organizzativo inappropriato da modificare

24 LISTE DATTESA Schema dIntesa Stato Regioni 28/03/06 LISTE DATTESA Schema dIntesa Stato Regioni 28/03/06 Ha individuato 100 prestazioni stabilendone tempi massimi dattesa Ha individuato 100 prestazioni stabilendone tempi massimi dattesa Ogni ASL indica le strutture presso le quali tali tempi sono assicurati Ogni ASL indica le strutture presso le quali tali tempi sono assicurati Promuove la realizzazione del CUP Promuove la realizzazione del CUP Attivazione di uno specifico flusso nel NSIS Attivazione di uno specifico flusso nel NSIS Istituzione CNA Istituzione CNA Il divieto di sospensione della attività di prenotazione Il divieto di sospensione della attività di prenotazione Obbligo del registro di prenotazione Obbligo del registro di prenotazione Applicazione di sanzioni Applicazione di sanzioni

25 Organizzazione del livello regionale nella 502/92 e mod. Legislativa Legislativa Amministrativa propria e delegata Amministrativa propria e delegata Controllo Controllo Stabilisce lambito territoriale dellASL Stabilisce lambito territoriale dellASL Individua le Aziende Ospedaliere Individua le Aziende Ospedaliere Vara i Protocolli dintesa con le Università Vara i Protocolli dintesa con le Università Gestionale Gestionale Ripartizione del Fondo Regionale Ripartizione del Fondo Regionale Piano Sanitario Regionale Piano Sanitario Regionale

26 Azienda Sanitaria Locale(ASL) Le ASL assicurano i LEA Le ASL assicurano i LEA Le ASL sono aziende di diritto pubblico con personalità giuridica al fine di dotare lorganizzazione sanitaria di efficienza, efficacia ed economicità. Le ASL sono aziende di diritto pubblico con personalità giuridica al fine di dotare lorganizzazione sanitaria di efficienza, efficacia ed economicità. Le ASL hanno dimensione infraregionali. Le ASL hanno dimensione infraregionali. Le funzioni dellASL vengono svolte con atto aziendale. Le funzioni dellASL vengono svolte con atto aziendale.

27 AUTONOMIA DELLE ASL Gestionale Gestionale Organizzativa Organizzativa Contabile Contabile Amministrativa Amministrativa Patrimoniale Patrimoniale Tecnica Tecnica

28 Autonomia organizzativa Autonomia organizzativa individua autonomamente la struttura organizzativa dellAzienda sia come sistema organizzativo interno (staff di direzione ), sia come livelli di decentramento ( poteri di gestione, di controllo ) Autonomia organizzativa individua autonomamente la struttura organizzativa dellAzienda sia come sistema organizzativo interno (staff di direzione ), sia come livelli di decentramento ( poteri di gestione, di controllo )

29 Autonomia amministrativa Potere di adottare autonomamente provvedimenti amministrativi che implicano potestà pubblica. Potere di adottare autonomamente provvedimenti amministrativi che implicano potestà pubblica.

30 Autonomia contabile Comprende larea di di gestione economica, finanziaria e patrimoniale Comprende larea di di gestione economica, finanziaria e patrimoniale

31 Autonomia patrimoniale Disporre del patrimonio sia con atti di acquisizione, sia con atti di cessione, sia con atti di amministrazione Disporre del patrimonio sia con atti di acquisizione, sia con atti di cessione, sia con atti di amministrazione

32 Autonomia gestionale Il potere di determinare in piena autonomia gli obiettivi dellazione Il potere di determinare in piena autonomia gli obiettivi dellazione programmare le attività programmare le attività provvedere alla allocazione delle risorse umane, strumetali e finanziarie provvedere alla allocazione delle risorse umane, strumetali e finanziarie procedere al conferimento dei poteri e alle attribuzioni delle responsabilità procedere al conferimento dei poteri e alle attribuzioni delle responsabilità il modo di controllare landamento della gestione il modo di controllare landamento della gestione la verifica dei risultati. la verifica dei risultati.

33 Autonomia tecnica Procedure e le modalità di impiego delle risorse. Procedure e le modalità di impiego delle risorse.

34 Organi delle ASL Direttore Generale Direttore Generale Collegio sindacale Collegio sindacale

35

36 Perché Aziende? La gestione e lorganizzazione sanitaria secondo principi aziendali e strumenti privatistici (atto aziendale) risponde a criteri di efficacia, efficienza ed economicità, rispettando i vincoli di bilancio attraverso lequilibrio costi e ricavi. La gestione e lorganizzazione sanitaria secondo principi aziendali e strumenti privatistici (atto aziendale) risponde a criteri di efficacia, efficienza ed economicità, rispettando i vincoli di bilancio attraverso lequilibrio costi e ricavi. Sfruttamento ottimale delle risorse rispettando i livelli di qualità ed equità. Sfruttamento ottimale delle risorse rispettando i livelli di qualità ed equità. Organizzazione e funzionamento secondo il livello basato sul controllo di gestione. Organizzazione e funzionamento secondo il livello basato sul controllo di gestione.

37 LASL da produttore ad acquirente LASL garantisce la tutela della salute per conto della Regione tramite lacquisto di servizi sanitari da produttori pubblici (es. ospedali) e privati. LASL garantisce la tutela della salute per conto della Regione tramite lacquisto di servizi sanitari da produttori pubblici (es. ospedali) e privati.

38 Il flusso finanziario Il finanziamento alle ASL per acquistare i servizi è basato sulla quota capitaria. Il finanziamento alle ASL per acquistare i servizi è basato sulla quota capitaria. La remunerazione dei soggetti erogatori dei servizi sanitari (produttori pubblici e privati) è basato su pagamento a prestazione, tranne per i MMG e PLS pagati per la parte maggiore a quota capitaria. La remunerazione dei soggetti erogatori dei servizi sanitari (produttori pubblici e privati) è basato su pagamento a prestazione, tranne per i MMG e PLS pagati per la parte maggiore a quota capitaria.

39 Efficienza Efficienza È il rapporto tra costi ( servizi) e benefici (diminuzione della morbilità e/o mortalità) È il rapporto tra costi ( servizi) e benefici (diminuzione della morbilità e/o mortalità) Ha due componenti: efficienza clinica ed efficienza di produttività che si ottengono dalla capacità tecnico-professionale, dalla qualità delle strutture, e dalla disponibilità delle risorse. Ha due componenti: efficienza clinica ed efficienza di produttività che si ottengono dalla capacità tecnico-professionale, dalla qualità delle strutture, e dalla disponibilità delle risorse. Lefficienza può avere una soglia verso il basso e una verso lalto. Lefficienza può avere una soglia verso il basso e una verso lalto. Lefficienza tecnica si ha quando lutilizzo in modo razionale della tecnologia disponibile rende il massimo prodotto possibile, in definitiva efficienza nellimpiego delle risorse. Lefficienza tecnica si ha quando lutilizzo in modo razionale della tecnologia disponibile rende il massimo prodotto possibile, in definitiva efficienza nellimpiego delle risorse.

40 EFFICACIA EFFICACIA Lefficacia è la capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati. Lefficacia è la capacità di raggiungere gli obiettivi prefissati. Lefficacia a priori è quella relativa allutilizzo di tecnologie efficaci. Lefficacia a priori è quella relativa allutilizzo di tecnologie efficaci. Lefficacia a posteriori è quella della valutazione dei risultati del sistema di cure in termini di salute Lefficacia a posteriori è quella della valutazione dei risultati del sistema di cure in termini di salute

41 ECONOMICITA ECONOMICITA Leconomicità si ottiene scegliendo i costi di risorse minime che danno gli stessi outcomes, anche usando i costi di risorse superiori. Leconomicità si ottiene scegliendo i costi di risorse minime che danno gli stessi outcomes, anche usando i costi di risorse superiori.

42 APPROPRIATEZZA APPROPRIATEZZA Lappropriatezza è la pertinenza delle attività assistenziali rispetto a persone, circostanza e luogo,questi devono essere valide ed accettabili da un punto di vista scientifico sia per loperatore sanitario che per gli utenti. Ovvero,pertinenza tra specifici bisogni di salute e modalità/tipo di prestazione erogate Holland 1985 Lappropriatezza è la pertinenza delle attività assistenziali rispetto a persone, circostanza e luogo,questi devono essere valide ed accettabili da un punto di vista scientifico sia per loperatore sanitario che per gli utenti. Ovvero,pertinenza tra specifici bisogni di salute e modalità/tipo di prestazione erogate Holland 1985

43 ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE È linnovazione legislativa organizzativa principale inserita nel dl 502/92 e succ. mod. È linnovazione legislativa organizzativa principale inserita nel dl 502/92 e succ. mod. È il modello ordinario di gestione operativa con cui sono organizzate le strutture aziendali. È il modello ordinario di gestione operativa con cui sono organizzate le strutture aziendali. È unaggregazione di più unità operative affini o complementari,con propria autonomia e responsabilità, ma interdipendenti( es. Dip. Cardiologia, Chirurgia generale, Prevenzione ecc.). È unaggregazione di più unità operative affini o complementari,con propria autonomia e responsabilità, ma interdipendenti( es. Dip. Cardiologia, Chirurgia generale, Prevenzione ecc.). Serve a potenziare le responsabilità dirigenziali e professionali, come centro di responsabilità, sia economico, sia per lelaborazione dei programmi di attività e di valutazione dellassistenza. Serve a potenziare le responsabilità dirigenziali e professionali, come centro di responsabilità, sia economico, sia per lelaborazione dei programmi di attività e di valutazione dellassistenza. Il D.G. nomina il direttore del dipartimento. Il D.G. nomina il direttore del dipartimento.

44 IL DISTRETTO è larticolazione organizzativo-funzionale dellASL è larticolazione organizzativo-funzionale dellASL è individuato con atto aziendale è individuato con atto aziendale prevede un bacino di utenza di popolazione minima di abitanti prevede un bacino di utenza di popolazione minima di abitanti ha la finalità di realizzare un elevato livello di integrazione tra i diversi servizi che erogano le prestazioni sanitarie e tra questi e i servizi socio-sanitari, tale da consentire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni sanitaria della popolazione. ha la finalità di realizzare un elevato livello di integrazione tra i diversi servizi che erogano le prestazioni sanitarie e tra questi e i servizi socio-sanitari, tale da consentire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni sanitaria della popolazione. ha autonomia tecnico-gestionale ha autonomia tecnico-gestionale ha autonomia economico finanziaria ha autonomia economico finanziaria ha risorse in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione ha risorse in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione Ha anche compiti di assistenza socio sanitaria se concordati e finanziati dai comuni. Ha anche compiti di assistenza socio sanitaria se concordati e finanziati dai comuni.

45 Funzioni del distretto Assistenza primaria Assistenza primaria Coordinamento dei medici di medicina generale con le strutture operative dei vari dipartimenti, con i servizi specialistici ambulatoriali, le strutture ospedaliere ed extraospedalere accreditate. Coordinamento dei medici di medicina generale con le strutture operative dei vari dipartimenti, con i servizi specialistici ambulatoriali, le strutture ospedaliere ed extraospedalere accreditate. Lerogazione delle prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, nonché delle prestazioni sociali a rilevanza sanitaria se delegate dai comuni. Lerogazione delle prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, nonché delle prestazioni sociali a rilevanza sanitaria se delegate dai comuni. ADI ADP ADR ADI ADP ADR

46 I Servizi offerti dal Distretto Assistenza primaria:MMG PLS Continuità assistenziale Assistenza primaria:MMG PLS Continuità assistenziale Assistenza specialistica ambulatoriale Assistenza specialistica ambulatoriale Consultorio materno infantile Consultorio materno infantile Attività e servizi per disabili Attività e servizi per disabili Assistenza domiciliare integrata (ADI) Assistenza domiciliare integrata (ADI) Cure per tossicodipendenti (SERT) Cure per tossicodipendenti (SERT) Attività e servizi per patologie come HIV e per pazienti in fase terminale. Attività e servizi per patologie come HIV e per pazienti in fase terminale. Servizio di farmacia Servizio di farmacia ADI ADP ADR ADI ADP ADR

47 Servizi allocati nel Distretto Articolazioni organizzative del Dipartimento di salute mentale Articolazioni organizzative del Dipartimento di salute mentale Articolazioni organizzative del Dipatimento di prevenzione Articolazioni organizzative del Dipatimento di prevenzione Articolazioni organizzative del Dipartimento per le tossicodipendenze Articolazioni organizzative del Dipartimento per le tossicodipendenze

48 Organi del Distretto Organi del Distretto Direttore distretto UOMedicina generale UO Materno infantile UO farmacia UOspecialistica ambulatoriale. ucad

49 Il Medico di Medicina Generale Sviluppa un approccio centrato sulla persona,orientato allindividuo, alla sua famiglia e alla sua comunità Sviluppa un approccio centrato sulla persona,orientato allindividuo, alla sua famiglia e alla sua comunità Si avvale di un processo di consultazione esclusivo caratterizzato da una relazione continuativa mantenuta tramite una efficacia comunicazione tra medico e paziente Si avvale di un processo di consultazione esclusivo caratterizzato da una relazione continuativa mantenuta tramite una efficacia comunicazione tra medico e paziente Si occupa dei problemi di salute nella loro dimensione fisica,psicologica, sociale culturale ed esistenziale Si occupa dei problemi di salute nella loro dimensione fisica,psicologica, sociale culturale ed esistenziale

50 Assistenza Primaria MMG PLS Continuità assistenziale L assistenza primaria è garantita da un rapporto di lavoro autonomo, continuativo e coordinato che si instaura tra lASL e i mmg, pls e la continuità assistenziale. L assistenza primaria è garantita da un rapporto di lavoro autonomo, continuativo e coordinato che si instaura tra lASL e i mmg, pls e la continuità assistenziale. Il mmg e il pls possono svolgere il loro lavoro sia singolarmente, che in forma associativa Il mmg e il pls possono svolgere il loro lavoro sia singolarmente, che in forma associativa Il nuovo compito del mmg: il governo dei percorsi sanitari delle cure primarie e dellassistenza territoriale. Il nuovo compito del mmg: il governo dei percorsi sanitari delle cure primarie e dellassistenza territoriale.

51 Dipartimento della Prevenzione Il DP garantisce la tutela della salute collettiva attraverso gli obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e disabilità, miglioramento della qualità della vita. Il DP garantisce la tutela della salute collettiva attraverso gli obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e disabilità, miglioramento della qualità della vita. Il DP promuove azioni volte a individuare e rimuovere le cause di nocività e malattie di origine ambientale, umana e animale Il DP promuove azioni volte a individuare e rimuovere le cause di nocività e malattie di origine ambientale, umana e animale

52 Organizzazione del DP Igiene e sanità pubblica Igiene e sanità pubblica Igiene degli alimenti e della nutrizione Igiene degli alimenti e della nutrizione Prevenzione e sicurezza luoghi di lavoro Prevenzione e sicurezza luoghi di lavoro Sanità animale Sanità animale Igiene degli alimenti di origine animale Igiene degli alimenti di origine animale Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

53 Dipartimento salute mentale Centro salute mentale Centro salute mentale Ambulatori Ambulatori Servizi psichiatrici di diagnosi e cure Servizi psichiatrici di diagnosi e cure Centri diurni Centri diurni Strutture residenziali Strutture residenziali Collegamento con le Cooperative di lavoro Collegamento con le Cooperative di lavoro

54 Assistenza Ospedaliera Ospedali non costituiti in Azienda Ospedali non costituiti in Azienda Aziende Ospedaliere Aziende Ospedaliere Aziende Universitarie Ospedaliere Aziende Universitarie Ospedaliere Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico Istituti privati accreditati Istituti privati accreditati

55 Ospedali non costituiti in Azienda Sono presidi delle ASL Sono presidi delle ASL Sono diretti da un dirigente medico, responsabile delle funzioni igienico amministrative e da un dirigente amministrativo per le relative funzioni, entrambi nominati dal Direttore Generale. Sono diretti da un dirigente medico, responsabile delle funzioni igienico amministrative e da un dirigente amministrativo per le relative funzioni, entrambi nominati dal Direttore Generale. Hanno autonomia economico-finanziaria con contabilità separata allinterno del bilancio dellASL Hanno autonomia economico-finanziaria con contabilità separata allinterno del bilancio dellASL Se nellASL vi sono più presidi ospedalieri, questi possono essere accorpati a fini funzionali Se nellASL vi sono più presidi ospedalieri, questi possono essere accorpati a fini funzionali Gli Ospedali sono organizzati per Dipartimenti. Gli Ospedali sono organizzati per Dipartimenti.

56 Azienda Ospedaliera Sono costituiti in Azienda gli Ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione,individuati dalle Regioni in base a parametri stabiliti dallart. 4 del dl 502 e succ. modificazioni. Sono costituiti in Azienda gli Ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione,individuati dalle Regioni in base a parametri stabiliti dallart. 4 del dl 502 e succ. modificazioni. Le AO hanno gli stessi organi e le medesime attribuzioni previste dalle ASL Le AO hanno gli stessi organi e le medesime attribuzioni previste dalle ASL

57 I requisiti per le AO Organizzazione dipartimentale delle UO Organizzazione dipartimentale delle UO Disponibilità di un sistema di contabilità economico patrimoniale e per centri di costo Disponibilità di un sistema di contabilità economico patrimoniale e per centri di costo Almeno tre UO di alta specializzazione Almeno tre UO di alta specializzazione Dipartimento emergenza di secondo livello Dipartimento emergenza di secondo livello Ruolo di ospedale di riferimento del programma di assistenza sanitaria regionale Ruolo di ospedale di riferimento del programma di assistenza sanitaria regionale Attività di ricovero in degenza ordinaria per pazienti di altre Regioni Attività di ricovero in degenza ordinaria per pazienti di altre Regioni Indice della complessità della casistica superiore del 20% superiore alla media regionale Indice della complessità della casistica superiore del 20% superiore alla media regionale Disponibilità di un patrimonio immobiliare adeguato Disponibilità di un patrimonio immobiliare adeguato

58 Autonomia AO Gestionale Gestionale Organizzativa Organizzativa Contabile Contabile Aministrativa Aministrativa Patrimoniale Patrimoniale Tecnica Tecnica

59

60 Il Dipartimento Il Dipartimento è un insieme di UO omogenee, affini o complementari, tra loro interdipendenti, che perseguono comuni finalità, pur conservando autonomia e responsabilità professionale

61 Finalità del Dipartimento Impiego ottimale degli spazi assistenziali, del personale e delle apparecchiature disponibili Impiego ottimale degli spazi assistenziali, del personale e delle apparecchiature disponibili Applicazione di sistemi integrati di gestione Applicazione di sistemi integrati di gestione Verifica della qualità complessiva dellassistenza Verifica della qualità complessiva dellassistenza Promozione di nuove attività e nuovi modelli operativi Promozione di nuove attività e nuovi modelli operativi

62 Il Bilancio del Dipartimento Costi delle risorse umane, tecniche e strutturali Costi delle risorse umane, tecniche e strutturali Costi dei consumi per beni e servizi Costi dei consumi per beni e servizi Finanziamento aziendale ed esterno Finanziamento aziendale ed esterno

63 Programmazione delle Attività Piano Strategico Aziendale (lungo periodo) Piano Operativo annuale Obiettivi Dipartimentali Obiettivi delle UO

64 Dipartimento per le Malattie Cardiovascolari UO di Cardiologia UO di Cardiologia UO di Emodinamica UO di Emodinamica UO di Cardiochirurgia UO di Cardiochirurgia

65 UOC di Cardiologia UTIC UTIC Degenza Cardiologica Degenza Cardiologica Degenza Cardiologia Riabiitativa Degenza Cardiologia Riabiitativa Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione Servizio di Cardiologia Servizio di Cardiologia Ambulatorio Cardiologico Ambulatorio Cardiologico

66 UO di Emodinamica Due sale operatorie per procedure diagnostiche di cateterismo cardiaco e coronarografia e procedure terapeutiche di angioplastica coronarica. Due sale operatorie per procedure diagnostiche di cateterismo cardiaco e coronarografia e procedure terapeutiche di angioplastica coronarica. Ambulatorio di Emodinamica. Ambulatorio di Emodinamica. Sezione di degenza integrata presso la divisione di Cardiologia e Cardiochirurgia. Sezione di degenza integrata presso la divisione di Cardiologia e Cardiochirurgia.

67 UO di Cardiochirurgia Camera operatoria, Camera operatoria, Degenza ordinaria Degenza ordinaria Ambulatorio di Cardiochirurgia, Ambulatorio di Cardiochirurgia, Servizio di Anestesia e Rianimazione Servizio di Anestesia e Rianimazione Unità di Terapia intensiva post- chirurgica Unità di Terapia intensiva post- chirurgica

68 Assistenza ospedaliera per acuti Gli Istituti di ricovero e cura pubblici e privati sono 1281 così suddivisi Pubblici Pubblici Ospedali inseriti nelle ASL 598 AO ed AOU 98 Istituti ricovero e cura a carattere scientifico 50 Istituti privati accreditati 535 Istituti privati accreditati 535 Fonte min. salute

69 Posti letto disponibili 3,9 x1000 abitanti per degenza ordinaria 3,9 x1000 abitanti per degenza ordinaria 0,46 x1000 abitanti per day hospital 0,46 x1000 abitanti per day hospital Posti letto previsti dalla legge 405/ x 1000 abitanti in totale comprensivo del 10% previsto per day hospital 4 x 1000 abitanti in totale comprensivo del 10% previsto per day hospital fonte min. salute fonte min. salute

70 Tasso di ospedalizzazione 146,1 x 1000 abitanti in degenza ordinaria 146,1 x 1000 abitanti in degenza ordinaria 62 x 1000 abitanti in day hospital 62 x 1000 abitanti in day hospital la legge 662/1996 ha previsto per il tasso di ospedalizzazione il parametro di riferimento del 160 x 1000 la legge 662/1996 ha previsto per il tasso di ospedalizzazione il parametro di riferimento del 160 x 1000 Dati min. sal. Dati min. sal.

71 Fonte Min. Salute

72 Scheda di dimissione ospedaliera (SDO) La SDO è lo strumento di raccolta delle informazioni relative ad ogni paziente dimesso dagli istituti di ricovero pubblici e privati, sia in regime di ricovero ordinario che di day hospital. La SDO è lo strumento di raccolta delle informazioni relative ad ogni paziente dimesso dagli istituti di ricovero pubblici e privati, sia in regime di ricovero ordinario che di day hospital. La SDO usa per la codifica delle informazioni di natura clinica(diagnosi, interventi e procedure diagnostiche) il sistema di codici ICD9CM. La SDO usa per la codifica delle informazioni di natura clinica(diagnosi, interventi e procedure diagnostiche) il sistema di codici ICD9CM.

73 Da chi è compilata la SDO La SDO è compilata dal medico La SDO è compilata dal medico

74 Listituzione della SDO La SDO viene istituita con decreto minitero della Sanità nel La SDO viene istituita con decreto minitero della Sanità nel Dal 1995 la SDO ha sostituito definitivamente la precedente rilevazione dei ricoveri attuata con il modello ISTAT/D10. Dal 1995 la SDO ha sostituito definitivamente la precedente rilevazione dei ricoveri attuata con il modello ISTAT/D10. Il dl 280 del 2000 ha fissato le regole generali per la codifica dellinformazioni di natura clinica (diagnosi, interventi chirurgici e procedure diagnostiche e terapeutiche ) e ha fissato di utilizzare il più aggiornato sitema di codici ICD9CM del 1997 Il dl 280 del 2000 ha fissato le regole generali per la codifica dellinformazioni di natura clinica (diagnosi, interventi chirurgici e procedure diagnostiche e terapeutiche ) e ha fissato di utilizzare il più aggiornato sitema di codici ICD9CM del 1997 Dal 2006 viene usato il sitema ICD9CM del 2002 Dal 2006 viene usato il sitema ICD9CM del 2002

75 Quando nasce il sistema ICD Nasce negli Stati Uniti nel 1893 per codificare le cause di morte. Nasce negli Stati Uniti nel 1893 per codificare le cause di morte. Nel 1924 tale sistema viene utilizzato anche in Italia Nel 1924 tale sistema viene utilizzato anche in Italia Dal 1948 a partire dalla versione 6 viene negli Stati Uniti usato per codificare anche la morbilità. Dal 1948 a partire dalla versione 6 viene negli Stati Uniti usato per codificare anche la morbilità. Dal 1979 negli Stati Uniti è stata sviluppata la versione ICD9 del 1975 in ICD9CM Dal 1979 negli Stati Uniti è stata sviluppata la versione ICD9 del 1975 in ICD9CM

76 Cosa è il sistema ICD9CM E un sistema di classificazione nel quale le malattie e traumatismi sono ordinati per finalità statistiche ed epidemiologiche, in gruppi tra loro correlati ed è finalizzato a tradurre in codici alfa numerici i termini medici in cui sono espresse le diagnosi di malattia, gli altri problemi di salute e le procedure diagnostiche e terapeuitiche. E un sistema di classificazione nel quale le malattie e traumatismi sono ordinati per finalità statistiche ed epidemiologiche, in gruppi tra loro correlati ed è finalizzato a tradurre in codici alfa numerici i termini medici in cui sono espresse le diagnosi di malattia, gli altri problemi di salute e le procedure diagnostiche e terapeuitiche.

77 Caratteristiche dellICD9CM Esaustività: tutte le entità trovano una loro collocazione più o meno specifica, entro i raggruppamenti finali della classificazione. Esaustività: tutte le entità trovano una loro collocazione più o meno specifica, entro i raggruppamenti finali della classificazione. La mutua esclusività: ciascuna entità è classificabile in uno soltanto dei raggruppamenti finali della classificazione. La mutua esclusività: ciascuna entità è classificabile in uno soltanto dei raggruppamenti finali della classificazione. Il numero limitato dei raggruppamenti: circa permettono una classificazione delle diagnosi, procedure e interventi. Il numero limitato dei raggruppamenti: circa permettono una classificazione delle diagnosi, procedure e interventi. Specificità dei ragruppamenti in ragione della rilevanza dal punto di vista della sanità pubblica. Specificità dei ragruppamenti in ragione della rilevanza dal punto di vista della sanità pubblica.

78 Struttura della classificazione ICD Letiologia Letiologia La sede anatomica La sede anatomica

79 Costituzione dei codici presenti nella ICD9CM I codici delle diagnosi sono costituiti da caratteri numerici o alfanumerici, in numero di tre, quattro o cinque caratteri. Un punto decimale è interposto tra il terzo e quarto carattere. I codici delle diagnosi sono costituiti da caratteri numerici o alfanumerici, in numero di tre, quattro o cinque caratteri. Un punto decimale è interposto tra il terzo e quarto carattere. I codici relative alle procedure sono costituiti da caratteri numerici, in numero di due, tre o quattro. Un punto decimale è interposto tra il secondo e il terzo. I codici relative alle procedure sono costituiti da caratteri numerici, in numero di due, tre o quattro. Un punto decimale è interposto tra il secondo e il terzo.

80 Organizzazione dellelenco sistematico Blocco Blocco Categoria: codice a tre caratteri Categoria: codice a tre caratteri Sotto-categoria: codice a quattro caratteri Sotto-categoria: codice a quattro caratteri Sotto-classificazioni codici a cinque caratteri. Sotto-classificazioni codici a cinque caratteri.

81 A COSA SERVE LA SDO LA SDO SERVE AD UMIFORMARE LA CODIFICA DI DIAGNOSI E PROCEDURE PER UN MIGLIORE UTILIZZO AI FINI SIA AMMINISTRATIVI CHE EPIDEMIOLOGICI LA SDO SERVE AD UMIFORMARE LA CODIFICA DI DIAGNOSI E PROCEDURE PER UN MIGLIORE UTILIZZO AI FINI SIA AMMINISTRATIVI CHE EPIDEMIOLOGICI

82 Informazioni da inserire nella SDO Sesso Sesso Età Età Città di residenza Città di residenza Reparto di dimissione Reparto di dimissione Reparti di transito Reparti di transito Modalità di dimissione Modalità di dimissione Codice valido ICD9CM di diagnosi principale (DP) Codice valido ICD9CM di diagnosi principale (DP) Fino a cinque codici validi ICD9CM di altre diagnosi alla dimissione (DS) Fino a cinque codici validi ICD9CM di altre diagnosi alla dimissione (DS) Codice valido ICD9CM di intervento chirurgico/procedura principale (IC) o parto. Codice valido ICD9CM di intervento chirurgico/procedura principale (IC) o parto. Fino acinque codici validi ICD9CM di altri interventi e procedure. Fino acinque codici validi ICD9CM di altri interventi e procedure.

83 Le 10 regole per compilare la SDO Individuare i termini principali Individuare i termini principali Indice alfabetico Indice alfabetico Individuare i modificatori del termine principale Individuare i modificatori del termine principale Analizzare le sottovoci elencate al di sotto del termine principale Analizzare le sottovoci elencate al di sotto del termine principale Analizare le note e/oi riferimenti Analizare le note e/oi riferimenti Selezionare un codice Selezionare un codice Verificare nellelenco sistematico laccuratezza di tale codice utilizzare sempre codici a cinque caratteri ove possibile Verificare nellelenco sistematico laccuratezza di tale codice utilizzare sempre codici a cinque caratteri ove possibile Analizzare i codici appartenti allintera categoria Analizzare i codici appartenti allintera categoria Esaminare ogni nota illustrativa Esaminare ogni nota illustrativa Assegnare il codice selezionato Assegnare il codice selezionato

84 La SDO ALIMENTA IL FLUSSO INFORMATIVO DEI RICOVERI OSPEDALIERI CON MODALITA OMOGENEE ATTRAVERSO LUNIFORMITA DELLA RILEVAZIONE E DELLA TRASMISSIONE DELLINFORMAZIONE. ALIMENTA IL FLUSSO INFORMATIVO DEI RICOVERI OSPEDALIERI CON MODALITA OMOGENEE ATTRAVERSO LUNIFORMITA DELLA RILEVAZIONE E DELLA TRASMISSIONE DELLINFORMAZIONE. E UN DOCUMENTO VALIDO PER LA CASISTICA OSPEDALIERA. E UN DOCUMENTO VALIDO PER LA CASISTICA OSPEDALIERA. E UN DOCUMENTO INDISPENSABILE PER LA REMUNERAZIONE. E UN DOCUMENTO INDISPENSABILE PER LA REMUNERAZIONE.

85 Sistema emergenza sanitaria Un sistema di allarme sanitario Un sistema di allarme sanitario Un sistema territoriale di soccorso Un sistema territoriale di soccorso Una rete di servizi e presidi Una rete di servizi e presidi

86 Sistema di allarme sanitaro Il Sas è assicurato da una Centrale Operativa alla quale affluiscono tutte le richieste di intervento sanitario in emergenza tramite il numero telefonico nazionale unico 118. Il Sas è assicurato da una Centrale Operativa alla quale affluiscono tutte le richieste di intervento sanitario in emergenza tramite il numero telefonico nazionale unico 118. Compito della CO è di garantire gli interventi su l territorio di riferimento, di norma provinciale, attivando la risposta ospedaliera 24 h su 24. Compito della CO è di garantire gli interventi su l territorio di riferimento, di norma provinciale, attivando la risposta ospedaliera 24 h su 24. Tale sistema è attivo su tutto il territorio nazionale Tale sistema è attivo su tutto il territorio nazionale

87 Centrale Operativa Ricezione della richiesta di soccorso Ricezione della richiesta di soccorso Valutazione del grado di complessità dellintervento da attivare Valutazione del grado di complessità dellintervento da attivare Definisce il grado di criticità dellevento Definisce il grado di criticità dellevento Lattivazione e il coordinamento dellintervento Lattivazione e il coordinamento dellintervento Utilizza operatori formati Utilizza operatori formati Provvedono per l83% alla formazione del volontariato. Provvedono per l83% alla formazione del volontariato.

88 Sistema territoriale di soccorso Sistema territoriale di soccorso Sedi Sedi di postazione dei mezzi di soccorso Sedi di postazione dei mezzi di soccorso identificate nel rispetto dei tempi di percorrenza previsti 8 min. area urbana, 20 min. zone extraurbane Tipologia dei mezzi Ambulanze di primo soccorso Ambulanze di primo soccorso Ambulanze di soccorso avanzato Ambulanze di soccorso avanzato Centro mobile di rianimazione Centro mobile di rianimazione eliambulanza eliambulanza

89 Reti dei servizi e dei presidi Punti di prima emergenza fissi o mobili Punti di prima emergenza fissi o mobili Pronto soccorso ospedaliero Pronto soccorso ospedaliero DEA I livello (Dipartimento Emergenza- urgenza e Accettazione) DEA I livello (Dipartimento Emergenza- urgenza e Accettazione) DEA II livello DEA II livello

90 Uso improprio del P.S. Accessi a livello nazionale 348x1000 Accessi a livello nazionale 348x1000 Accessi trasformati in ricovero 19,7% Accessi trasformati in ricovero 19,7% Pertanto sono state emanate le linee guide sul triage intraospedaliero per gli utenti che accedono al PS

91 Assistenza Ospedaliera Riabilitativa e Lungodegenza Le richieste per tali assistenze sono dovute a malattie muscolo-scheletriche e del tessuto connettivo, alle malattie del sistema nervoso e a malattie dellapparato circolatorio. Le richieste per tali assistenze sono dovute a malattie muscolo-scheletriche e del tessuto connettivo, alle malattie del sistema nervoso e a malattie dellapparato circolatorio. Disponibilità attuale posti letto 0,5x1000 Disponibilità attuale posti letto 0,5x1000 Standard previsto 1x1000 abitanti Standard previsto 1x1000 abitanti

92 Strutture territoriali per Assistenza riabilitativa e lungodegenze Centri ambulatoriali di riabilitazione con apporto multidisciplinare medico,psicologico e pedagogico per letà evolutiva per condizioni di menomazione e/o disabilità Centri ambulatoriali di riabilitazione con apporto multidisciplinare medico,psicologico e pedagogico per letà evolutiva per condizioni di menomazione e/o disabilità Presidi di riabilitazione extraospedaliero a ciclo diurno e/o continuativo per recupero post acuti Presidi di riabilitazione extraospedaliero a ciclo diurno e/o continuativo per recupero post acuti Residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti per esiti stabilizzazti di malattie fisiche o psichiche o miste non assistibili a domicilio dove viene assicurata assistenza medica, infermieristica, alberghiera, assistenziale Residenze sanitarie assistenziali per non autosufficienti per esiti stabilizzazti di malattie fisiche o psichiche o miste non assistibili a domicilio dove viene assicurata assistenza medica, infermieristica, alberghiera, assistenziale

93 LHospice:assistenza al malato non più guaribile Viviamo in una società che nega la morte. Emarginiamo sia il morente che il vecchio. Ma essi ci ricordano il nostro essere mortali. Noi dovremmo dare alle famiglie e ai pazienti il supporto spirituale, emotivo e finanziario per facilitare lassistenza finale nelle loro case F. Wald Viviamo in una società che nega la morte. Emarginiamo sia il morente che il vecchio. Ma essi ci ricordano il nostro essere mortali. Noi dovremmo dare alle famiglie e ai pazienti il supporto spirituale, emotivo e finanziario per facilitare lassistenza finale nelle loro case F. Wald

94 lHospice ovvero il concetto di cure palliative lHospice ovvero il concetto di cure palliative Lospice nasce nel 1963 in Inghilterra da unidea di Dame Sanders, diffusa da Wald nel mondo, negli USA ha un ascesa e una organizzazione sempre più organica dagli anni ottanta Lospice nasce nel 1963 in Inghilterra da unidea di Dame Sanders, diffusa da Wald nel mondo, negli USA ha un ascesa e una organizzazione sempre più organica dagli anni ottanta È un concetto di cure per un particolare tipo di paziente, la cui aspettativa di vita è di poche settimane o qualche mese. È un concetto di cure per un particolare tipo di paziente, la cui aspettativa di vita è di poche settimane o qualche mese. Le cure palliative sono cure globali erogate ai pazienti e ai loro familiari da una équipe multidisciplinare, dopo che i medici hanno stabilito che non è possibile la guarigione, che non hanno lo scopo di prolungare la vita, ma di aiutare il paziente e i familiari a giungere al momento finale della morte. Le cure palliative sono cure globali erogate ai pazienti e ai loro familiari da una équipe multidisciplinare, dopo che i medici hanno stabilito che non è possibile la guarigione, che non hanno lo scopo di prolungare la vita, ma di aiutare il paziente e i familiari a giungere al momento finale della morte.

95 Rete di cure palliative Rete di cure palliative I centri di cure sono strutture per il ricovero ad alta intensità assistenziale e limitata tecnologia I centri di cure sono strutture per il ricovero ad alta intensità assistenziale e limitata tecnologia Assistenza domiciliare di rete Assistenza domiciliare di rete

96 Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) Gli IRCCS sono dotati di autonomia e personalità giuridica di diritto pubblico o privato che perseguono finalità di ricerca, unitamente a prestazioni a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità. Gli IRCCS sono dotati di autonomia e personalità giuridica di diritto pubblico o privato che perseguono finalità di ricerca, unitamente a prestazioni a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità. Gli IRCCS possono essere trasformati in Fondazioni aperte alla partecipazione di soggetti pubblici e privati. Gli IRCCS possono essere trasformati in Fondazioni aperte alla partecipazione di soggetti pubblici e privati.

97 Sistemi di classificazione dei pazienti La finalità dei sistemi suddetti è quella di individuare livelli di diagnosi clinica tali da definire raggruppamenti di pazienti omogenei sia per laspetto clinico che assistenziale,e di conseguenza anche rispetto al profilo di trattamento atteso. In definitiva serve non solo a descrivere lo stato clinico, ma anche a predire le risorse necessarie al caso in esame. La finalità dei sistemi suddetti è quella di individuare livelli di diagnosi clinica tali da definire raggruppamenti di pazienti omogenei sia per laspetto clinico che assistenziale,e di conseguenza anche rispetto al profilo di trattamento atteso. In definitiva serve non solo a descrivere lo stato clinico, ma anche a predire le risorse necessarie al caso in esame.

98 DRG I DRG vengono ideati verso 1978 negli USA dal gruppo di Fetter di Yale. I DRG vengono ideati verso 1978 negli USA dal gruppo di Fetter di Yale. Dal 1983 negli USA diventano per la Medicare il Prospective Payment System:PPS Dal 1983 negli USA diventano per la Medicare il Prospective Payment System:PPS In Italia dal 1/1/1995 In Italia dal 1/1/1995

99 I DRG o ROD sono il sistema di classificazione dei pazienti in gruppi omogenei per caratteristiche cliniche e assistenziali (sistema isorisorse), per i quali si prevedono uguali ed omogenei profili di trattamenti e di costi.

100 Requisiti della SDO per i DRG SESSO SESSO ETA ETA MODALITA DI DIMISSIONE MODALITA DI DIMISSIONE CODICE VALIDO ICD9CM DI DIAGNOSI PRINCIPALE (DP) CODICE VALIDO ICD9CM DI DIAGNOSI PRINCIPALE (DP) FINO A CINQUE CODICI VALIDI ICD9CM DI ALTRE DIAGNOSI (DS) FINO A CINQUE CODICI VALIDI ICD9CM DI ALTRE DIAGNOSI (DS) CODICE VALIDO ICD9CM DI INTERVENTO CHIRURGICO/PROCEDURA PRINCIPALE O PARTO CODICE VALIDO ICD9CM DI INTERVENTO CHIRURGICO/PROCEDURA PRINCIPALE O PARTO FINO A CINQUE CODICI VALIDI ICD9CM DI ALTRI INTERVENTI E PROCEDURE FINO A CINQUE CODICI VALIDI ICD9CM DI ALTRI INTERVENTI E PROCEDURE

101 COME VIENE ASSEGNATO IL DRG? I casi ai singoli DRG vengono assegnati tramite il DRG –Grouper (semplicemente detto Grouper). I casi ai singoli DRG vengono assegnati tramite il DRG –Grouper (semplicemente detto Grouper).

102 Che cosa e il Grouper Il Grouper è il software, di proprietà della 3M, che assegna i casi ai singoli DRG, utilizzando i dati presenti nella SDO. Oltre alla determinazione del DRG, tale strumento fornisce informazioni statistiche sulla durata di degenza, sul trim-point (valore massimo di un parametro oltre il quale il parametro stesso è definito abnorme),sul numero degli outlier ( episodi di ricovero anomali per durata di degenza), calcolo dei costi e relative tariffe. Il Grouper è il software, di proprietà della 3M, che assegna i casi ai singoli DRG, utilizzando i dati presenti nella SDO. Oltre alla determinazione del DRG, tale strumento fornisce informazioni statistiche sulla durata di degenza, sul trim-point (valore massimo di un parametro oltre il quale il parametro stesso è definito abnorme),sul numero degli outlier ( episodi di ricovero anomali per durata di degenza), calcolo dei costi e relative tariffe.

103 Il Sistema dei DRG Lo schema di classificazione delle malattie comprende 489 codici raggruppati in 26 categorie diagnostiche principali (MDC Major diagnostic Categories), ottenute accorpando grandi gruppi di patologie contenute nella ICD-9-CM. Lo schema di classificazione delle malattie comprende 489 codici raggruppati in 26 categorie diagnostiche principali (MDC Major diagnostic Categories), ottenute accorpando grandi gruppi di patologie contenute nella ICD-9-CM.

104 LE MDC La diagnosi principale di dimissione determina lattribuzione ad una ed una sola categoria diagnostica principale (MDC). La diagnosi principale di dimissione determina lattribuzione ad una ed una sola categoria diagnostica principale (MDC). Le MDC raggruppano le malattie e i disturbi relativi ad un unico organo o apparato. Le MDC raggruppano le malattie e i disturbi relativi ad un unico organo o apparato. Le pre MDC (es. trapianti; la 24 MDC, traumi multipli; la MDC 25, da HIV). Le pre MDC (es. trapianti; la 24 MDC, traumi multipli; la MDC 25, da HIV). Le MDC su base eziologica (MDC 18 mal. Infettive) Le MDC su base eziologica (MDC 18 mal. Infettive) Le MDC sulla base dei dimessi (MDC 15 neonati) Le MDC sulla base dei dimessi (MDC 15 neonati)

105 Tariffe DRG Ad ogni DRG corrisponde una tariffa con la quale viene pagata la struttura per quel paziente trattato. Ad ogni DRG corrisponde una tariffa con la quale viene pagata la struttura per quel paziente trattato. Le MDC sono divise in mediche e chirurgiche, in quanto le chirurgiche hanno un costo maggiore. Le MDC sono divise in mediche e chirurgiche, in quanto le chirurgiche hanno un costo maggiore.

106 Curare la malattia e fare di tutto per prevenirla sono compiti permanenti del singolo e della società proprio in omaggio alla dignità della persona e allimportanza del bene della salute. Giovanni Paolo II Curare la malattia e fare di tutto per prevenirla sono compiti permanenti del singolo e della società proprio in omaggio alla dignità della persona e allimportanza del bene della salute. Giovanni Paolo II


Scaricare ppt "Organizzazione sanitaria in Italia Organizzazione sanitaria in Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google