La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RIMANENZE E GIACENZE DI MERCI Facoltà di economia Seconda Università degli Studi di Napoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RIMANENZE E GIACENZE DI MERCI Facoltà di economia Seconda Università degli Studi di Napoli."— Transcript della presentazione:

1 RIMANENZE E GIACENZE DI MERCI Facoltà di economia Seconda Università degli Studi di Napoli

2 2 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa Nellambito del ciclo produttivo dellimpresa alcuni beni, destinati alla produzione o alla vendita, vengono immagazzinati per far fronte alle esigenze della domanda nel corso del tempo. Essi sono fattori a breve ciclo di utilizzo, ad es. materie prime, semilavorati, imballaggi, etc.

3 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa Dal punto di vista aziendalistico le rimanenze di magazzino scaturiscono dallasincronia tra periodo amministrativo in cui sorgono i costi e quello successivo nel corso del quale si verificheranno i correlati ricavi. Esse rappresentano dei costi sospesi, ossia costi sostenuti nellesercizio ai quali, secondo il principio della competenza economica, corrispondono ricavi non ancora realizzati. La loro contabilizzazione a fine esercizio comporta una corretta determinazione del reddito in base al principio della competenza economica dei costi e dei ricavi in ragione di esercizio. Nel conto economico una delle voci del valore della produzione è costituita dalle variazioni delle rimanenze in corso di lavorazione, semilavorati e finiti.

4 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa Sia dal punto di vista civilistico che dal punto di vista fiscale le variazioni delle rimanenze,cioè la differenza nelle quantità registrate alla fine esercizio rispetto allinizio del medesimo esercizio, influisce sul risultato di esercizio ( art.92 TUIR, 1 comma )

5 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa In coerenza con il principio di continuità dei valori di bilancio lammontare delle rimanenze finali di un periodo predetermina lentità delle giacenze iniziali del periodo successivo. Tale principio è valido anche dal punto di vista fiscale, (art. 92, comma 7 TUIR)

6 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa Il principio di competenza tra costi e ricavi implica che se i beni acquistati per realizzare la produzione non sono rivenduti nellesercizio, allora devono essere presenti nel magazzino. La corretta consistenza del magazzino serve per valutare il comportamento fiscale del contribuente. Laccertamento e la verifica del magazzino rappresenta uno dei principali indicatori di evasione fiscale.

7 La funzione del magazzino nella determinazione del reddito dimpresa Risulta fondamentale definire i criteri di valutazione e di stima delle rimanenze di magazzino che, ai fini fiscali, sono più rigorosi di quelli utilizzabili in ambito civilistico, con lo scopo di diminuire la discrezionalità del contribuente nel determinare il reddito imponibile.

8 Le rimanenze di merci: la valutazione ai fini contabili Lart ai n. 9, 10, 11 stabilisce le regole di valutazione delle rimanenze, prevedendo sostanzialmente tre ipotesi: a) Rimanenze che non costituiscono immobilizzazioni; b) Beni fungibili; c) Lavori in corso su ordinazione.

9 Ipotesi a) I beni acquistati o prodotti dallazienda (materie prime, sussidiarie, di consumo e merci, semilavorati, prodotti finiti) devono essere valutati al minore tra il costo di acquisto o di produzione ed il valore di realizzazione desumibile dallandamento del mercato alla chiusura dellesercizio ( con il divieto di mantenere nel bilancio successivo il minor valore di realizzazione qualora ne siano venuti meno i presupposti).

10 Ipotesi b) Per i beni fungibili, e soltanto per essi, il n. 10) dellart consente ladozione, quale criterio di valutazione, dei metodi FIFO, LIFO o del COSTO MEDIO PONDERATO. Tuttavia, qualora il valore ottenuto utilizzando i metodi su indicati differisca (in senso negativo) in misura apprezzabile dai costi correnti alla chiusura dellesercizio, la differenza deve essere indicata in Nota integrativa per categorie di beni, cioè per ogni posta dello Stato patrimoniale, costituendo lesplicitazione della riserva occulta da sottovalutazione delle scorte di magazzino.

11 Metodo FIFO First In, First Out – il primo entrato, il primo uscito Con tale metodo si conviene che siano venduti per prima i prodotti più vecchi e quindi si valutano le rimanenze al costo più recente. I beni acquistati o prodotti vengono cioè valorizzati in base ai costi effettivamente sostenuti e si presume che i beni venduti o utilizzati siano quelli di più remota acquisizione per cui i beni in giacenza siano quelli di più recente acquisizione.

12 Metodo LIFO Last In, First Out - lultimo entrato, il primo ad uscire Con tale metodo si presumono venduti per prima i beni prodotti più di recente, per cui in rimanenza restano i più vecchi da valutare al costo più vecchio. Esistono due criteri di applicazione del metodo LIFO: a) Continuo, cioè applicato per singolo movimento; b) a scatti annuali, secondo cui i beni acquistati o prodotti vengono valorizzati al costo medio ponderato di esercizio

13 Metodo del costo medio ponderato A beni omogenei acquistati o prodotti con prezi differenti viene attribuito un valore che rappresenta lamedia ponderata dei vari costi. Tale valore risulta dal rapporto tra il costo complessivo dei beni prodotti e acquistati nel corso dellesercizio e la quantità totale prodotta o acquistata. Esistono due modi di applicare il metodo del costo medio ponderato: a) Per movimento: il costo medio viene calcolato dopo ogni singolo acquisto e le vendita vengono valorizzate utilizzando il costo medio calcolato dopo lultimo acquisto effettuato; b) Per periodo: il costo medio viene calcolato alla fine del periodo e le vendita vengono valorizzate utilizzando il costo medio ponderato calcolato alla fine del periodo. Esempio: durante un esercizio acquisto 2 beni a 25, costo complessivo 50; 5 beni a 60, costo complessivo 300; 3 beni a 50, costo complessivo 150; avrò 10 beni per un costo totale pari a 500, quindi il costo medio ponderato = 50. Se vendo solo 6 beni me ne restano 4 il cui valore sarà pari a 4x50= 200

14 Ipotesi c) I lavori in corso su ordinazione, oltre che essere valutati in base ai criteri sopra esaminati per i beni prodotti dallazienda, possono essere iscritti nellattivo in base aicorrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza

15 Le rimanenze di merci: la valutazione ai fini contabili Lattribuzione di valore alle rimanenze di merci è effettuata in sede di bilancio sulla base delle diverse possibili tecniche esaminate. E richiesto che il metodo di valutazione rimanga il medesimo anche nellesercizio successivo, salvo procedere ad una variazione da indicarsi in nota integrativa con esplicazione delle ragioni che hanno indotto al cambiamento metodologico.

16 Il criterio ordinario di valutazione fiscale delle merci Secondo la disciplina tributaria occorre procedere allindividuazione del magazzino raggruppando i beni che lo costituiscono per categorie omogenee per natura e per valore, per cui i beni vengono aggregati secondo lappartenenza al medesimo genere merceologico e mediante lattribuzione di un valore tendenzialmente omogeneo.

17 Il criterio ordinario di valutazione fiscale delle merci Il costo base delle merci da assumere ai fini della valutazione del magazzino per ogni periodo dimposta è rappresentato dai costi diretti, comprensivi degli oneri accessori di diretta imputazione, con esclusione degli interessi passivi e delle spese generali, e anche dai costi indiretti per quanto ragionevolmente imputabili al prodotto. I prodotti in corso di lavorazione ed i servizi in corso di esecuzione a fine esercizio sono valutati in base alle spese sostenute nellesercizio stesso.

18 Il criterio ordinario di valutazione fiscale delle merci Sotto il profilo fiscale è ammesso n linea di principio il ricorso a qualsiasi metodo di valutazione, purchè il valore delle rimanenze non sia inferiore a quello minimo che si ottiene in base allapplicazione dei criteri generali previsti dallart. 92 TUIR, che rinviano alla metodologia del LIFO. Pertanto, in sostanza, viene indicato come criterio ordinario di valutazioni delle merci in magazzino il criterio del LIFO a scatti

19 Metodo LIFO a scatti annuali Il LIFO a scatti implica la determinazione, per il primo esercizio, del costo unitario medio dei beni e, per gli esercizi successivi, degli incrementi o decrementi delle rimanenze finali. La valutazione delle rimanenze di magazzino non è fatta a prezzi correnti ma a prezzi storici ed è effettuata per esercizio di formazione, tenendo distinto il primo esercizio in cui si verificano rimanenze di magazzino dai successivi

20 Metodo LIFO a scatti annuali: primo esercizio Nel primo esercizio in cui si verificano rimanenze di beni, queste vanno valutate al costo medio ponderato, attribuendo a ciascuna unità il valore ottenuto dividendo il costo complessivo dei beni prodotti e acquistati nellesercizio per la quantità totale acquistata Esempio: Rimanenze finali 50 unità, acquisti dellanno 200 unità, costo complessivamente sostenuto Pertanto, costo medio unitario ( /200)= e valore delle rimanenze (50 x 2.250)=

21 Metodo LIFO a scatti annuali: esercizi successivi Aumento delle rimanenze Se le rimanenze sono aumentate rispetto allesercizio precedente, sulla quantità di beni pari a quelli in rimanenza nellesercizio precedente si applica il valore attribuito nellesercizio precedente. Sulla parte eccedente (che va ad aggiungersi) si applica, invece, il valore medio attribuibile con riferimento agli acquisti dellesercizio corrente. La quantità eccedente è valutata attribuendo ad ogni unità il valore risultante dalla divisione del costo complessivo dei beni acquistati o prodotti nellesercizio per il totale dei beni acquistati o prodotti. Esempio: Esistenze iniziali:50. Acquisti nellesercizio per 100 a complessive Rimanenze finali 70. Le 50 unità del precedente esercizio sono valutate a ; per leccedenza di 20 occorrerà effettuare il seguente calcolo ( /100)=3000 (costo medio unitario da applicarsi nellesercizio in cui sono state acquistate) ed attribuirlo alle 20 unità (20x3000)= Quindi il magazzino è pari a

22 Metodo LIFO a scatti annuali: esercizi successivi Diminuzione delle rimanenze Se le rimanenze diminuiscono rispetto allesercizio precedente, è necessario distinguere se si tratta di rimanenze relative al secondo esercizio o rimanenze relative ad esercizi successivi al secondo. Nel secondo esercizio si considerano uscite tutte le quantità acquistate nellanno ed eventualmente una parte delle esistenze iniziali Esempio: esistenze iniziali ad un valore di , in quanto il costo unitario era pari a 20. Acquisti effettuati nellesercizio 5.000; vendite fatte nellesercizio Le rimanenze finali ottenute come esistenze iniziali – acquisti=1000 che assumono un valore pari a (1000x20). …segue

23 Metodo LIFO a scatti annuali: esercizi successivi Negli esercizi successivi al secondo la valutazione si esegue considerando uscite le quantità acquistate nellanno ed eventualmente quelle comprate negli esercizi precedenti a cominciare dal più recente. Rimangono quindi i beni acquistati nellesercizio più vecchio. Esempio: esistenze iniziali al 1° gennaio 2007 pari a formatesi nei seguenti esercizi: 2004: n a costo unitario pari a 20 = : n a costo unitario pari a 30 = : n a costo unitario pari a 40 = Le rimanenze finali al 31 dicembre 2007 sono di unità Nel 2007 non vi sono stati acquisti quindi si considerano uscite unità per il 2006 e per il 2005, per un totale di le restanti unità sono valutate nel seguente modo 2005: n a costo unitario pari a 30 = : n a costo unitario pari a 20 = Il valore del magazzino è pari a

24 Il criterio ordinario di valutazione fiscale delle merci Per le imprese che adottano il criterio della media ponderata o del LIFO a scatti le rimanenze finali sono assunte ai fini fiscali per il valore che risulta in bilancio senza procedere ad alcuna variazione in sede di dichiarazione. Se invece il valore delle rimanenze assunto secondo metodi civilistici sia inferiore al valore minimo determinato in base al LIFO a scatti andrà effettuata una variazione in aumento in sede di dichiarazione dei redditi, il valore minimo fa in modo che non risultino fiscalmente valide eccessive svalutazioni di beni

25 Altri criteri di valutazione del magazzino ammessi a fini fiscali E possibile procedere alla valutazione secondo il costo specifico per singoli beni, cioè imputando a ciascun bene il relativo costo di acquisto o di produzione. Questo criterio di valutazione, a differenza di quello utilizzato per categorie di beni omogenei non ha alcun limite minimo di valore, in quanto corrisponde al valore reale del bene. Questo criterio di regola è adottato dalle imprese produttrici di beni altamente specifici diversi luno dallaltro, es. unità abitative o fabbricati. Per gli esercenti commercio al minuto è consentita la facoltà di utilizzare il c.d. prezzo al dettaglio: la valorizzazione delle rimanenze finali avviene scorporando dalla percentuale di ricarico il prezzo di vendita. La normativa fiscale subordina lapplicabilità di tale metodo alla predisposizione di un prospetto ( o nella stessa dichiarazione) in cui siano illustrati i criteri e le modalità di applicazione di detto metodo con riferimento alloggetto e alla struttura organizzativa dellimpresa. Anche in tal caso il valore minimo fiscale stabilito ai sensi del LIFO è superato, dunque si tratta anche il tal caso di un regime derogatorio.

26 La svalutazione del magazzino (valutazione al valore normale) Il valore minimo dei beni di magazzino, determinato sulla base dei criteri ammessi ai fini fiscali, potrebbe anche essere ridotto ai fini fiscali. Infatti, se in un esercizio il valore unitario medio dei beni risulta superiore al valore normale medio di essi nellultimo mese dellesercizio, limprenditore può valutare le rimanenze secondo questultimo valore. In questa ipotesi, il valore delle rimanenze è determinato moltiplicando lintera quantità dei beni, indipendentemente dallesercizio di formazione, per il valore normale. I minori valori così determinati valgono anche per gli esercizi successivi, a meno che le rimanenze di magazzino non siano iscritte nello stato patrimoniale per valori superiori.

27 Il valore normale Per valore normale di u bene si intende il prezzo o il corrispettivo, assunto al netto dellIVA, mediamente praticato: per i beni o i servizi della stessa specie o similari; in condizioni di libera concorrenza ed al medesimo stadio di commercializzazione; nel tempo e nel luogo in cui i beni o i servizi sono stati acquistati o prestati.

28 La continuità del valore delle rimanenze Anche in materia fiscale le rimanenze finali di un esercizio nellammontare indicato dal contribuente costituiscono le esistenze iniziali dellesercizio successivo – principio della continuità dei valori fiscalmente riconosciuti ai beni dimpresa. Tale principio è ulteriormente rafforzato dalla regola secondo cui le variazioni di consistenza del magazzino operate dallAF in sede di accertamento producono effetti anche negli esercizi successivi.

29 Valutazione opere, forniture e servizi di durata ultrannuale Un particolare criterio di valutazione delle rimanenze di magazzino ai fini fiscali è previsto per le opere, forniture e servizi di durata ultrannuale: è richiesto che tali opere o servizi abbiano una durata prevista in sede contrattuale superiore allanno e che si ponga a cavallo di almeno due esercizi (se è inferiore allanno si applica il criterio previsto per i lavori in corso su ordinazione). Il tempo di esecuzione viene considerato a partire dalla data di inizio dei lavori e fino alla consegna finale dellopera al committente. …segue

30 Valutazione opere, forniture e servizi di durata ultrannuale Il criterio utilizzato per la valorizzazione è quello dei corrispettivi pattuiti o liquidati: limprenditore deve calcolare alla fine di ogni esercizio, sulla porzione di opera già realizzata, la parte ci corrispettivo pattuito già maturato e comprensivo di una parte di utile. Tale importo costituisce rimanenza a fine esercizio, a prescindere dalla sua effettiva percezione. Ogni metodo adottato per la sua determinazione è da ritenersi valido purchè rispondenti a corretti principi contabili, quindi allimprenditore è riconosciuta discrezione nello scegliere una forma ragionevole di ripartizione delle opere e dei servizi nel tempo.

31 Valutazione opere, forniture e servizi di durata ultrannuale Per la determinazione della parte di corrispettivo pattuito si utilizzano sostanzialmente due metodologie: a) Il metodo dei costi sostenuti b) Il metodo dellavanzamento tecnico

32 Il metodo dei costi sostenuti La valutazione delle rimanenze avviene in proporzione ai ricavi pattuiti sulla base dei costi sostenuti rispetto a quelli previsti. Esempio: lavoro su ordinazione da eseguirsi in 16 mesi: inizio 1°agosto 2011, ultimazione 30 novembre Corrispettivo pattuito , costo totale presunto Se a fine esercizio 2011 limprenditore ha eseguito una parte dellopera sostenendo la spesa di , iscriverà tra i componenti positivi la parte di utile già maturato sulla parte di opera realizzata pari a in quanto risultante da questa operazione Corrispettivo complessivo x (costo già sostenuto : costo complessivo presunto) = x (20.000/60.000) =30.000

33 Il metodo dellavanzamento tecnico La valutazione delle rimanenze si misura in base a determinate unità di misura ( es. fabbricati in metri cubi di cemento, strade in km )

34 Valutazione opere, forniture e servizi di durata ultrannuale: disposizioni particolari Se le opere, i servizi e le forniture sono coperti da stati di avanzamento lavori, la valutazione deve essere fatta sulla base dei corrispettivi liquidati, nel caso in cui i corrispettivi siano invece liquidati a titolo definitivo sono considerati ricavi, mentre i corrispettivi liquidati in via provvisoria o non ancora liquidati confluiscono nel valore delle rimanenze

35 Valutazione opere, forniture e servizi di durata ultrannuale: revisione dei prezzi Nel corso del rapporto possono essere richieste delle maggiorazioni di prezzo a titolo di revisione di prezzo o a seguito di aumenti o variazioni delle opere commissionate. Occorre distinguere due ipotesi: a) Tali richieste sono avanzate in applicazione di disposizioni di legge o di clausole contrattuali, finchè non sono definitivamente approvate se ne tiene conto nella valutazione delle rimanenze in misura non inferiore al 50% dellimporto della maggiorazione stessa. Quando vengono accettate dal committente sono interamente imputate ai ricavi. b) Se le richieste costituiscono pretese dellimprenditore nei confronti del committente sono imputate a componenti positivi di reddito solo se e quando vengono accettate da questultimo

36 Il prospetto delle valutazioni di magazzino Limpresa deve predisporre un prospetto per dimostrare il criterio adottato ai fini della determinazione del valore delle rimanenze di opere forniture e servizi di durata ultrannuale.Tale prospetto deve contenere distintamente per ciascuna opera: 1. Gli estremi del contratto; 2. Le generalità e la residenza del committente; 3. La scadenza prevista nel contratto per lesecuzione dei lavori; 4. Gli elementi considerati per la valutazione e la collocazione di tali opere nei conti dellimpresa. Tale prospetto non va più allegato alla dichiarazione dei redditi ma deve essere redatto e conservato per tutto il periodo di tempo in cui è possibile lazione di controllo da parte dellAF.

37 La valutazione delle rimanenze di titoli e di altri strumenti finanziari I titoli di proprietà dellimpresa, non iscritti in bilancio come immobilizzazioni finanziarie ma nellattivo circolante, che quindi non sono destinati ad investimento duraturo ma a generare ricavi, costituiscono il portafoglio titoli. Le rimanenze di tali attività vengono contabilizzate in bilancio nel magazzino dei titoli e degli altri strumenti finanziari. Nel portafoglio titoli rientrano le seguenti attività: 1. Azioni o quote di partecipazioni ( per le quali non si applicano i requisiti delle plusvalenze esenti art. 87 TUIR) anche non rappresentate da titoli, al capitale di società o enti commerciali; 2. Le obbligazioni; 3. Gli altri titoli in serie o di massa, compresi gli strumenti finanziari similari alle azioni.

38 La valutazione delle rimanenze di titoli e di altri strumenti finanziari Per effettuare la loro valutazione a fini fiscali a fine esercizio i titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura. Sono considerati della stessa natura i titoli emessi dallo stesso soggetto ed aventi uguali caratteristiche a nulla rilevando il valore di acquisizione. Si procede poi secondo gli stessi criteri di valutazione già individuati per il magazzino delle merci per cui a costi specifici o per un importo non inferiore a quello che risulta applicando il metodo LIFO a scatti. Anche per la valorizzazione fiscale dei titoli occorre assumere il costo complessivo di acquisto che comprende oltre al costo di acquisizione anche il costo degli oneri di diretta imputazione.

39 La valutazione delle rimanenze di titoli e di altri strumenti finanziari: regole speciali Le cessioni di titoli, derivanti da contratti di riporto o di pronto contro termine o ancora di prestito titoli che prevedono per il cessionario lobbligo di rivendita a termine non determinano variazioni delle rimanenze del magazzino titoli. Quindi i titoli trasferiti continuano a figurare nei bilanci dellimpresa cedente e non in quello della cessionaria. La ratio di tale disposizione risiede nel fatto che la sostanza delloperazione economica consiste nella raccolta o nellimpiego temporaneo di liquidità e non nellalienazione di titoli.

40 La valutazione delle rimanenze di titoli e di altri strumenti finanziari: regole speciali Se è avvenuto un aumento di capitale ( con passaggio di riserve a capitale) mediante distribuzione di azioni gratuite, la valutazione dei titoli deve tenerne conto. In questo caso le nuove azioni vanno ad aggiungersi a quelle già possedute, proporzionalmente alle quantità esistenti per singola categoria omogenea. Il nuovo valore unitario è ottenuto dividendo il costo delle azioni per il numero complessivo delle stesse (vecchie e nuove). Quindi aumenta il numero delle azioni restando invariato il loro costo complessivo quindi diminuisce il costo medio unitario. Esempio: azioni acquistate nel 2005: n ad 1 luna; azioni acquistate nel 2006: n. 500 ad 1,2 luna. Totale valore delle azioni in portafoglio: Azioni ricevute gratuitamente:300. Le 300 azioni gratuite vanno attribuite proporzionalmente ai due gruppi di azione azioni da attribuire a quelle acquistate nel 2005: 300 x (2.000/2.500) = 240 azioni azioni da attribuire a quelle acquistate nel 2006: 60 Il valore unitario per lanno 2005 sarà pari a (2.000 x 1) / = 0,89285 Il valore unitario per lanno 2006 sarà pari a (500 x 1,2) / = 1,07142 Il valore complessivo del portafoglio è sempre pari a ottenuto come (2.240 x (560 x 1,07142) Lesempio evidenzia come è solo il valore unitario di ciascuna azione ad essere mutato, mentre il valore complessivo del portafoglio è rimasto immutato.

41 La valutazione delle rimanenze di titoli e di altri strumenti finanziari: regole speciali Nel valutare il costo delle azioni o delle quote ( anche se iscritte tra le immobilizzazioni), va incluso anche lammontare dei versamenti fatti a fondo perduto e in conto capitale. Lammontare del versamento si aggiunge al costo delle azioni o delle quote o degli strumenti finanziari assimilati alle azioni in proporzione alla quantità delle singole voci della corrispondente categoria. In tal caso il costo medio unitario è pari al rapporto tra la somma del costo di acquisto più i versamenti a fondo perduto e il numero delle azioni. Esempio: costo di acquisto della partecipazione 100; versamento a fondo perduto 150; quindi nuovo costo della partecipazione 250

42 La svalutazione del magazzino titoli Anche per il magazzino titoli è riconosciuta la facoltà di procedere alla svalutazione del valore contabile laddove inferiore a quello di mercato. Si possono formulare le seguenti ipotesi: Titoli quotati in mercati regolamentati :si assumono i prezzi rilevati nellultimo giorno dellesercizio o la media dei prezzi rilevati nellultimo mese, se il titolo è quotato sia in mercato interno che estero si prende a riferimento il mercato con il prezzo più alto; Titoli non quotati in mercati regolamentati: si fa riferimento al valore normale; Partecipazioni non quotate in società di K ed ee.pp. e privati: si fa ricorso al patrimonio netto contabile.


Scaricare ppt "RIMANENZE E GIACENZE DI MERCI Facoltà di economia Seconda Università degli Studi di Napoli."

Presentazioni simili


Annunci Google