La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Disturbo Depressivo Maggiore:prevalenza del 9,2- 19,4% lifetime (tassi di prevalenza ed incidenza simili in tutto il mondo industrializzato) LE CINQUE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Disturbo Depressivo Maggiore:prevalenza del 9,2- 19,4% lifetime (tassi di prevalenza ed incidenza simili in tutto il mondo industrializzato) LE CINQUE."— Transcript della presentazione:

1

2 Disturbo Depressivo Maggiore:prevalenza del 9,2- 19,4% lifetime (tassi di prevalenza ed incidenza simili in tutto il mondo industrializzato) LE CINQUE CAUSE DI DISABILITÀ PIÙ IMPORTANTI NEL 2020 SECONDO LOMS I.cardiopatia ischemica II.depressione maggiore (IV posto nel 1990) III.incidenti stradali IV.cerebrovasculopatie V.patologie polmonari ostruttive croniche Quantificazione del problema WHO, 2000

3 Il depresso è: TRISTEZZA ECCITAZIONE un soggetto in cui la normale oscillazione del tono dellumore si blocca stabilmente nellarea della tristezza per almeno due settimane

4 % di DEPRESSIONE nella popolazione italiana % (elevata, ma sottostimata)

5 Depressione riconosciuta (1 su 4 pz) Depressione non diagnosticata (20%) Pazienti depressi che non cercano laiuto del medico (80%)

6 PER UNA CORRETTA DIAGNOSI accurata anamnesi ed esami emotochimici identificare sintomi e segni (abbigliamento, postura, mimica, tono voce) diagnosi differenziale, sottotipi e comorbidità conoscere le fasi di evoluzione della malattia Questo è il presupposto per una terapia e prognosi mirata.

7 DEPRESSIONE ESAME OBIETTIVO (sintomatologia) Marcata tristezza, perdita degli interessi e del piacere, assenza di vitalità, ridotta autostima, idee di colpa e di autonocumento, pessimismo, incapacità lavorativa e progettuale, caduta del desiderio sessuale, trasandatezza, poca igiene personale, cefalea, disturbi alimentari, disturbi del sonno

8 CHI FA LA DIAGNOSI ? LO PSICHIATRA QUALE IL COMPITO DEL MMG? Indirizzare il paziente allo specialista O Gestire la Depressione Reattiva e Lieve svolgendo la funzione di rassicurazione e sostegno con visite di controllo ravvicinate.

9 LE FASI DELLEPISODIO DEPRESSIVO ESORDIO graduale / brusco PERIODO DI STATO - quadro clinico uniforme - complicanze (TS, alcool, mediche) - durata variabile (6-8 mesi; % cronici 2 aa) RISOLUZIONE scomparsa sintomi = graduale / brusca Incompleta = Sintomi residui

10 Il giudizio di gravità può essere sottovalutato per modalità insidiose di manifestarsi del disturbo: sia quantitative che qualitative.

11 PER EVITARE LE MODALITA QUANTITATIVE Individuare i sintomi con domande esplicite Lattenzione alle patologie fisiche non deve trascurare le sofferenze psichiche Atteggiamenti manipolativi, dimostrativi, rivendicativi non escludono la depressione Rischio di suicidio: chiedere direttamente

12 MODALITA QUALITATIVE FONTE DI ERRORE CLINICO La Depressione /con lappiattimento affettivo nello schizofrenico LApatia /con quella dello psicopatico LAstenia /con quella organica (nel depresso è prevalente al mattino) LAlterazione cognitiva /con quella del demente (il depresso conserva la memoria recente)

13 Paura di essere ritenuti malati di mente Preoccupazione per gli effetti collaterali dei farmaci Diagnosi errata di disturbi somatici Mancato riconoscimento della depressione Depressione sottovalutata in alcune malattie fisiche Depressione conseguente a fatti comprensibili I pazienti ignorano di essere depressi

14 TRATTAMENTO DELLA DEPRESSIONE GERARCHIA DEGLI OBIETTIVI Riduzione dei sintomi Migliorare la qualità della vita Guarigione (APA, 2000) Recupero della funzione sociale

15 NUOVI OBIETTIVI Miglioramento della diagnosi Ottimizzazione del trattamento (Casacchia, 2003)

16 TRATTAMENTO della DEPRESSIONE Possibilità Terapeutiche Farmacoterapia Psicoterapia Terapia Combinata o Sequenziale Ospedalizzazione Terapie sociali e gruppi di Self-Help

17 TERAPIA FARMACOLOGICA Antidepressivi Stabilizzanti il tono dellumore Neurolettici (Atipici e Tipici) Ansiolitici

18 LINEE GUIDA DELLA BPA, 2000 Il medico deve adeguare la scelta dellantidepressivo allesigenze del paziente, considerando gli effetti a breve e a lungo termine, scegliere i farmaci meglio tollerati, più sicuri in caso di sovradosaggio e con maggiori possibilità di essere prescritti a dosi efficaci

19 FARMACI ANTIDEPRESSIVI Triciclici TC Serotoninergici SSRI (più usati per minori effetti collaterali dei TC) Serotoninergici-noradrenergici SNRI (velafaxina) Serotoninergici e noradrenergici NaSSA (mirtazapina) Noradrenergici NARI (reboxetina)

20 CRITERI di SCELTA DI UN AD Tollerabilità Sicurezza Rapida titolazione e flessibilità posologica Efficacia nel medio e lungo termine Costo economico Scarsi o assenti sintomi da sospensione

21 FASI DEL TRATTAMENTO FASE ACUTA trattamento dellepisodio depressivo fino alla remissione (non sono più soddisfatti i criteri sindromici e possono essere presenti solo minimi sintomi residui) FASE DI CONTINUAZIONE stabilizzazione della risposta clinica in modo da prevenire una ricaduta (ricomparsa dei sintomi depressivi nellarco di 4-6 mesi dalla remissione) FASE DI MANTENIMENTO trattamento a lungo termine per prevenire una ricorrenza (comparsa di un un nuovo episodio depressivo dopo la completa remissione del precedente con pieno ritorno del paziente al livello di funzionamento precedente)

22 AcutaContinuazioneMantenimento Fasi di trattamento Ricaduta GuarigioneRemissione Sintomi Sindrome Recidiva Progressione del disturbo Risposta Fasi del trattamento della depressione Eutimia Peggioramento Recidiva

23 Periodi di cura ed obiettivi Fase Acuta Continuazione Mantenimento Obiettivi Completa risoluzione dei sintomi depressivi remissione Mantenimento della remissione Risoluzione della disabilità sociale Prevenzione delle recidive Raggiungimento della guarigione Mantenimento della guarigione Prevenzione delle ricadute Durata 8-16 sett 4-12 mesi >12 mesi

24 TERAPIA ANTIDEPRESSIVA A LUNGO TERMINE (preventiva) Per terapia preventiva si intende il trattamento a lungo termine effettuato in normotimia per evitare le ricadute Il rischio di ricaduta è del 50% ed aumenta se vi è stato più di un episodio precedente

25 OTTIMIZZARE LA TERAPIA ANTIDEPRESSIVA A LUNGO TERMINE Educare il paziente sulla necessità della terapia long-term (> 1 anno) Aumentare la compliance alla cura Assicurare dosi adeguate di farmaco Assicurare durata adeguata della terapia Minimizzare limpatto degli eventi avversi

26 COMPLIANCE AL TRATTAMENTO CON AD Il 25-30% dei pazienti trattati dal Medico di Medicina Generale interrompono la terapia entro il primo mese dallinizio del trattamento Più del 40% la interrompe entro 3 mesi Il 60% non raggiunge dosi terapeutiche Ladesione migliora in 3 mesi se il paziente è in cogestione con uno psichiatra (Nierenberg, 2003)

27 MOTIVI DI SCARSA COMPLIANCE (1) dipendenti dal medico Insufficiente intervento psicoeducazionale sul paziente Difficoltà a stabilire unalleanza terapeutica Prescrizione di un farmaco non efficace Dose non terapeutica Scarso controllo del paziente nel tempo

28 MOTIVI DI SCARSA COMPLIANCE (2) dipendenti dal paziente Difficoltà a prendere più volte il farmaco Mancata risposta al trattamento Quando il paziente si sente bene ha difficoltà a continuare le cure a scopo preventivo Essere convinti che basta la forza della volontà Credere che accettare un aiuto sia un segno di debolezza Costo delle cure

29 MOTIVI DI SCARSA COMPLIANCE (3) dipendenti dal farmaco Effetti collaterali Latenza della risposta Via di assunzione Modalità / posologia Interferenze farmacologiche Scarsa maneggevolezza / sicurezza

30 FATTORI CHE INFLUENZANO LA RISPOSTA AI FARMACI Differenze genetiche tra i pazienti Interazioni con altri farmaci Condizioni generali di salute Adesione alla terapia Patogenesi/gravità malattia

31 LIMITI DEGLI ATTUALI ANTIDEPRESSIVI Latenza di risposta Incremento di dosaggio Effetti collaterali SSRI Sintomi residui Scarsa adesione in acuto e nel lungo periodo (Greden, 2002)

32 Caratteristiche di AD ideale Efficacia clinica Rapidità di azione Tollerabilità

33 LE PSICOTERAPIE INDIVIDUALI - (1) (da: APA) Le Tecniche Comportamentali (BT) Le Terapie Cognitive (CT) La Psicoterapia Interpersonale (IPT) La Psicoterapia Psicodinamica Breve (BPT) La Psicoterapia psicoeducazionale

34 Cognitiva Comportamentale Interpersonale Psicodinamica Psicoeducazionale Modifica convinzioni errate Modifica i comportamenti Modifica le relazioni interpersonali alterate Riporta alla coscienza esperienze infantili dimenticate Informa ed educa il paziente LE PSICOTERAPIE INDIVIDUALI - (2) MODI DAZIONE

35 QUALI SONO I RISULTATI TERAPEUTICI? 1.La risposta agli AD o ad una Psicoterapia breve varia tra il 50-60%. 2.Lalta frequenza di ricadute dopo una efficace farmacoterapia fa continuare per lungo tempo lAD aumenta la probabilità di depressione attraverso un processo di sensibilizzazione (resistenza, tolleranza, assuefazione, s. da astinenza, effetti paradosso).

36 DEPRESSIONE: Qual è il miglior approccio? TERAPIA INTEGRATA = farmaci + psicoterapia di tipo Combinato o Sequenziale

37 TERAPIA COMBINATA ( farmaci e psicoterapia in acuto ) Efficace nella Depressione Grave, Ricorrente e Cronica Non superiore ai singoli trattamenti nella Depressione Lieve e Moderata

38 TERAPIA SEQUENZIALE ( farmaci in acuto e psicoterapia dopo) Lobiettivo psicoterapico non è classicamente predeterminato, dipende dai sintomi residui, mira solo alla loro risoluzione e riduce la % di ricadute. Migliora la prognosi a lungo termine della Depressione Maggiore Primaria e della Depressione Ricorrente. (Fava, 2005 )

39 OSPEDALIZZAZIONE Arresto psicomotorio e deliri Serie minacce o tentativi di suicidio Grave decadimento fisico Concomitanza di gravi malattie fisiche Opposizione al trattamento Abuso di alcool o di sostanze Fallimento di precedenti trattamenti ambulatoriali Gravidanza o parto recente

40 EDD Medico FAM PSY H Ass. Auto-aiuto La rete sociale e il pz depresso

41 CONCLUSIONI La depressione è una malattia diffusa, la cui elevata tendenza alla cronicizzazione ed alle ricadute ne fa una patologia con alti costi sociali. Solo un idoneo approccio terapeutico non è sufficiente, è necessaria anche : la collaborazione del paziente, una corretta informazione e una valida rete sociale, di integrazione e reciproco aiuto.


Scaricare ppt "Disturbo Depressivo Maggiore:prevalenza del 9,2- 19,4% lifetime (tassi di prevalenza ed incidenza simili in tutto il mondo industrializzato) LE CINQUE."

Presentazioni simili


Annunci Google