La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sistema escretore1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO da VINCI di FIRENZE CORSO SPERIMENTALE F DOCENTE Prof. Enrico Campolmi SISTEMA ESCRETORE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sistema escretore1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO da VINCI di FIRENZE CORSO SPERIMENTALE F DOCENTE Prof. Enrico Campolmi SISTEMA ESCRETORE."— Transcript della presentazione:

1 sistema escretore1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO da VINCI di FIRENZE CORSO SPERIMENTALE F DOCENTE Prof. Enrico Campolmi SISTEMA ESCRETORE

2 sistema escretore2 Gli animali sono formati per il 70% da acqua: due terzi nelle cellule ed un terzo come liquido extracellulare Il plasma rappresenta solo il 7% dei liquidi corporei, tuttavia controllando la sua composizione si controlla quella di tutti i restanti fluidi La composizione del plasma viene regolata dallapparato escretore, i cui organi più importanti sono i reni FUNZIONE RENALE I reni svolgono le tre funzioni di seguito descritte: 1) Escrezione dei rifiuti metabolici I principali rifiuti del metabolismo cellulare sono la CO 2 prodotta dalla respirazione cellulare (eliminata dai polmoni) ed i composti azotati (NH 3 ) prodotti dalla scissione degli aminoacidi

3 sistema escretore3 Poiché lammoniaca è molto tossica, il fegato la trasforma in urea, riversandola poi nel sangue. I reni estraggono lurea dal sangue e la diluiscono in acqua, generando lurina. I reni contribuiscono allomeostasi, mantenendo stabile la concentrazione chimica del sangue e del liquido extracellulare A tal fine i reni eliminano dal sangue qualsiasi sostanza ne alteri la composizione, dalle sostanze tossiche, al glucosio in eccesso. 2) Controllo della composizione chimica dei fluidi corporei Nei liquidi corporei lo scambio di sostanze avviene infatti principalmente per diffusione ed osmosi, processi regolati dalla concentrazione, la cui stabilità assicura condizioni ottimali per organi e tessuti

4 sistema escretore4 Poiché lacqua non è sempre disponibile nelle quantità necessarie, il corpo deve regolare il proprio contenuto idrico, bilanciando entrate ed uscite Assunzioni e perdite di acqua variano con la dieta, il clima e lattività fisica I reni umani sono due organi di colore scuro, a forma di fagiolo, lunghi circa 10 cm, situati dietro a stomaco e fegato, ai lati della colonna vertebrale 3) Mantenimento dellequilibrio idrico STRUTTURA DEL RENE

5 sistema escretore5 Ciascun rene contiene circa un milione di nefroni, la cui lunghezza totale, in un adulto, raggiunge gli 80 km Il rene è dotato di una regione più esterna, detta corticale e di una più interna, detta midollare A cavallo delle due regioni si trovano i nefroni, le unità funzionali dei reni

6 sistema escretore6 Il nefrone è formato da un ammasso di capillari, il glomerulo e da un lungo e stretto tubo, il tubulo renale, che parte da una struttura a forma di coppa, la capsula di Bowman. I tubuli di diversi nefroni confluiscono infine nel dotto collettore Il tubulo renale è formato, a sua volta, dal tubulo prossimale e dal tubulo distale, uniti tra loro dallansa di Henle Lurina si forma nei nefroni e passa dal dotto collettore nella pelvi renale Dalla pelvi passa quindi alluretere, ove si sposta per peristalsi verso la vescica, nella quale si raccoglie fino a quando non è eliminata attraverso luretra

7 sistema escretore7 Larteria renale si suddivide in tante arteriole, ognuna della quali conduce ad un glomerulo Nel glomerulo il sangue ha una pressione doppia rispetto a quella degli altri capillari A causa di ciò un quinto del plasma esce dai capillari, attraversa la capsula di Bowman, ed entra nel tubulo renale Tale fenomeno si dice filtrazione ed il liquido entrato nel tubulo prende il nome di filtrato Quella in entrata si dice arteriola afferente, quella in uscita si dice arteriola efferente Questultima si suddivide poi nei capillari peritubulari, che circondano il tubulo renale, riunendosi infine in una venula

8 sistema escretore8 Lacqua e tutti i soluti presenti nel plasma, tranne le proteine, passano nel filtrato, che inizia il suo cammino nel tubulo renale, le cui pareti sono dotate di un solo strato di cellule epiteliali specializzate nel trasporto attivo Successivamente molte molecole di rifiuto rimaste nel plasma dopo la filtrazione sono selettivamente rimosse dai capillari peritubulari ed immesse attivamente nel filtrato Tale processo prende il nome di secrezione Allo stesso tempo la maggior parte di acqua e soluti utili finiti nel filtrato è ripompata nei capillari Detto processo si dice riassorbimento Infine Il liquido rimanente, divenuto ormai urina, lascia il nefrone e passa nelle pelvi renali; tale processo si dice escrezione

9 sistema escretore9 Il tubulo controlla anche la eliminazione di acqua, processo importantissimo per regolare lequilibrio idrico del corpo Molti animali terrestri debbono infatti conservare acqua, eliminando orina ipertonica rispetto ai restanti fluidi corporei ai sali delle pareti di regioni diverse del tubulo renale, sia grazie al fatto che nel suo percorso il tubulo forma unansa (ansa di Henle) che attraversa regioni in cui sono presenti fluidi a differente concentrazione Ciò avviene sia grazie alla diversa permeabilità allacqua e Nel tubulo prossimale il filtrato è isotonico col plasma; lungo questo tratto ioni sodio e cloro sono attivamente pompati fuori dal tubulo, mentre lacqua li segue per osmosi, mantenendo così il filtrato ancora isotonico.

10 sistema escretore10 Lungo il ramo discendente dellansa lacqua esce dal tubulo per osmosi, poiché incontra un ambiente molto salino, ricco di ioni Na + e Cl - provenienti dal ramo ascendente. Alla fine del ramo discendente il filtrato è quindi ipertonico rispetto al plasma. tornare il filtrato ipotonico, che tale rimane anche lungo il tubulo distale. Il ramo ascendente è imperme- abile allacqua, ma pompa atti- vamente fuori Na + e Cl -, facendo Il filtrato entra quindi nel tubulo collettore ed attraversa di nuovo una zona ad elevata concentrazione salina; da questo punto in poi la concentrazione dellorina dipende dallormone antidiuretico ADH, prodotto dallipotalamo.

11 sistema escretore11 Se lADH è assente la parete del tubulo collettore è impermeabile allacqua, che pertanto rimane nel tubulo, producendo orina poco concentrata. In presenza di ADH il tubulo è invece permeabile e lacqua esce per osmosi e si raccoglie nei capillari peritubulari, producendo orina più concentrata. La quantità di ADH liberato dipende dalla concentrazione osmotica del sangue e dalla pressione sanguigna, misurate da appositi recettori. Se la concentrazione osmotica del sangue aumenta o cala la pressione, come avviene per esempio nella disidratazione e nelle emorragie, si libera ADH che mantiene il contenuto idrico del sangue. In caso di ingestione di grosse quantità di liquidi o di aumenti di pressione, effetto determinato ad esempio dalladrenalina, la produzione di ADH cala e si elimina più acqua. Lalcool reprime la produzione di ADH, aumentando la diuresi, fenomeno ben noto ai bevitori di birra. Lipotalamo inoltre agisce sul bilancio idrico stimolando la sete, quando rileva una concentrazione eccessiva dei soluti nei liquidi interni.

12 sistema escretore12 Nel nefrone si svolge infine anche il riassorbimento del sodio, principale soluto presente nel liquido extra cellulare, il cui equilibrio è strettamente correlato a quello dellacqua. La concentrazione dei liquidi interni deve infatti rimanere costante, per non alterare gli scambi osmotici di acqua Unelevata presenza di sodio comporta quindi unelevata presenza di acqua, che a sua volta influisce sul volume totale dei liquidi e sulla pressione sanguigna: ecco perché le persone ipertese non debbono mangiare salato. Il contenuto di sodio è regolato dallormone aldosterone, secreto dalla corteccia delle surrenali, che provoca un riassorbimento di Na + dal filtrato a livello del nefrone Il riassorbimento di Na + innalza la concentrazione dellambiente circostante il tubulo del nefrone, incrementando così la fuoriuscita dal tubulo di acqua ed il suo riassorbimento. La secrezione di aldosterone è controllata da un complesso meccanismo che si avvia quando recettori posti nella parete dei vasi sanguigni e nel cuore rilevano una riduzioni del volume del liquido extracellulare

13 sistema escretore13 REGOLAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA Nelluomo, come negli altri omeotermi, il mantenimento di una temperatura costante ed elevata è un importante elemento dellomeostasi La temperatura accelera infatti le reazioni chimiche cellulari, assicurando allorganismo un elevato livello di attività Tuttavia temperature eccessive modificano la forma delle proteine, inattivando gli enzimi, con danni gravissimi a carico del metabolismo La temperatura del corpo umano può quindi oscillare solo in un piccolo intervallo intorno ai 37°C

14 sistema escretore14 La fonte di calore dellorganismo e lossidazione del glucosio e delle altre molecole che liberano energia allinterno delle cellule. Gli endotermi hanno un metabolismo molto più alto degli ectotermi ed una grande percentuale della loro energia è destinata alla produzione di calore Gli endotermi possiedono inoltre strati di materiale isolante e meccanismi atti alleliminazione del calore in eccesso. Nelluomo il mantenimento della temperatura avviene grazie ad un sistema automatico, un termostato posto nellipotalamo Questo termostato riceve ed integra le informazioni provenienti dai recettori per la temperatura distribuiti in tutto il corpo, le confronta con la temperatura da lui stesso fissata, mettendo quindi in atto le risposte adeguate I recettori della pelle sono importantissimi per i cambiamenti di temperatura; tuttavia lo stesso ipotalamo contiene al suo interno recettori che misurano la temperatura del sangue

15 sistema escretore15 Fig Pag. 400 Tra queste cè la liberazione del fattore di rilascio TRH, che stimola lipofisi a produrre lormone TSH Il TSH, a sua volta, stimola la tiroide a produrre tiroxina che, aumentando il metabolismo cellulare, contribuisce a generare calore nel corpo. A differenza del termostato della caldaia, che controlla un semplice interruttore del tipo on-off, lipotalamo è capace di risposte complesse Altro modo per produrre calore è quello di aumentare lattività muscolare volon- taria, ad esempio saltellando, ed involontaria (come avviene con il tremito) Per conservare calore si contraggono inoltre i vasi sanguigni più vicini alla superficie della pelle e si drizzano i peli limitando la dispersione allesterno

16 sistema escretore16 Se la temperatura sale invece oltre il valore indicato dal termostato, i vasi prossimi alla superficie della pelle si dilatano, per aumentare la dispersione di calore verso lesterno. Anche levaporazione del sudore è un valido metodo per abbassare la temperatura corporea Laumento di temperatura noto come febbre è legato invece ad una regolazione verso lalto della temperatura fissata dallipotalamo Ciò avviene per la liberazione di una proteina da parte dei globuli bianchi, come risposta difensiva dellorganismo Un modesto aumento di temperatura stimola infatti il sistema immunitario La sensazione di freddo ed i brividi legati allinsorgere della febbre sono dovuti al fatto che la temperatura corporea, anche se è in aumento, è comunque più bassa della nuova regolazione del termostato


Scaricare ppt "Sistema escretore1 LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO da VINCI di FIRENZE CORSO SPERIMENTALE F DOCENTE Prof. Enrico Campolmi SISTEMA ESCRETORE."

Presentazioni simili


Annunci Google