La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La cultura Trash: Dea Citarelli 293220/43 E un paese malato il nostro, al Nord come al Sud, malato di scorie, di rifiuti tossici, di pericolato, di cecità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La cultura Trash: Dea Citarelli 293220/43 E un paese malato il nostro, al Nord come al Sud, malato di scorie, di rifiuti tossici, di pericolato, di cecità"— Transcript della presentazione:

1 La cultura Trash: Dea Citarelli /43 E un paese malato il nostro, al Nord come al Sud, malato di scorie, di rifiuti tossici, di pericolato, di cecità burocratiche, di connivenze. E sufficiente sognare? Aldo Grasso, Corriere della Sera, 14 luglio unanalisi semiotica. Relatore: Chiar.mo Prof. P. Jachia Correlatore: Chiar.mo Prof. G. Azzoni 1

2 Dea Citarelli /43 Il trash: alcune definizioni. quel prodotto di comunicazione di massa (letteratura, cinema, televisione,..) che riflette un gusto scadente, volgare (Dizionario Garzanti). pattume informativo (Umberto Eco). un modo di espellere le tossine di tonnellate di informazioni futili incamerate in decenni di fruizione passiva (Alessandro Papa). passione per gli aspetti più pacchiani della cultura bassa (Matteo Bianchi ). 2

3 Dea Citarelli /43 Gli antenati del Trash. Il gotico: i piaceri della degradazione. Lestetica del brutto: Il concetto di brutto, in quanto negazione del bello, è una parte dell'estetica (Karl Rosenkranz ). Larte ha bisogno del brutto, proprio perché è tanto più bella, quanto più negativo ha dovuto vincere. 3

4 Dea Citarelli /43 Grottesco e carnevalesco: La Tentazione di Sant'Antonio (Hieronymus Bosch) dissacrazione di tutto ciò che è aulico e imposto; rivalutazione del riso; cultura popolare; figura scanzonata e ribelle del fool. corpo aperto, sempre in divenire, non delimitato e non compiuto, è corporeità allo stato puro, senza paure né censure. festa del corpo parlante e in movimento, gioioso e non narcisistico. Con Bachtin : Riscatto del corpo nella filosofia del

5 Dea Citarelli /43 Pulp: genere letterario e cinematografico:immagini crude, sanguinarie e cinismo. Concetti limitrofi al Trash. Camp: amore per leccessivo, per leccentrico. Esempi:i boa di struzzo, le lampade di Tiffany(Susan Sontag). Kitsch: miscuglio ipocrita di cultura e cattivo gusto, celebrazione della falsità dellimmagine. Fuga dalle responsabilità che l'esperienza dell'arte invece impone ( U.Eco). 5

6 Dea Citarelli /43 Il Trash in alcune forme darte ed espressione contemporanee. La Trash Art: quando i rifiuti diventano arte. Movimenti ed opere che utilizzano spazzatura, o comunque scarti d'uso, per creare oggetti ironicamente artistici. Merda d'artista (Piero Manzoni, 1961) Accumulazione di brocche (Arman, 1961) Ruota di bicicletta (Marcel Duchamp, 1913) 6

7 Dea Citarelli /43 Quello che normalmente serve a contenere il latte, diventa arte quando serve ad attirare la gente in un museo. traslitterazione dal reale che rende artistico un oggetto di scarto. Larte è tutto ciò che gli uomini chiamano arte (D. Formaggio). Repas hongrois (Daniel Spoerri, 1963) Crocifissione (Joseph Beuys, 1963) Effetto spaesamento 7

8 Dea Citarelli /43 la sottocultura del pettegolezzo, violenza scontata, cattiva informazione. La tv spazzatura. Ovunque emerga : Alcuni esempi: descrizione di fatti e opinioni in modo superficiale; parlare per modi di dire, uso di slang giovanile; creare preconcetti di giovani, single, vip.. programmi di intrattenimento domenicale; talk- show; programmi di falsa informazione: 8

9 Dea Citarelli /43 Esempi viventi e trionfanti del valore della mediocrità. non particolarmente capaci incarnano dei prototipi di donne e uomini oggetto Non provocano complessi di inferiorità: mischiano volgarità e incompetenza rappresentano la vittoria dellimmagine sullabilità. 9 rappresenta biologicamente parlando un grado modesto di adattamento allambiente. Vip come uomo di massa: I nuovi vip: da Mike alle Lecciso. (Da La Fenomenologia di Mike Bongiorno di U. Eco.)

10 Dea Citarelli /43 Congeniata per impressionare volontariamente il pubblico. Tendenza Trash-sessuale che domina già da anni il mercato televisivo: Gucci, con limmagine del pube rasato a forma di G. Dolce & Gabbana, rappresentazione sonora di flatulenze emesse dai due protagonisti (non conforme agli art. 9 e 11 del CAP). Pubblicità Trash. Alcuni esempi: persuadere facendo leva sugli istinti del consumatore; causare polemiche fino alla cessazione per opera dello Iap, assicurandosi una forma ulteriore di pubblicità. Utilizza immagini erotiche o particolarmente fuori dai canoni. 10

11 Dea Citarelli /43 fondamentale è il ricorso a personalità stereotipate ( il siciliano geloso, la rossa capricciosa, il genovese tirchio..). Trash movie. film di cattivo gusto, privi di contenuti culturali, incentrati sul sesso. linguaggio trucido, volgare (parolacce, battute pesanti..) le situazioni nelle quali agiscono i personaggi sono banali, popolari Alcuni esempi italiani: Attila flagello di Dio di Abatantuono Er monnezza di Tomas Milian. 11

12 Dea Citarelli /43 Usa e Getta, salgono in vetta alle classifiche e scompaiono in pochi mesi, sentimenti facili, argomenti leggeri e minestroni di idee. realizzati dai comici. la collana rosa Harmony. pseudo-erotici, scritti da adolescenti che discutono di loro presunte esperienze sessuali (100 Colpi di spazzola prima di andare a dormire, di Melissa P). Editoria Trash. di falsa attualità, che creano stereotipi e paure spesso infondate. I libri: Le riviste: di gossip ( Novella 2000, Di più). di cosigli per.. spacciati per informazioni scientifiche (Cronaca Vera). 12

13 Dea Citarelli /43 falsamente informativi e scientifici: trattano gli argomenti con superficialità,mischiando idee, fatti senza preoccuparsi della loro veridicità. Il trash nel cyberspazio. di suonerie, immagini per cellulari: a pagamento, contenuti banali, vendono canzoncine, screensaver.. Tariffe alte e mal identificate; finti salutistici: propongono diete e trucchi per migliorare il proprio aspetto. Tanta gente non sa riconoscerli come spazzatura; Siti internet : di gossip, calendari di donne nude, gadjet ( esempio SuperEva); 13

14 Dea Citarelli /43 Sondaggio valutativo : cosa sanno i giovani in merito alla cultura Trash. Test sottoposto a 30 ragazzi di età compresa tra i 18 e i 26 anni. Domanda n°1: Conosci il significato del termine cultura Trash? Domanda n°2: Dove trovi quotidianamente esempi di Trash? Domanda n°3: Un esempio per ogni area individuata. Domanda n°4: Per ogni item dire da 1 a 5 quanto è Trash (1: non Trash, 2: poco Trash, 3: abbastanza Trash, 4: molto Trash, 5: assolutamente Trash). Domanda n°5: Riassumendo, quali sono secondo te, le caratteristiche peculiari del Trash? 14

15 Dea Citarelli /43 Esempio di risposta alla domanda 4. Gli item da me proposti sono stati: Cinema American Pie : 3 Il piccolo Buddha: / Attila, flagello di Dio: 4 Pulp fiction: 5 Televisione Telenovelas sud americane: 3 Matrimonio di Francesco Totti e Ilary Blasi: 1 La vita in Diretta: 3 Tg4: 4 Pubblicità D&G : 3 Tim, la storia infinita: 2 Roberta, abbigliamento intimo: / Rio casa mia: 4 Stampa Di più: 3 Focus: 1 Novella 2000: 4 Donna Moderna: 1 Personaggi famosi Costantino: 1 Little Tony: 2 Platinette: 4 Le gemelle Lecciso: 4 15

16 Dea Citarelli /43 che su 30 intervistati: 4 non conoscono il significato di Trash, 26 si. Di questi: 15 sono certi delle loro affermazioni, mentre 6 mostrano perplessità; una capacità dei giovani di riconoscere il Trash dal non Trash; qualche incertezza sulla pubblicità di intimo femminile, in quanto considerata gradevole dal sesso maschile mentre Trash dal femminile; poche certezze su programmi di intrattenimento e sul Tg4 (questultimo, pur essendo Trash, secondo gli intervistati è comunque un telegiornale e ha scopo informativo); confusione sulla definizione di pulp; fermezza nel considerare personaggi come Costantino, Platinette e le sorelle Lecciso come assolutamente Trash. 16 I risultati ottenuti hanno mostrato:

17 Dea Citarelli /43 costruito a tavolino, poco durevole, che fa stile, popolare, privo di buon gusto, senza contenuto culturale, con scopo commerciale, volgare, che mischia i tabù con i buoni sentimenti, banale, inutile, eccessivo, squallido. Una nuova definizione di Trash: Fenomeno della comunicazione di massa che fa moda creando prodotti banali, volgari ed eccessivi, con il solo scopo di avere un ritorno economico. Secondo i giovani, il Trash è: 17


Scaricare ppt "La cultura Trash: Dea Citarelli 293220/43 E un paese malato il nostro, al Nord come al Sud, malato di scorie, di rifiuti tossici, di pericolato, di cecità"

Presentazioni simili


Annunci Google