La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN COMUNICAZIONE INNOVAZIONE E MULTIMEDIALITA Politica e media: Confronti televisivi tra i candidati alle primarie del Partito Democratico Relatore: Prof. Flavio Chiapponi Correlatore: Prof. Federica Da Milano Tesi di laurea di Tavernini Marco N. Matricola ANNO ACCEDEMICO 2011/2012

2 Analizzare i dibattiti televisivi delle primarie Perché? 1)La Tv è ancora oggi il più potente mezzo di comunicazione massa 2) Perché è il mezzo più usato dagli italiani per informarsi della situazione politica 3) Perché è il luogo scelto dal Centro-sinistra per esporre i programmi di ciascun candidato

3 Chi sono i cinque candidati alle primarie? Bruno Tabacci Laura Puppato Nichi Vendola Matteo Renzi Pierluigi Bersani

4 Metodi utilizzati per lanalisi comunicativa dei dibattiti televisivi 1)Analisi sulla base del «fact checking» 2) Analisi sulla base del modello proposto da Sylvain Rivet 3) Analisi delle tecniche verbali e non verbali utilizzate dai candidati 4) «Pagelle» dei candidati e proclamazione del vincitore dal punto di vista comunicativo

5 Il primo dibattito a cinque E andato in onda su Sky il 12 novembre 2012, lo studio utilizzato è molto grande, i cinque candidati sono schierati in piedi uno accanto allaltro, di fronte al moderatore, di questo primo dibattito il giornalista Sky Gianluca Semprini, alle spalle di questultimo troviamo il pubblico. Il regolamento prevede risposte di 90 secondi per ogni candidato, tutti e i cinque candidati hanno a disposizione 3 diritti di replica da 30 secondi da utilizzare liberamente. Alla fine della serie di domande ogni candidato è invitato a procedere con un appello rivolto agli elettori del centro sinistra.

6 Il fact checking dei cinque candidati Cosè il fact checking? Il fact checking è un modello che si basa sulla veridicità delle risposte dei cinque contendenti a ventidue domande scelte a caso e studiate dallUniversità di Tor Vergata di Roma e poi analizzate in maniera analitica. CandidatoBersaniRenziVendolaPuppatoTabacci N°Check36346 Risposta Vera35246 Risposta Quasi vera Risposta Parz. Vera Risposta non vera 01000

7 Il modello di Sylvain Rivet Cosè il modello Rivet? Mira a classificare gli attacchi verbali tra contendenti duranti i «faccia a faccia» televisivi. In particolare, gli attacchi possono essere di tre tipi principali: 1)Attacco di Casualità: si parla di attacco di casualità quando si vuole far notare che lavversario politico è direttamente responsabile di una situazione che egli ha provocato 2)Attacco di Conseguenza: si tratta di mettere in evidenza una situazione presente o futura prospettata dallavversario che avrà sicuramente risultati nefasti 3)Attacco ad Hominem: in questo caso si parla di chiaro attacco alla persona.

8 CandidatoArgomentoDirittiFiscalità Alleanze e governo Giovani e Lavoro Totale Bersani Casualità Conseguenza Ad hominem Totale Tabacci Casualità Conseguenza Ad hominem Totale Puppato Casualità Conseguenza Ad hominem Totale Vendola Casualità Conseguenza Ad hominem Totale Renzi Casualità Conseguenza Ad hominem Totale Totale Il primo dibattito secondo lo schema di Rivet

9 Tecniche verbali e non, e pagelle dei candidati CandidatiTecniche VerbaliTecniche non VerbaliVoto Tabacci Usa lo humor, è concreto a spiegare il suo programma, riuscendo cosi a pubblicizzarlo. Utilizza il dito puntato (accusa), corruga la fronte e contrae le palpebre (segnali di rabbia). 7 Puppato E stata molto chiara, sobria e comprensibile (nessun termine inglese), avrebbe dovuto utilizzare di più la variazione di tono. Si limita a non utilizzare una gestualità sconveniente (non incrocia le braccia) ma allo stesso tempo non è molto espressiva. 7- Vendola Non riesce ad adattare la sua comunicazione al contesto televisivo. Il lessico che utilizza è spesso complesso e catastrofico. A volte non fa in tempo a spiegarsi nel minuto e mezzo. Non presta attenzione al linguaggio del corpo. Usa gesti di auto-contatto (gesti di scarico della tensione) e gesti illustratori molto veloci. 7+ Bersani Usa lo stile linguistico che utilizza anche in altri ambiti, per adattarlo alla Tv ha solo ridotto il numero delle parole. Usa molto la metafora. Indossa una cravatta rossa (colore che cattura lattenzione). Il ritmo è molto lento, tutto ciò ha un effetto di mostrare sicurezza, fermezza, fair play. 8 Renzi Utilizza tecniche della comunicazione televisiva. Usa il minuto e trenta secondi in maniera strategica infatti sa bene che i secondi più influenti sono quelli che precedono la fine, secondi nei quali lascoltatore decide se applaudire o meno. Si nota che ha studiato public speaking. Usa la stessa tecnica nei turni di pausa. Appena un candidato inizia a parlare, appunta alcune parole su un foglio, aspetta 2-3 secondi, e si gira in segno di ascolto verso il candidato che parla, tenendo il mento alto (segnale che comunica autorità e dominanza). 8.5

10 Il vincitore del primo dibattito è: Matteo Renzi, è partito con ritardo rispetto agli altri alla corsa di leader del Centro- sinistra per la poltrona di candidato Premier, riuscendo comunque ad ottenere il suo scopo: portare le primarie al ballottaggio. E vincente perché è certamente il candidato che ha maggiormente mobilitato lelettorato di opinione, per certi aspetti estraneo a quello tradizionale (di appartenenza) del Centro-sinistra.

11 Il secondo dibattito televisivo Il secondo dibattito televisivo è andato in onda su Rai Uno il 28 novembre in vista del ballottaggio di domenica 2 dicembre, attraverso il quale gli elettori del centro sinistra sono chiamati a scegliere il loro candidato premier in vista delle elezioni politiche. Il confronto verrà condotto e moderato dalla giornalista del Tg1 Monica Maggioni. Ai due contendenti verranno poste alcune domande: entrambi avranno a disposizione due minuti, ci saranno anche dieci domande flash in cui avranno venti secondi per rispondere. Entrambi i candidati avranno a disposizione cinque diritti di replica da utilizzare quando lo riterranno più opportuno. Le regole prevedono un confronto della durata di circa unora e quarantacinque minuti, interrotto solamente da due break pubblicitari.

12 Il fact checking del secondo dibattito televisivo CandidatoBersaniRenzi N°Check10 Risposta Vera98 Risposta Quasi vera01 Risposata Parz. Vera11 Risposta non vera00 In questa circostanza cosi come nel caso del dibattito a cinque possiamo vedere che il 90% delle risposte risultano assolutamente vere, solo una risposta risulta quasi vera, e due parzialmente vere. La differenza rispetto al primo dibattito è che in questo caso assistiamo allassenza totale di risposte non vere.

13 Il secondo dibattito visto da Sylvain Rivet CandidatoArgomentoDirittiFiscalità Alleanze e governo Giovani e Lavoro Totale Bersani Casualità13318 Conseguenza12238 Ad hominem01124 Totale Renzi Casualità21328 Conseguenza Ad hominem14218 Totale Totale In questo schema possiamo subito notare che cè una differenza elevata nel numero degli attacchi totali tra i due candidati infatti troviamo Renzi a 30 attacchi e distanziato a 20 il segretario Bersani. Renzi attacca più volte rispetto a Bersani, perché dopo il primo turno si trova in svantaggio rispetto a Bersani e anche i sondaggi in vista del ballottaggio lo danno sconfitto, ed per questo che il sindaco di Firenze parte subito dalle prime battute ad attaccare intensamente e su tutta la linea Bersani.

14 Tecniche verbali e non, e pagelle di Renzi e Bersani CandidatiTecniche VerbaliTecniche non VerbaliVoto Bersani Bersani ha parlato con leloquio della sua generazione politica: frasi elaborate, metafore insistenti per conquistarsi una adesione popolare, tono pacato e soltanto raramente sfiorato da uno stacco di accensione. Bersani ha scelto un abito grigio, coerente anchesso con limmaginario che lui doveva confermare, guardava troppe volte in basso o fuori dellobiettivo di ripresa, non sempre riusciva a controllare limpaccio del dove mettere le mani o quel fazzoletto tirato fuori a pulire la saliva da un angolo della bocca. 7.5 Renzi Renzi ha usato il linguaggio della sua generazione politica: brillantezza e scioltezza nellespressione, tono sicuro e fluido, alternanza fascinosa tra giudizi concreti ed elaborazioni ideali, controllo stringente nello sviluppo dei temi. Renzi, sè presentato in camicia a maniche arrotolate e cravatta, sorrideva sempre, la gestualità del corpo era mossa e convincente, lanciava qualche battutina ironica con laria di chi però non vuol far male, mascherava con sapienza i punti deboli del discorso. 8.5

15 Giudizio e vincitore del secondo dibattito: Entrambi hanno manifestato aderenza al proprio profilo, con una significativa coerenza tra ciò che ciascuno rappresenta e ciò che le parole dovevano rappresentare. Limpaccio di Bersani nel messaggio finale, e il suo tentativo di dare una risposta che non apparisse preparata, hanno contrastato pesantemente con la scioltezza felice di Renzi, che recitava come un attore consumato e metteva assieme valori ideali e contenuti concreti di scelte politiche. Bersani è stato il politico dellera pre-televisiva, Renzi il mattatore assoluto nel tempo della comunicazione per immagini. Per questa serie di motivi il vincitore è Matteo Renzi.

16 Conclusioni Ancora una volta la televisione ha dimostrato di essere il mezzo di comunicazione di massa più usato e più utile durante una campagna elettorale, e credo anche che queste elezioni primarie segnino linizio di una nuova era a livello di comunicazione. A livello comunicativo qualcosa è cambiato per sempre, infatti durante queste primarie e anche dopo i dibattiti televisivi, abbiamo assistito ad un alto grado di fair play. Sicuramente durante la campagna elettorale ci sono state polemiche, ma a differenza del passato queste polemiche non hanno influito molto sui risultati, e soprattutto queste polemiche sono sparite nel momento in cui veniva proclamato Pierluigi Bersani candidato premier del centro sinistra infatti Renzi telefona a Bersani immediatamente dimostrandosi leale nei confronti del segretario.

17 Grazie per la cortese attenzione Tavernini Marco


Scaricare ppt "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA CORSO DI LAUREA INTERFACOLTÀ IN."

Presentazioni simili


Annunci Google