La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LImperialismo. Che cosè lImperialismo Fin dallantichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LImperialismo. Che cosè lImperialismo Fin dallantichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono."— Transcript della presentazione:

1 LImperialismo

2 Che cosè lImperialismo Fin dallantichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono essere: di popolamento o di sfruttamento. Quelle di popolamento venivano usate per essere abitate e quelle di sfruttamento venivano usate per sfruttare gli abitanti del territorio conquistato. Fra il 1870 e il 1914 però colonizzare divenne una vera mania. Ogni nazione cercava di creare un impero. Questo periodo venne chiamato imperialismo. Limperialismo viene definito come la tendenza di uno Stato a praticare una politica di potenza per imporre i propri interessi economici e il proprio prestigio nei paesi più deboli. In più fra gli Stati nacque una vera e propria gara di espansione. La più grande potenza imperialista dEuropa fu lInghilterra. Oltre lEuropa grandi potenze furono il Giappone e gli Stati Uniti.

3 Le cause dellImperialismo Le principali cause della nascita dellimperialismo sono tre: economiche, politiche e culturali. Economiche perché dopo la rivoluzione industriale crebbe limportanza delle materie prime: petrolio, ferro, rame … I Paesi europei però erano poveri di materie prime mentre quelli asiatici e africani ne erano ricchi. Inoltre divenne importante per gli europei controllare il commercio di quanti più Paesi possibili, imponendo a essi i prodotti della propria industria. Politiche perché limperialismo rappresentò una forma esasperata di nazionalismo. Lamore per la propria nazione spinto alleccesso portò a negare la libertà a tutte le altre. Le conquiste coloniali divennero perciò il simbolo di una nazione forte e prestigiosa. Culturali perché era diffusa lopinione che luomo bianco dovesse dominare tutte le altre razze.

4 Gli uomini dellImperialismo Durante lImperialismo però non tutti gli europei erano spinti dal desiderio di sottomettere gli altri popoli, specie se primitivi. In questo periodo nacque una specie di moda fra gli europei: quella delle esplorazioni geografiche. Chi partiva non erano solo i colonizzatori ma anche geografi, medici, missionari o semplicemente persone che partirono in cerca di fortuna. Fra i geografi ricordiamo il leggendario David Livingstone, colui che vide per primo le cascate Vittoria. Brazza litaliano che aprì la via del Congo. Il giornalista Stanley partito coraggiosamente sulle tracce di Livingstone. Fra i missionari invece fu famoso il cardinale Guglielmo Massaia che esplorò lAbissinia. In qualche circostanza i diversi ruoli si ritrovarono nella stessa persona:alcuni furono contemporaneamente geografi, medici e missionari.

5 Le conseguenze dellImperialismo LImperialismo portò molti vantaggi e ricchezze ai colonizzatori ma mise in crisi i paesi colonizzati. Nel corso delle conquiste coloniali gli europei ricorsero in modo sistematico alluso della violenza, con effetti aggravanti della superiorità tecnologica. Contro le nuove terribili armi in acciaio dei bianchi, gli africani e gli asiatici potevano opporre solamente le loro vecchie armi in ferro. Alle frequenti, disperate ribellioni delle popolazioni indigene, i conquistatori rispondevano con i massacri. Conclusa loccupazione, il territorio veniva presidiato da un numero limitato di coloni, che vi risiedevano temporaneamente per garantire il controllo politico ed economico. Soltanto in alcune colonie alle popolazioni locali si sovrappose una quantità consistente e permanente di bianchi. I paesi colonizzati vennero sottoposti allo sfruttamento, che distrusse anche sistemi economici che rispecchiavano le esigenze locali. In molte regioni venne imposto il sistema della monocultura che consiste nella coltivazione sullo stesso terreno di un solo tipo di pianta. Accadeva così che alcune colonie dovessero importare dallestero i generi alimentari necessari. I lavoratori locali erano pagati con salari minimi o costretti al lavoro forzato; daltra parte i colonizzatori non introdussero nuove tecnologie se non a proprio vantaggio. La divisione tra paesi sviluppati e paesi deboli si accentuò sino a costituire uno dei più gravi problemi del XX secolo. Altrettanto grave fu lannientamento delle culture locali: lo scontro con gli europei fu devastante, perché gli stili di vita tradizionali non ressero allinvasione di lingue, abitudini, costumi diversi.

6 La spartizione dellAfrica LAfrica parve più vicina quando fu aperto il canale di Suez (1869), che metteva in comunicazione il Mediterraneo con il Mar Rosso: la sua gestione finì nelle mani dellInghilterra, che poté così accrescere linfluenza sullEgitto, dove aveva introdotto la coltivazione del cotone. Quando poi i francesi occuparono la Tunisia, gli inglesi risposero trasformando lEgitto in un loro protettorato. Il protettorato è il rapporto tra due stati nel quale luno (il protettore) assume limpegno verso laltro di difenderne gli interessi, anche rappresentandolo a livello internazionale. In realtà lo stato protettore assume sullo stato protetto un controllo politico. Sulla carta geografica dellAfrica i rappresentanti delle diverse nazioni tracciarono linee ch stabilivano le rispettive aree di influenza: in sostanza questa decisione accelerò la conquista del continente, che in un decennio fu completamente sottomesso. La spartizione venne operata senza tenere in alcun conto le esigenze delle popolazioni locali: tribù rivali furono costrette dai nuovi confini a difficili convivenze, mentre gruppi omogenei venivano separati. Tra le potenze europee intente ad occupare colonie scoppiavano spesso tensioni, quasi sempre risolte per vie diplomatiche. Un conflitto armato vide invece fronteggiarsi in Sudafrica inglesi e boeri. La guerra ( ) fu vinta dagli inglesi che presero a sfruttarne sistematicamente le immense ricchezze minerarie e a praticare una politica di segregazione razziale nei confronti dei neri.

7 LIndia Britannica Nel seicento la Compagnia inglese delle Indie Orientali aveva fissato in India alcuni scali, su cui esercitava anche un potere militare e amministrativo. Nella seconda metà del Settecento la Compagnia diede inizio alla graduale conquista dellintera penisola indiana, che fu completata nel 1858, nonostante la resistenza delle popolazioni locali. LIndia passò poi alla diretta dipendenza della corona inglese e la regina Vittoria fu proclamata imperatrice. Per proteggere quella che venne definita la perla dellImpero gli inglesi occuparono anche la Malesia e la Birmania, e crearono a Nord uno stato protettivo, lAfghanistan. I dominatori trasformarono radicalmente leconomia indiana con effetti negativi per la maggior parte della popolazione. Gli indiani erano contadini e artigiani: i primi furono costretti a estirpare le piante alimentari per coltivare prodotti da esportazione come: il cotone, il tè, la juta e loppio (una droga). Gli artigiani invece dovettero abbandonare la loro attività perché i manufatti locali non reggevano la concorrenza con quelli a basso costo importati dagli inglesi. La dominazione inglese però ebbe anche effetti positivi: furono vietate pratiche particolarmente crudeli come lobbligo per le vedove di farsi bruciare sul rogo del marito defunto e la soppressione delle femmine neonate. Inoltre gli inglesi introdussero unamministrazione efficiente cui gradualmente vennero ammessi gli indiani; crearono un moderno sistema di comunicazioni e impiantarono sistemi di irrigazione per estendere le aree coltivabili. Fondarono scuole e università che formarono una nuova classe di tecnici e professionisti molto preparati: proprio fra loro sorsero le prime aspirazioni alla liberazione del dominio inglese.

8 La fine del Celeste Impero La Cina per le sue dimensioni non poteva essere oggetto di una conquista territoriale: fu invece vittima di una conquista commerciale. Da secoli il Celeste Impero viveva chiuso nel suo isolamento, legato a tradizioni antichissime. Alla sovrappopolazione si aggiungeva la scarsità di cibo, causata dal fatto che le tecniche agricole erano arretrate e le terre coltivabili insufficienti. Della fragilità della Cina approfittarono gli inglesi, che nel porto di Canton acquistavano tè, porcellane e seta, ma non riuscivano a vendere i loro prodotti, cui i cinesi non erano interessati. Già da tempo gli inglesi introducevano in Cina clandestinamente loppio che producevano in India: intensificandone la diffusione a basso prezzo, essi danneggiarono la salute dei cinesi e provocarono la reazione del governo. Nacque così la guerra delloppio ( ) che perse la Cina. Essa dovette cedere allInghilterra la città di Hong Kong e aprire al commercio inglese altri porti. Poiché il potere imperiale si dimostrava sempre più debole, le rivolte interne si estesero sino a degenerare in guerra civile. Ne approfittò il Giappone che dichiarò guerra: anche questo conflitto si concluse con la disfatta della Cina, che perse la Corea e lisola di Formosa. Allinterno del paese cresceva lodio verso gli stranieri, che si concretò nella rivolta dei Boxers, una setta segreta, stroncata dellintervento militare degli europei ( ). Il contatto con la cultura occidentale aveva però determinato la nascita di un movimento che chiedeva la modernizzazione della Cina. Questo movimento trovò la sua guida in un medico che aveva studiato a Parigi, Sun Yat- sen, fondatore del Partito nazionale popolare con tre obiettivi: indipendenza, democrazia e giustizia sociale. In seguito a sommosse popolari, il governo imperiale cadde il 1° gennaio 1912 e venne proclamata la Repubblica. Ben presto le forze reazionarie si imposero, consegnando il potere ai signori della guerra, governatori militari delle province, facendo precipitare la Cina nellanarchia e nella guerra civile.

9 La modernizzazione del Giappone Le potenze imperialistiche tentarono di aggredire anche il Giappone, ma la reazione di quel paese fu del tutto diversa da quella della Cina e ne determinò la salvezza. Neanche il Giappone aveva contatti con la civiltà occidentale: organizzato secondo schemi feudali, era un impero cappeggiato dal mikado anche se il potere politico era esercitato dallo shogun, un dittatore militare la cui carica era ereditaria. A metà del XIX secolo la rigidezza di questo secolo incominciava a vacillare per la protesta dei gruppi sociali più avanzati e per le numerose rivolte dei contadini. La crisi fu accelerata dallo scontro con lespansionismo delle potenze industriali. Gli Americani con due navi forzarono un porto giapponese (1853). Il governo fu costretto a cedere, aprendo i porti anche alle altre potenze occidentali. Il risentimento contro linvasione straniera, che si sommava allodio tra classi sociali, provocò una guerra civile, conclusa nel 1867 con la fine del potere feudale dello shogun e il recupero dellautorità imperiale. Per evitare la sorte della Cina, il giovane imperatore Mitsuhito diede inizio allera Meiji (illuminata) con una serie di riforme che si tradussero nella modernizzazione: abolizione delle classi sociali; centralizzazioni delle strutture statali; introduzione di un sistema fiscale; creazione di un esercito; La modernizzazione agì soprattutto sul piano politico ed economico. In pochi anni il Giappone fu in grado non solo di difendersi dalle mire delle grandi potenze imperialistiche, ma di competere con esse: vinta la guerra contro la Cina, dieci anni dopo attaccò la Russia per il possesso della Manciuria. Il conflitto russo-giapponese ( ) si concluse con la schiacciante vittoria del Giappone, che si assicurò il dominio della Manciuria e il protettorato sulla Corea, provocando da parte russa laccesa volontà di rivalersi. Per la prima volta un grande paese europeo veniva sconfitto da una nazione extraeuropea: una nuova potenza entrava sulla scena politica mondiale.

10 Gli Stati Uniti a fine 800 Alla fine dellOttocento negli Stati Uniti si verificò un salissero in vetta alla classifica dei paesi più industrializzati del mondo. Il fortunato intreccio tra lo sfruttamento dei giacimenti e luso dei minerali nellindustria, tra lo sviluppo della scienza e le applicazioni tecnologiche, determinò una concentrazione di ricchezza. A ciò contribuì anche il successo di produzione agricola, dovuto allintroduzione sia dinnovazioni tecniche, sia di moderni macchinari. I contadini però non si arricchirono: anzi, ai milionari che incominciavano a costituire una delle leggende americane, si contrapponevano le masse di contadini e operai poveri, le cui associazioni sindacali, nonostante le lotte, non riuscivano a incidere sulla politica sociale del governo. Lo slancio economico produsse una conseguenza inevitabile: lespansione degli USA allestero sul piano territoriale e su quello economico. I gruppi industriali e finanziari incominciarono a premere sul governo perché il paese uscisse dal suo tradizionale isolamento ala ricerca di nuovi, grandi mercati.

11 La politica aggressiva degli USA La politica espansionistica degli USA aveva due direttrici: il Pacifico e lAmerica centro-meridionale. Con il Giappone, gli americani avevano avviato una strategia di controllo sul Pacifico che consolidarono imponendo i loro protettorato sulle isole Hawaii. Quindi conquistarono le Filippine, strappandole alla Spagna con una breve guerra vittoriosa, che permise loro di ottenere anche il protettorato su Cuba, altra colonia spagnola. NellAmerica latina fu messo in pratica un principio enunciato dal presidente degli Stati Uniti Monroe durante la lotta per lindipendenza delle colonie spagnole: LAmerica agli americani, con cui intendeva affermare che gli USA non avrebbero tollerato nessun intervento di potenze europee nel continente americano. Mezzo secolo dopo, la formula fu volutamente fraintesa dal presidente Roosevelt, che sosteneva il diritto degli USA a intervenire in qualunque parte del continente. Su questa base, approfittando dellinstabilità politica, dellarretratezza economica e della debolezza militare degli stati centro-americani, il governo statunitense non stentò a imporre la propria egemonia, attraverso forti investimenti e pesanti interventi politici e militari. Gli Stati Uniti miravano soprattutto al Messico, dove erano stati scoperti giacimenti di petrolio. Alla fine dellOttocento, gli americani conclusero definitivamente la conquista dellOvest, che era stata rallentata dalle cosiddette guerre indiane. La prima ( ) fu scatenata dal governo statunitense dopo la guerra di Secessione con il falso pretesto che i Pellerossa avevano appoggiato i Sudisti. Le successive furono scandite dai massacri operati dai bianchi, che solo così riuscirono ad annientare le tribù indiane: lultima ad arrendersi fu quella degli Apache, guidati dal leggendario eroe Geronimo. Chiusi nelle riserve o incarcerati, non furono pochi i Pellirosse che reagirono con il suicidio alla perdita delle libertà.


Scaricare ppt "LImperialismo. Che cosè lImperialismo Fin dallantichità gruppi di persone si spostavano per conquistare nuovi territori: le colonie. Le colonie possono."

Presentazioni simili


Annunci Google