La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Corso di Laurea Interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale Anno accademico 2004/2005 Modi e strategie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Corso di Laurea Interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale Anno accademico 2004/2005 Modi e strategie."— Transcript della presentazione:

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Corso di Laurea Interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale Anno accademico 2004/2005 Modi e strategie della comunicazione: differenze tra uomini e donne Relatore: Chiar.ma Prof.ssa M. Inglisa Correlatore: Chiar.mo Prof. A. Cavalli di Giulia Picollo

2 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 2 INTRODUZIONE LUOMO NON PUO NON COMUNICARE PAUL WATZLAWICK: …lintero comportamento in una situazione di interazione ha valore di messaggio, vale a dire è comunicazione…

3 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 3 INTRODUZIONE OBIETTIVO DELLA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE COMPRENDERE IL SIGNIFICATO DEL MESSAGGIO E FONDAMENTALE CONOSCERE IL MODO DI COMUNICARE DELLALTRO

4 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 4 INTRODUZIONE SCOPO DELLA TESI: Illustrare le principali differenze tra uomini e donne nella comunicazione. DIFFERENZE DI GENERE

5 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 5 CHE COSA SI INTENDE PER GENERE ? CHIARA SARACENO: …linsieme dei processi, adattamenti, modalità di comportamento e di rapporti, con i quali ogni società trasforma la sessualità biologica in prodotti dellattività umana e organizza la divisione dei compiti tra gli uomini e le donne, differenziandoli luno dallaltro… COMUNICAZIONE TRA UOMINI E DONNE COMUNICAZIONE INTRACULTURALE

6 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 6 DEBORAH TANNEN DONNA: DUE STUTTURE MENTALI DIVERSE COOPERAZIONE LEGAME UOMO: GERARCHIA STATUS

7 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 7 CONSEGUENZE SU : COMUNICAZIONE VERBALE: - Diverse intenzioni di comunicazione - Quantità - Stili di comunicazione COMUNICAZIONE NON VERBALE: - Livello di attenzione delle donne - Espressioni del volto e tono di voce - Movimenti del corpo, postura e distanza

8 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 8 QUANTITA STEREOTIPO DELLA DONNA CHE PARLA TANTO DONNA: PAROLE TRA VOCABOLI, SUONI E GESTI UOMO: SOLO UNITA COMUNICAZIONE COME INDICE DELLA QUALITA DEL RAPPORTO PORTATO ALLA RIFLESSIONE E AL SILENZIO

9 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 9 STILI DI COMUNICAZIONE NEI CONFRONTI DI UN PROBLEMA: DONNA: Portata per la comprensione, riporta un episodio analogo UOMO: Rivolto allazione, offre consigli pratici

10 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 10 STILI DI COMUNICAZIONE DONNA: Conduce la conversazione come privata NELLE CONVERSAZIONI PUBBLICHE UOMO: Maggiormente a suo agio rispetto alla conversazione intima

11 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 11 STILI DI COMUNICAZIONE DONNA: - Accusata di essere indiretta Utilizza il significato astratto delle parole ed evita il conflitto UOMO: - E direttoSignificato preciso dei termini - Ricorre ai suoni di ascolto Si per esprimere partecipazione - Ricorre ai suoni di ascolto Si per esprimere consenso

12 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 12 STILI DI COMUNICAZIONE IL CASO DELLE INTERRUZIONI DONNA: SIGNIFICATO POSITIVO Interrompe per dimostrare la sua conoscenza dei pensieri dellaltro UOMO: SIGNIFICATO NEGATIVO Interrompe per prendere il controllo della conversazione

13 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 13 COMUNICAZIONE NON VERBALE Sono soprattutto le donne ad essere attente alla CNV: - Nel cogliere nellaltro laspetto non verbale - Nellutilizzare il linguaggio del corpo IMPORTANZA DELLA CNV Allan e Barbara Pease: 60-80% SEGNALI NON VERBALI 20-30% SUONI VOCALI 7-10% PAROLE

14 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 14 ESPRESSIONI DEL VOLTO DONNA: La donna utilizza sei espressioni di ascolto in un lasso di tempo di 10 secondi UOMO: Quasi non modifica la propria espressione Meccanismo per mantenere il proprio status

15 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 15 ESPRESSIONI DEL VOLTO DONNA: - Sorride maggiormente UOMO: - In generale dipende dal carattere - Guarda negli occhi linterlocutore - Gira lo sguardo altrove Per mostrare partecipazione Per evitare lo scontro

16 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 16 TONO DI VOCE DONNA: Suoni acuti e utilizzo di 5 tonalità di voce Per attirare lattenzione e esprimere le emozioni UOMO: Voce bassa e profonda, Caratterizzata da 3 tonalità Esprime poco le proprie emozioni attraverso la voce

17 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 17 CONTATTO FISICO E soprattutto la donna ad avere un contatto fisico con linterlocutore RUOLO DELLA MADRE La società considera il contatto da parte delluomo inaccettabile

18 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 18 POSIZIONE DEL CORPO DONNA: Gruppo di sole donne - POSIZIONE RILASSATA Gruppo misto - POSIZIONE COMPOSTA - PIU VICINE ALLINTELOCUTORE - RISPETTANO LO SPAZIO MASCHILE UOMO: Gruppo di soli uominiGruppo misto NESSUNA DIFFERENZA

19 24/10/2005COMUNICAZIONE INTERCULTURALE E MULTIMEDIALE - Giulia Picollo 19 CONCLUSIONI ESITONO ANCHE DIFFERENZE INDIVIDUALI MA LESISTENZA DI DIFFERENZE DI GENERE E INNEGABILE QUINDI PER UNA COMUNICAZIONE EFFICACE BISOGNA CONOSCERE E ACCETTARE TALI DIFFERENZE


Scaricare ppt "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Corso di Laurea Interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale Anno accademico 2004/2005 Modi e strategie."

Presentazioni simili


Annunci Google