La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SPISAL PROVINCIA DI VERONA ULSS 20 – 21 – 22 INAIL INPS DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO INCONTRO D. LGS. 276/2003 LAVORO SOMMINISTRATO 18 APRILE 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SPISAL PROVINCIA DI VERONA ULSS 20 – 21 – 22 INAIL INPS DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO INCONTRO D. LGS. 276/2003 LAVORO SOMMINISTRATO 18 APRILE 2007."— Transcript della presentazione:

1 SPISAL PROVINCIA DI VERONA ULSS 20 – 21 – 22 INAIL INPS DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO INCONTRO D. LGS. 276/2003 LAVORO SOMMINISTRATO 18 APRILE 2007 ORE 16 CAMERA DI COMMERCIO

2 LAVORO SOMMINISTRATO Manuela Peruzzi spisal ulss20 di Verona OBIETTIVI fornire uno strumento per facilitare lapplicazione della normativa alle imprese delineare unazione uniforme di vigilanza degli SPISAL in questa tipologia di lavoro fare chiarezza sullapplicazione delle tutele.

3

4

5 Crescente espansione dei rapporti di lavoro atipici e in particolare di lavoro somministrato. Una tipologia contrattuale che ha portato profonde trasformazioni del mercato del lavoro. Orientata al contrasto del lavoro irregolare e sommerso con lobiettivo di costruire un mercato del lavoro aperto e trasparente. Di fatto ha introdotto situazioni di complessità e di criticità di tutele derivanti dalladattamento delle norme prevenzionistiche preesistenti concepite a tutelare un modello di rapporto unico tra datore di lavoro e lavoratore, di luogo, di mansione e di riferimenti. Ricerche anche a livello Europeo della Fondazione Europea di Dublino in 15 paesi dellU.E. mettono in luce condizioni di lavoro di salute e di sicurezza inferiori rispetto alle forme di lavoro tradizionale.

6 ITALIA Il lavoro atipico coinvolge lavoratori, di cui: collaborazioni a progetto lavoratori somministrati (40gg. La durata media del contratto) prestatori dopera occasionale ………. altri 18% extracomunitari. VENETO - I lavoratori atipici sono , 2% del totale dei lavoratori – 2002 Infortuni nel 2005 con un calo del 6% rispetto il 2004

7 Un fenomeno infortunistico in calo con un indice di frequenza che si sta allineando a quello dei comparti a rischio edilizia 54 legno 50 metallurgia 47 Sono presenti difficoltà interpretative come frequenza e gravità, in quanto le prognosi possono essere tagliate alla scadenza del contratto.

8 Precarietà e provvisorietà delloccupazione Durata breve del rapporto di lavoro Occupazione prevalente in settori più a rischio quali: metalmeccanico, ledilizia, lagricoltura Svolgimento di mansioni a bassa qualifica professionale Rilevante presenza di immigrati con problemi di inserimento difficoltà di integrazione nel sistema di organizzazione della sicurezza aziendale Quali le cause di rischio?

9 Manodopera con basso profilo scolastico Lavoratori con ridotte esperienze lavorative Minori opportunità di formazione Livelli inferiori di formazione difficoltà di integrazione nel sistema di organizzazione della sicurezza aziendale Quali le cause di rischio?

10 Contengono: a)unanalisi e valutazione critica di natura giuridica sugli aspetti applicativi delle forme di tutela della salute del lavoro somministrato e del lavoro a progetto b)una sintesi degli adempimenti dei soggetti aziendali c)un indirizzo per lapplicazione degli obblighi della informazione, formazione, sorveglianza sanitaria del lavoratore e le modalità di registrazione degli infortuni LINEE GUIDA SUL LAVORO SOMMINISTRATO Gruppo di lavoro regionale dei Servizi di prevenzione delle ULSS con la consulenza del Dipartimento Diritto Privato della facoltà di Giurisprudenza dellUniversità di Padova

11 AGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO IMPRESA UTILIZZATRICE LAVORATORE RAPPORTO DI LAVORO TRILATERALE definizione molto chiara della ripartizione delle competenze tra agenzia di somministrazione ed impresa e comunicazione completa al lavoratore.

12 Due posizioni contrattuali distinte: Contratto di somministrazione di lavoro tra soggetto somministratore (agenzia) e soggetto utilizzatore (impresa) Contratto di somministrazione di lavoro subordinato tra soggetto somministratore (agenzia) e lavoratore.

13 Contratto in forma scritta Contiene: Numero di lavoratori da somministrare Data di inizio e durata del contratto Luogo ed orario di lavoro Mansioni alle quali sarà adibito il lavoratore Rischi per lintegrità e la salute del lavoratore Misure di prevenzione adottate CONTRATTO TRA AGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE E IMPRESA UTILIZZATRICE

14 Contratto in forma scritta allinvio presso limpresa utilizzatrice Contiene tutte le informazioni presenti nel contratto con lutilizzatore ed inoltre una chiara precisazione se linformazione, la formazione e laddestramento vengono effettuati dallimpresa utilizzatrice. CONTRATTO TRA AGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE E LAVORATORE In mancanza di questi elementi il contratto è nullo ed il lavoratore è considerato a tutti gli effetti alle dipendenze dellutilizzatore

15 AGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE Obbligo di valutazione dei rischi VALUTAZIONE DEI RISCHI IMPRESA UTILIZZATRICE Obbligo di valutazione dei rischi, compresi i rischi supplementari Il lavoratore somministrato è computato nellorganico solo per gli aspetti di igiene e sicurezza del lavoro

16 AGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE Rischi connessi alle attività produttive in generale INFORMAZIONE E FORMAZIONE IMPRESA UTILIZZATRICE Rischi connessi allattività dellimpresa Rischi specifici relativi alla mansione del lavoratore LAVORATORE

17 Impianto normativo D.Lgs. 626/94 con aspetti generali di prevenzione, organizzazione della sicurezza, figure presenti, valutazione dei rischi, pronto soccorso ed emergenza, obblighi e responsabilità. Rischi per la sicurezza con riferimento allepidemiologia degli infortuni nazionale e locale Rischi per la salute con abbinamento tra gli aspetti normativi e tossicologici (vie di assorbimento, effetti acuti e cronici, …) Uso dei DPI e misure di sicurezza collettive adottate nellambiente di lavoro in cui è inserito il lavoratore. CONTENUTI DELLINFORMAZIONE DA PARTE DELLAGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE Può esser fatto dallutilizzatore ma questa eventualità deve essere prevista nel contratto.

18 Specifico comparto produttivo Mansione Rischi specifici Pericoli connessi allimpiego di prodotti Misure di prevenzione in relazione ai compiti lavorativi assegnati Sorveglianza sanitaria RSPP e figure della prevenzione Procedure di pronto soccorso Piano di emergenza e antincendio Lavoratori incaricati dellemergenza e P.S. CONTENUTI DELLINFORMAZIONE DA PARTE DELLIMPRESA UTILIZZATRICE In forma VERBALE confermata da materiale SCRITTO in lingua comprensibile

19 Formazione ed addestramento di tipo professionale su: mansione per la quale sarà occupato compiti previsti uso in sicurezza di impianti e dellattrezzatura di lavoro uso di dispositivi di protezione collettiva ed individuale Addestramento sulle misure di emergenza e pronto soccorso Non necessariamente di una specifica attrezzatura presente nellorganizzazione dellimpresa utilizzatrice. Es. addestramento su un tornio standard CONTENUTI DELLA FORMAZIONE DA PARTE DELLAGENZIA DI SOMMINISTRAZIONE Può esser fatto dallutilizzatore ma questa eventualità deve essere prevista nel contratto.

20 Limpresa utilizzatrice ha tutti gli obblighi di tutela previsti dallart. 3 e di formazione previsti dallart. 22 del D.Lgs. 626/94. La formazione ed addestramento deve avvenire al momento di: Inserimento al lavoro Trasferimento Cambiamento di mansione Introduzione di nuove attrezzature di lavoro, nuove tecnologie, nuove sostanze o preparati pericolosi Laddestramento e la vigilanza viene effettuata con laffiancamento di un tutor propria mansione: macchina, attrezzatura specifica, prodotti proprio posto di lavoro uso in sicurezza di impianti e dellattrezzatura di lavoro (libretto duso e manutenzione, schede di sicurezza….) uso di dispositivi di protezione collettiva ed individuale Addestramento sulle misure di emergenza e di pronto soccorso (valutazione dei rischi, piano di emergenza….) CONTENUTI DELLA FORMAZIONE DA PARTE DELLIMPRESA UTILIZZATRICE

21 Lattività formativa deve essere registrata sul libretto formativo del cittadino

22 SORVEGLIANZA SANITARIA CARTELLA SANITARIA IMPRESA UTILIZZATRICE LAVORATORE È a cura dellimpresa utilizzatrice SOGGETTO SOMMINISTRATORE Tenuta delloriginale Invio copia

23 INFORTUNIO OBBLIGO DI ASSICURAZIONE IMPRESA UTILIZZATRICE REGISTRO INFORTUNI SOGGETTO SOMMINISTRATORE Comunicazione scritta SOGGETTO SOMMINISTRATORE DENUNCIA INAIL

24 Controllo del sistema di gestione della sicurezza delle agenzie di somministrazione Valutazione dei contratti di somministrazione Verifica dellapplicazione degli obblighi di sicurezza nelle imprese utilizzatrici anche degli aspetti di competenza della agenzia di somministrazione Indagini sugli infortuni gravi e mortali con verifica delle responsabilità di entrambi i datori di lavoro Indagini per malattia professionale con verifica della documentazione sanitaria in grado di documentare lepoca di insorgenza e di aggravamento. VIGILANZA DEL LAVORO SOMMINISTRATO

25 Valutazione delle condizioni di lavoro-rischi da parte dellagenzia di somministrazione Contratti di lavoro completi e chiari negli aspetti di tutela della salute Rafforzamento della formazione Percorsi diversificati di formazione ed addestramento professionale Percorsi di professionalizzazione Sorveglianza sanitaria. IMPEGNI DI PREVENZIONE


Scaricare ppt "SPISAL PROVINCIA DI VERONA ULSS 20 – 21 – 22 INAIL INPS DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO INCONTRO D. LGS. 276/2003 LAVORO SOMMINISTRATO 18 APRILE 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google