La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VERONAFIERE 3 OTTOBRE 2008 INFORTUNI SUL LAVORO NEL COMPARTO LAPIDEI PRINCIPALI DINAMICHE DI ACCADIMENTO Dr. Mario Gobbi SPISAL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VERONAFIERE 3 OTTOBRE 2008 INFORTUNI SUL LAVORO NEL COMPARTO LAPIDEI PRINCIPALI DINAMICHE DI ACCADIMENTO Dr. Mario Gobbi SPISAL."— Transcript della presentazione:

1 VERONAFIERE 3 OTTOBRE 2008 INFORTUNI SUL LAVORO NEL COMPARTO LAPIDEI PRINCIPALI DINAMICHE DI ACCADIMENTO Dr. Mario Gobbi SPISAL ULSS 20 Verona

2 VERONAFIERE 3 OTTOBRE 2008 INFORTUNI SUL LAVORO NEL COMPARTO LAPIDEI PRINCIPALI DINAMICHE DI ACCADIMENTO Hanno collaborato: Massimo Bonfanti e Remo Bertani (SPISAL ULSS 20) Roberto Salvagno (SPISAL ULSS 22) Laura Gaburro (SPISAL ULSS 21)

3 INFORTUNI NEL SETTORE IN PROVINCIA DI VERONA (DATI INAIL*) N° ADDETTI NEL 2002 = 8079 N° DITTE NEL 2002 = 1189 INCIDENZA = 8,2% N° ADDETTI NEL 2006 = 8200 N° DITTE NEL 2006 = 1098 INCIDENZA = 7,6% INCIDENZA MEDIA = 7,9% *riferiti al settore trasformazione dei minerali non metalliferi

4 INFORTUNI NEL SETTORE IN PROVINCIA DI VERONA (DATI INAIL) ( DATI PARZIALI)

5 TIPOLOGIA DEGLI INFORTUNI FORMA 41,3% 41% 12,2% 5,5% TOTALE: 3571

6 TIPOLOGIA DEGLI INFORTUNI FORMA 38,7% 42,8% 15,7% 2,6% TOTALE: 2408 Tutti gli infortuni 2408 gravi e mortali ,3% 20,1% 6,4% 18,5%

7 TIPOLOGIA DEGLI INFORTUNI AGENTE 6,6% 24,7% 18,9% 12,9% TOTALE: 2408 Tutti gli infortuni 2408 gravi e mortali 124 6,4% 4,9% 10,2% 25,8% 12,9% 5,6% 13,7% 22,6% 8,8%

8 Nel tentativo di spostare manualmente la lastra di marmo ne provocava il rovesciamento

9 Il lavoratore rimaneva schiacciato sotto le lastre mentre cercava di trattenerle manualmente per permettere al collega di togliere un pezzo di materiale presente tra le stesse

10 Schiacciato tra lo scaricatore automatico e il pianale di scarico. I dispositivi di sicurezza (fotocellule), per impedire laccesso alla zona pericolosa, erano stati disattivati

11 Nel trasportare un pelone, appeso alle funi della gru a cavalletto unitamente al blocco, l'infortunato lo ha portato al centro dei binari, ha percorso il tragitto fino alla zona di deposito, ha fermato la gru ed ha iniziato a spostarlo lateralmente. Improvvisamente un pezzo di pelone si è rotto colpendolo alla schiena e sulla testa.

12 Il lavoratore si è posizionato in mezzo al pacco di lastre per aprirle con un leverino e queste richiudendosi lo hanno schiacciato

13 Nel sollevare un pacco di lastre con la gru a cavalletto, una parte delle lastre si rompeva investendo il lavoratore

14 Nel caricare il secondo legaccio, il primo si ribaltava schiacciando il lavoratore

15 Dobbiamo incidere in maniera significativa sul fenomeno infortunistico e sugli altri indicatori di salute Per il raggiungimento di tali obiettivi è assolutamente necessario il coinvolgimento delle aziende e delle parti sociali per individuare soluzioni condivise

16 LA STRATEGIA DI PREVENZIONE 1.VIGILANZA SULLORGANIZZAZIONE AZIENDALE della prevenzione: sul SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA (SGS) 2.Vigilanza tecnica ma in collaborazione con altri enti (DPL, INPS, INAIL): OPERAZIONE CANTIERI SICURI 3.VIGILANZA TECNICA E GESTIONALE SUL SGS NELLE AZIENDE CON MAGGIOR RISCHIO DI INFORTUNIO: edilizia, metalmeccanica, agricoltura, legno, lapidei 4.VIGILANZA SU EVENTO: infortunio, malattia professionale, segnalazione, richiesta di intervento 5.PROMOZIONE DELLA SALUTE PER LO SVILUPPO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO E DI STILI DI VITA SALUBRI: fumo, alcol e dipendenze Dalla sola vigilanza tecnica a:

17 SPISAL: LA STRATEGIA DI PREVENZIONE VIGILANZA VIGILANZA SUL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Grandi aziende pubbliche e private con elevato numero di infortuni SUGLI ASPETTI TECNICI DI SICUREZZA E DI IGIENE CantieriAgricoltura Aziende che permangono ad elevato rischio di infortunio

18 PERCHE UNA VIGILANZA SUL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Lo stesso decreto 81/2008 prevede ladozione di un sistema di gestione della sicurezza Lo stesso decreto 81/2008 prevede ladozione di un sistema di gestione della sicurezza VALUTAZIONE DEI RISCHI (art. 28 e seg.) …. unorganizzazione in cui sono definite: RESPONSABILITÀCOMPETENZEFUNZIONIAZIONI Con obblighi per il datore di lavoro di tipo: TECNICO, METODOLOGICO, ORGANIZZATIVO, PROGRAMMATORIO TECNICO, METODOLOGICO, ORGANIZZATIVO, PROGRAMMATORIO Necessità per lazienda di un sistema di governo della sicurezza

19 Partners del progetto : Apindustria Verona, Associazione Artigiani Riuniti, CCIAA di Verona, CGIL, CISL, UIL, CNA, Comune di Verona, Confindustria Verona, INAIL, Provincia di Verona, SPISAL ULSS 20, 21, 22, UPA. LA CONDIVISIONE CON LE PARTI SOCIALI PROGETTO VERONA AZIENDE SICURE SVILUPPO DI BUONE PRATICHE

20 Verona, marzo 2007 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI APPALTI DELLE OPERE E DELLA MANUTENZIONE IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FORMAZIONE E INFORMAZIONE IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO METODOLOGIA UTILIZZATA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE LINEE GUIDA INTRODUZIONE PREMESSA LINEE GUIDA SUL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO LINEE GUIDA SUL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO 1. POLITICA ED ORGANIZZAZIONE 2. INFORTUNI ED INCIDENTI 3. APPALTI E MANUTENZIONE 4. FORMAZIONE E INFORMAZIONE LE LINEE LINEE GUIDA GUIDA LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEGLI INFORTUNI ED INCIDENTI IN UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO LINEE PER LA POLITICA E LORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO

21 Come scaricare le linee guida Da alla sezione Progetti

22 Come scaricare le linee guida O dal dal portale:

23 Linea guida nr. 1: per la politica e lorganizzazione di un sistema di gestione … Documento molto articolato che descrive gli elementi del Sistema di Gestione della Sicurezza Ha i seguenti contenuti: –Responsabilità soggettive e responsabilità dimpresa –La politica per la sicurezza e la salute del lavoro –Lorganizzazione per la sicurezza e la salute Soggetti del sistema di prevenzione e protezione Deleghe di funzione in tema di sicurezza (criteri e requisiti) Squadre speciali (pronto soccorso ed emergenza) Sorveglianza sanitaria Infortuni Informazione, formazione, addestramento, comunicazione Documentazioni del sistema di gestione della sicurezza Verifiche e valutazioni efficacia del sistema

24 Linea guida nr. 2: per la gestione degli infortuni ed incidenti … Documento snello che propone procedure semplificate (checklist) da utilizzare per la prevenzione e gestione degli infortuni Ha i seguenti contenuti: Procedura per la gestione degli infortuni Procedura per la gestione dei comportamenti imprudenti e pericolosi Procedura per la gestione degli incidenti Procedura per lanalisi dei dati relativi agli infortuni

25 Linea guida nr. 3: per la gestione degli appalti, delle opere e delle manutenzioni … (1) Documento articolato che descrive le attività per una corretta gestione degli appalti delle opere e manutenzioni. Ha i seguenti contenuti: Valutazione dei fornitori Appalti nel settore privato cantieri mobili o temporanei, appalti e prestazioni dopera (nuovi obblighi aggiuntivi: DUVRI) sequenze operative di appalto Acquisto e nolo di macchinari, impianti e attrezzature acquisto (nuovo e usato) e nolo di macchinari, impianti e attrezzature, marcature CE, comodati duso e dimpiego a titolo gratuito obbligo di informazione istruzione

26 Linea guida nr. 3: per la gestione degli appalti, delle opere e delle manutenzioni … (2) Manutenzione degli impianti, delle macchine e delle strutture verifiche periodiche di natura tecnica e legale (collaudo macchine, piano di manutenzioni e scadenziario). Ordine e pulizia nei luoghi di lavoro e loro conformità normativa Dispositivi di protezione individuale obblighi di fornitura criteri di scelta e responsabilità informazione, formazione e addestramento obbligo di utilizzo

27 Linea guida nr. 4: per la gestione della formazione e dellinformazione … (1) Informazione/formazione/comunicazione (aspetti generali) Momenti Formativi –riunioni, visita aziendale, riunioni periodiche di prevenzione e protezione, riunioni coordinamento tra responsabili (SPP, dirigenti, preposti), riunioni RLS/RSPP/Medico competente Formazione/addestramento –progettazione piano formativo –registrazione formazione –verifica apprendimento e conclusione percorso formativo

28 Linea guida nr. 4: per la gestione della formazione e dellinformazione … (2) Tipi di formazione di base, alla mansione, per variazione mansione, per introduzione nuovi macchinari, impianti, processi, sostanze Aggiornamento Formazione per dirigenti e preposti Formazioni obbligatorie (RLS, squadre addetti primo soccorso, lotta incendi, evacuazione, RSPP, ASPP)

29 Prossime attività Adeguare le linee guida al D.Lgs 81/08 entro ottobre 2008 Linee guida per lattività del Medico competente e la Sorveglianza Sanitaria Adeguare la checklist di valutazione per lapplicazione di un SGSSL Definire le modalità per favorire l implementazione di un sistema di gestione per la sicurezza anche con laiuto di manager di aziende che hanno già fatto questa esperienza e ne hanno colto limportanza strategica Valutare la creazione di un database per raccolta dati su infortuni, mancati infortuni, indagini, ecc., con lo scopo di diffondere dati utili a prevenire infortuni ed incidenti Organizzazione incontro con le aziende per presentare le linee guida aggiornate al D.Lgs 81/01 e identificare nuovi temi per attività future

30 VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Viene richiesto Organigramma e struttura organizzativaOrganigramma e struttura organizzativa Definizione deleghe, poteri, responsabilità, ruoli e compiti inDefinizione deleghe, poteri, responsabilità, ruoli e compiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro, per ogni figura aziendale: Dirigenti, Preposti Dirigenti, Preposti Lavoratori Lavoratori Incarichi specifici Incarichi specifici Medico competente Medico competente Modalità di coordinamento, collaborazione e coinvolgimento delleModalità di coordinamento, collaborazione e coinvolgimento dellefigure Flusso informativo a tutti i livelliFlusso informativo a tutti i livelli Coinvolgimento degli RLSCoinvolgimento degli RLS

31 INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI INFORMAZIONE-FORMAZIONE MANUTENZIONE CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEGLI RLS E DEI LAVORATORI SORVEGLIANZA SANITARIA APPALTI VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE VALUTAZIONE ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

32 GESTIONE INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI Registro infortuni e analisi dellandamento fenomeno infortunistico negli anni – malattie professionali denunciate Cause Dinamiche Azioni correttive Macchine Ambiente Comportamenti Rischi per la salute Analisi degli eventi e degli infortuni mancati Verifica efficacia

33 GESTIONE INFORMAZIONE-FORMAZIONE Il programma di informazione-formazione è sviluppato in funzione dei rischi generali e dei rischi specifici dellazienda in occasione di Assunzione Trasferimento o cambio mansione Introduzione attrezzature, nuove tecnologie, nuovi prodotti

34 Linformazione-formazione è rivolta a tutti i lavoratori compresi i gruppi particolari GESTIONE INFORMAZIONE-FORMAZIONE E ripetuta, sostenuta, verificata? neoassunti minori disabili stranieri lavoratrici madri valutazione apprendimento verifica efficacia formazione Sono definiti i criteri per

35 GESTIONE MANUTENZIONE Programma di manutenzione Macchine, impianti attrezzature, strutture Dispositivi di sicurezza, antincendio, emergenze Dispositivi di protezione individuali Deve prevedere le attività di controllo, manutenzione e verifica ordinarie, straordinarie e in emergenza

36 CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEGLI RLS E DEI LAVORATORI Conoscenze, impegno, esperienza dei lavoratori Risorsa fondamentale dellazienda Incoraggiare la partecipazione dei lavoratori al processo di sicurezza aziendale Ricercare il consenso dei lavoratori

37 Partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza nelle attività di prevenzione e protezione Disponibilità di tempo e mezzi Accesso ai luoghi di lavoro Consultazione preventiva su valutazione dei rischi e attività di prevenzione Consultazione su organizzazione della formazione Partecipazione alla riunione periodica e alle attività di prevenzione


Scaricare ppt "VERONAFIERE 3 OTTOBRE 2008 INFORTUNI SUL LAVORO NEL COMPARTO LAPIDEI PRINCIPALI DINAMICHE DI ACCADIMENTO Dr. Mario Gobbi SPISAL."

Presentazioni simili


Annunci Google